M5S – Il banco di prova

I Tg di martedì 21 giugno – La riflessione della politica sul voto dei ballottaggi si ripropone in apertura dei Tg Rai e La7, mentre le testate Mediaset si dedicano maggiormente ai “fatti di giornata”. La serata dell’informazione, che ieri aveva solo abbozzato qualche analisi per inquadrare gli aspetti più significativi di questa tornata elettorale, oggi recupera con alcuni buoni servizi. A tener banco, oltre a Renzi che cerca di chiudere questo (dolente) capitolo in vista del confronto sulle riforme, sono le tensioni interne al centrodestra, con Brunetta che al Tg3 dice che “Salvini sbaglia a voler tentare di lepenizzare il centrodestra”. Spazio anche alle riflessioni sul voto a Torino (Tg La7), Milano (Tg3) e Roma, con Mentana che, avvalendosi di grafici, indica da quali schieramenti la Appendino abbia ottenuto i voti per battere Fassino. Anche Tg4 propone una riflessione sul voto di Torino, che però si risolve in un siparietto satirico sul sindaco uscente che, con qualche difficoltà lo stesso Paone cerca di “moderare”. Agli esordi delle due donne sindache M5S, entrambe in attesa di insediamento, si accompagna su tutti un’ovvia riflessione: l’operato di Virginia Raggi e Chiara Appendino sarà un banco di prova essenziale per il Movimento che vuole diventare partito di governo.

A due giorni dal referendum sulla Brexit, tutte le testate registrano fin dai titoli l’avanzata del fronte europeista, con le borse che brindano ai dati dei più recenti sondaggi. Secondo titolo per Tg2 che illustra le misure comunque predisposte dalla BCE, mentre Tg La7 spiega nel servizio come, checché possano dirne i sondaggi, è lecito prevedere un acceso testa a testa.

Gli arresti nell’ambito di una nuova inchiesta della procura di Roma su di un giro di tangenti per la gestione degli appalti sui campi Rom nel periodo 2013-14, sono in apertura per Tg4 e Tg5, e secondo titolo per Studio Aperto. A fronte di una vicenda che ripropone gli stessi meccanismi svelati da Mafia Capitale, Tg4 osserva come “poco sia cambiato” e raccoglie gli appelli delle comunità rom sul territorio capitolino che rivolgono la loro protesta verso “non lo Stato, ma verso funzionari infedeli”. Anche Tg La7 si occupa della vicenda, ma da un’altra prospettiva osservando come la magistratura ha, in questo caso, “rispettato il silenzio elettorale” sia a Roma che a Torino (dove è avvenuto stamane un blitz contro dei No Tav che ha portato ad 11 arresti) intervenendo ad urne chiuse.

Alti su Tg5 i dati del bilancio dell’operatore della guardia di finanza, che nei primi 5 mesi dell’anno ha scovato oltre 3.300 evasori totali.

Il maxi incidente stradale in Austria che ha visto coinvolti un tir ed un pullman con a bordo decine di pellegrini italiani, scompagina l’apertura di Tg La7, che la dà come prima notizia, mentre gli altri Tg delle 20 ne fanno menzione a metà edizione.

Chiudiamo con un’amara riflessione: se il nuovo caso della bambina uccisa e violentata nel beneventano è stato seguito da tutte le testate salvo Tg La7, la denuncia mossa dal Garante dei Diritti per l’Infanzia della Regione Campania, che ha presentato una ricerca sui molti casi di “violenza sommersa” nel territorio, non ha ottenuto che breve menzione sui Tg Rai ed un accenno da studio per Tg5. Per chiarire, si tratta di gravissime accuse che evidenzierebbero situazioni in alcuni quartieri degradati dove l’“incesto è una normalità”. Solamente Tg4 stasera ha affrontato questa notizia con le dovute cautela intervistando il Garante Cesare Romano, che ipotizza che i 200 casi di “violenza sommersa” da lui monitorati sono probabilmente solo una parte delle migliaia di abusi che avvengono ogni anno in Campania.

