Renzi , l’Europa e la “perversione burocratica”

I Tg di lunedì 1 febbraio – Il nuovo durissimo scambio tra la Commissione Europea ed il premier Renzi sui temi di flessibilità ed immigrazione occupa l’apertura di quasi tutte le testate. Per Tg La7 le parole forti di Renzi all’Europa, con le quali dalla Nigeria ha accusato Bruxelles di perversione burocratica e di “discriminare” tra profughi di serie A (quelli che arrivano in Turchia e che, grazie ai 3 miliardi dell’Europa, dovrebbero essere lì trattenuti, evitando di raggiungere la Germania) e di serie B (arrivati sulle nostre coste e salvati dalle nostre unità navali), segnalano uno scontro durissimo tra Roma e Bruxelles. A nostro giudizio sarebbe più giusto parlare di uno scontro tra Roma e Berlino. Grande spazio sui Tg Rai alle aspirazioni di Renzi, che rivendica per l’Italia il diritto, dopo “anni di debito morale” (Tg2) di “tornare a guidare l’Europa”. La (buona) notizia dello scomputo del contributo alla Turchia dal rapporto deficit-pil -come richiesto da Renzi – è talmente buona, per quanto scontata, che Tg4 e Studio Aperto la sottacciono completamente, soffermandosi invece sulla “velata minaccia” della Commissione che, sulla richiesta di flessibilità, deciderà in primavera “caso per caso”.
L’incontro a tre tra i leader del centrodestra per decidere i candidati delle amministrative pare entusiasmare solo Tg La7 (unico titolo), anche se per ora non è uscito fuori nulla di concreto. Servizi per i Tg delle 20 ed il “minimo indispensabile” per Tg4. L’inchiesta in Basilicata che sembra inguaiare il presidente Pd della della Regione trova spazio nei Tg delle 20.
Se la politica nostrana non sembra attrarre, più di tanto grande spazio ottiene invece tra titoli e servizi l’imminente voto in Iowa, influence nelle primarie americane. Siamo sicuri che, da qui a novembre, la campagna elettorale USA troverà diverse occasioni per scalare le scalette dei nostri Tg.
L’allarme lanciato dal ministro della difesa francese sul rischio infiltrazioni di miliziani dell’Isis sui barconi in arrivo a Lampedusa fa fibrillare Tg4, che però se la cava con solo 20 secondi da studio, mentre Tg2 e Tg La7 riprendono le dure risposte sia del sindaco di Lampedusa (audio del Tg2) che del ministro della Difesa Pinotti. Per Mentana si tratta di una “polemica al vetriolo”, per la gioia dei quotidiani italiani di centrodestra.
Tanta cronaca e delitti stasera, con il marito che a Pozzuoli ha dato fuoco alla moglie incinta (titolo per tutti, e rari servizio di corona anche per Tg La7), e l’esplosione nella villa di Sanremo in cui soggiornava l’attore Gabriel Garko (Titoli per Tg1, Tg3 ed i 3 Mediaset). L’arresto di una maestra d’asilo del modenese, scoperta a maltrattare bambino dai 3 ai 5 anni, figura nei servizi di tutte le testate. 

in conclusione, tornando sul tema profughi, segnaliamo molti speciali presenti su diverse testate: Tg1 ci fa scoprire gli effetti che le recenti decisioni della Svezia stanno avendo su di una comunità di siriani pacificamente ospitata da anni in un punto di raccolta; Tg3 ci porta invece sul confine a Calais, dove i profughi preferiscono vivere nel campo sgomberato piuttosto che nei centri d’accoglienza predisposti; Tg5, riprendendo dati di Save The Children, ci parla degli oltre 10.000 minori arrivati negli ultimi anni in Europa privi di accompagnamento e di come oltre metà “scompaia ”, almeno in parte vittima di sfruttamento, turismo sessuale o, peggio, del mercato di organi.

