Osservatorio TG

Fango e solidarietà

I Tg di venerdì 28 aprile – La visita di Papa Francesco in Egitto è l’avvenimento del giorno, apertura per Studio Aperto, Tg4, Tg1, Tg5 e Tg2. Quest’ultimo parla di “pietra miliare del pontificato”, mentre Tg3 approfondisce l’identità degli egiziani copti in Italia. In primo piano, dunque, il Papa che invita a “smascherare” l’odio, ma lo spazio maggiore nell’informazione di serata va alle polemiche su ong e scafisti

La questione della presunta complicità si impone in apertura per Tg3 e TgLa7, ed è secondo titolo per tutti gli altri. L’imminente audizione ( 3 maggio) al Csm del Procuratore Capo di Catania Zuccaro è variamente interpretata dalla politica, ma anche dai Tg, questa sera a mezza strada tra le impostazioni di quotidiani come Libero e Il Giornale, e le testate a stampa che mettono la mano sul fuoco sulla correttezza delle ong. La Cei parla di “scandalo su pelle dei migranti”, e i Tg propongono diverse schede sulle diverse organizzazioni, con prevalenza di posizioni “innocentiste” nel perimetro Rai. E’ paradossale che qualcuno metta, genericamente, sul banco degli imputali le ong che salvano migliaia di vite, ma questo è il Paese che ci ritroviamo. A noi piace più il fango che la solidarietà. Altro discorso è escludere o meno che esistano mele marce e atteggiamenti e comportamenti , magari involontariamente, collusivi con gli interessi dei mercanti di uomini. Dopo essersi schierato nei giorni scorsi anche contro le dichiarazioni “troppo generiche” e avventate di Zuccaro, questa sera Mentana conferma la sua posizione, ma apre all’ipotesi che qualcuno sia poco trasparente, facendo il nome e mandando un servizio sulla ong maltese guidata da una italiana e da un cittadino americano. Su Mediaset si cavalcano i dubbi, con Tg4 che afferma che, forse, non si indaga perché non si vuole fare luce.

Le primarie Pd che, certo, non hanno fatto faville, le troviamo per tutti a metà edizione, e questo è di per sé un segnale indicativo dato che manca solo un giorno al voto e 2 giorni ai risultati.

Per gli esteri inevitabile spazio all’eloquio da bar di Trump, che con una certa soavità dice di vedere assai probabile il conflitto con la Corea del nord.

Per la cronaca, alta attenzione agli arresti di sospetti terroristi jihadisti tra l’Italia (Brindisi) e la Germania, mentre sulla Rai e, con maggiore spazio sui 3 Mediaset (titoli) troviamo l’appello di una donna torinese che denuncia la pericolosità di suo marito, un persecutore incallito e violento che fra pochi giorni sarà nuovamente libero di rovinarle la vita.

Segnaliamo in chiusura un titolo ed un interessante servizio del Tg3 sulla realtà poco conosciuta ma assai pericolosa del dark web, dove si traffica in droga e armi e si organizza e realizza ogni tipo di attività illegale.

Ultime notizie
Economia

Terzo settore, al via il Master per formare i nuovi manager del Welfare

Partiranno a febbraio i colloqui di selezione per il Master di II Livello “Terzo Settore, Innovazione Sociale e Governance dei Sistemi Locali di...
di redazione
mauro ceruti
Cultura

Nel mondo interconnesso la fraternità può rifondare la geopolitica: a colloquio con Mauro Ceruti

A colloquio con Mauro Ceruti, professore ordinario di Logica e Filosofia della Scienza e direttore della PhD School for Communication Studies Università IULM di Milano.
di Massimiliano Cannata
mauro ceruti
Economia

Cantieri di legalità. PNRR, un banco di prova

Il 2021 si è concluso con un primo successo nell’ambito dell’ambizioso Piano Nazionale per la Ripresa e Resilienza (PNRR), con il raggiungimento...
di Roberto De Vita* e Marco Della Bruna
PNRR borghi
Futuro

Aree marginali nel PNRR: il rilancio parte dai borghi

Il PNRR presenta investimenti e riforme puntuali in aree marginali ben definite, come il Piano Nazionale per la valorizzazione dei borghi. L’investimento si origina dalla considerazione che tanti piccoli centri storici italiani rappresentano un enorme potenziale per un turismo sostenibile alternativo.
di Claudia Bugno*
PNRR borghi
third sector
Internazionale

Third sector: the new pillar to start again

Change is a natural consequence of crises, especially when they are global in scope. The Covid-19 pandemic hit people hard in all...
di Ida Nicotera*
third sector
urne elezioni libia
Briefing

Dalle urne ai proiettili. Libia, tutto da rifare

Dalle urne elettorali alle urne funerarie in Libia il passo è breve. Sfumano le speranze di una transizione democratica indolore. A decretare...
di Francesco Bechis
urne elezioni libia
terzo settore
Internazionale

Terzo settore: il nuovo pilastro da cui ripartire

Il Terzo settore ha fornito un contributo essenziale e si è posto come “faro” nella gestione dell’emergenza. Esperti e studiosi di Russia e Italia hanno affrontato, in un recente incontro, il tema della collaborazione tra i due paesi riguardo al Terzo settore e alla sostenibilità.
di Ida Nicotera*
terzo settore
PNRR
Economia

L’attuazione del PNRR e la prevenzione delle attività illecite

Garantire un’efficiente ed efficace attuazione del PNRR significa anche agire al fine di prevenire possibili infiltrazioni criminali e frodi, corruzioni e attività illecite nell’utilizzo delle risorse.
di Claudia Bugno*
PNRR
metaverso
Economia

Le regole giuridiche del metaverso e la tassazione degli NFT

Gli ordinamenti giuridici dovrebbero regolamentare le imprese attive nel metaverso, in particolare nella gestione fiscale di NTF, trovando nuove soluzioni normative in termini di privacy, diritti di proprietà intellettuale ed industriale, ed anche di fisco.
di Giovambattista Palumbo*
metaverso
europa
Immigrazione

In Europa troppi immigrati? Il 40% dei cittadini è favorevole a innalzare muri

L’Europa alza i suoi muri verso il mondo esterno, non solo per la pandemia: il 40% dei cittadini europei è favorevole alla costruzione di muri alle frontiere, mentre 6 su 10 pensano che in Europa ci siano troppi immigrati.
di Roberta Rega
europa