Un altro colpo al cuore di Parigi

I Tg di venerdì 21 aprile 2017 – Aperture bloccate sul nuovo attacco nella tarda serata di ieri al centro di Parigi. I servizi dipingono la figura dell’attentatore, un cittadino francese 39enne radicalizzato e già noto alle forze dell’ordine, che sparando tra gli Champs Elysee ha ucciso un altro giovane uomo, un poliziotto 38enne che aveva prestato servizio durante l’attentato del Bataclan. Ma “lupo solitario” o soldato agli ordini dell’Isis, quello che importa è che la Francia è rimasta di nuovo traumatizzata a 60 ore dal voto, e pervasa dall’angoscia degli attacchi terroristici. I dubbi e lo sconcerto per le falle nella sicurezza figurano maggiormente sui Tg Mediaset minori, mentre le testate Rai e Tg5, che intervista l’analista Colombani, s’interrogano sugli effetti che si avranno sulla prima tornata delle Presidenziali, con la Le Pen che cerca di cavalcare la paura annunciando la chiusura delle frontiere. Per Tg La7 è invece più probabile che la sparatoria parigina avvantaggi gli altri candidati più tranquillizzanti, spingendo un maggior numero di francesi al voto.

L’attentato a Parigi ritorna anche nelle dichiarazioni del presidente Gentiloni, in visita in Canada, che insieme a Trudeau di fronte delle dichiarazioni di chiusura della Le Pen invita a non confondere immigrazione e terrorismo. Sempre sull’attentato si esprime lo stesso Trump, che invece si attende un miglior risultato per la candidata dell’estrema destra.

Schiacciata dai fatti di Parigi, la politica riaffiora solo nei titoli di Tg La7, che ritorna sull’ennesimo bisticcio Pd-M5S, con il movimento che denuncia un tentativo di indebolimento di Cantone. Ampio spazio, anche sui Tg Rai, ma non su quelli Mediaset, alle manovre dei governatori di destra delle regioni del nord, che annunciano la data per il doppio referendum consultivo mirante all’ottenimento di maggiore autonomia rispetto al governo centrale.

Spazio fin dai titoli, e servizi per tutti, alla vicenda del giornalista Del Grande trattenuto da dodici giorni in Turchia, e che oggi è stato visitato dal nostro vice console. Mentana definisce “illegale” il fatto che non sia ancora stata resa nota l’imputazione per la quale il nostro connazionale è stato fermato, precisando poi che in Turchia la legalità è un’altra, quella di Erdogan.

Per la cronaca, titoli per tutti sulla tragedia siciliana della Targa Florio, costata la vita ad un pilota ed un commissario di gara. I Tg Mediaset ci portano stasera in Serbia per intervistare i familiari del celeberrimo Igor, ancora fuggiasco nel ferrarese.

Tg La7 è la sola a titolare sulla crisi in Venezuela, dove prosegue la repressione violenta, in un paese sempre più alla fame e con un dittatore sempre più isolato.

Da segnalare, sul tema dei migranti, l’interesse di Tg4 all’attività di una onlus maltese gestita dai coniugi Catrambone, “rea” di aver salvato in 3 anni oltre 33 mila migranti. Il servizio, che ricalca un odierno articolo dell’ “amico” Belpietro, rilancia i dubbi del Procuratore capo di Catania Zuccaro sull’origine dei fondi che le consentono queste operazioni umanitarie. Nella stessa giornata, sulle stesse tematiche, Pd ed M5S si sono scontrati, con Gentiloni che è dovuto intervenire, (ripreso dal Tg3) ricordando che bisogna evitare di “stendere ombre sulle associazioni umanitarie”, ma di tutto ciò non c’è traccia nel servizio. Se il tema è interessante, è l’esecuzione a mostrarsi carente: il Tg di Mario Giordano se la cava con il ricorso a commenti musicali ansiogeni e accostamenti suggestivi (“signori dei profughi” e “servizio taxi”), trasferendo al pubblico un giudizio preconfezionato. Giornalismo o speculazione?

