L'opinione

Profughi e rom: il combustibile della politica

109
I Tg di martedì 13 giugno – Dovendo segnalare l’apertura forse di più ampia prospettiva, ci volgiamo al Tg2 che esordisce con l’annuncio della procedura d’infrazione della Commissione Ue contro Polonia, Ungheria e Repubblica Ceca per la mancata attuazione dl piano della distribuzione dei richiedenti asilo, rimasti tutti “sul groppone” di Italia e (in minor misura) Grecia. Non succederà nulla di concreto, ma visto che se ne parlava da anni ci aspettavamo di vedere la notizia anche in qualche altro titolo.

Rimanendo al tema profughi, tutte le testate scelgono i risvolti italiani, con la Sindaca Raggi che si arruola nell’esercito degli scettici dell’accoglienza  e tra i commandos che risolveranno il problema rom nella Capitale. Apertura per Tg3, Tg1, TgLa7 e Tg5. Ottima mossa per spostare l’attenzione dai risultati delle amministrative.

Lasciando stare i commenti del primo turno di domenica (forte presenza di Renzi (si vota nel 2018!) e, a casa sua, di Berlusconi), per gli interni da segnalare l’uscita di Zaia che si mette di traverso sul decreto vaccini occhieggiando ai propugnatori della presunta libertà di cura che sono ( purtroppo) più di quelli che si potrebbe credere. Nei titoli solo per Tg3. Parzialmente diverso destino per la dura presa di posizione della Presidente della commissione antimafia Bindi sulla paventata scarcerazione di Riina: 2 titolo (Tg3 e Tg2), e diversi servizi.

Molta cronaca, che rimanda a diversi problemi “consolidati”. L’odierno incidente ferroviario in Puglia (per fortuna “solo” 15 feriti) è in apertura su Tg4 e nei titoli per Tg5, Tg1 e Tg3. Il degrado dell’ospedale San Paolo di Napoli, con la paziente diabetica assalita nel letto dalle formiche, da ieri  “transita” nei Tg di serata, dando vita all’ovvio scarico di responsabilità tra Ministro e Governatore campano. Nei titoli su Studio Aperto, Tg4, Tg1 e Tg5.

L’ultimo caso è, forse, quello più inquietante. È quello della condanna del Tribunale di Messina contro 2 pm che fa non hanno dato ascolto a una dona che per ben 12 volte aveva denunciato il rischio di essere uccisa dall’ex marito, fatto realmente avvenuto 10 anni fa. I Pm dovrebbero pagare più di 250 mila euro in sede civile, ma ovviamente pagherà per loro lo Stato. In apertura su Studio Aperto e nei titoli per tutti gli altri.

Altre opinioni dell'Autore
Società

A proposito del lockdown

«L’inglese ha ormai invaso la nostra vita quotidiana, e il suo utilizzo segna la separazione tra le diverse Italie. Tuttavia, le Istituzioni...
di Gian Maria Fara
Innovazione

Fase 2, le mappe ESRI per prevenire nuovi contagi

Le mappe ESRI sono quelle, ormai famose, "nere con i puntini rossi”, strumenti indispensabili per chi sta combattendo il virus in tutto il mondo. I dati provengono dall’OMS elaborati secondo gli algoritmi scelti dagli studiosi della Università americana Johns Hopkins, e girano sulle piattaforme di geografia digitale ESRI Inc.
di Emilio Albertario
Innovazione

Utilizzo previsto delle risorse ospedaliere a supporto dei pazienti Covid-19 Italia nei paesi SEE e USA

L’IHME ha prodotto previsioni che mostrano l’utilizzo dei letti d’ospedale, la necessità di letti in terapia intensiva e l’utilizzo dei ventilatori durante la pandemia, basandosi sul numero di decessi previsti per gli Stati Uniti – a livello nazionale e subnazionale – e dei paesi dello Spazio economico europeo (SEE).
di Maria Cristina Guarini
Approfondimenti

Stiamo combattendo il Coronavirus ma ci siamo dimenticati l’emergenza ambientale

Potremmo riassumere nella parola “vulnerabilità” quanto avvenuto in questi mesi nel mondo con l’emergenza causata dalla pandemia da Covid-19. Non era mai...
di Angelo Bonelli
Europa

Dove va l’Europa. Dacia Maraini: “L’Unione va difesa a tutti i costi”

Di fronte alla pandemia, l’Europa si sta dimostrando incerta e sbandata. A 75 anni dalla fine della guerra, nemmeno di fronte ad un dramma sanitario come il Coronavirus, l’Unione, meglio alcuni paesi, sono in grado di indicare e di “giustificare” la “ragione” dello stare insieme. L'intervista a Dacia Maraini.
di Carmelo Cedrone
Criminalità e contrasto

Mafie e droga in Belgio ed Olanda

Criminalità organizzata, traffico internazionale di sostanze stupefacenti e organizzazioni mafiose in Belgio e in Olanda. Dopo avere trattato il fenomeno del riciclaggio di denaro sporco in Germania, Vincenzo Macrì spiega che anche in questi paesi esistono queste realtà.
di Vincenzo Macrì
Attualità

Nel post Covid-19, torneremo a respirare senza paura

Con la ripresa della vita sociale, torniamo ad assaporare la vita, ma lentamente. Perché sentiamo incombente la minaccia del Covid-19. Ci vorranno tempo e fatica per sconfiggere il virus, uno sforzo ancora maggiore per vincere timori e angosce.
di Angelo Perrone
Attualità

50 anni dallo Statuto dei lavoratori

Il 20 maggio di 50 anni fa nasceva lo Statuto dei Lavoratori. La crisi che stiamo vivendo porta con sé il rischio di un impatto enorme sul nostro sistema industriale; la vertigine delle trasformazioni sta modificando i canoni del capitalismo.
di Massimiliano Cannata
Società

Un superiore in grado

«Il Sistema è prigioniero di se stesso, della iperproduzione di regole e di norme così numerose e spesso in contrasto tra di...
di Gian Maria Fara
Attualità

Coronavirus, i “taxi della bontà” consegnano buoni spesa alle famiglie in difficoltà

A Firenze, i “taxi della bontà” con a bordo 10 volontari si sono dati appuntamento a piazza della Signoria per attraversare la città e consegnare venticinque buoni spesa ad altrettanti nuclei familiari, individuati dai servizi sociali del Comune.
di Massimiliano Cannata