Il Paese “vola basso”

I Tg di mercoledì 26 aprile –Le aperture dei Tg di serata si dividono tra l’appello di Mattarella per la legge elettorale (Tg1, Tg3 e tgLa7) e le dichiarazioni di Gentiloni sul destino di Alitalia, primo titolo per tutti gli altri. Tg2 registra che si andrà in aula per la legge elettorale dopo l’8 di maggio. Ma la notizia del giorno è senz’altro l’Alitalia. Calenda interviene su Tg5, Del Rio su Tg1. Su Tg3 e soprattutto su Tg2 la reazione dei sindacati, che ammettono la “loro” sconfitta nel referendum, e parlano di una crisi di rappresentanza che attraversa anche loro.

Il countdown delle Primarie del Pd è presente nei Tg delle 20, con Tg5 che intervista Emiliano.

L’arresto di Vannoni è molto alto su Mediaset, con copertina su Tg5. Sia Tg3 che Tg4 intervistano ex pazienti che confermano il raggiro di cure costose e totalmente infruttuose. Vale la pena di ricordare che fino ad un paio di anni fa non era raro trovare fan della “libertà di cura” anche nel mondo dell’informazione, soprattutto su Mediaset. Tg4 sembra aver dimenticato, e dedica la seconda parte dell’edizione a trattare degli stregoni ancora attivi in Italia. Mentana ricorda che questo arresto è in parte frutto di una inchiesta della sua testate di qualche mese fa, che già aveva costretto Vannoni ad “abbandonare” la ridotta di Tiblisi, dove si era rifugiato per continuare a far soldi e a illudere decine e decine di italiani colpiti da devastanti malattie neuro vegetative. La stella di Stamani oramai è nella polvere, ma non grazie alla serietà del mondo dell’informazione, ma all’azione del mondo scientifico e della Magistratura.

La libertà di stampa in Italia, secondo Reporter senza frontiere, migliora e il Paese scala 25 posizioni. Presente su tutti, soprattutto per la polemica su Grillo “chiamato in causa” come elemento che ha tentato di limitarla. Ci è piaciuto molto TgLa7 che ha attaccato M5s per aver sovraesposto il dato dell’anno precedente che ci vedeva oltre il 70° posto, per poi prendersela con Reporter che oggi lo critica espressamente per i suoi attacchi, “nome e cogmome” ai giornalisti scomodi.

Per gli esteri, su Mediaset fin dai titoli il clamoroso taglio di tasse annunciato da Trump, mentre su Tg1 e Tg2 c’è spazio per il “contrordine” sul muro con il Messico, che non si farà per mancanza di fondi. Ma non dovevano pagarlo i messicani?

Tg1 riprende l’emergenza umanitaria e la quasi-guerra civile in Venezuela. Tg2 le ulteriori migliaia di arresti in Turchia contro i nemici di Erdogan . Solo i Tg Rai riprendono il parziale chiarimento di Frontex sul traffico di migranti che hanno dato la stura a un Di Maio “a caccia di voti” per denigrare le ong. Il ballottaggio per le presidenziali francese inquadra il destino di Macron e Le Pen in visita a Amiens, città colpita dalla deindustrializzazione: operai che abbracciamo la leader del Fronte Nazionale e fischiano il vincitore del primo turno.

Tg3 tiene alto l’incidente ferroviario vicino al Brennero che ha causato 3 vittime, ricollegandolo alla piaga delle morti sul lavoro.

Chiudiamo segnalando l’attenzione di Tg2 ai dati Istat sulle prospettive (scarse) demografiche del Paese e, insieme a TgLa7, sugli sconfortanti dati forniti da Eurostat che ci vedono quasi fanalino di coda in quanto a numero di laureati (dopo di noi solo la Romania). Un primato al contrario che spiega molte cose, tra le tante che non vanno. Anche sull’istruzione l’Italia “vola basso”.

