L'opinione

Un altro colpo al cuore di Parigi

136

I Tg di venerdì 21 aprile 2017 – Aperture bloccate sul nuovo attacco nella tarda serata di ieri al centro di Parigi. I servizi dipingono la figura dell’attentatore, un cittadino francese 39enne radicalizzato e già noto alle forze dell’ordine, che sparando tra gli Champs Elysee ha ucciso un altro giovane uomo, un poliziotto 38enne che aveva prestato servizio durante l’attentato del Bataclan. Ma “lupo solitario” o soldato agli ordini dell’Isis, quello che importa è che la Francia è rimasta di nuovo traumatizzata a 60 ore dal voto, e pervasa dall’angoscia degli attacchi terroristici. I dubbi e lo sconcerto per le falle nella sicurezza figurano maggiormente sui Tg Mediaset minori, mentre le testate Rai e Tg5, che intervista l’analista Colombani, s’interrogano sugli effetti che si avranno sulla prima tornata delle Presidenziali, con la Le Pen che cerca di cavalcare la paura annunciando la chiusura delle frontiere. Per Tg La7 è invece più probabile che la sparatoria parigina avvantaggi gli altri candidati più tranquillizzanti, spingendo un maggior numero di francesi al voto.

L’attentato a Parigi ritorna anche nelle dichiarazioni del presidente Gentiloni, in visita in Canada, che insieme a Trudeau di fronte delle dichiarazioni di chiusura della Le Pen invita a non confondere immigrazione e terrorismo. Sempre sull’attentato si esprime lo stesso Trump, che invece si attende un miglior risultato per la candidata dell’estrema destra.

Schiacciata dai fatti di Parigi, la politica riaffiora solo nei titoli di Tg La7, che ritorna sull’ennesimo bisticcio Pd-M5S, con il movimento che denuncia un tentativo di indebolimento di Cantone. Ampio spazio, anche sui Tg Rai, ma non su quelli Mediaset, alle manovre dei governatori di destra delle regioni del nord, che annunciano la data per il doppio referendum consultivo mirante all’ottenimento di maggiore autonomia rispetto al governo centrale.

Spazio fin dai titoli, e servizi per tutti, alla vicenda del giornalista Del Grande trattenuto da dodici giorni in Turchia, e che oggi è stato visitato dal nostro vice console. Mentana definisce “illegale” il fatto che non sia ancora stata resa nota l’imputazione per la quale il nostro connazionale è stato fermato, precisando poi che in Turchia la legalità è un’altra, quella di Erdogan.

Per la cronaca, titoli per tutti sulla tragedia siciliana della Targa Florio, costata la vita ad un pilota ed un commissario di gara. I Tg Mediaset ci portano stasera in Serbia per intervistare i familiari del celeberrimo Igor, ancora fuggiasco nel ferrarese.

Tg La7 è la sola a titolare sulla crisi in Venezuela, dove prosegue la repressione violenta, in un paese sempre più alla fame e con un dittatore sempre più isolato.

Da segnalare, sul tema dei migranti, l’interesse di Tg4 all’attività di una onlus maltese gestita dai coniugi Catrambone, “rea” di aver salvato in 3 anni oltre 33 mila migranti. Il servizio, che ricalca un odierno articolo dell’ “amico” Belpietro, rilancia i dubbi del Procuratore capo di Catania Zuccaro sull’origine dei fondi che le consentono queste operazioni umanitarie. Nella stessa giornata, sulle stesse tematiche, Pd ed M5S si sono scontrati, con Gentiloni che è dovuto intervenire, (ripreso dal Tg3) ricordando che bisogna evitare di “stendere ombre sulle associazioni umanitarie”, ma di tutto ciò non c’è traccia nel servizio. Se il tema è interessante, è l’esecuzione a mostrarsi carente: il Tg di Mario Giordano se la cava con il ricorso a commenti musicali ansiogeni e accostamenti suggestivi (“signori dei profughi” e “servizio taxi”), trasferendo al pubblico un giudizio preconfezionato. Giornalismo o speculazione?

