Il Paese “vola basso”

I Tg di mercoledì 26 aprile –Le aperture dei Tg di serata si dividono tra l’appello di Mattarella per la legge elettorale (Tg1, Tg3 e tgLa7) e le dichiarazioni di Gentiloni sul destino di Alitalia, primo titolo per tutti gli altri. Tg2 registra che si andrà in aula per la legge elettorale dopo l’8 di maggio. Ma la notizia del giorno è senz’altro l’Alitalia. Calenda interviene su Tg5, Del Rio su Tg1. Su Tg3 e soprattutto su Tg2 la reazione dei sindacati, che ammettono la “loro” sconfitta nel referendum, e parlano di una crisi di rappresentanza che attraversa anche loro.

Il countdown delle Primarie del Pd è presente nei Tg delle 20, con Tg5 che intervista Emiliano.

L’arresto di Vannoni è molto alto su Mediaset, con copertina su Tg5. Sia Tg3 che Tg4 intervistano ex pazienti che confermano il raggiro di cure costose e totalmente infruttuose. Vale la pena di ricordare che fino ad un paio di anni fa non era raro trovare fan della “libertà di cura” anche nel mondo dell’informazione, soprattutto su Mediaset. Tg4 sembra aver dimenticato, e dedica la seconda parte dell’edizione a trattare degli stregoni ancora attivi in Italia. Mentana ricorda che questo arresto è in parte frutto di una inchiesta della sua testate di qualche mese fa, che già aveva costretto Vannoni ad “abbandonare” la ridotta di Tiblisi, dove si era rifugiato per continuare a far soldi e a illudere decine e decine di italiani colpiti da devastanti malattie neuro vegetative. La stella di Stamani oramai è nella polvere, ma non grazie alla serietà del mondo dell’informazione, ma all’azione del mondo scientifico e della Magistratura.

La libertà di stampa in Italia, secondo Reporter senza frontiere, migliora e il Paese scala 25 posizioni. Presente su tutti, soprattutto per la polemica su Grillo “chiamato in causa” come elemento che ha tentato di limitarla. Ci è piaciuto molto TgLa7 che ha attaccato M5s per aver sovraesposto il dato dell’anno precedente che ci vedeva oltre il 70° posto, per poi prendersela con Reporter che oggi lo critica espressamente per i suoi attacchi, “nome e cogmome” ai giornalisti scomodi.

Per gli esteri, su Mediaset fin dai titoli il clamoroso taglio di tasse annunciato da Trump, mentre su Tg1 e Tg2 c’è spazio per il “contrordine” sul muro con il Messico, che non si farà per mancanza di fondi. Ma non dovevano pagarlo i messicani?

Tg1 riprende l’emergenza umanitaria e la quasi-guerra civile in Venezuela. Tg2 le ulteriori migliaia di arresti in Turchia contro i nemici di Erdogan . Solo i Tg Rai riprendono il parziale chiarimento di Frontex sul traffico di migranti che hanno dato la stura a un Di Maio “a caccia di voti” per denigrare le ong. Il ballottaggio per le presidenziali francese inquadra il destino di Macron e Le Pen in visita a Amiens, città colpita dalla deindustrializzazione: operai che abbracciamo la leader del Fronte Nazionale e fischiano il vincitore del primo turno.

Tg3 tiene alto l’incidente ferroviario vicino al Brennero che ha causato 3 vittime, ricollegandolo alla piaga delle morti sul lavoro.

Chiudiamo segnalando l’attenzione di Tg2 ai dati Istat sulle prospettive (scarse) demografiche del Paese e, insieme a TgLa7, sugli sconfortanti dati forniti da Eurostat che ci vedono quasi fanalino di coda in quanto a numero di laureati (dopo di noi solo la Romania). Un primato al contrario che spiega molte cose, tra le tante che non vanno. Anche sull’istruzione l’Italia “vola basso”.

