Notice: Undefined offset: 1 in /home/awfdywmb/public_html/wp-content/themes/Newspaper-child/loop-single.php on line 27

Notice: Trying to get property 'cat_name' of non-object in /home/awfdywmb/public_html/wp-content/themes/Newspaper-child/loop-single.php on line 27
Osservatorio TG

Europa? Armiamoci e partite

I Tg di giovedì 23 aprile – Le scuse di Obama per l’uccisone a gennaio del cooperante italiano durante un attacco ai confini tra Pakistan e Afghanistan campeggiano in apertura su tutte le testate. Giovanni Lo Porto, ragazzo siciliano di 39 anni, era stato sequestrato nel gennaio 2012 da Al Qaeda; il gruppo terroristico aveva rapito anche un cittadino tedesco, liberato dopo 2 anni, ed un contractor americano rimasto ucciso anche lui sotto il bombardamento dei droni Usa. Obama nelle comunicazioni ufficiali ha fatto chiaramente riferimento ad un errore in un’azione anti terrorismo probabilmente non autorizzata, oltre che mal concepita (questo almeno ipotizza Tg2). Sempre Tg2 e con maggior forza TgLa7 (con un titolo) riportano i malumori in quasi tutti gli ambienti politici per il fatto che la notizia dell’attacco scriteriato e omicida avvenuto a gennaio sia stata comunicata a Renzi dagli alleati americani solo ieri. Da qui alla richiesta Cinque Stelle di dimissioni del premier italiano, comunque ce ne passa. Ma, si sa: la politica italiana è malata di settarismo e anche il senso della realtà è spesso latitante.
A piene mani vengono profusi un po’ da tutti servizi e immagini sui gironi infernali che i migranti sono costretti a percorrere dalle regioni dell’Africa centrale e dal Medio Oriente per arrivare a giocarsi la vita sui barconi. Quantomeno c’è da apprezzare che i anche sui “soliti noti” – leggi Mediaset – i disperati non vengono più “automaticamente” assimilati ai terroristi. Le telecamere sono puntate anche su Bruxelles dove mentre scriviamo è ancora in corso il vertice Ue richiesto dall’Italia. Malgrado la presenza di numerosi corrispondenti, al momento poco si sa. Sembra che sia stato “concesso” un sostanzioso aumento dello stanziamento per Triton (triplicato), ma sul farsi carico della distribuzione dei richiedenti asilo l’accordo sembra non esserci. Di sicuro Cameron ha negato la disponibilità del Regno Unito: viva la faccia tosta!. Per Enrico Mentana – che non teme concorrenza semplicemente perché nessuno prova a fargliela – le cose al Consiglio d’ Europa stanno andando maluccio, e questo “sarebbe veramente grave”.
I dati sui circa 90 mila contratti di lavoro in più nel mese di marzo sono certamente provvisori e controvertibili, ma allo stesso tempo va detto che non possono essere messi sotto il tappeto. Per Camusso sarebbero invece frutto del lavoro di un “ufficio stampa e propaganda” pagato dal governo. Ancora una volta il simpatico scambio è fortemente presente su Tg2 e TgLa7.
La lunga corsa verso l’imbuto dell’Italicum – “luogo” per eccellenza delle contraddizioni dell’attualità politica – è,appunto, ancora lunga, e i Tg rifiatano parlandone poco, dopo le indigestioni delle scorse serate.
Se ieri l’informazione aveva in sostanza descritto il divorzio breve come un frutto più che maturo colto dal Parlamento e servito con un certo ritardo agli italiani, oggi vengono a galla le critiche, tutte d’area cattolica. Il Direttore de L’Avvenire Tarquini si fa interprete ufficiale dei dubbi e delle contrarietà comparendo nei servizi di Tg5 e TgLa7.
Il “Marina Berlusconi o pensiero” sul governo in carica è “casualmente” presente in fotocopia sulle 3 testate Mediaset, e riassumibile nella battuta: un governo di parole, che non mantiene la parola. Comunque l’imprenditrice a capo della Mondadori è, per statuto, ottimista.
Chiudiamo segnalando il bel servizio di Tg2 sulle barriere architettoniche, questa volta ambientato a Napoli. Bello perché fa risaltare il contrasto, tutto partenopeo, tra l’inadeguatezza delle strutture e la travolgente attenzione e solidarietà verso il disabile (protagonista del servizio); umanità e solidarietà che da sempre germogliano sotto il Vesuvio.

Alberto Baldazzi

Dati auditel dei Tg di mercoledì 22 aprile 2015

Tg1 – ore 13:30 3.696.000, 23,32% ore 20:00 5.519.000, 24,62%.
Tg2 – ore 13:00 2.546.000, 17,45% ore 20:30 2.015.000, 7,82%.
Tg3 – ore 14:30 1.518.000, 10,13% ore 19:00 1.478.000, 10,16%.
Tg5 – ore 13:00 3.034.000, 20,61% ore 20:00 4.248.000, 19,42%.
Studio Aperto – ore 12:25 1.797.000, 15,58% ore 18:30 604.000, 5,52%.
Tg4 – ore 11:30 438.000, 7,34% ore 18:55 701.000, 5,08%.
Tg La7 – ore 13:30 620.000, 3,90% ore 20:00 1.214.000, 5,38%.

