Osservatorio TG

Fiato alle trombe

I Tg di martedì 6 ottobre – Le voci sull’ipotesi di un coinvolgimento delle forze aeree italiane nel conflitto in Medio Oriente, pubblicate meritoriamente dal Corriere della Sera, spostano i riflettori dei Tg di serata dalle bagarre al Senato agli scenari di guerra e fanno esplodere le polemiche tra le forze politiche. Tutti i Tg riportano nei titoli le alzate di scudi delle opposizioni che accusano il governo di voler far entrare in guerra il Paese senza passare per il Parlamento. Ovviamente ciò non è possibile, ma un conto è la legittima opposizione politica ad avallare azioni militari all’estero, un conto è l’attacco ad una decisione che non è stata presa e, conseguentemente, non ancora proposta alle Aule. L’intervento del ministro della Difesa Pinotti su Tg1, che ribadisce che “eventualmente” una modifica delle regole d’ingaggio in Iraq verrebbe portata, come di procedura, alle Aule parlamentari, non basta a tagliare la testa al toro né per le forze politiche, né per l’informazione. Anche Mentana, di solito inappuntabile, non spiega ai suoi telespettatori che si sta parlando, al momento, di aria fritta. L’intervento del Presidente Mattarella, che rivendica la necessità di una strategia internazionale e, rivolto alla Russia, sconsiglia interventi unilateriali, è primo titolo per Tg1 ed alto su tutti.
L’altro aspetto del conflitto in Medio Oriente, l’emergenza migranti, riaffiora su tutti i Tg dopo giorni di silenzio quasi generale: apertura per Tg5, titoli per Tg1, Tg3 e Tg La7. Alle 100 vittime nelle ultime 48 ore nel Mediterraneo si aggiungono le nuove ondate di profughi (fino a 3 milioni secondo Tg5) che l’aggravarsi del conflitto siriano è destinato a produrre. Mentana si mostra scettico sulle politiche di ricollocazione dei Paesi europei che, con il varo delle prime concrete ricollocazioni che riguardano solo 20 profughi, equivale a voler “svuotare il mare con un cucchiaino”.
Con l’attenuarsi delle polemiche a Palazzo Madama, l’iter della riforma costituzionale passa in secondo piano nulle scalette dei Tg. Il “silenzio surreale” che ha accompagnato alcuni articoli del disegno Boschi fa parlare Tg5 di una rinuncia delle opposizioni. Tg2 coglie questo nuovo scenario parlando di “aplomb” del Senato rispetto alle ben più movimentate e scomposte recenti sedute dell’aula di Palazzo Madama.

Il (supposto) mancato accordo tra Berlusconi e Salvini nel recente incontro avvenuto lontano da giornalisti e microfoni campeggia nei servizi dei Tg Rai, mentre a Mediaset risulta non pervenuto.
Tg4 riprende oggi la querelle sull’ipotesi di collegare il canone Rai alla bolletta dell’energia elettrica, che già ieri era stata trattata con toni agguerriti da Mentana. TgLa7, però, aveva almeno dichiarato l’imbarazzo di occuparsi del Servizio Pubblico da parte di una rete commerciale (La7) che è sua concorrente. Su Mediaset non si hanno queste accortezze.
“L’Italia può crescere come è più della Germania”, recita il Fondo Monetario Internazionale: servizi per Rai e La7, ma non per una Mediaset, per altro recentemente alquanto “governativa” sui temi dell’economia.
Sparare sul “pianista” sembra oramai lo sport nazionale dell’informazione televisiva (e non solo). Stiamo parlando ancora una vota del Sindaco Marino. Segnaliamo che mentre la notizia vera (per altro preannunciata) sarebbe quella degli esposti di M5S, Fratelli d’Italia e Lista Marchini relativamente alle carte di credito utilizzate dal primo cittadino della Capitale, sull’informazione di serata l’apertura (obbligatoria) di un fascicolo nella vulgata diventa l’ “inchiesta della Procura della Repubblica”. Tg4 si scatena e manda in onda un lunghissimo servizio fatto di immagini di Marino, ricevute di ristoranti, audio di canzoncine più o meno popolari, e zero commento giornalistico.

