L'opinione

Profughi e rom: il combustibile della politica

85
I Tg di martedì 13 giugno – Dovendo segnalare l’apertura forse di più ampia prospettiva, ci volgiamo al Tg2 che esordisce con l’annuncio della procedura d’infrazione della Commissione Ue contro Polonia, Ungheria e Repubblica Ceca per la mancata attuazione dl piano della distribuzione dei richiedenti asilo, rimasti tutti “sul groppone” di Italia e (in minor misura) Grecia. Non succederà nulla di concreto, ma visto che se ne parlava da anni ci aspettavamo di vedere la notizia anche in qualche altro titolo.

Rimanendo al tema profughi, tutte le testate scelgono i risvolti italiani, con la Sindaca Raggi che si arruola nell’esercito degli scettici dell’accoglienza  e tra i commandos che risolveranno il problema rom nella Capitale. Apertura per Tg3, Tg1, TgLa7 e Tg5. Ottima mossa per spostare l’attenzione dai risultati delle amministrative.

Lasciando stare i commenti del primo turno di domenica (forte presenza di Renzi (si vota nel 2018!) e, a casa sua, di Berlusconi), per gli interni da segnalare l’uscita di Zaia che si mette di traverso sul decreto vaccini occhieggiando ai propugnatori della presunta libertà di cura che sono ( purtroppo) più di quelli che si potrebbe credere. Nei titoli solo per Tg3. Parzialmente diverso destino per la dura presa di posizione della Presidente della commissione antimafia Bindi sulla paventata scarcerazione di Riina: 2 titolo (Tg3 e Tg2), e diversi servizi.

Molta cronaca, che rimanda a diversi problemi “consolidati”. L’odierno incidente ferroviario in Puglia (per fortuna “solo” 15 feriti) è in apertura su Tg4 e nei titoli per Tg5, Tg1 e Tg3. Il degrado dell’ospedale San Paolo di Napoli, con la paziente diabetica assalita nel letto dalle formiche, da ieri  “transita” nei Tg di serata, dando vita all’ovvio scarico di responsabilità tra Ministro e Governatore campano. Nei titoli su Studio Aperto, Tg4, Tg1 e Tg5.

L’ultimo caso è, forse, quello più inquietante. È quello della condanna del Tribunale di Messina contro 2 pm che fa non hanno dato ascolto a una dona che per ben 12 volte aveva denunciato il rischio di essere uccisa dall’ex marito, fatto realmente avvenuto 10 anni fa. I Pm dovrebbero pagare più di 250 mila euro in sede civile, ma ovviamente pagherà per loro lo Stato. In apertura su Studio Aperto e nei titoli per tutti gli altri.

Altre opinioni dell'Autore
Economia

Eurispes, Fara: “Lo Stato torni proprietario e gestore delle grandi infrastrutture del paese”

"Autostrade, telecomunicazioni, energia, porti e grande logistica: dopo gli anni delle privatizzazioni per fare cassa, il Paese deve tornare proprietario e gestore delle grandi infrastrutture e dire basta allo shopping delle multinazionali straniere"
di redazione
Il punto

Per rimettere in corsa l’Italia, veloci pit stop, non megariforme

È la mancanza di infrastrutture il primo freno alla crescita del Paese. Lo Stato spende meno di 20 miliardi di euro l’anno,...
di Corrado Giustiniani
International

Così la “Fortezza Europa” avalla i respingimenti in mare

Negli ultimi anni l’Unione europea è stata protagonista di una gestione sempre più securitaria dei flussi migratori che hanno investito il proprio territorio. La tesi viene spiegat in un saggio di Marco Omizzolo e Pina Sodano, presentato a Wocmes 2018, Congresso mondiale di studi mediorientali.
di Marco Omizzolo
International

Proposta shock: “Il voto ‘ignorante’ valga meno di quello informato”

Il suffragio universale? Sopravvalutato. Il voto ‘ignorante’ valga meno di quello ‘informato’. Il voto ponderato é la proposta di Dambisa Moyo, una importante economista americana, originaria dello Zambia, autrice del libro Edge of chaos
di Alfonso Lo Sardo
Sondaggi & Ricerche

Con un animale in casa, niente viaggio per la metà dei padroni

Nell’ultimo anno oltre 2 italiani su 10 hanno confessato di aver speso di più per viaggi e vacanze, nonostante la crisi non sia ancora del tutto superata. Ma l'amore per i propri animali e la paura del terrorismo frenano la voglia di viaggi.
di redazione
Salute

Il Piano Sanità del ministro Grillo: più fondi e meno liste d’attesa

Sanità e salute: il neo ministro Giulia Grillo ha illustrato le linne programmatiche del suo mandato. Vaccini, risorse per la sanità, liste d’attesa da ridurre e aumento della trasparenza.
di redazione
Ambiente

Porto Hub di Palermo. “Piano ecosostenibile da 435.000 posti”

Un nuovo porto Hub a Palermo: è il progetto dell’Eurispes, presentato a palazzo d’Orleans, sede della presidenza della Regione. Tutti i dettagli
di Alfonso Lo Sardo
Intervista

Educazione civica nelle scuole, Bruno Assumma: “Magistra vitae”

"L'educazione civica la personalità deve servire a stimolare una visione della vita e un "modus operandi" nella società", sostiene il professor Assumma.
di Valentina Renzopaoli
Intervista

Stefano Molina: «Educazione civica mirata allo sviluppo sostenibile»

Educazione civica nelle scuole: "Sì all'insegnamento dell'educazione civica, no al voto. La cittadinanza globale non è istruzione, ma educazione", sostiene Stefano Molina della Fondazione Agnelli
di Corrado Giustiniani
Intervista

Romeo (Lega): «La difesa deve essere legittima sempre»

Legittima difesa: "Se una persona sa che svaligiando una casa la farà sempre franca, non avrà nessun incentivo a smettere di delinquere". Il dibattito prosegue con l'opinione di Massimiliano Romeo, capogruppo della Lega al Senato.
di Corrado Giustiniani