L'opinione

Hollande – Allons, enfants de la patrie europeenne

89

I Tg di lunedì 16 novembre – Com’era inevitabile le aperture dei Tg di serata sono tutte dedicate al discorso di Hollande ed al compianto per la strage che nella notte di venerdì scorso ha colpito al cuore Parigi e, con essa, l’intera Europa. Alla doverosa commozione con cui le testate accompagnano le note della Marsigliese e le immagini di una Francia in lutto, si affiancano le decise parole del suo presidente: “La Francia è in stato di guerra, l’UE intervenga con noi”. La risposta francese (ed europea) nega però una guerra di “civiltà”; lo scontro non è con “l’Islam” o gli “islamisti”, ma contro il terrorismo, “gente che non ha civiltà” di uno “stato che non ha uno stato”. Un messaggio accolto da tutte le testate, al quale molte collegano l’odierno intervento del ministro Gentiloni: “combatteremo non dichiarando guerra all’Islam, e non faremo confusione tra criminali e rifugiati”. Su questa linea i servizi dei Tg Rai, che dalle comunità islamiche francesi ed italiane riprendono lo sgomento di credenti musulmani che condannano le azioni dei terroristi ed aiutano a stemperare le molte inquietudini di cui l’Isis si fa forte. Anche Studio Aperto e Tg5 riprendono le parole di Gentiloni, mentre Tg4 che non solo “buca” l’intervento del ministro ma, nel proporre la solita anticipazione da Quinta Colonna, ci presenta un “islamista” che vive a Roma che, tornando indietro nel tempo, riafferma le presunte giustificazioni del massacro di Charlie Hebdò. Tg La7, oltre a riprendere il cordoglio e la volontà di reazione, e’ il più aperto alle conseguenze e alla possibilità che l’Europa imbocchi la via dell’intervento militare. Il G20 in Turchia è seguito da tutte le testate, così come la caccia all’uomo per l’ultimo attentatore scampato ai blitz in Belgio. Le notizie dei bombardamenti in Siria su Raqqa, capitale dello “Stato Islamico”, sono in scalette per tutti. Tg La7 ci presenta inoltre la situazione in Libia, dove il califfato conquista ogni giorno nuovi territori e festeggia le sue stragi di Parigi. Sempre Mentana è l’unico a chiedersi perché i terroristi abbiano scelto Bruxelles come base di appoggio e come mai da gennaio ad oggi non si sia riusciti a intervenire. Tg5 riprende le accuse di Putin su i finanziamenti al Califfato da parte di numerosi membri dello stesso G20. 

Nel giorno in cui i parlamenti, i cittadini e i leader mondiali si mostrano almeno a parole compatti nelle risposte da dare al terrorismo, l’odierno scontro Salvini-Alfano sull’efficacia della nostra sicurezza interna degenerato in uno scambio di insulti, ottiene spazio solo su Tg1 e Tg La7, e viene giustamente definito da Mentana “demenziale, ridicolo e inutile”. Tg5 intervista Marie Le Pen che, manco a dirlo, collega terrorismo e flussi d’immigrazione e si dice scettica sulla reale portata della risposta occidentale.

Segnaliamo stasera il servizio di Riccardo Chartroux sul Tg3 che, visitando le banlieues parigine, tenta di spiegare cosa può spingere giovani “europei” risiedenti nelle periferie ad abbracciare nel nome del Califatto un fucile e puntarlo contro i propri concittadini. Ottimo anche il servizio del Tg2 che, con dati Unicef, ci ricorda degli oltre 700 bambini che sono morti tra le migliaia di quelli che, in fuga dai paesi assediati dall’Isis, spesso senza genitori, hanno tentato di raggiungere l’Europa.

Altre opinioni dell'Autore
Società

Allarme scuola: le donne straniere adesso fanno meno figli

Gli studenti figli di immigrati sono costantemente cresciuti negli ultimi decenni. Ma l’equilibrio si sta infrangendo, i tassi di natalità delle donne immigrate sono in calo, e si può dire che gli alunni stranieri non bilancino più la perdita in atto
di Corrado Giustiniani
Europa

Tensione con l’Europa, Agea: “Lega e M5S non sono la stessa cosa”

Italia al braccio di ferro con l’Europa, Salvini sfida i partner tradizionali, Orban più vicino. Ma “Lega e M5S non sono la stessa cosa e sovrapporli è un errore madornale”. L'intervista all’europarlamentare M5S Laura Agea
di Valentina Renzopaoli
Società

Papa Bergoglio commuove la Sicilia. “La mafia è una bestemmia”

«Non si può credere in Dio ed essere mafiosi. Convertitevi». Così Papa Francesco in Sicilia nel ricordo di Padre Pino Puglisi, ucciso dalla mafia, interprete di una Chiesa di territorio e vicina agli ultimi.
di Alfonso Lo Sardo
Europa

Europa, l’inutile minaccia dell’Italia sul “bilancio”

L’Italia minaccia di tagliare il contributo dell’Italia al bilancio dell’Unione europea e il Commissario Ue agli Affari Economici, Pierre Moscovici, risponde chiedendo...
di Carmelo Cedrone
Il punto

Fallendo s’impara. La lezione della Lehman Brothers

Disfatta Lehman Brothers dieci anni dopo. La crisi che ha inaugurato ha avuto, per così dire, un "merito" speciale.
di Alberto Mattiacci
Recensioni

“C’è del marcio nel piatto”. Il cibo svelato da Caselli e Masini

L’agroalimentare è un “pilastro” dell’economia nazionale che genera business, ma anche “appetiti”, esercitati da organizzazioni criminali senza scrupoli. Il saggio, C’è del marcio nel piatto! svela gli aspetti drammatici di un fenomeno che interessa tutti
di Massimiliano Cannata
Economia

Harakiri Sicilia: quei 700 milioni che la Ue sta per riprendersi

La spesa comunitaria in Sicilia fa registrare una nuova battuta d’arresto. A tre mesi dalla scadenza annuale, il rischio oggi è che oltre 700 milioni di risorse europee possano ritornare alla casa madre.
di Alfonso Lo Sardo
Intervista

Legittima difesa, Urraro: “Tra Lega e M5S nessuna distanza”

“Nessuna distanza tra Lega e M5S sulla volontà di riformare la legittima difesa”. Il senatore pentastellato Francesco Urraro, membro della Commissione Giustizia spiega quali sono le “zone d'ombra” da chiarire per arrivare ad un momento di sintesi che contemperi le diverse esigenze.
di Valentina Renzopaoli
International

Lavoro, come individuare gli skills vincenti in un mondo che cambia

Per l'Italia, l'Eurispes parteciperà i prossimi 10 e 11 settembre alla 13^ Conferenza annuale della Rete Europea sui mercati del lavoro regionali – ENRLMM, in Gran Bretagna, che sarà dedicata proprio a questo tema
di Marco Ricceri
Attualità

Ferruccio de Bortoli: “Il partito del tanto peggio, tanto meglio”

Il Pd si è "accomodato sulla poltrona del "tanto peggio tanto meglio". Il Governo Lega CinqueStelle "ignora le regole a cominciare dai vincoli del debito pubblico e si sta isolando dall'Europa". Ferruccio De Bortoli disegna il suo ritratto dell'Italia
di Corrado Giustiniani