Altre opinioni dell'Autore
Rapporto Italia

RItalia 2020. Inizia il viaggio verso il 32° Rapporto Italia

Rapporto Italia è, da oltre trent’anni, una delle più efficaci narrative del Paese.È un ragionamento complesso, che ogni anno assume la forma...
di Alberto Mattiacci
Economia

Minibot, l’Italia gioca a poker. Ecco la verità nascosta

Dei minibot smetteremo presto di sentir parlare, accantonati in quel simpatico ripostiglio di “perle” assolute della politica contemporanea. Ma perché mai gli estensori di questa proposta si sono lanciati in una mossa (apparentemente) suicida e autolesionista? La riflessione di Alberto Mattiacci.
di Alberto Mattiacci
Cultura

La cultura dell’innovazione, unico antidoto contro la crisi del sistema

L’innovazione è un termine complesso, che presenta mille sfaccettature. Roberto Panzarani, docente di Innovation Management, nel suo ultimo saggio sottolinea che l'innovazione non è mai stata così al centro dell’attenzione: «Dalla tecnologia al marketing, alla definizione dei piani di business, nulla si potrebbe ottenere in assenza di questo motore».
di Massimiliano Cannata
Economia

Lotta al contante, 60 mld di cash nelle cassette di sicurezza in Italia. La proposta per far emergere il sommerso

Se in Italia aumentassero i pagamenti digitali e diminuissero le transazioni regolate in contanti si ridurrebbe l’incidenza dell’economia sommersa e dell’Iva evasa rispetto al Pil, fino a toccare valori, rispettivamente, compresi tra l’11,8% e l’8,8% e l’1,6% e lo 0,4%. Le proposte dell'Osservatorio sulle Politiche Fiscali dell'Eurispes per far emergere il sommerso.
di Giovambattista Palumbo
Immigrazione

La fabbrica della paura. Amnesty International: “Paese in preda a paure e rancori”

La politica italiana sull'immigrazione, la “salute” dei diritti umani nel nostro Paese, il fenomeno del caporalato e il “nuovo razzismo”; ma anche la questione della legittima difesa e lo stato dell'arte sul “caso Regeni”. Intervista con Riccardo Noury, portavoce di Amnesty International Italia.
di Marco Omizzolo
Gioco

Gioco legale e dipendenze: la Regione Puglia “ci ripensa”

Gioco legale e dipendenze: l'esempio virtuoso della Puglia. La Regione “ci ripensa”. Lo scorso 5 giugno, sono state approvate le modifiche al testo della legge n.43/2013. La “distanza minima” degli esercizi di gioco dai luoghi sensibili, è passata da 500 a 250 metri.
di Chiara Sambaldi e Andrea Strata
Cultura

Il box office italiano, orfano di Zalone, langue. Salvo grazie ad Avengers e Freddy Mercury

Cinema: stagione verso la chiusura. Mercato povero alla costante ricerca del film campione d'incassi: i successi sono stati tutti Made in Usa, box office salvo grazie a Avengers e Freddy Mercury. Il bilancio
di Raffaella Saso
International

Perché il sindacato in Russia è un simulacro? Un appello ai sindacati italiani

Nel 1989 nasce a Mosca un sindacato autonomo dal Partito comunista, l'Unione dei sindacati di Russia Sozprof, che è stato popolarissimo prima in Urss e poi nella Russia post-sovietica. Il fondatore Serghej Kramov, spiega alcune peculiarità del sindacato nella società russa contemporanea, e lancia un appello ai sindacati italiani.
di Serghej Kramov
Il punto

Cambiamenti climatici: “Stay conscious, stay worried”

Siamo a metà giugno e le temperature si sono finalmente decise a comportarsi come si conviene alla tarda primavera. Certo, in pochi...
di Alberto Mattiacci
Criminalità e contrasto

Sicurezza e legalità, Del Sette: “Quanto fatto non è sufficiente. Servono leggi, poche ma ben fatte.”

Legalità e sicurezza: due concetti diversi ma necessariamente connessi; due obiettivi il cui perseguimento è una priorità in ogni società civile. Ma quali sono gli ostacoli per il loro conseguimento? La riflessione del Generale Tullio Del Sette, Presidente dell'Osservatorio sulla Sicurezza dell'Eurispes.
di Tullio Del Sette