L'opinione

Comunali – Esistere, resistere, desistere

111

I Tg di lunedì 12 giugno – I risultati delle comunali 2017 raccolgono le aperture di serata: tre titoli per Tg1 e Tg3, due titoli e copertina per Tg5, e 4 per Tg La7. Il voto porta a risultati evidenti, che l’editorialista Cesara del Foglio riassume sul Tg5 parlando di una destra che “esiste”, una sinistra che “resiste” ed un M5S che “desiste” (Tg4 parla nei titoli di “flop”); se i Mediaset minori “gongolano” del successo della squadra di Casa (“la riscossa del centrodestra”) rilanciando nei titoli l’intervento di Berlusconi (e Toti e Salvini nei servizi), Tg3 segnala in un servizio come la pacificazione tra FI e Lega è ancora lontana e dovrà passare per la legge elettorale. Interessante l’analisi dell’editorialista Folli di Repubblica, per il quale nonostante la sconfitta di M5S siamo lontani da un ritorno al bipolarismo. Tg La7 parla di un Pd che “recita” la parte del vincitore ma che va al ballottaggio da perdente in molti comuni, e che perde il sostegno di Orlando. La ribattuta di Grillo che parla di una “crescita lenta ma costante” del Movimento viene ripresa all’interno dei servizi di tutti, ma solo Tg La7 vi dedica un titolo, palesando che, comunque la si voglia vedere, si è trattato di un risultato deludente. Tra i tanti vincitori e vinti, segnaliamo poi l’attenzione diffusa alla sconfitta della sindaca Nicolini di Lampedusa. Se menzione ne fanno tutte le testate, con servizio specifico in chiave critica su Tg4, è Tg2 che dedica un titolo ed un lungo servizio alla sconfitta di una donna che, in questi anni di crisi migratoria, ha mostrato il volto migliore dell’Italia se non della stessa Unione.

Spazio ridotto, salvo su Tg1 e Tg La7, alle altre notizie di politica, con l’intervento in mattinata di Gentiloni a Berlino (titolo Tg1) nell’ambito della conferenza del G20 sull’Africa. Spazio ridotto sui Tg Rai anche all’intervento del Presidente Mattarella al Coni, prima visita di questo genere da parte di un Capo dello Stato. I risultati del G7 sull’ambiente di Bologna restano lontani dai titoli, con Tg1 che parla di “accordi con postilla” mentre Tg5 rimarca le ritrosie americane, che comunque non rovesciano il tavolo.

Le proteste contro la corruzione in Russia che hanno portato ad oltre 700 arresti tra cui nuovamente il leader dell’opposizione Navalny (fermato apparentemente mentre usciva di casa) sono nei titoli per 5 Tg e su tutti da metà edizione. Al clamoroso successo elettorale di En Marche alle legislative francesi, con Macron, che ottiene oltre 400 deputati all’assemblea nazionale vanno servizi per i Tg delle 20, con LA7 che fin dai titoli parla di Valanga”, mentre Tg5 vi pone a contrasto l’immagine della premier inglese May che faticherebbe a costituire un governo.

Le previsioni del FMI che vedono fortemente in positivo la crescita del nostro Paese (da 0,8 a 1,3% per il 2017) figurano da metà edizione sui Tg Rai e quelli delle 20.

Il nuovo clamoroso caso di mala sanità al San Paolo di Napoli dove una paziente è stata trovata abbandonata su di un letto infestato da formiche figura nei servizi per tutti (titolo per i Mediaset Minori). Attenzione maggiore va però su tutte le testate al processo a Fabrizio Corona, condannato dal tribunale di Milano ad 1 anno per sottrazione fraudolenta, presente sin dai titoli sui Mediaset e Tg1. Di un’altra condanna, quella dello storico conduttore di Tg4 Emilio Fede a tre anni per concorso in bancarotta fraudolenta, fanno menzione solamente le testate Rai.

