L'opinione

Un altro colpo al cuore di Parigi

144

I Tg di venerdì 21 aprile 2017 – Aperture bloccate sul nuovo attacco nella tarda serata di ieri al centro di Parigi. I servizi dipingono la figura dell’attentatore, un cittadino francese 39enne radicalizzato e già noto alle forze dell’ordine, che sparando tra gli Champs Elysee ha ucciso un altro giovane uomo, un poliziotto 38enne che aveva prestato servizio durante l’attentato del Bataclan. Ma “lupo solitario” o soldato agli ordini dell’Isis, quello che importa è che la Francia è rimasta di nuovo traumatizzata a 60 ore dal voto, e pervasa dall’angoscia degli attacchi terroristici. I dubbi e lo sconcerto per le falle nella sicurezza figurano maggiormente sui Tg Mediaset minori, mentre le testate Rai e Tg5, che intervista l’analista Colombani, s’interrogano sugli effetti che si avranno sulla prima tornata delle Presidenziali, con la Le Pen che cerca di cavalcare la paura annunciando la chiusura delle frontiere. Per Tg La7 è invece più probabile che la sparatoria parigina avvantaggi gli altri candidati più tranquillizzanti, spingendo un maggior numero di francesi al voto.

L’attentato a Parigi ritorna anche nelle dichiarazioni del presidente Gentiloni, in visita in Canada, che insieme a Trudeau di fronte delle dichiarazioni di chiusura della Le Pen invita a non confondere immigrazione e terrorismo. Sempre sull’attentato si esprime lo stesso Trump, che invece si attende un miglior risultato per la candidata dell’estrema destra.

Schiacciata dai fatti di Parigi, la politica riaffiora solo nei titoli di Tg La7, che ritorna sull’ennesimo bisticcio Pd-M5S, con il movimento che denuncia un tentativo di indebolimento di Cantone. Ampio spazio, anche sui Tg Rai, ma non su quelli Mediaset, alle manovre dei governatori di destra delle regioni del nord, che annunciano la data per il doppio referendum consultivo mirante all’ottenimento di maggiore autonomia rispetto al governo centrale.

Spazio fin dai titoli, e servizi per tutti, alla vicenda del giornalista Del Grande trattenuto da dodici giorni in Turchia, e che oggi è stato visitato dal nostro vice console. Mentana definisce “illegale” il fatto che non sia ancora stata resa nota l’imputazione per la quale il nostro connazionale è stato fermato, precisando poi che in Turchia la legalità è un’altra, quella di Erdogan.

Per la cronaca, titoli per tutti sulla tragedia siciliana della Targa Florio, costata la vita ad un pilota ed un commissario di gara. I Tg Mediaset ci portano stasera in Serbia per intervistare i familiari del celeberrimo Igor, ancora fuggiasco nel ferrarese.

Tg La7 è la sola a titolare sulla crisi in Venezuela, dove prosegue la repressione violenta, in un paese sempre più alla fame e con un dittatore sempre più isolato.

Da segnalare, sul tema dei migranti, l’interesse di Tg4 all’attività di una onlus maltese gestita dai coniugi Catrambone, “rea” di aver salvato in 3 anni oltre 33 mila migranti. Il servizio, che ricalca un odierno articolo dell’ “amico” Belpietro, rilancia i dubbi del Procuratore capo di Catania Zuccaro sull’origine dei fondi che le consentono queste operazioni umanitarie. Nella stessa giornata, sulle stesse tematiche, Pd ed M5S si sono scontrati, con Gentiloni che è dovuto intervenire, (ripreso dal Tg3) ricordando che bisogna evitare di “stendere ombre sulle associazioni umanitarie”, ma di tutto ciò non c’è traccia nel servizio. Se il tema è interessante, è l’esecuzione a mostrarsi carente: il Tg di Mario Giordano se la cava con il ricorso a commenti musicali ansiogeni e accostamenti suggestivi (“signori dei profughi” e “servizio taxi”), trasferendo al pubblico un giudizio preconfezionato. Giornalismo o speculazione?