Ultime notizie
Istruzione

La conoscenza è il più grande fattore moltiplicatore di sviluppo e di salvaguardia della democrazia. La riflessione di Antonio Uricchio, Presidente dell’Anvur

Il sistema educativo deve interpretare i cambiamenti e dare risposte Molto spesso vengono individuati gli asset i driver dello sviluppo e si tende...
di Antonio Uricchio
zes unica
Infrastrutture

La Zes Unica ha senso solo con una rete infrastrutturale a supporto. L’intervento di Marco Rettighieri, Presidente di Webuild Italia

Parlare di Zes Unica del Mediterraneo ha senso solo se si affronta il discorso delle reti infrastrutturali italiane, ad oggi carenti nello smerciare i container in arrivo nei porti, che tardano anche 15 giorni prima di arrivare a destinazione. La riflessione di Marco Rettighieri.
di MARCO RETTIGHIERI*
zes unica
mediterraneo
Italia

Zes Unica del Mediterraneo, rivalutare il potere del mare

Con la Zes Unica del Mediterraneo l’Italia deve aspirare al recupero di un maggior peso e centralità nell’area, che da troppo tempo è fuori dall’agenda politica nazionale. Il Mediterraneo deve diventare un obiettivo principale, in grado di superare anche la questione del Mezzogiorno.
di Salvatore Napolitano*
mediterraneo
dop
Made in Italy

DOP Economy 4.0, la tecnologia al servizio della tracciabilità

Il mercato delle IG vale in Europa 74,8 miliardi di euro, e un prodotto IG su quattro è italiano. Per valorizzare questa ricchezza bisogna puntare su un futuro tecnologico per i marchi DOP e IG, prodotti di punta del Made in Italy, e a una Agricoltura 4.0 basata su trasparenza e tracciabilità.
di chiara bartoli
dop
caselli
Recensioni

La storia d’Italia in dieci date nel libro-memoir di Gian Carlo Caselli

Gian Carlo Caselli, uno dei Pm più in vista della storia recente d’Italia, racconta il nostro Paese nel libro-memoire “Giorni memorabili che hanno cambiato l'Italia” attraverso le inchieste che lo hanno visto coinvolto da protagonista, dieci date per dieci snodi giudiziari che hanno segnato gli eventi degli ultimi decenni.
di cecilia sgherza
caselli
zes unica
Mezzogiorno

Zes Unica del Mediterraneo, una sfida per sviluppo e sicurezza dell’area

La Zes Unica del Mediterraneo è stata al centro del dibattito organizzato dall’Istituto Eurispes, che ne ha analizzato i fattori socio-economici, logistici e geopolitici. La Zes Unica diviene strategica in un contesto geopolitico di grandi cambiamenti e incertezze, come strumento utile a garantire sicurezza e sviluppo.
di redazione
zes unica
scuola italiana
Intervista

La Scuola sia baluardo di conoscenza, tolleranza e spirito critico: intervista a Paolo Pagliaro

L’istruzione in Italia è una roccaforte di valori come la conoscenza, il senso critico, la tolleranza, eppure rischia un declino simile a quello della Sanità pubblica. Sfide e opportunità per il futuro della Scuola italiana, nell’intervista a Paolo Pagliaro, Direttore agenzia giornalistica 9Colonne e autore televisivo.
di redazione
scuola italiana
isole
Osservatori

Nascita geologica e nascita giuridica delle isole: intervista a Niki Aloupi

La nascita geologica di un’isola non corrisponde necessariamente alla sua nascita giuridica: lo chiarisce ampiamente Niki Aloupi, docente di Diritto internazionale pubblico all’Università di Parigi- Panthéon-Assas, esperta di Diritto del mare, che offre una panoramica sulla situazione giuridica internazionale delle isole.
di redazione
isole
social
Società

È guerra totale contro la “trappola dei Social”

Le autorità statunitensi hanno cominciato a porsi domande sulla tutela dei minori rispetto all’utilizzo dei Social network. Un uso che, secondo una serie di studi condotti, è relazionato al peggioramento della salute mentale di adolescenti e ragazzi.
di cecilia sgherza
social
apprendimento
Istruzione

La vera inclusione scolastica è garantire buoni livelli di apprendimento per tutti

La Scuola italiana ha bisogno di una riflessione pedagogica e strutturale, e di formulare un’offerta formativa equa basata sull’apprendimento di livello per tutti. Intervista a Roberto Ricci, presidente Invalsi, che commenta i dati emersi dal Secondo Rapporto dell’Eurispes su Scuola e Università.
di Roberto Ricci*
apprendimento