Comunali – Esistere, resistere, desistere

I Tg di lunedì 12 giugno – I risultati delle comunali 2017 raccolgono le aperture di serata: tre titoli per Tg1 e Tg3, due titoli e copertina per Tg5, e 4 per Tg La7. Il voto porta a risultati evidenti, che l’editorialista Cesara del Foglio riassume sul Tg5 parlando di una destra che “esiste”, una sinistra che “resiste” ed un M5S che “desiste” (Tg4 parla nei titoli di “flop”); se i Mediaset minori “gongolano” del successo della squadra di Casa (“la riscossa del centrodestra”) rilanciando nei titoli l’intervento di Berlusconi (e Toti e Salvini nei servizi), Tg3 segnala in un servizio come la pacificazione tra FI e Lega è ancora lontana e dovrà passare per la legge elettorale. Interessante l’analisi dell’editorialista Folli di Repubblica, per il quale nonostante la sconfitta di M5S siamo lontani da un ritorno al bipolarismo. Tg La7 parla di un Pd che “recita” la parte del vincitore ma che va al ballottaggio da perdente in molti comuni, e che perde il sostegno di Orlando. La ribattuta di Grillo che parla di una “crescita lenta ma costante” del Movimento viene ripresa all’interno dei servizi di tutti, ma solo Tg La7 vi dedica un titolo, palesando che, comunque la si voglia vedere, si è trattato di un risultato deludente. Tra i tanti vincitori e vinti, segnaliamo poi l’attenzione diffusa alla sconfitta della sindaca Nicolini di Lampedusa. Se menzione ne fanno tutte le testate, con servizio specifico in chiave critica su Tg4, è Tg2 che dedica un titolo ed un lungo servizio alla sconfitta di una donna che, in questi anni di crisi migratoria, ha mostrato il volto migliore dell’Italia se non della stessa Unione.

Spazio ridotto, salvo su Tg1 e Tg La7, alle altre notizie di politica, con l’intervento in mattinata di Gentiloni a Berlino (titolo Tg1) nell’ambito della conferenza del G20 sull’Africa. Spazio ridotto sui Tg Rai anche all’intervento del Presidente Mattarella al Coni, prima visita di questo genere da parte di un Capo dello Stato. I risultati del G7 sull’ambiente di Bologna restano lontani dai titoli, con Tg1 che parla di “accordi con postilla” mentre Tg5 rimarca le ritrosie americane, che comunque non rovesciano il tavolo.

Le proteste contro la corruzione in Russia che hanno portato ad oltre 700 arresti tra cui nuovamente il leader dell’opposizione Navalny (fermato apparentemente mentre usciva di casa) sono nei titoli per 5 Tg e su tutti da metà edizione. Al clamoroso successo elettorale di En Marche alle legislative francesi, con Macron, che ottiene oltre 400 deputati all’assemblea nazionale vanno servizi per i Tg delle 20, con LA7 che fin dai titoli parla di Valanga”, mentre Tg5 vi pone a contrasto l’immagine della premier inglese May che faticherebbe a costituire un governo.

Le previsioni del FMI che vedono fortemente in positivo la crescita del nostro Paese (da 0,8 a 1,3% per il 2017) figurano da metà edizione sui Tg Rai e quelli delle 20.

Il nuovo clamoroso caso di mala sanità al San Paolo di Napoli dove una paziente è stata trovata abbandonata su di un letto infestato da formiche figura nei servizi per tutti (titolo per i Mediaset Minori). Attenzione maggiore va però su tutte le testate al processo a Fabrizio Corona, condannato dal tribunale di Milano ad 1 anno per sottrazione fraudolenta, presente sin dai titoli sui Mediaset e Tg1. Di un’altra condanna, quella dello storico conduttore di Tg4 Emilio Fede a tre anni per concorso in bancarotta fraudolenta, fanno menzione solamente le testate Rai.

Segnaliamo in chiusura come nella Giornata Mondiale dedicata al contrasto del lavoro minorile solamente Tg3 dedica una scheda al fenomeno, sia nel mondo che in Italia.