Fonte:www.tvblog.it

Ultime notizie
last20
Mondo

Oltre il G20: The Last20, il mondo visto dagli ultimi

The Last20 è l’iniziativa nata per portare in primo piano storie e testimonianze dai paesi collocati agli ultimi posti nel mondo per ricchezza e prestigio, in contrapposizione alla egemonia economica e politica dei Grandi del G20.
di Tonino Perna e Ugo Melchionda
last20
loot box
Economia

Loot box e gacha games: intrattenimento o gioco d’azzardo?

Loot box e gacha games sono due forme di intrattenimento virtuale e di profitto ancora non regolamentate in ambito fiscale. Utilizzate soprattutto dai giovanissimi nei giochi online, determinano una serie di microtransazioni il cui premio, o risultato, è sconosciuto, e dunque possono rientrare nel gioco d’azzardo.
di Giovambattista Palumbo*
loot box
giustizia riparativa
Giustizia

La giustizia che ripara. Nascono anche in Italia le prime città riparative

La giustizia riparativa mira a ricostruire lo strappo che un reato genera all’interno della collettività, mettendo in comunicazione e collaborazione vittima e autore del reato. A tale scopo sono nate anche in Italia delle città-laboratorio, come nel caso di Tempio Pausania, in Sardegna.
di Giuseppe Pulina
giustizia riparativa
ismea
Agricoltura

Proteggere i redditi agricoli da crisi ed eventi climatici: intervista a Camillo Zaccarini Bonelli, ISMEA

Camillo Zaccarini Bonelli, agronomo esperto di fondi comunitari in agricoltura e politica agricola comunitaria, descrive le soluzioni emerse recentemente per la gestione dei rischi in agricoltura, settore sempre più minacciato da eventi climatici estremi e crisi internazionali.
di Andrea Strata
ismea
gioco
Gioco

Giochi: rischio illegalità all’attenzione delle Regioni

Nei dati forniti dal Comitato per la prevenzione e la repressione del gioco illegale, nel periodo 2020-2021 sono state scoperte 250 sale illegali in pochi mesi, chiuse 100 bische e sequestrate 2 mila slot. Serve indagare le cause di un fenomeno in crescita, nonché sottrarre spazi alle attività illegali.
di Chiara Sambaldi e Andrea Strata
gioco
pnrr
Economia

Pnrr, raggiunti tutti gli obiettivi del primo semestre 2022

Pnrr, il nostro Paese ha raggiunto tutti i target del primo semestre 2022 stabiliti dalla Commissione Europea: 45 interventi, di cui 15 Riforme e 30 Investimenti. Il Mef ha poi inviato la richiesta di pagamento della relativa tranche alla Commissione per un totale di 21 miliardi di euro.
di Claudia Bugno*
pnrr
algoritmo antievasione
Fisco

Un algoritmo antievasione aiuterà l’azione di Agenzia delle Entrate e Guardia di Finanza

Si chiama VeRa l’algoritmo antievasione in grado di incrociare e confrontare i dati dei contribuenti per evidenziarne le irregolarità. Sarà un valido contributo alla lotta all’evasione fiscale per Guardia di Finanza e Agenzia delle Entrate, che avranno accesso ai database nel rispetto delle indicazioni del Garante della Privacy.
di Giovambattista Palumbo*
algoritmo antievasione
AFCTA
Economia

AfCTA un anno dopo: il continente africano guarda al modello Ue per il libero mercato

L’AfCTA è un accordo commerciale firmato e ratificato dalla maggior parte dei paesi africani che prevede tra gli Stati firmatari l’abbattimento dei dazi doganali e la semplificazione degli aspetti burocratico-amministrativi al fine di implementare la libera circolazione delle merci nel continente.
di ODDI EMANUELE
AFCTA
REPowerEU
Economia

REPowerEU, la transizione energetica nel nuovo scenario emergenziale

Il Piano REPowerEU è stato messo a punto dalla Commissione Europea per garantire la sicurezza energetica in Ue, accelerando al contempo la transizione verde delle fonti di energia. Il cambio di marcia è legato alla nuova emergenza energetica causata dal conflitto in Ucraina.
di Claudia Bugno*
REPowerEU
corporate warfare
Economia

Corporate Warfare: un fenomeno sottotraccia con riflessi importanti sulla collettività

La Corporate Warfare, ovvero la guerra aziendale compiuta con ogni mezzo e con le più moderne tecnologie, minaccia le sorti di imprese e settori economici, pubblici e privati, con riflessi sull’intera collettività.
di Alfonso M. Balotta
corporate warfare