Altre opinioni dell'Autore
Metafore per l'Italia

Una raccomandazione: amare l’Italia

«Amare il Paese significa considerarlo non un territorio proprio ma la casa di tutti».
di Gian Maria Fara
Diritti umani

“Sono troppi”: pregiudizi e stereotipi della narrazione anti-Rom

In Italia persiste una forte stigmatizzazione nei riguardi delle varie comunità Rom. In molti ritengono che i Rom sarebbero tra i 500.000 e più di 2 milioni, quando secondo le stime più accreditate sarebbero tra i 150 e i 170.000.
di Marco Omizzolo
Fisco

Privacy e riciclaggio: “Lei non sa chi sono io o, almeno, non dovrebbe”

Il caso del compagno di Casalino deve portare ad una riflessione sull’applicazione delle norme antiriciclaggio e sul diritto alla privacy. Qual è il giusto confine?
di Giuseppe Miceli*
Cultura

Le mafie, tra realtà e rappresentazione (prima parte)

Col mutare dei linguaggi e delle tendenze anche il racconto della mafia è profondamente cambiato nel corso degli anni. Adesso si sono affermate sempre più le storie nelle quali i protagonisti sono i criminali, anziché coloro che li perseguono.
di Raffaella Saso
Economia

L’Europa del post-pandemia al Forum Economico 2020 di Krynica

Sarà il futuro dell’Europa nell’era del Coronavirus il tema centrale della prossima edizione del Forum Economico di Krynica.
di redazione
Criminalità e contrasto

Il crimine organizzato colombiano e i nuovi rapporti con la ’Ndrangheta: Europa nel mirino

Una delle più recenti evoluzioni del crimine organizzato colombiano è il passaggio da una struttura di vertice e unitaria a un’altra sempre verticistica ma disarticolata. Come sta diversificando il suo portafoglio criminale e quali sono i suoi rapporti con le mafie italiane?
di Vincenzo Musacchio
Criminalità e contrasto

Criminalità, l’evoluzione del potere mafioso. I risultati della Relazione DIA 2° semestre 2019

Il quadro della criminalità organizzata italiana e straniera, i suoi settori di interesse, le proiezioni internazionali, l’evoluzione organizzativa, i collegamenti con poteri occulti e terrorismo. Vincenzo Macrì analizza la relazione della Dia del secondo semestre 2019, che anticipa anche lo scenario criminale creatosi in Italia per effetto della pandemia da Covid-19 nel primo semestre del 2020.
di Vincenzo Macrì
Economia

Crisi da Coronavirus, economia mondiale giù del 5% nel 2020. Italia tra i paesi più in difficoltà

Secondo stime del Fondo Monetario Internazionale (FMI), la crisi della pandemia dovrebbe avere un impatto sulla crescita dell’economia mondiale pari a -4,9% nel 2020. Se il contesto generale e le incertezze rispecchiano una situazione comune a tutti gli attori mondiali, esistono tuttavia differenze sostanziali tra le singole economie e l’Italia sarebbe uno dei paesi maggiormente in difficoltà.
di Ludovico Semeraro
Società

Coronavirus e diritti: tutelare gli interessi della collettività o garantire i diritti fondamentali dei singoli?

La crisi innestata dall’epidemia di Covid e dalle scelte fatte per combatterla, ha prodotto una forte pressione sulla protezione dei diritti umani. In un clima di chiusura generalizzata dei confini nazionali, numerosi giuristi e diversi sociologi hanno analizzato gli effetti che tutto questo ha prodotto sul complesso dei diritti umani e sul loro godimento diretto.
di Marco Omizzolo
Video

Non è più un lusso. Intervista a Martin Elsner, Rocco Forte Hotels

il turismo di lusso – solitamente immune a cali di profitto – ha registrato numerose cancellazioni e perdite dovute al periodo di lockdown che ha interessato tutto il mondo. Come si è riorganizzato questo settore?
di Emilio Albertario