Ultime notizie
Last 20
Diritti umani

Last 20*: sono gli ultimi l’altra faccia del nostro Pianeta

“Last 20, gli Ultimi della Terra”, sono i 20 paesi più poveri al mondo, in contrapposizione a quelli del G20. La distanza tra questi due blocchi è abissale, e cresce di anno in anno, alimentata da crisi internazionali e guerre. Ai Last 20 è dedicato un Comitato e un ciclo di incontri.
di Tonino Perna** e Ugo Melchionda***
Last 20
idrogeno
Italia Domani

Idrogeno verde, alleato della decarbonizzazione dei processi industriali in Ue

In Europa e in Italia, i progetti legati all’idrogeno stanno crescendo in ogni ambito e rappresentano una soluzione per decarbonizzare i processi industriali e i comparti economici in cui la riduzione delle emissioni di carbonio è urgente e allo stesso tempo difficile.
di Claudia Bugno*
idrogeno
scuola paritaria
Scuola

Il contributo della scuola paritaria al sistema nazionale di istruzione: numeri, problemi, possibilità

La scuola paritaria in Italia accoglie 817.413 studenti in 12.096 scuole ogni anno, contribuendo al sistema nazionale di istruzione. Eppure, le scuole paritarie sono ancora escluse da sostanziosi finanziamenti e progetti del Ministero, anche quelli previsti dal PNRR.
di Elena Ugolini
scuola paritaria
pace
Attualità

Tempo di uccidere

Nella nostra cara, felice e ricca Europa, nessuno ci credeva. Ma, insomma, si chiedeva la gran massa delle persone, questi si vogliono davvero...
di Luciano Maria Teodori
pace
Laboratorio Europa
Intervista

Laboratorio Europa, alimentare il confronto su Istituzioni europee e sulla necessità di un’Europa sociale. Intervista al Prof. Umberto Triulzi

Laboratorio Europa dell’Eurispes, gli esperti si riuniscono per il primo incontro del 2023, attualmente coordinato dal Prof. Umberto Triulzi, economista, e docente di Politica economica europea, intervistato rispetto ai temi di discussione: Istituzioni europee, integrazione in ambito internazionale, Europa sociale.
di Silvia Muscas
Laboratorio Europa
complottismo
Attualità

Il dubbio e il burattinaio. Complottismo all’italiana

Cronaca e intrigo: anche per l’arresto di Matteo Messina Denaro, non sono mancati sospetti, dubbi, perplessità oltre l’accertamento dei fatti, con il risultato di offuscare il senso di una vittoria importante dello Stato contro la mafia. Il dovere di dubitare è una pratica essenziale nella società democratica, tuttavia bisogna contrastare il rischio dello scetticismo aprioristico e distruttivo.
di Angelo Perrone*
complottismo
editoria
Cultura

Editoria italiana: ricavi, geografia e nuove prospettive

L’editoria italiana ha registrato un calo del 2,8% nel 2022, ma i dati restano favorevoli rispetto al 2019. Crescono lettori e case editrici al Sud, pur restando al di sotto della media nazionale: lettori e case editrici si concentrano al Nord e al Centro, in Lazio e Lombardia ha sede il 38% delle case editrici italiane.
di Roberta Rega
editoria
bilancio energetico
Italia

Bilancio Energetico Nazionale, differenze regionali e potenzialità inespresse

Bilancio energetico nazionale, l’Italia ha un grande potenziale confermato da una quota del 20% di energie rinnovabili sul totale registrato nel 2020. A frenare la transizione ecologica però ci sono burocrazia e regionalismi che rischiano di allungare i tempi di decarbonizzazione dell’economia.
di Ludovico Semerari
bilancio energetico
prezzi della benzina
Fisco

Possibili profili speculativi sull’aumento dei prezzi della benzina e la marginalità delle cause fiscali

L’aumento del prezzo della benzina, di cui si parla molto ultimamente, è determinato da una serie di fattori che non limitano il dibattito alle semplici accise. A incidere è soprattutto la quotazione Platts, che viene decisa dalle compagnie in base al valore effettivo dei prodotti raffinati in un determinato momento.
di Giovambattista Palumbo*
prezzi della benzina
città
Futuro

La città nell’orizzonte della rivoluzione digitale

Le città raccontano chi siamo e che futuro vogliamo costruire: la rigenerazione urbana può essere la chiave per riconquistare gli spazi sottratti dalla pandemia, e costruire un universale urbano aperto al libero attraversamento di popoli ed etnie per una società sempre più fatta di migrazioni.
di Massimiliano Cannata
città