Notice: Undefined offset: 1 in /home/awfdywmb/public_html/wp-content/themes/Newspaper-child/loop-single.php on line 27

Notice: Trying to get property 'cat_name' of non-object in /home/awfdywmb/public_html/wp-content/themes/Newspaper-child/loop-single.php on line 27
Osservatorio TG

Fiato alle trombe

I Tg di martedì 6 ottobre – Le voci sull’ipotesi di un coinvolgimento delle forze aeree italiane nel conflitto in Medio Oriente, pubblicate meritoriamente dal Corriere della Sera, spostano i riflettori dei Tg di serata dalle bagarre al Senato agli scenari di guerra e fanno esplodere le polemiche tra le forze politiche. Tutti i Tg riportano nei titoli le alzate di scudi delle opposizioni che accusano il governo di voler far entrare in guerra il Paese senza passare per il Parlamento. Ovviamente ciò non è possibile, ma un conto è la legittima opposizione politica ad avallare azioni militari all’estero, un conto è l’attacco ad una decisione che non è stata presa e, conseguentemente, non ancora proposta alle Aule. L’intervento del ministro della Difesa Pinotti su Tg1, che ribadisce che “eventualmente” una modifica delle regole d’ingaggio in Iraq verrebbe portata, come di procedura, alle Aule parlamentari, non basta a tagliare la testa al toro né per le forze politiche, né per l’informazione. Anche Mentana, di solito inappuntabile, non spiega ai suoi telespettatori che si sta parlando, al momento, di aria fritta. L’intervento del Presidente Mattarella, che rivendica la necessità di una strategia internazionale e, rivolto alla Russia, sconsiglia interventi unilateriali, è primo titolo per Tg1 ed alto su tutti.
L’altro aspetto del conflitto in Medio Oriente, l’emergenza migranti, riaffiora su tutti i Tg dopo giorni di silenzio quasi generale: apertura per Tg5, titoli per Tg1, Tg3 e Tg La7. Alle 100 vittime nelle ultime 48 ore nel Mediterraneo si aggiungono le nuove ondate di profughi (fino a 3 milioni secondo Tg5) che l’aggravarsi del conflitto siriano è destinato a produrre. Mentana si mostra scettico sulle politiche di ricollocazione dei Paesi europei che, con il varo delle prime concrete ricollocazioni che riguardano solo 20 profughi, equivale a voler “svuotare il mare con un cucchiaino”.
Con l’attenuarsi delle polemiche a Palazzo Madama, l’iter della riforma costituzionale passa in secondo piano nulle scalette dei Tg. Il “silenzio surreale” che ha accompagnato alcuni articoli del disegno Boschi fa parlare Tg5 di una rinuncia delle opposizioni. Tg2 coglie questo nuovo scenario parlando di “aplomb” del Senato rispetto alle ben più movimentate e scomposte recenti sedute dell’aula di Palazzo Madama.

Il (supposto) mancato accordo tra Berlusconi e Salvini nel recente incontro avvenuto lontano da giornalisti e microfoni campeggia nei servizi dei Tg Rai, mentre a Mediaset risulta non pervenuto.
Tg4 riprende oggi la querelle sull’ipotesi di collegare il canone Rai alla bolletta dell’energia elettrica, che già ieri era stata trattata con toni agguerriti da Mentana. TgLa7, però, aveva almeno dichiarato l’imbarazzo di occuparsi del Servizio Pubblico da parte di una rete commerciale (La7) che è sua concorrente. Su Mediaset non si hanno queste accortezze.
“L’Italia può crescere come è più della Germania”, recita il Fondo Monetario Internazionale: servizi per Rai e La7, ma non per una Mediaset, per altro recentemente alquanto “governativa” sui temi dell’economia.
Sparare sul “pianista” sembra oramai lo sport nazionale dell’informazione televisiva (e non solo). Stiamo parlando ancora una vota del Sindaco Marino. Segnaliamo che mentre la notizia vera (per altro preannunciata) sarebbe quella degli esposti di M5S, Fratelli d’Italia e Lista Marchini relativamente alle carte di credito utilizzate dal primo cittadino della Capitale, sull’informazione di serata l’apertura (obbligatoria) di un fascicolo nella vulgata diventa l’ “inchiesta della Procura della Repubblica”. Tg4 si scatena e manda in onda un lunghissimo servizio fatto di immagini di Marino, ricevute di ristoranti, audio di canzoncine più o meno popolari, e zero commento giornalistico.

