19.11 – Scossa continua

I Tg di mercoledì 26 ottobre – La nuova scossa di 5.4 gradi della scala Richter avvertita alle 19.11 in tutta l’Italia centrale, con epicentro nelle stesse aree del drammatico terremoto di due mesi fa, si insinua nelle scalette dei Tg delle 19 e si impone in apertura su quelli delle 20. Vale la pena di segnalare che, una volta tanto, i riflessi dell’informazione mainstream sono stati più che accettabili, grazie anche alle troupes ed agli inviati ancora presenti nelle zone interessate. Alle 20.17 Tg La7 e Tg5 danno in diretta la Protezione Civile che parla di primi morti oltre che feriti e crolli, con il Tg di Mentana che si mostra il più pronto a rientrare più volte sul tema, e che alle 2.28 riprende, per fortuna, la smentita sui morti lanciata dall’Agi.

Il terremoto scaccia dalle aperture il ritorno alla grande della tangentopoli degli appalti, il sistema “amalgama” (Tg2), che oggi ha portato a 30 arresti su iniziativa della procura di Roma e di Genova. Tg1 e Tg3 intervistano Cantone che segnala che i lotti della Salerno Reggio Calabria, della Milano Genova e della Tav , rispetto ai quali le procure ipotizzano malversazioni, non sono stati oggetto dell’attività dell’Anac.

Moscovici che invita a stempera i toni dopo l’invio della lettera UE a Padoan è presente su tutte le testate, ma in quelle delle 20 viene appena inquadrato. Politica praticamente assente, se si esclude Mentana che avrebbe voluto parlare dell’intervento di Mattarella sull’Europa (servizio per i Tg Rai) e di quello di Napolitano sul referendum, ma che praticamente non ci riesce.

L’unico altro tema che riesce ad incunearsi è il day after delle proteste e delle barricate di Goro e Gorino. Come già ieri, le testate Mediaset, e neanche Tg4, non prendono posizione. Il Tg di Rete 4, però, coglie l’occasione per presentare una sequela di “casi” di cattiva accoglienza in tante parti di Italia, dove le speculazioni ed il malaffare hanno più che lambito il business dei profughi. I Tg Rai ed anche La7 danno voce alle donne nigeriane respinte, mentre dalla comunità di Goro (ampiamente ripresa da Mediaset) si tenta qualche giustificazione ed emerge qualche scusa. Sempre sul tema profughi sia Mediaset che i Tg Rai (titoli per Studio Aperto e Tg2) danno spazio ai dati forniti oggi dall’ONU che assommano a circa 3800 le vittime nel Mediterraneo dall’inizio dell’anno.

Tornando al terremoto, per questioni orarie è Tg2 che chiude la giornata dell’informazione per l’ultimo aggiornamento: crolli diffusi, la Salaria interrotta ma nessuno morto e un solo ferito. Ci auguriamo che resti così

Ultime notizie
Italia

Reti europee di trasporto TEN-T: l’Italia penalizzata dalle nuove strategie adottate

Una premessa. Era il lontano 2004 quando l’Unione europea, per impulso di Romano Prodi Presidente della Commissione, immaginò di rafforzare il processo...
di Gianpaolo Basoli, Luca Danese, Marco Ricceri
violenza contro le donne
Donne

Violenza contro le donne, meno vittime ma attenzione ai reati spia

Violenza contro le donne, nel report della Direzione centrale della Polizia criminale allerta sui reati spia e sulle vittime con disabilità. Diminuiscono i casi di femminicidio, -9% rispetto al 2021, ma aumentano le violazioni di allontanamento e i reati di violenza sessuale.
di redazione
violenza contro le donne
stalking
Criminalità e contrasto

Stalking, vittime degli atti persecutori continuano ad essere soprattutto le donne

Lo stalking, ossia gli atti persecutori, è considerato uno dei reati spia, quei delitti che sono indicatori di una violenza di genere. È possibile leggere il fenomeno attraverso gli ultimi dati messi a disposizione dalla Direzione Centrale della Polizia Criminale e le indagini realizzate dall'Eurispes.
di Susanna Fara
stalking
intelligenza artificiale
Tecnologia

Intelligenza artificiale, costi e benefici ambientali della rivoluzione digitale

Intelligenza artificiale e sostenibilità: migliorare l’efficienza energetica dei sistemi è utile al bilancio ambientale, ma non bisogna trascurare gli impatti diretti delle operazioni di calcolo e delle infrastrutture tecnologiche, in termini di consumo energetico e di materie prime.
di Roberta Rega
intelligenza artificiale
scuola
Scuola

La crisi della scuola come laboratorio di eccellenza e inclusione raccontata dal Presidente Roberto Ricci attraverso i dati INVALSI

La scuola italiana descritta dalle prove INVALSI è un sistema affetto da divario territoriale e scarsa attenzione alla crescita degli alunni: un alunno su dieci è in una situazione di fragilità al termine del ciclo di scuola secondaria, con punte vicine al 20% nelle regioni del Mezzogiorno.
di Roberto Ricci*
scuola
sud e coesione
Italia Domani

Sud e coesione territoriale: a che punto siamo?

Sud e coesione territoriale sono tra i punti fondamentali del PNRR. Quasi 20 miliardi di euro sono destinati a politiche di inclusione e coesione, volte a colmare il divario territoriale presente in Italia. Dopo il lavoro svolto dal Ministero del Sud, le modifiche di competenze dei Ministeri volute dal nuovo governo introducono nuovi scenari organizzativi.
di Claudia Bugno*
sud e coesione
Van Gogh
Cultura

Vincent Van Gogh, i colori che hanno influenzato il mondo. La mostra a Roma

La pittura di Vincent Van Gogh è entrata nell’immaginario collettivo, diventando oggetto di venerazione e culto. Una mostra al Palazzo Bonaparte di Roma, in occasione dei 170 anni dalla nascita, esplora il mistero di una fascinazione per il colore che ha conquistato intere generazioni.
di Angelo Perrone
Van Gogh
welfare
Intervista

Le nuove emergenze impongono un ripensamento del welfare e del ruolo dei sindacati. Intervista al Presidente Tiziano Treu

Le nuove emergenze globali impongono un ripensamento di welfare e ruolo dei sindacati per far fronte ad emergenze sociali legate a inflazione e povertà. Il PNRR e l’agenda Draghi hanno segnato una svolta verso coesione e sostenibilità, ma bisogna puntare sull’innovazione. A colloquio con Tiziano Treu Presidente del CNEL.
di Massimiliano Cannata
welfare
questione meridionale
Mezzogiorno

Questione meridionale ancora aperta. Superare il divario tra Nord e Sud centrale per ritrovare unità nazionale

La questione meridionale è stata messa da parte con la Seconda Repubblica, lasciando la centralità alla narrazione politica di un Paese disunito e con opposte rivendicazioni. Ma il Sud resta al centro dello sviluppo del Paese e della sua unità nazionale, e il PNRR deve rappresentare una occasione per colmare il divario.
di Luca Bianchi*
questione meridionale
agroscienze
Agricoltura

L’ascesa dell’agricoltura sostenibile e la crescita del mercato delle agroscienze

Alla ricerca della sostenibilità in agricoltura Il settore agricolo si sta ormai orientando su scala globale verso pratiche sostenibili volte a preservare e...
di Cecilia Fracassa
agroscienze