L'opinione

Fiato alle trombe

81

I Tg di martedì 6 ottobre – Le voci sull’ipotesi di un coinvolgimento delle forze aeree italiane nel conflitto in Medio Oriente, pubblicate meritoriamente dal Corriere della Sera, spostano i riflettori dei Tg di serata dalle bagarre al Senato agli scenari di guerra e fanno esplodere le polemiche tra le forze politiche. Tutti i Tg riportano nei titoli le alzate di scudi delle opposizioni che accusano il governo di voler far entrare in guerra il Paese senza passare per il Parlamento. Ovviamente ciò non è possibile, ma un conto è la legittima opposizione politica ad avallare azioni militari all’estero, un conto è l’attacco ad una decisione che non è stata presa e, conseguentemente, non ancora proposta alle Aule. L’intervento del ministro della Difesa Pinotti su Tg1, che ribadisce che “eventualmente” una modifica delle regole d’ingaggio in Iraq verrebbe portata, come di procedura, alle Aule parlamentari, non basta a tagliare la testa al toro né per le forze politiche, né per l’informazione. Anche Mentana, di solito inappuntabile, non spiega ai suoi telespettatori che si sta parlando, al momento, di aria fritta. L’intervento del Presidente Mattarella, che rivendica la necessità di una strategia internazionale e, rivolto alla Russia, sconsiglia interventi unilateriali, è primo titolo per Tg1 ed alto su tutti.
L’altro aspetto del conflitto in Medio Oriente, l’emergenza migranti, riaffiora su tutti i Tg dopo giorni di silenzio quasi generale: apertura per Tg5, titoli per Tg1, Tg3 e Tg La7. Alle 100 vittime nelle ultime 48 ore nel Mediterraneo si aggiungono le nuove ondate di profughi (fino a 3 milioni secondo Tg5) che l’aggravarsi del conflitto siriano è destinato a produrre. Mentana si mostra scettico sulle politiche di ricollocazione dei Paesi europei che, con il varo delle prime concrete ricollocazioni che riguardano solo 20 profughi, equivale a voler “svuotare il mare con un cucchiaino”.
Con l’attenuarsi delle polemiche a Palazzo Madama, l’iter della riforma costituzionale passa in secondo piano nulle scalette dei Tg. Il “silenzio surreale” che ha accompagnato alcuni articoli del disegno Boschi fa parlare Tg5 di una rinuncia delle opposizioni. Tg2 coglie questo nuovo scenario parlando di “aplomb” del Senato rispetto alle ben più movimentate e scomposte recenti sedute dell’aula di Palazzo Madama.

Il (supposto) mancato accordo tra Berlusconi e Salvini nel recente incontro avvenuto lontano da giornalisti e microfoni campeggia nei servizi dei Tg Rai, mentre a Mediaset risulta non pervenuto.
Tg4 riprende oggi la querelle sull’ipotesi di collegare il canone Rai alla bolletta dell’energia elettrica, che già ieri era stata trattata con toni agguerriti da Mentana. TgLa7, però, aveva almeno dichiarato l’imbarazzo di occuparsi del Servizio Pubblico da parte di una rete commerciale (La7) che è sua concorrente. Su Mediaset non si hanno queste accortezze.
“L’Italia può crescere come è più della Germania”, recita il Fondo Monetario Internazionale: servizi per Rai e La7, ma non per una Mediaset, per altro recentemente alquanto “governativa” sui temi dell’economia.
Sparare sul “pianista” sembra oramai lo sport nazionale dell’informazione televisiva (e non solo). Stiamo parlando ancora una vota del Sindaco Marino. Segnaliamo che mentre la notizia vera (per altro preannunciata) sarebbe quella degli esposti di M5S, Fratelli d’Italia e Lista Marchini relativamente alle carte di credito utilizzate dal primo cittadino della Capitale, sull’informazione di serata l’apertura (obbligatoria) di un fascicolo nella vulgata diventa l’ “inchiesta della Procura della Repubblica”. Tg4 si scatena e manda in onda un lunghissimo servizio fatto di immagini di Marino, ricevute di ristoranti, audio di canzoncine più o meno popolari, e zero commento giornalistico.

Dati auditel dei Tg di lunedì 5 ottobre 2015

Schermata 2015-10-07 alle 01.53.27
Fonte:www.tvblog.it

Altre opinioni dell'Autore
Economia

Eurispes, Fara: “Lo Stato torni proprietario e gestore delle grandi infrastrutture del paese”

"Autostrade, telecomunicazioni, energia, porti e grande logistica: dopo gli anni delle privatizzazioni per fare cassa, il Paese deve tornare proprietario e gestore delle grandi infrastrutture e dire basta allo shopping delle multinazionali straniere"
di redazione
Il punto

Per rimettere in corsa l’Italia, veloci pit stop, non megariforme

È la mancanza di infrastrutture il primo freno alla crescita del Paese. Lo Stato spende meno di 20 miliardi di euro l’anno,...
di Corrado Giustiniani
International

Così la “Fortezza Europa” avalla i respingimenti in mare

Negli ultimi anni l’Unione europea è stata protagonista di una gestione sempre più securitaria dei flussi migratori che hanno investito il proprio territorio. La tesi viene spiegat in un saggio di Marco Omizzolo e Pina Sodano, presentato a Wocmes 2018, Congresso mondiale di studi mediorientali.
di Marco Omizzolo
International

Proposta shock: “Il voto ‘ignorante’ valga meno di quello informato”

Il suffragio universale? Sopravvalutato. Il voto ‘ignorante’ valga meno di quello ‘informato’. Il voto ponderato é la proposta di Dambisa Moyo, una importante economista americana, originaria dello Zambia, autrice del libro Edge of chaos
di Alfonso Lo Sardo
Sondaggi & Ricerche

Con un animale in casa, niente viaggio per la metà dei padroni

Nell’ultimo anno oltre 2 italiani su 10 hanno confessato di aver speso di più per viaggi e vacanze, nonostante la crisi non sia ancora del tutto superata. Ma l'amore per i propri animali e la paura del terrorismo frenano la voglia di viaggi.
di redazione
Salute

Il Piano Sanità del ministro Grillo: più fondi e meno liste d’attesa

Sanità e salute: il neo ministro Giulia Grillo ha illustrato le linne programmatiche del suo mandato. Vaccini, risorse per la sanità, liste d’attesa da ridurre e aumento della trasparenza.
di redazione
Ambiente

Porto Hub di Palermo. “Piano ecosostenibile da 435.000 posti”

Un nuovo porto Hub a Palermo: è il progetto dell’Eurispes, presentato a palazzo d’Orleans, sede della presidenza della Regione. Tutti i dettagli
di Alfonso Lo Sardo
Intervista

Educazione civica nelle scuole, Bruno Assumma: “Magistra vitae”

"L'educazione civica la personalità deve servire a stimolare una visione della vita e un "modus operandi" nella società", sostiene il professor Assumma.
di Valentina Renzopaoli
Intervista

Stefano Molina: «Educazione civica mirata allo sviluppo sostenibile»

Educazione civica nelle scuole: "Sì all'insegnamento dell'educazione civica, no al voto. La cittadinanza globale non è istruzione, ma educazione", sostiene Stefano Molina della Fondazione Agnelli
di Corrado Giustiniani
Intervista

Romeo (Lega): «La difesa deve essere legittima sempre»

Legittima difesa: "Se una persona sa che svaligiando una casa la farà sempre franca, non avrà nessun incentivo a smettere di delinquere". Il dibattito prosegue con l'opinione di Massimiliano Romeo, capogruppo della Lega al Senato.
di Corrado Giustiniani