Alberto Baldazzi

Ultime notizie
Istruzione

La conoscenza è il più grande fattore moltiplicatore di sviluppo e di salvaguardia della democrazia. La riflessione di Antonio Uricchio, Presidente dell’Anvur

Il sistema educativo deve interpretare i cambiamenti e dare risposte Molto spesso vengono individuati gli asset i driver dello sviluppo e si tende...
di Antonio Uricchio
zes unica
Infrastrutture

La Zes Unica ha senso solo con una rete infrastrutturale a supporto. L’intervento di Marco Rettighieri, Presidente di Webuild Italia

Parlare di Zes Unica del Mediterraneo ha senso solo se si affronta il discorso delle reti infrastrutturali italiane, ad oggi carenti nello smerciare i container in arrivo nei porti, che tardano anche 15 giorni prima di arrivare a destinazione. La riflessione di Marco Rettighieri.
di MARCO RETTIGHIERI*
zes unica
mediterraneo
Italia

Zes Unica del Mediterraneo, rivalutare il potere del mare

Con la Zes Unica del Mediterraneo l’Italia deve aspirare al recupero di un maggior peso e centralità nell’area, che da troppo tempo è fuori dall’agenda politica nazionale. Il Mediterraneo deve diventare un obiettivo principale, in grado di superare anche la questione del Mezzogiorno.
di Salvatore Napolitano*
mediterraneo
dop
Made in Italy

DOP Economy 4.0, la tecnologia al servizio della tracciabilità

Il mercato delle IG vale in Europa 74,8 miliardi di euro, e un prodotto IG su quattro è italiano. Per valorizzare questa ricchezza bisogna puntare su un futuro tecnologico per i marchi DOP e IG, prodotti di punta del Made in Italy, e a una Agricoltura 4.0 basata su trasparenza e tracciabilità.
di chiara bartoli
dop
caselli
Recensioni

La storia d’Italia in dieci date nel libro-memoir di Gian Carlo Caselli

Gian Carlo Caselli, uno dei Pm più in vista della storia recente d’Italia, racconta il nostro Paese nel libro-memoire “Giorni memorabili che hanno cambiato l'Italia” attraverso le inchieste che lo hanno visto coinvolto da protagonista, dieci date per dieci snodi giudiziari che hanno segnato gli eventi degli ultimi decenni.
di cecilia sgherza
caselli
zes unica
Mezzogiorno

Zes Unica del Mediterraneo, una sfida per sviluppo e sicurezza dell’area

La Zes Unica del Mediterraneo è stata al centro del dibattito organizzato dall’Istituto Eurispes, che ne ha analizzato i fattori socio-economici, logistici e geopolitici. La Zes Unica diviene strategica in un contesto geopolitico di grandi cambiamenti e incertezze, come strumento utile a garantire sicurezza e sviluppo.
di redazione
zes unica
scuola italiana
Intervista

La Scuola sia baluardo di conoscenza, tolleranza e spirito critico: intervista a Paolo Pagliaro

L’istruzione in Italia è una roccaforte di valori come la conoscenza, il senso critico, la tolleranza, eppure rischia un declino simile a quello della Sanità pubblica. Sfide e opportunità per il futuro della Scuola italiana, nell’intervista a Paolo Pagliaro, Direttore agenzia giornalistica 9Colonne e autore televisivo.
di redazione
scuola italiana
isole
Osservatori

Nascita geologica e nascita giuridica delle isole: intervista a Niki Aloupi

La nascita geologica di un’isola non corrisponde necessariamente alla sua nascita giuridica: lo chiarisce ampiamente Niki Aloupi, docente di Diritto internazionale pubblico all’Università di Parigi- Panthéon-Assas, esperta di Diritto del mare, che offre una panoramica sulla situazione giuridica internazionale delle isole.
di redazione
isole
social
Società

È guerra totale contro la “trappola dei Social”

Le autorità statunitensi hanno cominciato a porsi domande sulla tutela dei minori rispetto all’utilizzo dei Social network. Un uso che, secondo una serie di studi condotti, è relazionato al peggioramento della salute mentale di adolescenti e ragazzi.
di cecilia sgherza
social
apprendimento
Istruzione

La vera inclusione scolastica è garantire buoni livelli di apprendimento per tutti

La Scuola italiana ha bisogno di una riflessione pedagogica e strutturale, e di formulare un’offerta formativa equa basata sull’apprendimento di livello per tutti. Intervista a Roberto Ricci, presidente Invalsi, che commenta i dati emersi dal Secondo Rapporto dell’Eurispes su Scuola e Università.
di Roberto Ricci*
apprendimento