Osservatorio TG

Cox – Neonazisti, estremisti e segregazionisti

I Tg di venerdì 17 maggio – Chi non viene conquistato dall’orgoglio Azzurro – di cui parleremo più avanti –, è il caso Tg1, Tg3, Tg La7, sceglie di tornare in apertura sull’omicidio della deputata laburista Helen Cox. Oltre a segnalare l’atteggiamento trasversale di tutte le forze politiche britanniche che hanno deciso la sospensione della campagna referendaria anche per la giornata di domani, alcune testate approfondiscono l’identità dell’assassino; uno “spostato”, certo, ma saldamente legato ai movimenti neonazisti e segregazionisti americano e sudafricano.

Tg3 è quello che riporta a galla i numerosi casi in cui il neonazismo negli ultimi anni ha fatto vittime in America come in Europa: Atlanta negli Stati Uniti, Breivik in Norvegia ed oggi in Gran Bretagna. La riflessione che almeno per noi si impone, è che i punti di contatto dei vari estremismi che attaccano la pacifica convivenza, dall’integralismo islamista all’esplosione del razzismo omicida, all’ideologia individualistica che considera “uomo” solo chi è corredato da una colt o da un mitragliatore, hanno molti elementi in comune, anche se si incanalano in solchi apparentemente diversi, se non opposti. Spostando lo sguardo sulle reazioni nel sistema finanziario del Vecchio Continente, l’intuizione se vogliamo “scontata” di Tg La7 di ieri sera torna “in chiaro” su molte testate, dopo aver fatto mostra di sé su tutti i siti di informazione: le borse hanno letto l’omicidio di Helen Cox come un aiuto ai fautori della permanenza della Gran Bretagna nella UE. “Lacrime e cinismo, le borse fanno boom”: questo è il commento nel titolo di Tg4.

Dicevamo dell’orgoglio azzurro, che conquista l’apertura su i tre tg Mediaset ma anche su Tg2, oltre che mezz’ora di spazio su Tg4. Che l’oriundo Eder abbia portato l’Italia agli ottavi dei campionati europei con una giornata d’anticipo fa piacere a tutti. A noi però piace segnalare che Tg1, Tg3 e Tg La7 hanno più correttamente deciso di parlare di calcio nella parte finale delle edizioni.

Una campagna per i ballottaggi mai decollata si spegne nelle ore che precedono il silenzio elettorale. L’unico “condimento” presente sulle testate Rai e più ampliamente su Tg La7 è la scoperta di una mancata comunicazione reddituale della candidata Raggi nella precedente Consigliatura di Roma Capitale. Il Pd attacca e, certo, per le regole M5S il fatto sarebbe grave, ma fra poche ore calerà il silenzio e, con ogni probabilità, i duri scambi di oggi non avranno effetto sull’elettorato.

La pubblicazione sul sito di un giornale americano di un video relativo alla morte di David Rossi tre anni fa sotto la sede centrale di Monti Paschi di Siena permette a Mediaset di riproporre i dubbi relativi al suicidio, che per altro hanno motivato la riapertura della inchiesta. Per i Tg Rai e, soprattutto, Tg La7 i dubbi persistono ma Mentana chiarisce che il video era già in possesso degli inquirenti e “non aggiunge nulla” al giallo della morte del responsabile relazioni esterne di MPS.

Passando agli esteri, Tg La7 dà in diretta la notizia della riconquista da parte delle forze irachene del centro di Falluja. Sempre per gli esteri, Tg4 e Tg La7 segnalano la decisione della Federazione Internazionale di Atletica Leggera di annullare la presenza nei prossimi giochi olimpici della rappresentanza russa per “doping di stato”: un altro elemento di tensione che rimanda ai tempi di quella Guerra Fredda che proprio oggi Renzi a San Pietroburgo ha smentito come realtà e, soprattutto, come prospettiva della diplomazia europea. La trasferta russa dl premier italiano è nei titoli per Tg1, Tg5 e TgLa7 e nei servizi per le altre testate Rai, “Pacta sunt servanda”, ha ribadito Renzi parlando davanti a Putin della crisi ucraina, ma le sanzioni sono un armamentario da superare nel tentativo di recuperare buoni rapporti continentali. Per Mentana una manifestazione di real politik, “condita” dal bottino di affari portati a casa dall’Italia soprattutto nel settore energia.

