Osservatorio TG

Fiducia: incrocio pericoloso

I Tg di giovedì 30 aprile – Non c’è solo la forzatura delle 3 fiducie e l’incognita del”dopo” in un panorama politico esacerbato. Per Renzi nelle stesse ore giungono segnali d’allarme dall’economia, con i dati della disoccupazione di marzo, e dai conti pubblici, con la sentenza della Corte che dichiara incostituzionali quasi 5 miliardi di euro risparmiati dall’Inps con la manovra d’emergenza del duo Monti-Fornero grazie al mancato adeguamento delle pensioni sopra 3 volte il minimo. 5 miliardi da recuperare non derivano da una “colpa” di Renzi, così come i colpi di coda della crisi che “vede” numeri migliori su pil ed esportazioni ma il lavoro che continua a latitare, non sono addebitabili a responsabilità dell’attuale governo. Ma l’incrocio tra le difficoltà di navigazione verso la ripresa e la turbolenza politica dentro e fuori il Pd risulta alquanto pericoloso. I Tg, che pure segnalano le negative notizie di giornata e ribadiscono il calor bianco della politica, non colgono questo nesso. Da ciò discendono cronache alquanto slegate che saltano di palo in frasca. Quasi tutti privilegiano per l’apertura la celebrazione della partenza dell’Expo. I Tg Rai in chiave istituzionale e con toni ottimistici, mentre quelli Mediaset evidenziano i rischi per ordine pubblico. Tg3 presenta in proposito un bel servizio che mostra gli studenti anti Expo che scacciano i violenti dal corteo. TgLa7 apre, invece, sulla “vendetta” dei pensionati contro la Fornero. Per tutti i dati sull’aumento della disoccupazione, viatico amaro per la celebrazione del Primo Maggio.
Per la politica le due fiducie votate in giornata, quella con l’Aula affollata e quella che ha visto le opposizioni non partecipare al voto, vengono raccontate ma non spiegate più di tanto. Quello che potrà poi accadere lunedì notte per la votazione finale rimane un’incognita. Solo TgLa7 e Tg2 spiegano che con ogni probabilità le opposizioni non chiederanno il voto segreto per l’ultimo atto dell’Italicum per non rischiare di veder crescere i voti per il governo. Per avere qualche lume sulla riorganizzazione delle truppe sgominate dalla fiducia, l’unica fonte sono i siti dei quotidiani d’informazione.
Il Nepal è sempre molto presente, e finalmente le immagini proposte non sono solo quelle dei circuiti internazionali.
A Tg4 ci hanno preso gusto. La guerriglia a Baltimora (che ritorna anche sui Tg Rai) fa produrre al direttore Mario Giordano un editoriale che inneggia ancora una volta (come 2 giorni fa aveva fatto Feltri) alla mamma che schiaffeggia il figlio violento. L’interrogativo è decisivo: perché non fanno lo stesso le mamme italiane?
Nel giorno dell’addio alla direzione de Il Corriere, le dure parole utilizzate da De Bortoli sulla recente e meno recente classe politica del Paese e, in particolar modo su Renzi, “maleducato di talento”, sono commentate da Tg5 e TgLa7.
Segnaliamo infine la decisione di Tg2 di chiudere l’edizione serale con un riassunto di un minuto delle principali notizie: i titoli di coda che,in una logica di servizio, non sono affatto una brutta idea.

Dati auditel dei TG di mercoledì 29 aprile 2015
Tg1 – ore 13:30 3.777.000, 22,74% ore 20:00 5.649.000, 24,42%.
Tg2 – ore 13:00 2.656.000, 17,26% ore 20:30 2.058.000, 8,00%.
Tg3 – ore 14:30 1.548.000, 10,32% ore 19:00 1.603.000, 10,04%.
Tg5 – ore 13:00 3.212.000, 20,69% ore 20:00 4.266.000, 18,17%.
Studio Aperto – ore 12:25 1.835.000, 14,70% ore 18:30 673.000, 5,41%.
Tg4 – ore 11:30 478.000, 7,05% ore 18:55 646.000, 4,25%.
Tg La7 – ore 13:30 673.000, 4,04% ore 20:00 1.234.000, 5,30%.

Fonte:www.tvblog.it

Ultime notizie
Economia

Terzo settore, al via il Master per formare i nuovi manager del Welfare

Partiranno a febbraio i colloqui di selezione per il Master di II Livello “Terzo Settore, Innovazione Sociale e Governance dei Sistemi Locali di...
di redazione
mauro ceruti
Cultura

Nel mondo interconnesso la fraternità può rifondare la geopolitica: a colloquio con Mauro Ceruti

A colloquio con Mauro Ceruti, professore ordinario di Logica e Filosofia della Scienza e direttore della PhD School for Communication Studies Università IULM di Milano.
di Massimiliano Cannata
mauro ceruti
Economia

Cantieri di legalità. PNRR, un banco di prova

Il 2021 si è concluso con un primo successo nell’ambito dell’ambizioso Piano Nazionale per la Ripresa e Resilienza (PNRR), con il raggiungimento...
di Roberto De Vita* e Marco Della Bruna
PNRR borghi
Futuro

Aree marginali nel PNRR: il rilancio parte dai borghi

Il PNRR presenta investimenti e riforme puntuali in aree marginali ben definite, come il Piano Nazionale per la valorizzazione dei borghi. L’investimento si origina dalla considerazione che tanti piccoli centri storici italiani rappresentano un enorme potenziale per un turismo sostenibile alternativo.
di Claudia Bugno*
PNRR borghi
third sector
Internazionale

Third sector: the new pillar to start again

Change is a natural consequence of crises, especially when they are global in scope. The Covid-19 pandemic hit people hard in all...
di Ida Nicotera*
third sector
urne elezioni libia
Briefing

Dalle urne ai proiettili. Libia, tutto da rifare

Dalle urne elettorali alle urne funerarie in Libia il passo è breve. Sfumano le speranze di una transizione democratica indolore. A decretare...
di Francesco Bechis
urne elezioni libia
terzo settore
Internazionale

Terzo settore: il nuovo pilastro da cui ripartire

Il Terzo settore ha fornito un contributo essenziale e si è posto come “faro” nella gestione dell’emergenza. Esperti e studiosi di Russia e Italia hanno affrontato, in un recente incontro, il tema della collaborazione tra i due paesi riguardo al Terzo settore e alla sostenibilità.
di Ida Nicotera*
terzo settore
PNRR
Economia

L’attuazione del PNRR e la prevenzione delle attività illecite

Garantire un’efficiente ed efficace attuazione del PNRR significa anche agire al fine di prevenire possibili infiltrazioni criminali e frodi, corruzioni e attività illecite nell’utilizzo delle risorse.
di Claudia Bugno*
PNRR
metaverso
Economia

Le regole giuridiche del metaverso e la tassazione degli NFT

Gli ordinamenti giuridici dovrebbero regolamentare le imprese attive nel metaverso, in particolare nella gestione fiscale di NTF, trovando nuove soluzioni normative in termini di privacy, diritti di proprietà intellettuale ed industriale, ed anche di fisco.
di Giovambattista Palumbo*
metaverso
europa
Immigrazione

In Europa troppi immigrati? Il 40% dei cittadini è favorevole a innalzare muri

L’Europa alza i suoi muri verso il mondo esterno, non solo per la pandemia: il 40% dei cittadini europei è favorevole alla costruzione di muri alle frontiere, mentre 6 su 10 pensano che in Europa ci siano troppi immigrati.
di Roberta Rega
europa