Teresa May tenta il raddoppio

137

I Tg di martedì 18 aprile – La “mossa a sorpresa” della Premier britannica May, che annuncia per giugno elezioni anticipate, svetta sulle aperture di Tg3, Tg1 e Tg La7, secondo titolo per Tg5 e Tg2. Il “colpo di scena” (Tg5) nella politica inglese, col tentativo dei conservatori di accrescere la propria base parlamentare per procedere più speditamente con la Brexit, viene letto da Mentana come un ulteriore allontanamento del Regno Unito dall’Europa. Buono un servizio del Tg3 che ci parla della rinnovata apprensione degli italiani residenti nello UK.

L’attenzione agli esteri si mantiene alta con il countdown al voto francese che oggi è scosso dall’arresto di due jihadisti pronti ad agire (apertura per Tg2, titoli per Rai e Mediaset). Le proteste in Turchia a seguito della vittoria di misura e con troppe zone grigie di Erdogan, compaiono più basse nei Tg Rai, con Tg1 che propone alcune analisi sulle reazioni internazionali al nuovo corso iper presidenzialistico. Tg5 riporta le dichiarazioni dei partiti d’opposizione, certi della vittoria del no. Tutte le testate riprendono a fine servizio la situazione del giornalista Gabriele Del Grande, bloccato da nove giorni nel paese e che avrebbe cominciato uno sciopero della fame. La tensione tra Usa e Nord Corea scivola dai titoli, ma si mantiene nei servizi dei Tg Rai e Tg5.

Spazio ridotto stasera alla politica, con un titolo per il solo Tg La7 sulle barricate del Pd contro l’aumento dell’Iva. L’attenzione si mantiene nei servizi Rai sulle primarie del Pd, come anche verso le mosse di M5S, che presentato il suo programma sulla politica estera online.

Per l’economia i Tg delle 20 e Tg3 riprendono le previsioni dell’FMI sulla bassa crescita del nostro Pil per il 2017, sottolineando come l’Italia non si mostra in grado di valorizzare le sue potenzialità di ripresa.

Il nuovo crollo di un cavalcavia nel cuneese monopolizza la cronaca, guadagnando le aperture dei Mediaset (copertina per Tg5) e l’attenzione di tutti. Titolo anche per Tg La7, che si interroga sulle responsabilità dell’Anas per questo crollo, il terzo in 6 mesi. Sempre sui Tg Mediaset tanto spazio (apertura per Tg5) all’ondata di maltempo che imperversa sul Paese dopo alcuni giorni di apparente estate, e che ha fatto alcune vittime nel porto di Rimini.

Lontani dai titoli, salvo per Tg4, ma comunque presenti nei servizi di Rai e Tg5, i nuovi massicci arrivi di profughi nei porti della Sicilia e della Sardegna, 8.500 solo negli ultimi giorni.

Le contestazioni bipartisan al servizio di Report che ha mosso dubbi sulla sicurezza del vaccino contro il virus Papilloma, godono di ampio spazio sui Tg Rai che Tg5, mentre Mentana commenta a braccio da studio.

Presente a fine edizione per i Tg Rai ma anche per Tg5 (titoli) e La7 l’addio a Gianni Boncompagni, celebrato proprio nella storica sede di Radio Rai, durante una cerimonia laica tra amici e collaboratori.

Luca Baldazzi

Ultime notizie
Metafore per l'Italia

Una raccomandazione: amare l’Italia

«Amare il Paese significa considerarlo non un territorio proprio ma la casa di tutti».
di Gian Maria Fara
Diritti umani

“Sono troppi”: pregiudizi e stereotipi della narrazione anti-Rom

In Italia persiste una forte stigmatizzazione nei riguardi delle varie comunità Rom. In molti ritengono che i Rom sarebbero tra i 500.000 e più di 2 milioni, quando secondo le stime più accreditate sarebbero tra i 150 e i 170.000.
di Marco Omizzolo
Fisco

Privacy e riciclaggio: “Lei non sa chi sono io o, almeno, non dovrebbe”

Il caso del compagno di Casalino deve portare ad una riflessione sull’applicazione delle norme antiriciclaggio e sul diritto alla privacy. Qual è il giusto confine?
di Giuseppe Miceli*
Cultura

Le mafie, tra realtà e rappresentazione (prima parte)

Col mutare dei linguaggi e delle tendenze anche il racconto della mafia è profondamente cambiato nel corso degli anni. Adesso si sono affermate sempre più le storie nelle quali i protagonisti sono i criminali, anziché coloro che li perseguono.
di Raffaella Saso
Economia

L’Europa del post-pandemia al Forum Economico 2020 di Krynica

Sarà il futuro dell’Europa nell’era del Coronavirus il tema centrale della prossima edizione del Forum Economico di Krynica.
di redazione
Criminalità e contrasto

Il crimine organizzato colombiano e i nuovi rapporti con la ’Ndrangheta: Europa nel mirino

Una delle più recenti evoluzioni del crimine organizzato colombiano è il passaggio da una struttura di vertice e unitaria a un’altra sempre verticistica ma disarticolata. Come sta diversificando il suo portafoglio criminale e quali sono i suoi rapporti con le mafie italiane?
di Vincenzo Musacchio
Criminalità e contrasto

Criminalità, l’evoluzione del potere mafioso. I risultati della Relazione DIA 2° semestre 2019

Il quadro della criminalità organizzata italiana e straniera, i suoi settori di interesse, le proiezioni internazionali, l’evoluzione organizzativa, i collegamenti con poteri occulti e terrorismo. Vincenzo Macrì analizza la relazione della Dia del secondo semestre 2019, che anticipa anche lo scenario criminale creatosi in Italia per effetto della pandemia da Covid-19 nel primo semestre del 2020.
di Vincenzo Macrì
Economia

Crisi da Coronavirus, economia mondiale giù del 5% nel 2020. Italia tra i paesi più in difficoltà

Secondo stime del Fondo Monetario Internazionale (FMI), la crisi della pandemia dovrebbe avere un impatto sulla crescita dell’economia mondiale pari a -4,9% nel 2020. Se il contesto generale e le incertezze rispecchiano una situazione comune a tutti gli attori mondiali, esistono tuttavia differenze sostanziali tra le singole economie e l’Italia sarebbe uno dei paesi maggiormente in difficoltà.
di Ludovico Semeraro
Società

Coronavirus e diritti: tutelare gli interessi della collettività o garantire i diritti fondamentali dei singoli?

La crisi innestata dall’epidemia di Covid e dalle scelte fatte per combatterla, ha prodotto una forte pressione sulla protezione dei diritti umani. In un clima di chiusura generalizzata dei confini nazionali, numerosi giuristi e diversi sociologi hanno analizzato gli effetti che tutto questo ha prodotto sul complesso dei diritti umani e sul loro godimento diretto.
di Marco Omizzolo
Video

Non è più un lusso. Intervista a Martin Elsner, Rocco Forte Hotels

il turismo di lusso – solitamente immune a cali di profitto – ha registrato numerose cancellazioni e perdite dovute al periodo di lockdown che ha interessato tutto il mondo. Come si è riorganizzato questo settore?
di Emilio Albertario