Aria fresca e miasmi

I Tg di lunedì 9 giugno – Alla ricerca di aria fresca e meno opprimente segnaliamo l’apertura del Tg3 sul voto del Parlamento europeo che invita i (pochi) paesi ancora riluttanti a legiferare sulle famiglie monoparentali e omosessuali. L’Italia, che siede del club con alcuni stati del sud Europa e dell’ex Unione Sovietica venato da nostalgia, e che non ha ancora approvato le unioni civili eterosessuali, deve recuperare molta strada nei confronti, ad esempio, della cattolicissima Irlanda. Anche le altre maggiori testate, ma con meno enfasi, danno la notizia, segnalando correttamente che il voto di Strasburgo è solo una moral suasion, ma c’è da augurarsi che smuova qualcosa (vedi l’iter del testo della senatrice Pd Cirinnà).

Dopo questa necessaria boccata d’ossigeno le altre aperture e le scalette dei Tg di serata ci riportano al clima consueto, ammorbato dagli ulteriori sviluppi delle indagini su Mafia Capitale, dalla strafexpedition delle regioni leghiste (e paraleghiste) del nord contro i profughi, il governo che ne richiede un’equa distribuzione sul territorio e le prefetture, e dalle polemiche sui temi caldi dell’attività parlamentare, “leggi” riforma della scuola.

Su Mafia Capitale Tg1 intervista il Presidente della Regione Lazio Zingaretti, che assicura che il rinnovamento sta marciando, mentre TgLa7 “abbandona” per una sera le intercettazioni di Buzzi e Carminati per presentare un personaggio definito “determinante” nello scacchiere del malaffare, stando almeno a ciò che si conosce dell’indagine in corso: si tratta del consigliere regionale di Forza Italia Gramazio della cui attività e storia politica viene proposto un quadro diffuso.

Il governo che va sotto in Commissione al Senato sulle pregiudiziali di costituzionalità è un segno delle difficoltà che la Buona scuola potrà incontrare, questa volta non per le divisioni interne al Pd, ma per il defilarsi dei centristi. Per Mediaset è una campana a morto per Renzi; Studio aperto parla di nuovo di “Vietnam”. I Tg Rai riportano le dichiarazione del capogruppo Pd Zanda che parla di “incidente tecnico”.

La notizia della liberazione del medico catanese ostaggio da mesi in Libia è riportata da tutti, mentre sulle maggiori testate si parla di Libia anche in relazione al non del governo di Tobruk al piano di pacificazione avanzato dall’Onu, Tg2 propone un approfondimento sulle strategico di lotta al terrorismo nei vari paesi, e sui rischi che esse rappresentano per le libertà individuali. Sulla stessa lunghezza d’onda un servizio del Tg3 sulle realtà quotidiane di quelle regioni conquistate dallo “stato islamico”.
A pochi giorni dalle attese prese di posizioni ufficiali del Vaticano sul fenomeno della Madonna di Medjugorje le parole odierne di Papa Francesco – riprese ampiamente da quasi tutti – che alludono ai rischi di nuovo paganesimo, risultano non casuali. Staremo a vedere.
La cronaca nera è oramai una costante e non solo sulla tv commerciale. Il caso del commerciante del bergamasco rapinato 7 volte in 8 anni è “stranamente” pompato su Tutta Mediaset ma anche sui Tg Rai, senza – a nostro giudizio – una particolare ratio.

Lo stesso diciamo dell’ampio spazio ad una rissa milanese senza particolari conseguenze che, però, ha visto in campo un vip di nuova generazione: un Fedez che, ampiamente ripreso anche dai Tg Rai – ha negato qualsiasi sua responsabilità. Potremo dormire tranquilli.

