Siria – Sangue chiama sangue

I Tg di lunedì 15 febbraio – Le tremende immagini che giungono dal confine siriano con la Turchia, dove 5 ospedali e due scuole sono stati bombardati – apparentemente dall’aviazione russa – provocando decine di vittime civili, si impongono in apertura su Tg1, Tg3 e Tg La7. Damasco accusa l’America, mentre la Turchia (che nelle stesse ore ha bombardato i curdi) insieme a Medici Senza Frontiere punta il dito contro la Russia, che però nega parlando di “propaganda”. Molta la confusione, ma su tutti i servizi il giudizio è unanime: il fragile clima di tregua che si era profilato dopo l’incontro a Monaco a poche ore di distanza appare irrimediabilmente compromesso. Per Tg3 e Tg La7 il rischio che un’escalation possa comportare l’invio di truppe (turche, dell’Arabia Saudita) si fa con oggi più che concreto: nella turpe logica della guerra sangue chiama sangue.

L’allarme lanciato dalle opposizioni sulle ipotesi di “riorganizzazioni” delle pensioni di reversibilità ruba la scena su Mediaset alla vigilia del voto sulle Unioni Civili al Senato. L’informazione risulta divisa, con le testate di Cologno Monzese che si scagliano contro l’ennesima decurtazione ai soldi dei già tartassati pensionati (apertura per Tg4, copertina per Tg5) e quelle Rai che, con le dovute accortezze, rilanciano la risposta del ministro Poletti: si tratterebbe di “un allarme lanciato sul nulla”, giudizio probabilmente condiviso da Tg La7, che a questa polemica non dedica neanche una parola. Intervistato su Tg3 e Tg4 l’ex ministro del lavoro Cesare Damiano parla di “una ipotesi ingiusta che verrà sicuramente stralciata”. “Colpito” nel suo target (i pensionati), Tg4 sulla vicenda reversibilità produce servizi fin troppo scontati.

Forte l’attenzione per l’ennesimo caso di violenze su persone disagiate (titolo per tutte le testate eccetto Tg La7), cui Tg4 dedica un editoriale che raccoglie i più recenti casi di maltrattamenti su disabili, minori ed anziani.

L’inchiesta sull’omicidio al Cairo di Giulio Regeni prosegue anche oggi tra depistaggi ed indiscrezioni (titoli per Tg3, Tg4 e Studio Aperto). Sempre sugli esteri, le dichiarazioni di chiusura del premier ungherese Orban compaiono solo su Tg3, così come lo sviluppo delle indagini sulle violenze di Colonia, che vedrebbero tra gli accusati di molestie un numero assai esiguo di profughi. Tg5 (titolo) e Tg La7 sono i soli ad occuparsi dell’ennesimo ultimatum dell’Europa alla Grecia.

La visita di Papa Francesco in Chiapas, regione poverissima del Messico, è titolo per tutti tranne Tg4 e Tg5. Le parole con cui il Pontefice ha chiesto perdono alle popolazioni indios per quello che è stato l’inizio del più grande genocidio della storia moderna purtroppo non hanno ottenuto lo stesso rilievo dell’incontro della scorso venerdì tra Francesco ed il patriarca della chiesa ortodossa. Tg La7 coglie questa disparità, parlando di “un’altra ferita storica sanata”.

Tornando alle unioni civili, Tg La7 pista duro sulle divisioni dentro e fuori il Pd, probabilmente esagerando quanto meno le prime. Tg5 propone un’intervista a Lupi.

Al quarto “anniversario” dell’arresto dei nostri due Marò in India è il Tg5 a proporre il servizio più duro parlando di un “impegno solo a parole” da parte dei tre governi che si sono succeduti (titolo anche su Tg2).

In chiusura, segnaliamo come, di fronte al “pasticcio” (Tg La7) del decreto per l’accorpamento in bolletta del Canone Rai, Tg4 la butta in satira, Mentana rivendica a fine servizio che se il concetto di “Servizio Pubblico” si risolve nel solo “informare” (ossia, se il servizio pubblico non svolge dichiaratamente altre funzioni), non si capisce perché debba essere solo la Rai ad usufruire del canone.

