Vince la “coppia di donne ”

I Tg di lunedì 20 giugno – Gli esiti dei ballottaggi di ieri, con la chiara vittoria delle candidate M5S Raggi e Appendino a Roma e Torino, assorbono, com’è naturale, la quasi interezza di tutte le edizioni; la vittoria di misura di Sala a Milano, le destre che rivendicano quella “su Renzi” ai punti, l’esultanza di Grillo e le amareggiate ma composte riflessioni del premier sul voto, ottengono ovunque titoli e servizi. Ma al di là della cronaca dei “festeggiamenti”, che sui Tg Mediaset (copertina per un Tg5 alquanto “grillino”) è contrappuntata dal commento di molti esponenti della destra secondo i quali “il Pd ha, comunque, perso più” di loro (Studio Aperto e Tg5), la serata dell’informazione ha prodotto valutazioni in larga parte condivise. “Due donne”, “due giovani”: la vittoria di Virginia Raggi e Chiara Appendino, entrambe prime sindache donna delle loro città, viene inquadrata da tutti, mentre su Tg4 e Tg3 segue una riflessione più compiuta, con Cecchi Paone che dedica la seconda parte del Tg ad un rapporto tra donne ed il potere in Italia e nel mondo. Anche Mentana parla di una “coppia di donne” che ha assicurato a M5S la mano decisiva nella partita delle amministrative. Per una riflessione più generale sugli esiti del voto ed i futuri flussi elettorali, bisogna guardare al Tg1 ed a Tg5; il primo ospita Antonio Polito, mentre l’ammiraglia Mediaset raccoglie i contributi di Verderami del Corriere, Folli di Repubblica , Feltri de la Stampa e Cerasa del Foglio. Su tutte le testate rimandi al direttivo del 24 al Nazareno, mentre le tensioni interne alla destra sulla leadership e la bussola della coalizione sono ben presenti su Tg La7 e le testate Rai.

Le tensioni sulla brexit con il rimbalzo delle borse a tre giorni dal voto nel Regno Unito, ottengono titoli su Tg1, Tg5 e TgLa7, con Mentana che a commento della scheda referendaria britannica si domanda, con un certo rammarico, perché le nostre schede debbano essere tanto più complicate.

La Giornata Mondiale del rifugiato, con i numeri degli oltre 65 milioni di profughi nel mondo, di cui più della metà minorenni, raccoglie titoli su quasi tutte le testate ma, in concreto, solamente Tg3 si spende in un servizio che ci permette di connetterci con questo dramma dell’umanità. Sula situazione dei rifugiati in Italia nessuna testata spende una parola.

Segnaliamo in chiusura come, anche in una giornata piena come questa, la cronaca criminale abbia registrato numerosi titoli e servizi sulle testate Mediaset.

Luca Baldazzi

Ultime notizie
Istruzione

La conoscenza è il più grande fattore moltiplicatore di sviluppo e di salvaguardia della democrazia. La riflessione di Antonio Uricchio, Presidente dell’Anvur

Il sistema educativo deve interpretare i cambiamenti e dare risposte Molto spesso vengono individuati gli asset i driver dello sviluppo e si tende...
di Antonio Uricchio
zes unica
Infrastrutture

La Zes Unica ha senso solo con una rete infrastrutturale a supporto. L’intervento di Marco Rettighieri, Presidente di Webuild Italia

Parlare di Zes Unica del Mediterraneo ha senso solo se si affronta il discorso delle reti infrastrutturali italiane, ad oggi carenti nello smerciare i container in arrivo nei porti, che tardano anche 15 giorni prima di arrivare a destinazione. La riflessione di Marco Rettighieri.
di MARCO RETTIGHIERI*
zes unica
mediterraneo
Italia

Zes Unica del Mediterraneo, rivalutare il potere del mare

Con la Zes Unica del Mediterraneo l’Italia deve aspirare al recupero di un maggior peso e centralità nell’area, che da troppo tempo è fuori dall’agenda politica nazionale. Il Mediterraneo deve diventare un obiettivo principale, in grado di superare anche la questione del Mezzogiorno.
di Salvatore Napolitano*
mediterraneo
dop
Made in Italy

DOP Economy 4.0, la tecnologia al servizio della tracciabilità

Il mercato delle IG vale in Europa 74,8 miliardi di euro, e un prodotto IG su quattro è italiano. Per valorizzare questa ricchezza bisogna puntare su un futuro tecnologico per i marchi DOP e IG, prodotti di punta del Made in Italy, e a una Agricoltura 4.0 basata su trasparenza e tracciabilità.
di chiara bartoli
dop
caselli
Recensioni

La storia d’Italia in dieci date nel libro-memoir di Gian Carlo Caselli

Gian Carlo Caselli, uno dei Pm più in vista della storia recente d’Italia, racconta il nostro Paese nel libro-memoire “Giorni memorabili che hanno cambiato l'Italia” attraverso le inchieste che lo hanno visto coinvolto da protagonista, dieci date per dieci snodi giudiziari che hanno segnato gli eventi degli ultimi decenni.
di cecilia sgherza
caselli
zes unica
Mezzogiorno

Zes Unica del Mediterraneo, una sfida per sviluppo e sicurezza dell’area

La Zes Unica del Mediterraneo è stata al centro del dibattito organizzato dall’Istituto Eurispes, che ne ha analizzato i fattori socio-economici, logistici e geopolitici. La Zes Unica diviene strategica in un contesto geopolitico di grandi cambiamenti e incertezze, come strumento utile a garantire sicurezza e sviluppo.
di redazione
zes unica
scuola italiana
Intervista

La Scuola sia baluardo di conoscenza, tolleranza e spirito critico: intervista a Paolo Pagliaro

L’istruzione in Italia è una roccaforte di valori come la conoscenza, il senso critico, la tolleranza, eppure rischia un declino simile a quello della Sanità pubblica. Sfide e opportunità per il futuro della Scuola italiana, nell’intervista a Paolo Pagliaro, Direttore agenzia giornalistica 9Colonne e autore televisivo.
di redazione
scuola italiana
isole
Osservatori

Nascita geologica e nascita giuridica delle isole: intervista a Niki Aloupi

La nascita geologica di un’isola non corrisponde necessariamente alla sua nascita giuridica: lo chiarisce ampiamente Niki Aloupi, docente di Diritto internazionale pubblico all’Università di Parigi- Panthéon-Assas, esperta di Diritto del mare, che offre una panoramica sulla situazione giuridica internazionale delle isole.
di redazione
isole
social
Società

È guerra totale contro la “trappola dei Social”

Le autorità statunitensi hanno cominciato a porsi domande sulla tutela dei minori rispetto all’utilizzo dei Social network. Un uso che, secondo una serie di studi condotti, è relazionato al peggioramento della salute mentale di adolescenti e ragazzi.
di cecilia sgherza
social
apprendimento
Istruzione

La vera inclusione scolastica è garantire buoni livelli di apprendimento per tutti

La Scuola italiana ha bisogno di una riflessione pedagogica e strutturale, e di formulare un’offerta formativa equa basata sull’apprendimento di livello per tutti. Intervista a Roberto Ricci, presidente Invalsi, che commenta i dati emersi dal Secondo Rapporto dell’Eurispes su Scuola e Università.
di Roberto Ricci*
apprendimento