Renzi , l’Europa e la “perversione burocratica”

I Tg di lunedì 1 febbraio – Il nuovo durissimo scambio tra la Commissione Europea ed il premier Renzi sui temi di flessibilità ed immigrazione occupa l’apertura di quasi tutte le testate. Per Tg La7 le parole forti di Renzi all’Europa, con le quali dalla Nigeria ha accusato Bruxelles di perversione burocratica e di “discriminare” tra profughi di serie A (quelli che arrivano in Turchia e che, grazie ai 3 miliardi dell’Europa, dovrebbero essere lì trattenuti, evitando di raggiungere la Germania) e di serie B (arrivati sulle nostre coste e salvati dalle nostre unità navali), segnalano uno scontro durissimo tra Roma e Bruxelles. A nostro giudizio sarebbe più giusto parlare di uno scontro tra Roma e Berlino. Grande spazio sui Tg Rai alle aspirazioni di Renzi, che rivendica per l’Italia il diritto, dopo “anni di debito morale” (Tg2) di “tornare a guidare l’Europa”. La (buona) notizia dello scomputo del contributo alla Turchia dal rapporto deficit-pil -come richiesto da Renzi – è talmente buona, per quanto scontata, che Tg4 e Studio Aperto la sottacciono completamente, soffermandosi invece sulla “velata minaccia” della Commissione che, sulla richiesta di flessibilità, deciderà in primavera “caso per caso”.
L’incontro a tre tra i leader del centrodestra per decidere i candidati delle amministrative pare entusiasmare solo Tg La7 (unico titolo), anche se per ora non è uscito fuori nulla di concreto. Servizi per i Tg delle 20 ed il “minimo indispensabile” per Tg4. L’inchiesta in Basilicata che sembra inguaiare il presidente Pd della della Regione trova spazio nei Tg delle 20.
Se la politica nostrana non sembra attrarre, più di tanto grande spazio ottiene invece tra titoli e servizi l’imminente voto in Iowa, influence nelle primarie americane. Siamo sicuri che, da qui a novembre, la campagna elettorale USA troverà diverse occasioni per scalare le scalette dei nostri Tg.
L’allarme lanciato dal ministro della difesa francese sul rischio infiltrazioni di miliziani dell’Isis sui barconi in arrivo a Lampedusa fa fibrillare Tg4, che però se la cava con solo 20 secondi da studio, mentre Tg2 e Tg La7 riprendono le dure risposte sia del sindaco di Lampedusa (audio del Tg2) che del ministro della Difesa Pinotti. Per Mentana si tratta di una “polemica al vetriolo”, per la gioia dei quotidiani italiani di centrodestra.
Tanta cronaca e delitti stasera, con il marito che a Pozzuoli ha dato fuoco alla moglie incinta (titolo per tutti, e rari servizio di corona anche per Tg La7), e l’esplosione nella villa di Sanremo in cui soggiornava l’attore Gabriel Garko (Titoli per Tg1, Tg3 ed i 3 Mediaset). L’arresto di una maestra d’asilo del modenese, scoperta a maltrattare bambino dai 3 ai 5 anni, figura nei servizi di tutte le testate. 

in conclusione, tornando sul tema profughi, segnaliamo molti speciali presenti su diverse testate: Tg1 ci fa scoprire gli effetti che le recenti decisioni della Svezia stanno avendo su di una comunità di siriani pacificamente ospitata da anni in un punto di raccolta; Tg3 ci porta invece sul confine a Calais, dove i profughi preferiscono vivere nel campo sgomberato piuttosto che nei centri d’accoglienza predisposti; Tg5, riprendendo dati di Save The Children, ci parla degli oltre 10.000 minori arrivati negli ultimi anni in Europa privi di accompagnamento e di come oltre metà “scompaia ”, almeno in parte vittima di sfruttamento, turismo sessuale o, peggio, del mercato di organi.

