L'opinione

Hollande – Allons, enfants de la patrie europeenne

99

I Tg di lunedì 16 novembre – Com’era inevitabile le aperture dei Tg di serata sono tutte dedicate al discorso di Hollande ed al compianto per la strage che nella notte di venerdì scorso ha colpito al cuore Parigi e, con essa, l’intera Europa. Alla doverosa commozione con cui le testate accompagnano le note della Marsigliese e le immagini di una Francia in lutto, si affiancano le decise parole del suo presidente: “La Francia è in stato di guerra, l’UE intervenga con noi”. La risposta francese (ed europea) nega però una guerra di “civiltà”; lo scontro non è con “l’Islam” o gli “islamisti”, ma contro il terrorismo, “gente che non ha civiltà” di uno “stato che non ha uno stato”. Un messaggio accolto da tutte le testate, al quale molte collegano l’odierno intervento del ministro Gentiloni: “combatteremo non dichiarando guerra all’Islam, e non faremo confusione tra criminali e rifugiati”. Su questa linea i servizi dei Tg Rai, che dalle comunità islamiche francesi ed italiane riprendono lo sgomento di credenti musulmani che condannano le azioni dei terroristi ed aiutano a stemperare le molte inquietudini di cui l’Isis si fa forte. Anche Studio Aperto e Tg5 riprendono le parole di Gentiloni, mentre Tg4 che non solo “buca” l’intervento del ministro ma, nel proporre la solita anticipazione da Quinta Colonna, ci presenta un “islamista” che vive a Roma che, tornando indietro nel tempo, riafferma le presunte giustificazioni del massacro di Charlie Hebdò. Tg La7, oltre a riprendere il cordoglio e la volontà di reazione, e’ il più aperto alle conseguenze e alla possibilità che l’Europa imbocchi la via dell’intervento militare. Il G20 in Turchia è seguito da tutte le testate, così come la caccia all’uomo per l’ultimo attentatore scampato ai blitz in Belgio. Le notizie dei bombardamenti in Siria su Raqqa, capitale dello “Stato Islamico”, sono in scalette per tutti. Tg La7 ci presenta inoltre la situazione in Libia, dove il califfato conquista ogni giorno nuovi territori e festeggia le sue stragi di Parigi. Sempre Mentana è l’unico a chiedersi perché i terroristi abbiano scelto Bruxelles come base di appoggio e come mai da gennaio ad oggi non si sia riusciti a intervenire. Tg5 riprende le accuse di Putin su i finanziamenti al Califfato da parte di numerosi membri dello stesso G20. 

Nel giorno in cui i parlamenti, i cittadini e i leader mondiali si mostrano almeno a parole compatti nelle risposte da dare al terrorismo, l’odierno scontro Salvini-Alfano sull’efficacia della nostra sicurezza interna degenerato in uno scambio di insulti, ottiene spazio solo su Tg1 e Tg La7, e viene giustamente definito da Mentana “demenziale, ridicolo e inutile”. Tg5 intervista Marie Le Pen che, manco a dirlo, collega terrorismo e flussi d’immigrazione e si dice scettica sulla reale portata della risposta occidentale.

Segnaliamo stasera il servizio di Riccardo Chartroux sul Tg3 che, visitando le banlieues parigine, tenta di spiegare cosa può spingere giovani “europei” risiedenti nelle periferie ad abbracciare nel nome del Califatto un fucile e puntarlo contro i propri concittadini. Ottimo anche il servizio del Tg2 che, con dati Unicef, ci ricorda degli oltre 700 bambini che sono morti tra le migliaia di quelli che, in fuga dai paesi assediati dall’Isis, spesso senza genitori, hanno tentato di raggiungere l’Europa.