Segnaliamo in chiusura come nella Giornata Mondiale dedicata al contrasto del lavoro minorile solamente Tg3 dedica una scheda al fenomeno, sia nel mondo che in Italia.

Altre opinioni dell'Autore
Europa

European Parliament elections: Europe seen from Russian

"The European elections are a complex process of rethinking the balance between national and supranational sovereignty". The European views from Russia.
di Elena Alekseenkova
Europa

Europee 2019, l’Europa vista dalla Russia. “Il rafforzamento dei sovranisti è opportunità di dialogo”

"Le elezioni europee sono il riflesso di una tendenza più profonda che si sta sviluppando nell'Ue. Oggi è in corso un complesso processo di ripensamento dell'equilibrio tra sovranità nazionale e sovranazionale". Le europee viste dalla Russia.
di Elena Alekseenkova
Europa

Europee, campagna elettorale tra social e fast politics. “Ma la dimensione rimane nazionale”

I temi della campagna elettorale, il suo linguaggio e le modalità espressive. L'uso dei social e l'affermazione della fast politics. Ne parliamo con Alberto Bitonti, docente di Teoria politica e di Comunicazione politica presso l’Università della Svizzera Italiana.
di Raffaella Saso
Europa

Elezioni europee, sei italiani su dieci affezionati all’Europa

Italiani più “affezionati” all’Europa di quanto si possa immaginare: negli ultimi due anni è, infatti, aumentata di oltre 12 punti la percentuale di coloro che sono convinti che il nostro Paese debba rimanere all’interno dell’Unione. I dati del Rapporto Italia 2019.
di redazione
Criminalità e contrasto

Strage di Capaci, Caselli: “Ancora troppo ingombrante il nesso mafia-politica. Meglio non vedere”

Il 1992 è l’anno del punto più alto di una strategia assassina decisa da Cosa Nostra finalizzata a cancellare per sempre l’azione di quel pool antimafia, ideato da Giovanni Falcone, che aveva cambiato profondamente i metodi investigativi e di conseguenza la capacità di contrasto del fenomeno criminale. Il ricordo di Gian Carlo Caselli.
di Massimiliano Cannata
Cultura

La rivincita del libro. Salone di Torino: il regionalismo al centro del “gioco del mondo”

Al Salone di Torino, la “comunità del libro” ha vinto, celebrando il rito del ritorno alla lettura, insieme al recupero di uno spazio di ascolto, dialogo e confronto.
di Massimiliano Cannata
Europa

Elezioni europee, il 5/26 sarà una data storica?

Domenica 26 maggio voteremo per il rinnovo del Parlamento Europeo. A noi piace sperare che il 5/26 segnerà il punto di partenza di una nuova età di quell’idea di Europa che ha già dimostrato di saperla fare, eccome, la Storia.
di Alberto Mattiacci
Attualità

Video selfie, poi lo schianto. I numeri tragici del “killfie”

Video selfie a 220 km all'ora, poi lo schianto mortale. È l'ultima tragedia “killfie” avvenuta, questa volta, alla guida di un'auto lanciata a tutta velocità sull'asfalto di un'autostrada e documentata da un video postato sui Social. I numeri.
di redazione
Cultura

Serie Tv-mania, delirio dei fan per il “the end” del Il trono di spade

Il delirio dei fan per la conclusione, dopo otto stagioni, de Il Trono di Spade. Raffaella Saso ricostruisce la “serie tv-mania” dagli anni Cinquanta agli ultimi grandi successi.
di Raffaella Saso
Cultura

Il cartoon, l’arte che spiega il mondo ai bambini. Concluso il Festival School in Motion

Si è concluso il Primo Festival Internazionale dell'Animazione Educativa School in Motion, che nasce dall’esigenza di inserire elementi di didattica innvativa all’interno dell’insegnamento, facendo interfacciare animatori professionisti e creativi con il mondo dell’istruzione.
di Valentina Renzopaoli