Dati auditel dei Tg di lunedì 8 giugno 2015

Schermata 2015-06-09 alle 23.39.03

Fonte:www.tvblog.it

Ultime notizie
pace
Attualità

Tempo di uccidere

Nella nostra cara, felice e ricca Europa, nessuno ci credeva. Ma, insomma, si chiedeva la gran massa delle persone, questi si vogliono davvero...
di Luciano Maria Teodori
pace
Laboratorio Europa
Intervista

Laboratorio Europa, alimentare il confronto su Istituzioni europee e sulla necessità di un’Europa sociale. Intervista al Prof. Umberto Triulzi

Laboratorio Europa dell’Eurispes, gli esperti si riuniscono per il primo incontro del 2023, attualmente coordinato dal Prof. Umberto Triulzi, economista, e docente di Politica economica europea, intervistato rispetto ai temi di discussione: Istituzioni europee, integrazione in ambito internazionale, Europa sociale.
di Silvia Muscas
Laboratorio Europa
complottismo
Attualità

Il dubbio e il burattinaio. Complottismo all’italiana

Cronaca e intrigo: anche per l’arresto di Matteo Messina Denaro, non sono mancati sospetti, dubbi, perplessità oltre l’accertamento dei fatti, con il risultato di offuscare il senso di una vittoria importante dello Stato contro la mafia. Il dovere di dubitare è una pratica essenziale nella società democratica, tuttavia bisogna contrastare il rischio dello scetticismo aprioristico e distruttivo.
di Angelo Perrone*
complottismo
editoria
Cultura

Editoria italiana: ricavi, geografia e nuove prospettive

L’editoria italiana ha registrato un calo del 2,8% nel 2022, ma i dati restano favorevoli rispetto al 2019. Crescono lettori e case editrici al Sud, pur restando al di sotto della media nazionale: lettori e case editrici si concentrano al Nord e al Centro, in Lazio e Lombardia ha sede il 38% delle case editrici italiane.
di Roberta Rega
editoria
bilancio energetico
Italia

Bilancio Energetico Nazionale, differenze regionali e potenzialità inespresse

Bilancio energetico nazionale, l’Italia ha un grande potenziale confermato da una quota del 20% di energie rinnovabili sul totale registrato nel 2020. A frenare la transizione ecologica però ci sono burocrazia e regionalismi che rischiano di allungare i tempi di decarbonizzazione dell’economia.
di Ludovico Semerari
bilancio energetico
prezzi della benzina
Fisco

Possibili profili speculativi sull’aumento dei prezzi della benzina e la marginalità delle cause fiscali

L’aumento del prezzo della benzina, di cui si parla molto ultimamente, è determinato da una serie di fattori che non limitano il dibattito alle semplici accise. A incidere è soprattutto la quotazione Platts, che viene decisa dalle compagnie in base al valore effettivo dei prodotti raffinati in un determinato momento.
di Giovambattista Palumbo*
prezzi della benzina
città
Futuro

La città nell’orizzonte della rivoluzione digitale

Le città raccontano chi siamo e che futuro vogliamo costruire: la rigenerazione urbana può essere la chiave per riconquistare gli spazi sottratti dalla pandemia, e costruire un universale urbano aperto al libero attraversamento di popoli ed etnie per una società sempre più fatta di migrazioni.
di Massimiliano Cannata
città
RAEE
Tecnologia

RAEE, rifiuti elettronici: un tesoro nascosto

I RAEE, i Rifiuti di apparecchiature elettriche ed elettroniche, vanno trattati in maniera del tutto speciale e secondo determinate modalità presso le isole ecologiche. Otto italiani su dieci dichiarano di possederne almeno uno, ma dal loro corretto smaltimenti si trarrebbe un significativo beneficio economico.
di Ilaria Tirelli
RAEE
imprese e sviluppo sostenibile
Futuro

Imprese e Sviluppo sostenibile, sempre più complesso il quadro delle nuove regole europee

Il 28 novembre 2022 il Consiglio Europeo ha approvato in via definitiva il testo della nuova direttiva sulla comunicazione delle imprese in...
di Fabrizio Zucca*
imprese e sviluppo sostenibile
Comunità Energetiche Rinnovabili
Italia Domani

Comunità energetiche rinnovabili: dal Pnrr nuovi modelli di crescita

Il doppio filo che lega Agenda 2030 e il PNRR si sta ulteriormente rafforzando attraverso la messa a punto di strumenti che...
di Claudia Bugno*
Comunità Energetiche Rinnovabili