Alberto Baldazzi

Ultime notizie
pace
Attualità

Tempo di uccidere

Nella nostra cara, felice e ricca Europa, nessuno ci credeva. Ma, insomma, si chiedeva la gran massa delle persone, questi si vogliono davvero...
di Luciano Maria Teodori
pace
Laboratorio Europa
Intervista

Laboratorio Europa, alimentare il confronto su Istituzioni europee e sulla necessità di un’Europa sociale. Intervista al Prof. Umberto Triulzi

Laboratorio Europa dell’Eurispes, gli esperti si riuniscono per il primo incontro del 2023, attualmente coordinato dal Prof. Umberto Triulzi, economista, e docente di Politica economica europea, intervistato rispetto ai temi di discussione: Istituzioni europee, integrazione in ambito internazionale, Europa sociale.
di Silvia Muscas
Laboratorio Europa
complottismo
Attualità

Il dubbio e il burattinaio. Complottismo all’italiana

Cronaca e intrigo: anche per l’arresto di Matteo Messina Denaro, non sono mancati sospetti, dubbi, perplessità oltre l’accertamento dei fatti, con il risultato di offuscare il senso di una vittoria importante dello Stato contro la mafia. Il dovere di dubitare è una pratica essenziale nella società democratica, tuttavia bisogna contrastare il rischio dello scetticismo aprioristico e distruttivo.
di Angelo Perrone*
complottismo
editoria
Cultura

Editoria italiana: ricavi, geografia e nuove prospettive

L’editoria italiana ha registrato un calo del 2,8% nel 2022, ma i dati restano favorevoli rispetto al 2019. Crescono lettori e case editrici al Sud, pur restando al di sotto della media nazionale: lettori e case editrici si concentrano al Nord e al Centro, in Lazio e Lombardia ha sede il 38% delle case editrici italiane.
di Roberta Rega
editoria
bilancio energetico
Italia

Bilancio Energetico Nazionale, differenze regionali e potenzialità inespresse

Bilancio energetico nazionale, l’Italia ha un grande potenziale confermato da una quota del 20% di energie rinnovabili sul totale registrato nel 2020. A frenare la transizione ecologica però ci sono burocrazia e regionalismi che rischiano di allungare i tempi di decarbonizzazione dell’economia.
di Ludovico Semerari
bilancio energetico
prezzi della benzina
Fisco

Possibili profili speculativi sull’aumento dei prezzi della benzina e la marginalità delle cause fiscali

L’aumento del prezzo della benzina, di cui si parla molto ultimamente, è determinato da una serie di fattori che non limitano il dibattito alle semplici accise. A incidere è soprattutto la quotazione Platts, che viene decisa dalle compagnie in base al valore effettivo dei prodotti raffinati in un determinato momento.
di Giovambattista Palumbo*
prezzi della benzina
città
Futuro

La città nell’orizzonte della rivoluzione digitale

Le città raccontano chi siamo e che futuro vogliamo costruire: la rigenerazione urbana può essere la chiave per riconquistare gli spazi sottratti dalla pandemia, e costruire un universale urbano aperto al libero attraversamento di popoli ed etnie per una società sempre più fatta di migrazioni.
di Massimiliano Cannata
città
RAEE
Tecnologia

RAEE, rifiuti elettronici: un tesoro nascosto

I RAEE, i Rifiuti di apparecchiature elettriche ed elettroniche, vanno trattati in maniera del tutto speciale e secondo determinate modalità presso le isole ecologiche. Otto italiani su dieci dichiarano di possederne almeno uno, ma dal loro corretto smaltimenti si trarrebbe un significativo beneficio economico.
di Ilaria Tirelli
RAEE
imprese e sviluppo sostenibile
Futuro

Imprese e Sviluppo sostenibile, sempre più complesso il quadro delle nuove regole europee

Il 28 novembre 2022 il Consiglio Europeo ha approvato in via definitiva il testo della nuova direttiva sulla comunicazione delle imprese in...
di Fabrizio Zucca*
imprese e sviluppo sostenibile
Comunità Energetiche Rinnovabili
Italia Domani

Comunità energetiche rinnovabili: dal Pnrr nuovi modelli di crescita

Il doppio filo che lega Agenda 2030 e il PNRR si sta ulteriormente rafforzando attraverso la messa a punto di strumenti che...
di Claudia Bugno*
Comunità Energetiche Rinnovabili