L'opinione

Immigrati: l’Europa ci ripensa?

99
europa

I Tg di mercoledì 22 aprile – In attesa delle decisioni di domani al Consiglio d’Europa, buona parte delle diverse edizioni è inevitabilmente incentrata sui salvataggi di giornata e sui 10 punti di cui si vocifera e che caratterizzerebbero il risveglio della Bella Addormentata, finalmente scossa dalle immagini delle ultime tragedie del mare. Quasi tutti fin dai titoli riprendono gli interventi odierni di Renzi alla Camera e al Senato, ma anche il suo editoriale sul New York Times in cui si segnalano i rischi di infiltrazioni tra i profughi. Renzi non parla di possibili terroristi, ma comunque di persone legate al business dei trafficanti di carne umana. I Tg Mediaset ne approfittano comunque per titolare su questa presunta“apertura” alle posizioni espresse da settimane dalla stampa e dagli ambienti di destra. Le critiche della Cei sull’ipotesi della distruzione dei barconi sono presenti con più o meno rilievo su tutti. Una cosa è certa: le decisioni europee sono complesse e l’errore maggiore sarebbe quello di immaginare una bacchetta magica che risolva il tutto, ripulisca le coscienze da anni di cinico disimpegno e, possibilmente, rimetta sotto il tappeto le condizioni inumane che costringono a fughe e migrazioni epocali. Rafforzamento di Triton, operazioni mirate contro gli schiavisti, costruzione di campi nei paesi confinanti con la Libia e più solidale ed equa distribuzione dei richiedenti asilo nei 28 paesi europei: queste le carte con cui Renzi parte per Bruxelles, e non è detto che tutte risultino sufficienti o vincenti. Buoni i servizi delle testate Rai dai lager in cui vengono ammassati i profughi in territorio libico, così come quelli che raccolgono le testimonianze degli scampati dai più recenti naufragi. Tg4 e TgLa7 danno spazio al clamore che ha suscitato sul web un post di Gianni Morandi che invitava alla solidarietà con i disperati dell’Africa e del Medio Oriente. Risultato? Circa la metà dei 14 mila commenti sono risultati critici, cinici razzisti. Per TgLa7 un segnale d’allarme; per Tg4 fieno da mettere in cascina.
Ma se la politica, italiana ed europea, sull’onda degli ultimi drammi dell’immigrazione sembra essere sul punto di avere un sussulto, quella interna ha dato il peggio di sé nelle Aule parlamentari. Le polemiche e gli attacchi scatenati da Lega e Cinque Stelle “con la scusa” della risposta agli scafisti e all’immigrazione incontrollata, definita da Renzi “sciacallaggio” ed ampiamente riprese da tutti i Tg, non merita altri commenti. Da segnalare l’appoggio di Forza Italia alla mozione di maggioranza che ha approvato quanto esposto da Renzi in vista del Consiglio europeo di domani.
Per la politica interna, se si esclude qualche riferimento ai nuovi dati sulla produzione e le conseguenti affermazioni rassicuranti di Padoan, tutto è ancora incentrato sull’Italicum e sulla guerra interna al Pd. Il licenziamento da parte della Commissione Affari Costituzionali della Camera (orfana dei dissidenti Pd e disertata dalle opposizioni) del testo per l’Aula prelude ad una battaglia che la prossima settimana vedrà il governo in un angolo a difendere un provvedimento che a noi non piace ma che al Senato è stato votato anche da Forza Italia. E’ surreale quanto consueto scoprire che la guest star di serata per i Tg è un Brunetta, scatenato e barricadiero, contro una legge che “mina gli equilibri democratici”.
Dai prossimi giorni, con la pubblicazione sulla Gazzetta Ufficiale, sarà finalmente “in onda” il divorzio breve, a 41 anni dalla storica entrata in vigore della legge Fortuna-Baslini. Per i Tg è una sorta di festa, e questo testimonia che, malgrado tutto, il Paese si muove.
Concludiamo segnalando un buon approfondimento del Tg2 su handicap e barriere architettoniche che impediscono tante cose, tra cui la fruizione dei beni culturali.