Chiudiamo segnalando lo spazio dato da Tg1 alla dura presa di posizione di Medici senza Frontiere contro le attuali politiche europee di respingimento e l’accordo tra Ue e Turchia. La grande organizzazione umanitaria non accetterà più ipocriti contributi da quegli stati (quasi tutti) che regalano qualcosa per mondarsi la coscienza dalla voglia matta di tenere lontani i profughi senza se e senza ma.

Ultime notizie
Economia

Sindacato e cambiamenti globali: quale preparazione hanno i sindacalisti?

I sindacalisti di oggi hanno la preparazione e le competenze adeguate per rappresentare al meglio le esigenze dei lavoratori in questa fase...
di Marco Ricceri*
Internazionale

The task of politics is to be “regulating rooms” between the interests of finance and the society

The belief that the so-called European welfare state was an obstacle to the development of the modern market and that it was...
di Gian Maria Fara*
STATO
Metafore per l'Italia

La politica sia “stanza di regolazione” tra interessi di mercato e corpo sociale

Le esperienze recenti dimostrano che senza il suo sistema di welfare l’Europa non avrebbe retto all’urto delle crisi. Lo Stato e le Istituzioni hanno il compito di regolare ed equilibrare gli interessi del mercato e le esigenze del corpo sociale, non limitarsi all’esercizio di un ruolo esterno di vigili del mercato. Riaffermare tale posizione significa ripartire dalla crisi esistenziale generata dall’incertezza e riequilibrare i divari economici e di genere.
di Gian Maria Fara*
STATO
medicina
Recensioni

Da Ippocrate a Bill Gates, come la tecnologia ha cambiato la medicina

Il futuro della medicina è adesso. Fa il punto sullo stato dell’arte della tecnologia il nuovo libro del giornalista Claudio Barnini: Da Ippocrate a Bill Gates. Come la tecnologia ha cambiato la medicina. 
di redazione
medicina
Ue
Economia

La nuova proposta Ue di direttiva sul bilancio di sostenibilità “Corporate Sustainability Reporting Directive”

All’interno dell’Unione europea il dibattito sulle tematiche della trasparenza è senza dubbio ormai maturo ed esistono già regolamentazioni sulla rendicontazione non finanziaria che le aziende sono tenute ad applicare per essere in regola con gli obiettivi generali di sostenibilità
di Fabrizio Zucca*
Ue
Internazionale

Corruzione e nuove forme di infiltrazione nella Pa e nell’economia

A margine del 30° Forum Economico dell’Europa Centrale e dell’Est (Karpacz, Polonia - 7 al 9 settembre), nel panel dedicato alle prospettive...
di redazione
Gioia Tauro porto
Crescita

Porto di Gioia Tauro, una eccellenza italiana da promuovere

Il porto di Gioia Tauro è una eccellenza che si scontra con un territorio povero di infrastrutture e iniziative che dovrebbero invece contribuire alla creazione di una catena del valore nel territorio, generando ricadute positive sia a livello locale che nazionale.
di Antonio Testi*
Gioia Tauro porto
filosofia
Scuola

Tutti pazzi per la filosofia? La scuola si interroga sull’insegnamento negli istituti tecnici

Da Letizia Moratti all'attuale Bianchi, molti ministri dell'Istruzione si sono interrogati sul ruolo della filosofia e sul suo insegnamento nelle scuole, in particolare degli istituti tecnici. Del resto, nella riforma Gentile del 1929 essa già figurava come spartiacque e fondamento del sapere.
di Giuseppe Pulina
filosofia
Briefing

In Tunisia si gioca una partita ben più ampia

L’importanza della Tunisia La Tunisia in apparenza potrebbe sembrare un paese poco rilevante, ma è quello dove, nell’arco di un decennio, è iniziata,...
di Marco Carnelos*
legalità
Il punto a Mezzogiorno

Non può esistere legalità senza condivisione. Intervista al giudice Antonio Salvati

La legalità non può essere la risposta al timore della sanzione, bensì la condivisione di un precetto secondo Antonio Salvati, giudice del lavoro presso il Tribunale di Reggio Calabria e autore del romanzo Pentcho pubblicato da Castelvecchi editore.
di Maurizio Lovecchio
legalità