Altre opinioni dell'Autore
International

Perché il sindacato in Russia è un simulacro? Un appello ai sindacati italiani

Nel 1989 nasce a Mosca un sindacato autonomo dal Partito comunista, l'Unione dei sindacati di Russia Sozprof, che è stato popolarissimo prima in Urss e poi nella Russia post-sovietica. Il fondatore Serghej Kramov, spiega alcune peculiarità del sindacato nella società russa contemporanea, e lancia un appello ai sindacati italiani.
di Serghej Kramov
Il punto

Cambiamenti climatici: “Stay conscious, stay worried”

Siamo a metà giugno e le temperature si sono finalmente decise a comportarsi come si conviene alla tarda primavera. Certo, in pochi...
di Alberto Mattiacci
Criminalità e contrasto

Sicurezza e legalità, Del Sette: “Quanto fatto non è sufficiente. Servono leggi, poche ma ben fatte.”

Legalità e sicurezza: due concetti diversi ma necessariamente connessi; due obiettivi il cui perseguimento è una priorità in ogni società civile. Ma quali sono gli ostacoli per il loro conseguimento? La riflessione del Generale Tullio Del Sette, Presidente dell'Osservatorio sulla Sicurezza dell'Eurispes.
di Tullio Del Sette
Intrattenimento

La tv va in vacanza. Rai, Mediaset, La7 e “le altre”: tutto già visto, o quasi. Il bilancio della stagione

Stop ai palinsesti, via alle repliche. In tv parte l'”interregno” del vuoto cosmico, quattro mesi di vacanza per il piccolo schermo. Qual è il bilancio della stagione appena conclusa? Tutto, o quasi, già visto; si punta sul cavalli già rodati, zero sperimentazione. A parte qualche rara eccezione.
di Raffaella Saso
Cultura

Università, Puglisi: “Evitiamo la fiera delle telematiche”

Le università private potrebbero diventare società di capitali. A questo tema, l'Eurispes ha dedicato una ricerca. E recentemente il Consiglio di Stato si è espresso in merito emettendo un parere. Quali sono le prospettive e quali sono le criticità? Ne parliamo con il Prof. Giovanni Puglisi, Rettore dell'Università degli Studi di Enna “Kore”, componente del Consiglio Universitario Nazionale.
di Valentina Renzopaoli
agricoltura

Cannabis light, stop della Cassazione. Cosa c’è da sapere sulla pianta tabù

Stop al commercio di foglie, resina, oli e inflorescenze di cannabis sativa, ovvero di marijuana light: la recente pronuncia della Corte di Cassazione a Sessioni Unite riporta di fatto alla situazione iniziale di vuoto normativo che la legge 242/2016 non è riuscita a colmare. La Cannabis crea sempre molto scalpore e confusione. Ecco cosa c'è da sapere.
di Matteo Bruno Ricozzi
Economia

Porto di Taranto, il Commissario Prete: “Sviluppare infrastrutture e logistica per la ripresa del traffico”

Il Mediterraneo riveste un ruolo chiave negli scambi commerciali globali. Negli ultimi venti anni è cresciuto del 500% il traffico di container nel Mare Nostrum. Ci soffermiamo sulla situazione di Taranto, con Sergio Prete, Presidente dell’Autorità del Sistema Portuale del Mar Ionio e Commissario Straordinario del Porto di Taranto.
di Elisabetta Bergamaschi
Informazione

Europee 2019, la rilevanza del “cretino” ai tempi di Facebook

Le ultime tornate elettorali hanno visto apparire infatti un nuovo fenomeno: l’interferenza decisiva di Facebook e degli altri social nelle campagne elettorali. Quali sono le conseguenze sul piano democratico?
di Paolo Celot
Informazione

Italia Paese pigro e disimpegnato. Pagnoncelli: “La realtà fa a pugni con la percezione”

Qual è il nostro livello di conoscenza della realtà, quale consapevolezza abbiamo del mondo che ci sta attorno, dei fenomeni che si verificano, delle conseguenze che generano? Il libro di Pagnoncelli, La penisola che non c’è, è una guida utile nella comprensione del momento attuale e delle sue dinamiche.
di Alfonso Lo Sardo
Cultura & Turismo

Turismo, Federalberghi: “Sgravi fiscali per gli operatori e lotta all’abusivismo”

Le opportunità, ma anche i pericoli, delle piattaforme digitali di condivisione che hanno introdotto modi nuovi di viaggiare; la necessità di tornare a governare questa industria con un Ministero dedicato. Ne parliamo con il Presidente di Federalberghi, Bernabò Bocca.
di Susanna Fara