Osservatorio TG

Brexit – “Out is out”

I Tg di mercoledì 22 giugno – La vigilia del voto sulla brexit, con i sondaggi che fanno presagire un testa a testa tra il fronte del sì e quello del no, lascia col fiato sospeso l’Europa e conquista le aperture di tutte le testate maggiori. Il monito del Presidente Juncker, che nega la possibilità di nuove ipotesi di trattativa con il Regno Unito, è ripreso nei titoli dei Tg Rai e Tg5: “Out is out”. Buoni i servizi di Tg1 e Tg2 che offrono dati sui potenziali effetti negativi per l’Eurozona di un’uscita di Londra dall’Unione, mentre Tg3 e Tg La7 ci portano tra le strade di una capitale britannica “in un clima di surreale sospensione” (Tg La7) dove convivono molte realtà multietniche. Diverso l’approccio del Tg5, che nella sua copertina parla di un’“Europa messa sotto esame dal Regno Unito”. Ma il contributo più di “contenuto” alla riflessione su questa storica vigilia arriva dal Tg4, con il direttore Cecchi Paone che, stasera, conduce in diretta proprio da Bruxelles: “Comunque andrà, l’Europa non sarà più la stessa”: questo il giudizio che emerge riflettendo sul “bel sogno” che ha garantito all’Unione 70 anni di pace, così come tante delusioni per chi crede ad un’ Europa “vera” federazione.

Contenuta come nelle scorse giornate, la pagina politica risulta divisa tra i moniti lanciati dalla vecchia guardia del Pd a Renzi, e le risposte di Salvini alle accuse mosse da Bossi (riprese soprattutto su Tg1 e Tg La7); titoli sui Tg Rai, Tg5 e Tg La7. Ampi spazi vanno alla prima giornata di sindaco di Virginia Raggi, condita dalle immancabili avvisaglie di inchieste di cui al momento non si conosce il reale spessore.

La nuova inchiesta sul Cara di Mineo, che vede 6 indagati sospettati di aver “gonfiato” le cifre degli ospiti frodando oltre 1 milione di euro allo Stato, è forse piccola cosa rispetto allo scandalo da cui era partita l’anno scorso una costola di Mafia Capitale, ma ottiene comunque titoli ed ampi servizi tanto sui Tg Rai che su quelli Mediaset e una riflessione da parte di Mentana, che parla dell’ “ennesima vergogna” che colpisce il più grande centro d’accoglienza d’Europa.

La sentenza della Cassazione che ha accolto la richiesta di adozione di una donna nei confronti del figlio della compagna, e che di fatto costituisce un via libera, seppure “caso per caso”, alla stepchild adoption, è secondo titolo per Tg2 ed in scaletta per Tg1 e Tg3. Interessante anche qui il commento di Cecchi Paone che parla di decisione “molto europea”, che toglie le castagne dal fuoco” al Parlamento, incapace di produrre una legge sulle Unioni Civili che contemplasse questa fattispecie.

Le indagini sulla bambina violentata ed uccisa nel beneventano assorbono anche oggi la pagina di cronaca su Mediaset, con titoli sulle tre testate. Sempre per la cronaca, la nuova bufera doping che investe il marciatore Schwazer, in passato squalificato e che stavolta si dice completamente innocente ed estraneo ai fatti, ottiene titoli su tutte le testate.

Segnaliamo in chiusura la denuncia del Tg3 che, di fronte all’aumento nel 2015 di quasi un centinaio di morti sul lavoro, evidenzia un paradossale calo delle denuncie.

Ultime notizie
Economia

Sindacato e cambiamenti globali: quale preparazione hanno i sindacalisti?

I sindacalisti di oggi hanno la preparazione e le competenze adeguate per rappresentare al meglio le esigenze dei lavoratori in questa fase...
di Marco Ricceri*
Internazionale

The task of politics is to be “regulating rooms” between the interests of finance and the society

The belief that the so-called European welfare state was an obstacle to the development of the modern market and that it was...
di Gian Maria Fara*
STATO
Metafore per l'Italia

La politica sia “stanza di regolazione” tra interessi di mercato e corpo sociale

Le esperienze recenti dimostrano che senza il suo sistema di welfare l’Europa non avrebbe retto all’urto delle crisi. Lo Stato e le Istituzioni hanno il compito di regolare ed equilibrare gli interessi del mercato e le esigenze del corpo sociale, non limitarsi all’esercizio di un ruolo esterno di vigili del mercato. Riaffermare tale posizione significa ripartire dalla crisi esistenziale generata dall’incertezza e riequilibrare i divari economici e di genere.
di Gian Maria Fara*
STATO
medicina
Recensioni

Da Ippocrate a Bill Gates, come la tecnologia ha cambiato la medicina

Il futuro della medicina è adesso. Fa il punto sullo stato dell’arte della tecnologia il nuovo libro del giornalista Claudio Barnini: Da Ippocrate a Bill Gates. Come la tecnologia ha cambiato la medicina. 
di redazione
medicina
Ue
Economia

La nuova proposta Ue di direttiva sul bilancio di sostenibilità “Corporate Sustainability Reporting Directive”

All’interno dell’Unione europea il dibattito sulle tematiche della trasparenza è senza dubbio ormai maturo ed esistono già regolamentazioni sulla rendicontazione non finanziaria che le aziende sono tenute ad applicare per essere in regola con gli obiettivi generali di sostenibilità
di Fabrizio Zucca*
Ue
Internazionale

Corruzione e nuove forme di infiltrazione nella Pa e nell’economia

A margine del 30° Forum Economico dell’Europa Centrale e dell’Est (Karpacz, Polonia - 7 al 9 settembre), nel panel dedicato alle prospettive...
di redazione
Gioia Tauro porto
Crescita

Porto di Gioia Tauro, una eccellenza italiana da promuovere

Il porto di Gioia Tauro è una eccellenza che si scontra con un territorio povero di infrastrutture e iniziative che dovrebbero invece contribuire alla creazione di una catena del valore nel territorio, generando ricadute positive sia a livello locale che nazionale.
di Antonio Testi*
Gioia Tauro porto
filosofia
Scuola

Tutti pazzi per la filosofia? La scuola si interroga sull’insegnamento negli istituti tecnici

Da Letizia Moratti all'attuale Bianchi, molti ministri dell'Istruzione si sono interrogati sul ruolo della filosofia e sul suo insegnamento nelle scuole, in particolare degli istituti tecnici. Del resto, nella riforma Gentile del 1929 essa già figurava come spartiacque e fondamento del sapere.
di Giuseppe Pulina
filosofia
Briefing

In Tunisia si gioca una partita ben più ampia

L’importanza della Tunisia La Tunisia in apparenza potrebbe sembrare un paese poco rilevante, ma è quello dove, nell’arco di un decennio, è iniziata,...
di Marco Carnelos*
legalità
Il punto a Mezzogiorno

Non può esistere legalità senza condivisione. Intervista al giudice Antonio Salvati

La legalità non può essere la risposta al timore della sanzione, bensì la condivisione di un precetto secondo Antonio Salvati, giudice del lavoro presso il Tribunale di Reggio Calabria e autore del romanzo Pentcho pubblicato da Castelvecchi editore.
di Maurizio Lovecchio
legalità