Ultime notizie
pace
Attualità

Tempo di uccidere

Nella nostra cara, felice e ricca Europa, nessuno ci credeva. Ma, insomma, si chiedeva la gran massa delle persone, questi si vogliono davvero...
di Luciano Maria Teodori
pace
Laboratorio Europa
Intervista

Laboratorio Europa, alimentare il confronto su Istituzioni europee e sulla necessità di un’Europa sociale. Intervista al Prof. Umberto Triulzi

Laboratorio Europa dell’Eurispes, gli esperti si riuniscono per il primo incontro del 2023, attualmente coordinato dal Prof. Umberto Triulzi, economista, e docente di Politica economica europea, intervistato rispetto ai temi di discussione: Istituzioni europee, integrazione in ambito internazionale, Europa sociale.
di Silvia Muscas
Laboratorio Europa
complottismo
Attualità

Il dubbio e il burattinaio. Complottismo all’italiana

Cronaca e intrigo: anche per l’arresto di Matteo Messina Denaro, non sono mancati sospetti, dubbi, perplessità oltre l’accertamento dei fatti, con il risultato di offuscare il senso di una vittoria importante dello Stato contro la mafia. Il dovere di dubitare è una pratica essenziale nella società democratica, tuttavia bisogna contrastare il rischio dello scetticismo aprioristico e distruttivo.
di Angelo Perrone*
complottismo
editoria
Cultura

Editoria italiana: ricavi, geografia e nuove prospettive

L’editoria italiana ha registrato un calo del 2,8% nel 2022, ma i dati restano favorevoli rispetto al 2019. Crescono lettori e case editrici al Sud, pur restando al di sotto della media nazionale: lettori e case editrici si concentrano al Nord e al Centro, in Lazio e Lombardia ha sede il 38% delle case editrici italiane.
di Roberta Rega
editoria
bilancio energetico
Italia

Bilancio Energetico Nazionale, differenze regionali e potenzialità inespresse

Bilancio energetico nazionale, l’Italia ha un grande potenziale confermato da una quota del 20% di energie rinnovabili sul totale registrato nel 2020. A frenare la transizione ecologica però ci sono burocrazia e regionalismi che rischiano di allungare i tempi di decarbonizzazione dell’economia.
di Ludovico Semerari
bilancio energetico
prezzi della benzina
Fisco

Possibili profili speculativi sull’aumento dei prezzi della benzina e la marginalità delle cause fiscali

L’aumento del prezzo della benzina, di cui si parla molto ultimamente, è determinato da una serie di fattori che non limitano il dibattito alle semplici accise. A incidere è soprattutto la quotazione Platts, che viene decisa dalle compagnie in base al valore effettivo dei prodotti raffinati in un determinato momento.
di Giovambattista Palumbo*
prezzi della benzina
città
Futuro

La città nell’orizzonte della rivoluzione digitale

Le città raccontano chi siamo e che futuro vogliamo costruire: la rigenerazione urbana può essere la chiave per riconquistare gli spazi sottratti dalla pandemia, e costruire un universale urbano aperto al libero attraversamento di popoli ed etnie per una società sempre più fatta di migrazioni.
di Massimiliano Cannata
città
RAEE
Tecnologia

RAEE, rifiuti elettronici: un tesoro nascosto

I RAEE, i Rifiuti di apparecchiature elettriche ed elettroniche, vanno trattati in maniera del tutto speciale e secondo determinate modalità presso le isole ecologiche. Otto italiani su dieci dichiarano di possederne almeno uno, ma dal loro corretto smaltimenti si trarrebbe un significativo beneficio economico.
di Ilaria Tirelli
RAEE
imprese e sviluppo sostenibile
Futuro

Imprese e Sviluppo sostenibile, sempre più complesso il quadro delle nuove regole europee

Il 28 novembre 2022 il Consiglio Europeo ha approvato in via definitiva il testo della nuova direttiva sulla comunicazione delle imprese in...
di Fabrizio Zucca*
imprese e sviluppo sostenibile
Comunità Energetiche Rinnovabili
Italia Domani

Comunità energetiche rinnovabili: dal Pnrr nuovi modelli di crescita

Il doppio filo che lega Agenda 2030 e il PNRR si sta ulteriormente rafforzando attraverso la messa a punto di strumenti che...
di Claudia Bugno*
Comunità Energetiche Rinnovabili