Lorenzo Coletta

Ultime notizie
Last 20
Diritti umani

Last 20*: sono gli ultimi l’altra faccia del nostro Pianeta

“Last 20, gli Ultimi della Terra”, sono i 20 paesi più poveri al mondo, in contrapposizione a quelli del G20. La distanza tra questi due blocchi è abissale, e cresce di anno in anno, alimentata da crisi internazionali e guerre. Ai Last 20 è dedicato un Comitato e un ciclo di incontri.
di Tonino Perna** e Ugo Melchionda***
Last 20
idrogeno
Italia Domani

Idrogeno verde, alleato della decarbonizzazione dei processi industriali in Ue

In Europa e in Italia, i progetti legati all’idrogeno stanno crescendo in ogni ambito e rappresentano una soluzione per decarbonizzare i processi industriali e i comparti economici in cui la riduzione delle emissioni di carbonio è urgente e allo stesso tempo difficile.
di Claudia Bugno*
idrogeno
scuola paritaria
Scuola

Il contributo della scuola paritaria al sistema nazionale di istruzione: numeri, problemi, possibilità

La scuola paritaria in Italia accoglie 817.413 studenti in 12.096 scuole ogni anno, contribuendo al sistema nazionale di istruzione. Eppure, le scuole paritarie sono ancora escluse da sostanziosi finanziamenti e progetti del Ministero, anche quelli previsti dal PNRR.
di Elena Ugolini
scuola paritaria
pace
Attualità

Tempo di uccidere

Nella nostra cara, felice e ricca Europa, nessuno ci credeva. Ma, insomma, si chiedeva la gran massa delle persone, questi si vogliono davvero...
di Luciano Maria Teodori
pace
Laboratorio Europa
Intervista

Laboratorio Europa, alimentare il confronto su Istituzioni europee e sulla necessità di un’Europa sociale. Intervista al Prof. Umberto Triulzi

Laboratorio Europa dell’Eurispes, gli esperti si riuniscono per il primo incontro del 2023, attualmente coordinato dal Prof. Umberto Triulzi, economista, e docente di Politica economica europea, intervistato rispetto ai temi di discussione: Istituzioni europee, integrazione in ambito internazionale, Europa sociale.
di Silvia Muscas
Laboratorio Europa
complottismo
Attualità

Il dubbio e il burattinaio. Complottismo all’italiana

Cronaca e intrigo: anche per l’arresto di Matteo Messina Denaro, non sono mancati sospetti, dubbi, perplessità oltre l’accertamento dei fatti, con il risultato di offuscare il senso di una vittoria importante dello Stato contro la mafia. Il dovere di dubitare è una pratica essenziale nella società democratica, tuttavia bisogna contrastare il rischio dello scetticismo aprioristico e distruttivo.
di Angelo Perrone*
complottismo
editoria
Cultura

Editoria italiana: ricavi, geografia e nuove prospettive

L’editoria italiana ha registrato un calo del 2,8% nel 2022, ma i dati restano favorevoli rispetto al 2019. Crescono lettori e case editrici al Sud, pur restando al di sotto della media nazionale: lettori e case editrici si concentrano al Nord e al Centro, in Lazio e Lombardia ha sede il 38% delle case editrici italiane.
di Roberta Rega
editoria
bilancio energetico
Italia

Bilancio Energetico Nazionale, differenze regionali e potenzialità inespresse

Bilancio energetico nazionale, l’Italia ha un grande potenziale confermato da una quota del 20% di energie rinnovabili sul totale registrato nel 2020. A frenare la transizione ecologica però ci sono burocrazia e regionalismi che rischiano di allungare i tempi di decarbonizzazione dell’economia.
di Ludovico Semerari
bilancio energetico
prezzi della benzina
Fisco

Possibili profili speculativi sull’aumento dei prezzi della benzina e la marginalità delle cause fiscali

L’aumento del prezzo della benzina, di cui si parla molto ultimamente, è determinato da una serie di fattori che non limitano il dibattito alle semplici accise. A incidere è soprattutto la quotazione Platts, che viene decisa dalle compagnie in base al valore effettivo dei prodotti raffinati in un determinato momento.
di Giovambattista Palumbo*
prezzi della benzina
città
Futuro

La città nell’orizzonte della rivoluzione digitale

Le città raccontano chi siamo e che futuro vogliamo costruire: la rigenerazione urbana può essere la chiave per riconquistare gli spazi sottratti dalla pandemia, e costruire un universale urbano aperto al libero attraversamento di popoli ed etnie per una società sempre più fatta di migrazioni.
di Massimiliano Cannata
città