Dati auditel dei Tg di martedì 22 aprile 2015

Tg1 – ore 13:30 3.596.000, 22,24% ore 20:00 5.628.000, 24,54%.
Tg2 – ore 13:00 2.599.000, 17,44% ore 20:30 2.016.000, 7,76%.
Tg3 – ore 14:30 1.560.000, 10,49% ore 19:00 1.394.000, 9,54%.
Tg5 – ore 13:00 3.040.000, 20,19% ore 20:00 4.262.000, 18,20%.
Studio Aperto – ore 12:25 1.749.000, 14,43% ore 18:30 708.000, 6,27%.
Tg4 – ore 11.30 515.000, 8,22% ore 18:55 692.000, 5,00%.
Tg La7 – ore 13:30 567.000, 3,51% ore 20:00 1.212.000, 5,25%.

Fonte:www.tvblog.it

Altre opinioni dell'Autore
International

Forum Cina Africa: investimenti e cancellazione del debito

Si è tenuto a Pechino ad inizio settembre il “Forum of China Africa Cooperation” (FOCAC) con la partecipazione di 53 capi di stato e di governo di tutti i Paesi africani e della dirigenza cinese.
di Paolo Raimondi
Salute

La bellezza è una scienza. I segreti della neuroestetica

Bellezza, arte, pelle e scienza. Il 21 e 22 settembre a Roma la decima edizione di DermArt, convegno internazionale che mette a confronto la clinica delle malattie della pelle con l’arte visuale e le scienze dell’osservazione
di Massimiliano Cannata
Società

Allarme scuola: le donne straniere adesso fanno meno figli

Gli studenti figli di immigrati sono costantemente cresciuti negli ultimi decenni. Ma l’equilibrio si sta infrangendo, i tassi di natalità delle donne immigrate sono in calo, e si può dire che gli alunni stranieri non bilancino più la perdita in atto
di Corrado Giustiniani
Europa

Tensione con l’Europa, Agea: “Lega e M5S non sono la stessa cosa”

Italia al braccio di ferro con l’Europa, Salvini sfida i partner tradizionali, Orban più vicino. Ma “Lega e M5S non sono la stessa cosa e sovrapporli è un errore madornale”. L'intervista all’europarlamentare M5S Laura Agea
di Valentina Renzopaoli
Società

Papa Bergoglio commuove la Sicilia. “La mafia è una bestemmia”

«Non si può credere in Dio ed essere mafiosi. Convertitevi». Così Papa Francesco in Sicilia nel ricordo di Padre Pino Puglisi, ucciso dalla mafia, interprete di una Chiesa di territorio e vicina agli ultimi.
di Alfonso Lo Sardo
Europa

Europa, l’inutile minaccia dell’Italia sul “bilancio”

L’Italia minaccia di tagliare il contributo dell’Italia al bilancio dell’Unione europea e il Commissario Ue agli Affari Economici, Pierre Moscovici, risponde chiedendo...
di Carmelo Cedrone
Il punto

Fallendo s’impara. La lezione della Lehman Brothers

Disfatta Lehman Brothers dieci anni dopo. La crisi che ha inaugurato ha avuto, per così dire, un "merito" speciale.
di Alberto Mattiacci
Recensioni

“C’è del marcio nel piatto”. Il cibo svelato da Caselli e Masini

L’agroalimentare è un “pilastro” dell’economia nazionale che genera business, ma anche “appetiti”, esercitati da organizzazioni criminali senza scrupoli. Il saggio, C’è del marcio nel piatto! svela gli aspetti drammatici di un fenomeno che interessa tutti
di Massimiliano Cannata
Economia

Harakiri Sicilia: quei 700 milioni che la Ue sta per riprendersi

La spesa comunitaria in Sicilia fa registrare una nuova battuta d’arresto. A tre mesi dalla scadenza annuale, il rischio oggi è che oltre 700 milioni di risorse europee possano ritornare alla casa madre.
di Alfonso Lo Sardo
Intervista

Legittima difesa, Urraro: “Tra Lega e M5S nessuna distanza”

“Nessuna distanza tra Lega e M5S sulla volontà di riformare la legittima difesa”. Il senatore pentastellato Francesco Urraro, membro della Commissione Giustizia spiega quali sono le “zone d'ombra” da chiarire per arrivare ad un momento di sintesi che contemperi le diverse esigenze.
di Valentina Renzopaoli