Ultime notizie
Last 20
Diritti umani

Last 20*: sono gli ultimi l’altra faccia del nostro Pianeta

“Last 20, gli Ultimi della Terra”, sono i 20 paesi più poveri al mondo, in contrapposizione a quelli del G20. La distanza tra questi due blocchi è abissale, e cresce di anno in anno, alimentata da crisi internazionali e guerre. Ai Last 20 è dedicato un Comitato e un ciclo di incontri.
di Tonino Perna** e Ugo Melchionda***
Last 20
idrogeno
Italia Domani

Idrogeno verde, alleato della decarbonizzazione dei processi industriali in Ue

In Europa e in Italia, i progetti legati all’idrogeno stanno crescendo in ogni ambito e rappresentano una soluzione per decarbonizzare i processi industriali e i comparti economici in cui la riduzione delle emissioni di carbonio è urgente e allo stesso tempo difficile.
di Claudia Bugno*
idrogeno
scuola paritaria
Scuola

Il contributo della scuola paritaria al sistema nazionale di istruzione: numeri, problemi, possibilità

La scuola paritaria in Italia accoglie 817.413 studenti in 12.096 scuole ogni anno, contribuendo al sistema nazionale di istruzione. Eppure, le scuole paritarie sono ancora escluse da sostanziosi finanziamenti e progetti del Ministero, anche quelli previsti dal PNRR.
di Elena Ugolini
scuola paritaria
pace
Attualità

Tempo di uccidere

Nella nostra cara, felice e ricca Europa, nessuno ci credeva. Ma, insomma, si chiedeva la gran massa delle persone, questi si vogliono davvero...
di Luciano Maria Teodori
pace
Laboratorio Europa
Intervista

Laboratorio Europa, alimentare il confronto su Istituzioni europee e sulla necessità di un’Europa sociale. Intervista al Prof. Umberto Triulzi

Laboratorio Europa dell’Eurispes, gli esperti si riuniscono per il primo incontro del 2023, attualmente coordinato dal Prof. Umberto Triulzi, economista, e docente di Politica economica europea, intervistato rispetto ai temi di discussione: Istituzioni europee, integrazione in ambito internazionale, Europa sociale.
di Silvia Muscas
Laboratorio Europa
complottismo
Attualità

Il dubbio e il burattinaio. Complottismo all’italiana

Cronaca e intrigo: anche per l’arresto di Matteo Messina Denaro, non sono mancati sospetti, dubbi, perplessità oltre l’accertamento dei fatti, con il risultato di offuscare il senso di una vittoria importante dello Stato contro la mafia. Il dovere di dubitare è una pratica essenziale nella società democratica, tuttavia bisogna contrastare il rischio dello scetticismo aprioristico e distruttivo.
di Angelo Perrone*
complottismo
editoria
Cultura

Editoria italiana: ricavi, geografia e nuove prospettive

L’editoria italiana ha registrato un calo del 2,8% nel 2022, ma i dati restano favorevoli rispetto al 2019. Crescono lettori e case editrici al Sud, pur restando al di sotto della media nazionale: lettori e case editrici si concentrano al Nord e al Centro, in Lazio e Lombardia ha sede il 38% delle case editrici italiane.
di Roberta Rega
editoria
bilancio energetico
Italia

Bilancio Energetico Nazionale, differenze regionali e potenzialità inespresse

Bilancio energetico nazionale, l’Italia ha un grande potenziale confermato da una quota del 20% di energie rinnovabili sul totale registrato nel 2020. A frenare la transizione ecologica però ci sono burocrazia e regionalismi che rischiano di allungare i tempi di decarbonizzazione dell’economia.
di Ludovico Semerari
bilancio energetico
prezzi della benzina
Fisco

Possibili profili speculativi sull’aumento dei prezzi della benzina e la marginalità delle cause fiscali

L’aumento del prezzo della benzina, di cui si parla molto ultimamente, è determinato da una serie di fattori che non limitano il dibattito alle semplici accise. A incidere è soprattutto la quotazione Platts, che viene decisa dalle compagnie in base al valore effettivo dei prodotti raffinati in un determinato momento.
di Giovambattista Palumbo*
prezzi della benzina
città
Futuro

La città nell’orizzonte della rivoluzione digitale

Le città raccontano chi siamo e che futuro vogliamo costruire: la rigenerazione urbana può essere la chiave per riconquistare gli spazi sottratti dalla pandemia, e costruire un universale urbano aperto al libero attraversamento di popoli ed etnie per una società sempre più fatta di migrazioni.
di Massimiliano Cannata
città