Dati auditel dei Tg di lunedì 5 ottobre 2015

Schermata 2015-10-07 alle 01.53.27
Fonte:www.tvblog.it

Ultime notizie
last20
Mondo

Oltre il G20: The Last20, il mondo visto dagli ultimi

The Last20 è l’iniziativa nata per portare in primo piano storie e testimonianze dai paesi collocati agli ultimi posti nel mondo per ricchezza e prestigio, in contrapposizione alla egemonia economica e politica dei Grandi del G20.
di Tonino Perna e Ugo Melchionda
last20
loot box
Economia

Loot box e gacha games: intrattenimento o gioco d’azzardo?

Loot box e gacha games sono due forme di intrattenimento virtuale e di profitto ancora non regolamentate in ambito fiscale. Utilizzate soprattutto dai giovanissimi nei giochi online, determinano una serie di microtransazioni il cui premio, o risultato, è sconosciuto, e dunque possono rientrare nel gioco d’azzardo.
di Giovambattista Palumbo*
loot box
giustizia riparativa
Giustizia

La giustizia che ripara. Nascono anche in Italia le prime città riparative

La giustizia riparativa mira a ricostruire lo strappo che un reato genera all’interno della collettività, mettendo in comunicazione e collaborazione vittima e autore del reato. A tale scopo sono nate anche in Italia delle città-laboratorio, come nel caso di Tempio Pausania, in Sardegna.
di Giuseppe Pulina
giustizia riparativa
ismea
Agricoltura

Proteggere i redditi agricoli da crisi ed eventi climatici: intervista a Camillo Zaccarini Bonelli, ISMEA

Camillo Zaccarini Bonelli, agronomo esperto di fondi comunitari in agricoltura e politica agricola comunitaria, descrive le soluzioni emerse recentemente per la gestione dei rischi in agricoltura, settore sempre più minacciato da eventi climatici estremi e crisi internazionali.
di Andrea Strata
ismea
gioco
Gioco

Giochi: rischio illegalità all’attenzione delle Regioni

Nei dati forniti dal Comitato per la prevenzione e la repressione del gioco illegale, nel periodo 2020-2021 sono state scoperte 250 sale illegali in pochi mesi, chiuse 100 bische e sequestrate 2 mila slot. Serve indagare le cause di un fenomeno in crescita, nonché sottrarre spazi alle attività illegali.
di Chiara Sambaldi e Andrea Strata
gioco
pnrr
Economia

Pnrr, raggiunti tutti gli obiettivi del primo semestre 2022

Pnrr, il nostro Paese ha raggiunto tutti i target del primo semestre 2022 stabiliti dalla Commissione Europea: 45 interventi, di cui 15 Riforme e 30 Investimenti. Il Mef ha poi inviato la richiesta di pagamento della relativa tranche alla Commissione per un totale di 21 miliardi di euro.
di Claudia Bugno*
pnrr
algoritmo antievasione
Fisco

Un algoritmo antievasione aiuterà l’azione di Agenzia delle Entrate e Guardia di Finanza

Si chiama VeRa l’algoritmo antievasione in grado di incrociare e confrontare i dati dei contribuenti per evidenziarne le irregolarità. Sarà un valido contributo alla lotta all’evasione fiscale per Guardia di Finanza e Agenzia delle Entrate, che avranno accesso ai database nel rispetto delle indicazioni del Garante della Privacy.
di Giovambattista Palumbo*
algoritmo antievasione
AFCTA
Economia

AfCTA un anno dopo: il continente africano guarda al modello Ue per il libero mercato

L’AfCTA è un accordo commerciale firmato e ratificato dalla maggior parte dei paesi africani che prevede tra gli Stati firmatari l’abbattimento dei dazi doganali e la semplificazione degli aspetti burocratico-amministrativi al fine di implementare la libera circolazione delle merci nel continente.
di ODDI EMANUELE
AFCTA
REPowerEU
Economia

REPowerEU, la transizione energetica nel nuovo scenario emergenziale

Il Piano REPowerEU è stato messo a punto dalla Commissione Europea per garantire la sicurezza energetica in Ue, accelerando al contempo la transizione verde delle fonti di energia. Il cambio di marcia è legato alla nuova emergenza energetica causata dal conflitto in Ucraina.
di Claudia Bugno*
REPowerEU
corporate warfare
Economia

Corporate Warfare: un fenomeno sottotraccia con riflessi importanti sulla collettività

La Corporate Warfare, ovvero la guerra aziendale compiuta con ogni mezzo e con le più moderne tecnologie, minaccia le sorti di imprese e settori economici, pubblici e privati, con riflessi sull’intera collettività.
di Alfonso M. Balotta
corporate warfare