L'opinione

Grenfell Tower – Lutto inglese, italiano ed europeo

91

I Tg di mercoledì 14 giugno – Le agghiaccianti riprese del rogo notturno della Grenfell Tower, grattacelo popolare di 24 piani nel quartiere londinese di North Kensington, scalano le aperture di tutte le testate, assorbendo sui Tg Mediaset minori quasi 1/3 dell’edizione. Tg2 riporta l’aggravarsi del bilancio a 12 vittime ed almeno 69 feriti, 18 in condizioni critiche. Alle testimonianze angoscianti degli scampati del rogo s’accompagnano le denunce per le scarse misure di sicurezza e l’apprensione per le famiglie italiane che risiedevano nella struttura (titoli per Tg1 e Tg La7), con Tg4 che per primo fornisce i nomi della giovane coppia di nostri connazionali dispersi: i fidanzati venete ventisettenni Gloria Trevisani e Marco Bottardi.

L’attenzione agli esteri resta alta per l’agguato al deputato Steve Scalise, “n°3” del partito Repubblicano, raggiunto assieme ad altre 4 persone da una salva di corpi mentre si trovava in un campo da baseball vicino Washington: apertura per Studio Aperto, secondo titolo per I Tg Rai, Tg4 e Tg5, terzo per Tg la7). Alla cronaca degli eventi, con la diffusione dell’identità dell’aggressore, un 66ene sostenitore del democratico Sanders rimasto ferito durante l’arresto, e la cui morte è stata comunicata dai tweets dello stesso Presidente Trump, seguono le rassicurazioni sulla salute di Scalise. In alcuni servizi si torna a parlare di controllo delle armi, con Tg3, Tg La7 e Tg2 che fanno menzione delle 4 vittime odierne di un’altra sparatoria “ordinaria” avvenuta a San Francisco.

Relegata in molti casi a metà edizione la politica, ed è un peccato perché l’annuncio dello smarcamento di M5S dalla legge sullo Ius Soli è materia politica rilevante (e inquietante). I Tg delle 20 riportano il consueto scontro con il PD, con Tg3 che riprende Renzi, secondo cui i Cinque Stelle stanno facendo una “svolta a destra” per esorcizzare i risultati delle amministrative. Ci avrebbe fatto piacere che qualcuno avesse ricordato che la legge sullo Ius Soli è ferma alle Camere dall’ottobre 2015, e che sarebbe ora di vararla.

Un altro smarcamento, quello di Prodi che declina la possibilità di guidare il centrosinistra, evocata da Pisapia, figura nei servizi per molti. Nel frattempo, quasi alla chetichella, il passaggio della riforma del processo penale è presente solo sui titoli di Tg3 e Tg1.

Tornando al tema di stranieri, accoglienza e migranti, buono il servizio del Tg3 sugli attuali modelli di distribuzione che vedono la Lombardia regione campione d’accoglienza, così come anche il servizio tra i ragazzi di un centro d’accoglienza di Lampedusa. Anche Tg La7 interviene con un titolo sul tema immigrazione, sfatando il mito che i migranti “ci rubino” i posti di lavoro: gli stranieri lavorano un po’ più degli italiani, ma ciò accade perché accettano lavori “che gli italiani non vogliono più fare”.

Lo scandalo malasanità del San Raffaele vede stasera l’autorità anticorruzione Cantone “sfogarsi” su Tg1, mentre le testate Mediaset raccolgono ulteriori testimonianze indignate dall’ospedale Le Molinette di Torino dove le formiche hanno ceduto il passo alle blatte.

Fa caldo, ed i Tg Mediaset ci mettono in guardia fin dai titoli dai colpi di calore e dai rischi della siccità che ha giù causato gravi danni all’agricoltura.

Altre opinioni dell'Autore
Sicurezza

Malaffare e politica, Franco Roberti: “Legame con la mafia ancora profondo”

Dal grande progetto di “videosorvegliare” Napoli e le sue periferie, al macrotema dell’immigrazione, a quello sulla legittima difesa; e poi il terrorismo e i pericoli per l’Italia. Intervista a 360 grandi a Franco Roberti
di Valentina Renzopaoli
International

Forum Cina Africa: investimenti e cancellazione del debito

Si è tenuto a Pechino ad inizio settembre il “Forum of China Africa Cooperation” (FOCAC) con la partecipazione di 53 capi di stato e di governo di tutti i Paesi africani e della dirigenza cinese.
di Paolo Raimondi
Salute

La bellezza è una scienza. I segreti della neuroestetica

Bellezza, arte, pelle e scienza. Il 21 e 22 settembre a Roma la decima edizione di DermArt, convegno internazionale che mette a confronto la clinica delle malattie della pelle con l’arte visuale e le scienze dell’osservazione
di Massimiliano Cannata
Immigrazione

Allarme scuola: le donne straniere adesso fanno meno figli

Gli studenti figli di immigrati sono costantemente cresciuti negli ultimi decenni. Ma l’equilibrio si sta infrangendo, i tassi di natalità delle donne immigrate sono in calo, e si può dire che gli alunni stranieri non bilancino più la perdita in atto
di Corrado Giustiniani
Europa

Tensione con l’Europa, Agea: “Lega e M5S non sono la stessa cosa”

Italia al braccio di ferro con l’Europa, Salvini sfida i partner tradizionali, Orban più vicino. Ma “Lega e M5S non sono la stessa cosa e sovrapporli è un errore madornale”. L'intervista all’europarlamentare M5S Laura Agea
di Valentina Renzopaoli
Società

Papa Bergoglio commuove la Sicilia. “La mafia è una bestemmia”

«Non si può credere in Dio ed essere mafiosi. Convertitevi». Così Papa Francesco in Sicilia nel ricordo di Padre Pino Puglisi, ucciso dalla mafia, interprete di una Chiesa di territorio e vicina agli ultimi.
di Alfonso Lo Sardo
Europa

Europa, l’inutile minaccia dell’Italia sul “bilancio”

L’Italia minaccia di tagliare il contributo dell’Italia al bilancio dell’Unione europea e il Commissario Ue agli Affari Economici, Pierre Moscovici, risponde chiedendo...
di Carmelo Cedrone
Il punto

Fallendo s’impara. La lezione della Lehman Brothers

Disfatta Lehman Brothers dieci anni dopo. La crisi che ha inaugurato ha avuto, per così dire, un "merito" speciale.
di Alberto Mattiacci
Recensioni

“C’è del marcio nel piatto”. Il cibo svelato da Caselli e Masini

L’agroalimentare è un “pilastro” dell’economia nazionale che genera business, ma anche “appetiti”, esercitati da organizzazioni criminali senza scrupoli. Il saggio, C’è del marcio nel piatto! svela gli aspetti drammatici di un fenomeno che interessa tutti
di Massimiliano Cannata
Economia

Harakiri Sicilia: quei 700 milioni che la Ue sta per riprendersi

La spesa comunitaria in Sicilia fa registrare una nuova battuta d’arresto. A tre mesi dalla scadenza annuale, il rischio oggi è che oltre 700 milioni di risorse europee possano ritornare alla casa madre.
di Alfonso Lo Sardo