Dati auditel dei Tg di lunedì 5 ottobre 2015

Schermata 2015-10-07 alle 01.53.27
Fonte:www.tvblog.it

Ultime notizie
Economia

Sindacato e cambiamenti globali: quale preparazione hanno i sindacalisti?

I sindacalisti di oggi hanno la preparazione e le competenze adeguate per rappresentare al meglio le esigenze dei lavoratori in questa fase...
di Marco Ricceri*
Internazionale

The task of politics is to be “regulating rooms” between the interests of finance and the society

The belief that the so-called European welfare state was an obstacle to the development of the modern market and that it was...
di Gian Maria Fara*
STATO
Metafore per l'Italia

La politica sia “stanza di regolazione” tra interessi di mercato e corpo sociale

Le esperienze recenti dimostrano che senza il suo sistema di welfare l’Europa non avrebbe retto all’urto delle crisi. Lo Stato e le Istituzioni hanno il compito di regolare ed equilibrare gli interessi del mercato e le esigenze del corpo sociale, non limitarsi all’esercizio di un ruolo esterno di vigili del mercato. Riaffermare tale posizione significa ripartire dalla crisi esistenziale generata dall’incertezza e riequilibrare i divari economici e di genere.
di Gian Maria Fara*
STATO
medicina
Recensioni

Da Ippocrate a Bill Gates, come la tecnologia ha cambiato la medicina

Il futuro della medicina è adesso. Fa il punto sullo stato dell’arte della tecnologia il nuovo libro del giornalista Claudio Barnini: Da Ippocrate a Bill Gates. Come la tecnologia ha cambiato la medicina. 
di redazione
medicina
Ue
Economia

La nuova proposta Ue di direttiva sul bilancio di sostenibilità “Corporate Sustainability Reporting Directive”

All’interno dell’Unione europea il dibattito sulle tematiche della trasparenza è senza dubbio ormai maturo ed esistono già regolamentazioni sulla rendicontazione non finanziaria che le aziende sono tenute ad applicare per essere in regola con gli obiettivi generali di sostenibilità
di Fabrizio Zucca*
Ue
Internazionale

Corruzione e nuove forme di infiltrazione nella Pa e nell’economia

A margine del 30° Forum Economico dell’Europa Centrale e dell’Est (Karpacz, Polonia - 7 al 9 settembre), nel panel dedicato alle prospettive...
di redazione
Gioia Tauro porto
Crescita

Porto di Gioia Tauro, una eccellenza italiana da promuovere

Il porto di Gioia Tauro è una eccellenza che si scontra con un territorio povero di infrastrutture e iniziative che dovrebbero invece contribuire alla creazione di una catena del valore nel territorio, generando ricadute positive sia a livello locale che nazionale.
di Antonio Testi*
Gioia Tauro porto
filosofia
Scuola

Tutti pazzi per la filosofia? La scuola si interroga sull’insegnamento negli istituti tecnici

Da Letizia Moratti all'attuale Bianchi, molti ministri dell'Istruzione si sono interrogati sul ruolo della filosofia e sul suo insegnamento nelle scuole, in particolare degli istituti tecnici. Del resto, nella riforma Gentile del 1929 essa già figurava come spartiacque e fondamento del sapere.
di Giuseppe Pulina
filosofia
Briefing

In Tunisia si gioca una partita ben più ampia

L’importanza della Tunisia La Tunisia in apparenza potrebbe sembrare un paese poco rilevante, ma è quello dove, nell’arco di un decennio, è iniziata,...
di Marco Carnelos*
legalità
Il punto a Mezzogiorno

Non può esistere legalità senza condivisione. Intervista al giudice Antonio Salvati

La legalità non può essere la risposta al timore della sanzione, bensì la condivisione di un precetto secondo Antonio Salvati, giudice del lavoro presso il Tribunale di Reggio Calabria e autore del romanzo Pentcho pubblicato da Castelvecchi editore.
di Maurizio Lovecchio
legalità