Vince la “coppia di donne ”

I Tg di lunedì 20 giugno – Gli esiti dei ballottaggi di ieri, con la chiara vittoria delle candidate M5S Raggi e Appendino a Roma e Torino, assorbono, com’è naturale, la quasi interezza di tutte le edizioni; la vittoria di misura di Sala a Milano, le destre che rivendicano quella “su Renzi” ai punti, l’esultanza di Grillo e le amareggiate ma composte riflessioni del premier sul voto, ottengono ovunque titoli e servizi. Ma al di là della cronaca dei “festeggiamenti”, che sui Tg Mediaset (copertina per un Tg5 alquanto “grillino”) è contrappuntata dal commento di molti esponenti della destra secondo i quali “il Pd ha, comunque, perso più” di loro (Studio Aperto e Tg5), la serata dell’informazione ha prodotto valutazioni in larga parte condivise. “Due donne”, “due giovani”: la vittoria di Virginia Raggi e Chiara Appendino, entrambe prime sindache donna delle loro città, viene inquadrata da tutti, mentre su Tg4 e Tg3 segue una riflessione più compiuta, con Cecchi Paone che dedica la seconda parte del Tg ad un rapporto tra donne ed il potere in Italia e nel mondo. Anche Mentana parla di una “coppia di donne” che ha assicurato a M5S la mano decisiva nella partita delle amministrative. Per una riflessione più generale sugli esiti del voto ed i futuri flussi elettorali, bisogna guardare al Tg1 ed a Tg5; il primo ospita Antonio Polito, mentre l’ammiraglia Mediaset raccoglie i contributi di Verderami del Corriere, Folli di Repubblica , Feltri de la Stampa e Cerasa del Foglio. Su tutte le testate rimandi al direttivo del 24 al Nazareno, mentre le tensioni interne alla destra sulla leadership e la bussola della coalizione sono ben presenti su Tg La7 e le testate Rai.

Le tensioni sulla brexit con il rimbalzo delle borse a tre giorni dal voto nel Regno Unito, ottengono titoli su Tg1, Tg5 e TgLa7, con Mentana che a commento della scheda referendaria britannica si domanda, con un certo rammarico, perché le nostre schede debbano essere tanto più complicate.

La Giornata Mondiale del rifugiato, con i numeri degli oltre 65 milioni di profughi nel mondo, di cui più della metà minorenni, raccoglie titoli su quasi tutte le testate ma, in concreto, solamente Tg3 si spende in un servizio che ci permette di connetterci con questo dramma dell’umanità. Sula situazione dei rifugiati in Italia nessuna testata spende una parola.

Segnaliamo in chiusura come, anche in una giornata piena come questa, la cronaca criminale abbia registrato numerosi titoli e servizi sulle testate Mediaset.

Luca Baldazzi

Ultime notizie
Economia

PNRR: un modello più snello di governance per l’Italia

Le sfide poste dal PNRR potrebbero segnare una svolta storica nell’accelerazione delle nuove politiche di sviluppo, come quelle relative alle transizioni verde...
di Claudia Bugno*
vaccino
Diritto

Obbligo vaccinale o sospensione, arriva la sentenza per i sanitari no-vax

Vaccino anti-Covid o sospensione nella impossibilità di essere ricollocati ad altra mansione che non comporti pericolo di contagio: la sentenza del Consiglio di Stato chiarisce la posizione legale nei confronti dei professionisti sanitari no-vax.
di Vincenzo Macrì
vaccino
giochi pubblici
Osservatori

Giochi pubblici: “L’irresistibile convenienza della legalità”

Giochi pubblici, la tutela sostanziale della legalità non è affare solo dello Stato. Oltre alla chiarezza normativa, è necessaria partecipazione attiva dei concessionari e delle associazioni di categoria, quali soggetti danneggiati dal reato, ai procedimenti penali contro i gestori del gioco illegale e al fianco dell’Avvocatura dello Stato.
di Chiara Sambaldi e Andrea Strata*
giochi pubblici
Fisco

Un fisco “predittivo” per facilitare la lotta all’evasione fiscale

La lotta all’evasione fiscale si fa anche grazie all’utilizzo di software predittivi, sulla base dei quali programmare le verifiche a “colpo sicuro”. La Guardia di Finanza guarda al futuro e investirà in tale direzione 32 milioni di euro su big data e cybersicurezza.
di Giovambattista Palumbo*
esame di stato
Istruzione

Generazioni sotto esame. Dalla maturità all’esame di Stato, che ne sarà della prova scritta?

L’esame di Stato, un tempo esame di maturità, continua a far discutere ministri dell’Istruzione e studenti su quale sia la formula migliore. Una formula che è cambiata negli anni, fino ad arrivare alla richiesta odierna di abolire la prova scritta fatta dagli studenti e non ancora smentita dal Ministero.
di Giuseppe Pulina
esame di stato
violenza di genere
Donne

Violenza di genere, omicidi e reati spia in aumento nel 2021

La violenza di genere è aumenta nei primi 11 mesi del 2021, sia per gli omicidi che per i reati spia di tali violenze. Secondo il report del servizio analisi della Polizia Criminale, su un totale di 263 omicidi volontari compiuti in Italia dal primo gennaio ad oggi, 109 hanno riguardato donne.
di redazione
violenza di genere
Economia

Colonialismo digitale, è l’Africa la terra promessa

Quando parliamo di crescita e di aiuti ai paesi dell'Africa omettiamo spesso il tema del colonialismo digitale e degli investimenti massicci dei colossi del tech, come ad esempio Google, per accaparrarsi i nuovi mercati.
di Susanna Fara
Italia Domani

Italia Domani. Il PNRR per il rilancio e la crescita

  La mission del magazine online dell’Istituto Eurispes è quella di raccontare “l’Italia che verrà”. Nasce così l’idea di fornire sulle nostre pagine...
di Claudia Bugno*
europa e africa
Briefing

Europa e Africa, un futuro condiviso oltre “l’inerzia del mondo”

La recente visita di Mattarella in Algeria ha gettato lo sguardo oltre le tradizionali dinamiche europee, evidenziando che Europa e Africa sono due continenti legati da un destino condiviso in economia come nella lotta alla crisi climatica. La crescita economica africana può coinvolgere in primo luogo in nostro Paese, per posizione geografica e per opportunità.
di Amb. Paolo Sannella*
europa e africa
muri di sabbia
Istituzioni

Muri di sabbia, l’ultima frontiera contro le migrazioni dall’Africa

Mentre l’Europa resta a guardare di fronte alle forze di Minsk che usano i profughi come arma politica, in Africa si usano altre forme per bloccare i flussi migratori. Muri di sabbia vengono eretti e ampliati in Marocco, Algeria, Niger, Libia: lo scopo è far sì che i profughi non superino i confini nazionali.
di Marco Omizzolo*
muri di sabbia