L'opinione

Gli islamici festeggiano?!?

88

I Tg di giovedì 3 dicembre – La strage di ieri in California si impone nelle aperture di tutte le testate che, tra collegamenti e servizi, dedicano anche più di un terzo delle edizioni (5 servizi per Tg3). Nulla è stato ancora chiarito, ma le notizie che filtrano di ora in ora portano i Tg delle 20 a non escludere l’ipotesi del movente terroristico islamista. Obama poco prima si era espresso negli stessi termini. Chi non ha dubbi ma solo certezze è, invece, Tg4, che titola letteralmente “Strage in California: gli islamici festeggiano. E’ stato un inferno voluto da Allah”. La sicumera anti islamica conferisce, dunque, capacità divinatorie per una strage che (come ammette contraddicendosi il conduttore), al momento, non è stata ancora rivendicata da alcun gruppo estremista. Dopo “Bastardi islamici” di Libero, un altro titolo che, ci auguriamo, sarà “attenzionato” da Carta di Roma e dagli organismi della professione giornalistica, anche stasera si manifesta, dunque, la tendenza radicata nei servizi del Tg di Mario Giordano di equiparare gli islamici ai terroristi. Lo sfogo di Obama che in meno di un mese torna per la terza volta a denunciare la mancanza di adeguati controlli sulle armi in America, si accompagna sulle principali testate a schede che evidenziano come le armi da fuoco negli USA abbiano prodotto 355 “sparatorie di massa” nel solo 2015 (Tg1).

Scalzato dalle aperture occupate dall’inizio della settimana, il conflitto tra Mosca ed Ankara resta alto su tutte le testate (secondo o terzo titolo per Tg1, Tg3, Tg5 e Tg La7). Buone le coperture di Tg3 e Tg La7 che, oltre ad evidenziare che durante l’odierno discorso di Putin alla nazione il presidente russo ha comunque rassicurato che contro la Turchia non saranno “brandite le armi”, riprendono la risposta di Erdogan che accusa a sua volta la Russia di far affari con i terroristi, con tanto di nomi e complici (in parte identificati da Tg La7).

L’intervento di Draghi che terrà aperti fino al 2017 i rubinetti della Bce per favorire la ripresa, sembra interessare relativamente i Tg di serata, che se ne occupano a metà edizione (titoli solo per Tg1, Tg3 e Tg La7). Maggiore copertura ottengono i dati Bankitalia sui redditi delle famiglie non più in calo, e quelli dell’Inps sulle pensioni, definite “sempre più magre”. Buona la copertina di Tg5, che riprendendo le recenti valutazioni Ocse sull’altissima spesa pensionistica italiana, cerca di conciliarle con altri dati per nulla rassicuranti (un 40% dei pensionati che prende sotto i 1.000 euro). In controtendenza Mentana parla invece di “poveri pensionati, ma non pensionati poveri”, spiegando che se la fascia di popolazione tra i 18 ed i 35 anni ha perduto il 50% della sua ricchezza, quella degli over 65 sembrerebbe invece averla conservata per intero.

La giornata mondiale della disabilità, con l’intervento del Presidente Mattarella che ribadisce il dovere delle istituzioni di abbattere qualunque barriera sia architettonica che culturale che impoverisce la vita degli oltre 3 milioni di disabili italiani, trova spazio soltanto sui Tg Rai, e produce un buon approfondimento su Tg2.

L’ennesima votazione a vuoto per l’elezione dei componenti a nomina parlamentare della Consulta è presente sui Tg delle 20, tutti concordi a vario titolo nel definire questa vicenda “una vergogna”. Analogo spazio ricevono stasera gli aggiornamenti sullo scandalo doping che solo ieri sembrava aver travolto l’elite dell’atletica italiana, ma che stando agli interventi dei massimi dirigenti dello sport nazionale sarebbe semplicemente frutto di irregolarità solo formali e malfunzionamenti dei sistemi di controllo.

Lo avevamo temuto, e così è stato: al quarto giorno dalla sua apertura, il vertice sul clima a Parigi è quasi completamente scomparso dall’informazione televisiva serale, con l’eccezione di un servizio del Tg2.