Ultime notizie
Relazione DIA
Criminalità e contrasto

Relazione Semestrale DIA, la mafia si insinua anche grazie ai traffici di droga e di armi

La Relazione DIA relativa al primo semestre 2023 è stata resa nota questa mattina. Le mafie emergono come fenomeni sempre più mutevoli che cambiano forme e modalità di azione, adattandosi ai contesti socio-economici. Il traffico di droga resta la fonte maggiore di profitto per i clan, mentre si rileva la presenza di un traffico di armi, anche da guerra.
di redazione
Relazione DIA
economia africana
Mondo

Come va l’economia africana? La realtà del Continente al di là dei macro-dati

L’economia del Continente africano crescerà tra il 3,8% e il 4% nel 2024 e sarà la seconda economia a livello mondiale dopo quella asiatica, ma i dati reali, non meramente legati a fattori economici, descrivono una realtà più incerta e mutevole, determinata dai conflitti, dall’instabilità politica e da disastri naturali ed eventi climatici, come la siccità.
di Emanuele ODDI*
economia africana
rimesse economiche
Immigrazione

L’importanza sociale delle rimesse economiche dei migranti

Le rimesse economiche dei migranti rappresentano una risorsa per il paese d’origine che le riceve, oltre a un diritto e un mezzo di emancipazione di molte famiglie dalla povertà. Ma allo stesso tempo, queste possono creare squilibri nel tessuto sociale: una ricchezza, dunque, che andrebbe guidata da progetti di investimento strutturati.
di Marco Omizzolo*
rimesse economiche
Intervista

Neuroscienze della narrazione, lo storytelling nell’era dell’Intelligenza artificiale

“Neuroscienze della narrazione” è il saggio di Marco La Rosa, pubblicato da Hoepli, che analizza presente e futuro dello storytelling nell’era dell’IA. Oltre al rischio di un eccessivo appiattimento dei contenuti, come già accade per le immagini generate da IA, La Rosa allerta sulla condizione dell’“uomo di vetro”, ovvero privato della sua riservatezza.
di Massimiliano Cannata
migrazione e asilo
Europa

Nuovo Patto europeo su migrazione e asilo, manca un vero equilibrio tra responsabilità e solidarietà

Il nuovo Patto europeo su migrazione e asilo ha generato notevoli perplessità sul fronte dei diritti umani e della solidarietà tra Stati Ue, in particolare sul trattamento dei minori e sulla possibilità data agli Stati membri di rifiutarsi di ospitare i richiedenti asilo in cambio di un contributo finanziario alla gestione dei processi di rimpatrio.
di Ugo Melchionda*
migrazione e asilo
violenza di genere
Società

Giovani e violenza di genere. I dati della Direzione Centrale della Polizia Criminale

Violenza di genere, un report del Servizio Analisi Criminale delle Forze di Polizia analizza il fenomeno in una ottica generazionale. I delitti in àmbito affettivo e familiare sono in calo, ma troppo spesso riguardano vittime e autori con meno di 34 anni, con prevalenza di giovani adulti. Il 76% delle donne vittime di violenze sessuali ha meno di 34 anni.
di redazione
violenza di genere
competenze digitali
Lavoro

Competenze digitali e nuove priorità nel mondo del lavoro, l’appuntamento Adnkronos Q&A

Attrarre nuovi talenti, valorizzare la formazione specifica e investire sulle persone: questi i temi al centro del nuovo appuntamento Adnkronos Q&A, con focus su parità e gender gap
di redazione
competenze digitali
Rapporto Italia
Rapporto Italia

Rapporto Italia, presentati i dati dell’Eurispes per il 2024

Rapporto Italia 2024, nelle parole del Presidente dell’Eurispes Gian Maria Fara un Paese al bivio, che ha bisogno di coraggio nelle scelte. Ma bisogna innanzitutto superare il “presentismo” che ha contraddistinto gli ultimi anni per scegliere con consapevolezza tra conservazione o futuro.
di redazione
Rapporto Italia
concessioni balneari
Diritto

Giurisprudenza amministrativa su concessioni balneari

Sulle concessioni balneari c’è bisogno di meno proroghe e più regole certe, ragionevoli e trasparenti, in quanto non è più possibile affidarsi solo agli esiti della giurisprudenza. I provvedimenti dovranno tenere in conto l’esperienza professionale e il know-how delle imprese, nonché tutelare gli eventuali investimenti già effettuati.
di giovambattista palumbo*
concessioni balneari
baby gang
Sicurezza

Baby gang tra realtà e percezione. Intervista a Stefano Delfini, Direttore Servizio Analisi Criminale della Direzione Centrale della Polizia Criminale

Il 36% degli italiani denuncia la presenza di baby gang nel proprio territorio, come emerge dal Rapporto Italia 2024. Ma non bisogna confondere realtà e percezione, afferma Stefano Delfini, Direttore del Servizio Analisi Criminale, che nel corso dell’intervista traccia un quadro del fenomeno criminale minorile nel nostro Paese.
di Susanna Fara
baby gang