Sempre Tg2 merita un plauso anche per un approfondimento molto interessante sulle difficoltà di una Francia che, a 20 giorni dagli attentati di Parigi, si interroga sulle ragioni endogene che hanno provocato lo sviluppo di cellule di fondamentalismo islamico nelle periferie delle sue città. Buone interviste e, una volta tanto, “ragionamenti” non prodotti dall’ansia e dalla pancia.

Altre opinioni dell'Autore
International

Forum Cina Africa: investimenti e cancellazione del debito

Si è tenuto a Pechino ad inizio settembre il “Forum of China Africa Cooperation” (FOCAC) con la partecipazione di 53 capi di stato e di governo di tutti i Paesi africani e della dirigenza cinese.
di Paolo Raimondi
Salute

La bellezza è una scienza. I segreti della neuroestetica

Bellezza, arte, pelle e scienza. Il 21 e 22 settembre a Roma la decima edizione di DermArt, convegno internazionale che mette a confronto la clinica delle malattie della pelle con l’arte visuale e le scienze dell’osservazione
di Massimiliano Cannata
Società

Allarme scuola: le donne straniere adesso fanno meno figli

Gli studenti figli di immigrati sono costantemente cresciuti negli ultimi decenni. Ma l’equilibrio si sta infrangendo, i tassi di natalità delle donne immigrate sono in calo, e si può dire che gli alunni stranieri non bilancino più la perdita in atto
di Corrado Giustiniani
Europa

Tensione con l’Europa, Agea: “Lega e M5S non sono la stessa cosa”

Italia al braccio di ferro con l’Europa, Salvini sfida i partner tradizionali, Orban più vicino. Ma “Lega e M5S non sono la stessa cosa e sovrapporli è un errore madornale”. L'intervista all’europarlamentare M5S Laura Agea
di Valentina Renzopaoli
Società

Papa Bergoglio commuove la Sicilia. “La mafia è una bestemmia”

«Non si può credere in Dio ed essere mafiosi. Convertitevi». Così Papa Francesco in Sicilia nel ricordo di Padre Pino Puglisi, ucciso dalla mafia, interprete di una Chiesa di territorio e vicina agli ultimi.
di Alfonso Lo Sardo
Europa

Europa, l’inutile minaccia dell’Italia sul “bilancio”

L’Italia minaccia di tagliare il contributo dell’Italia al bilancio dell’Unione europea e il Commissario Ue agli Affari Economici, Pierre Moscovici, risponde chiedendo...
di Carmelo Cedrone
Il punto

Fallendo s’impara. La lezione della Lehman Brothers

Disfatta Lehman Brothers dieci anni dopo. La crisi che ha inaugurato ha avuto, per così dire, un "merito" speciale.
di Alberto Mattiacci
Recensioni

“C’è del marcio nel piatto”. Il cibo svelato da Caselli e Masini

L’agroalimentare è un “pilastro” dell’economia nazionale che genera business, ma anche “appetiti”, esercitati da organizzazioni criminali senza scrupoli. Il saggio, C’è del marcio nel piatto! svela gli aspetti drammatici di un fenomeno che interessa tutti
di Massimiliano Cannata
Economia

Harakiri Sicilia: quei 700 milioni che la Ue sta per riprendersi

La spesa comunitaria in Sicilia fa registrare una nuova battuta d’arresto. A tre mesi dalla scadenza annuale, il rischio oggi è che oltre 700 milioni di risorse europee possano ritornare alla casa madre.
di Alfonso Lo Sardo
Intervista

Legittima difesa, Urraro: “Tra Lega e M5S nessuna distanza”

“Nessuna distanza tra Lega e M5S sulla volontà di riformare la legittima difesa”. Il senatore pentastellato Francesco Urraro, membro della Commissione Giustizia spiega quali sono le “zone d'ombra” da chiarire per arrivare ad un momento di sintesi che contemperi le diverse esigenze.
di Valentina Renzopaoli