Hollande – Allons, enfants de la patrie europeenne

I Tg di lunedì 16 novembre – Com’era inevitabile le aperture dei Tg di serata sono tutte dedicate al discorso di Hollande ed al compianto per la strage che nella notte di venerdì scorso ha colpito al cuore Parigi e, con essa, l’intera Europa. Alla doverosa commozione con cui le testate accompagnano le note della Marsigliese e le immagini di una Francia in lutto, si affiancano le decise parole del suo presidente: “La Francia è in stato di guerra, l’UE intervenga con noi”. La risposta francese (ed europea) nega però una guerra di “civiltà”; lo scontro non è con “l’Islam” o gli “islamisti”, ma contro il terrorismo, “gente che non ha civiltà” di uno “stato che non ha uno stato”. Un messaggio accolto da tutte le testate, al quale molte collegano l’odierno intervento del ministro Gentiloni: “combatteremo non dichiarando guerra all’Islam, e non faremo confusione tra criminali e rifugiati”. Su questa linea i servizi dei Tg Rai, che dalle comunità islamiche francesi ed italiane riprendono lo sgomento di credenti musulmani che condannano le azioni dei terroristi ed aiutano a stemperare le molte inquietudini di cui l’Isis si fa forte. Anche Studio Aperto e Tg5 riprendono le parole di Gentiloni, mentre Tg4 che non solo “buca” l’intervento del ministro ma, nel proporre la solita anticipazione da Quinta Colonna, ci presenta un “islamista” che vive a Roma che, tornando indietro nel tempo, riafferma le presunte giustificazioni del massacro di Charlie Hebdò. Tg La7, oltre a riprendere il cordoglio e la volontà di reazione, e’ il più aperto alle conseguenze e alla possibilità che l’Europa imbocchi la via dell’intervento militare. Il G20 in Turchia è seguito da tutte le testate, così come la caccia all’uomo per l’ultimo attentatore scampato ai blitz in Belgio. Le notizie dei bombardamenti in Siria su Raqqa, capitale dello “Stato Islamico”, sono in scalette per tutti. Tg La7 ci presenta inoltre la situazione in Libia, dove il califfato conquista ogni giorno nuovi territori e festeggia le sue stragi di Parigi. Sempre Mentana è l’unico a chiedersi perché i terroristi abbiano scelto Bruxelles come base di appoggio e come mai da gennaio ad oggi non si sia riusciti a intervenire. Tg5 riprende le accuse di Putin su i finanziamenti al Califfato da parte di numerosi membri dello stesso G20. 

Nel giorno in cui i parlamenti, i cittadini e i leader mondiali si mostrano almeno a parole compatti nelle risposte da dare al terrorismo, l’odierno scontro Salvini-Alfano sull’efficacia della nostra sicurezza interna degenerato in uno scambio di insulti, ottiene spazio solo su Tg1 e Tg La7, e viene giustamente definito da Mentana “demenziale, ridicolo e inutile”. Tg5 intervista Marie Le Pen che, manco a dirlo, collega terrorismo e flussi d’immigrazione e si dice scettica sulla reale portata della risposta occidentale.

Segnaliamo stasera il servizio di Riccardo Chartroux sul Tg3 che, visitando le banlieues parigine, tenta di spiegare cosa può spingere giovani “europei” risiedenti nelle periferie ad abbracciare nel nome del Califatto un fucile e puntarlo contro i propri concittadini. Ottimo anche il servizio del Tg2 che, con dati Unicef, ci ricorda degli oltre 700 bambini che sono morti tra le migliaia di quelli che, in fuga dai paesi assediati dall’Isis, spesso senza genitori, hanno tentato di raggiungere l’Europa.

Ultime notizie
pace
Attualità

Tempo di uccidere

Nella nostra cara, felice e ricca Europa, nessuno ci credeva. Ma, insomma, si chiedeva la gran massa delle persone, questi si vogliono davvero...
di Luciano Maria Teodori
pace
Laboratorio Europa
Intervista

Laboratorio Europa, alimentare il confronto su Istituzioni europee e sulla necessità di un’Europa sociale. Intervista al Prof. Umberto Triulzi

Laboratorio Europa dell’Eurispes, gli esperti si riuniscono per il primo incontro del 2023, attualmente coordinato dal Prof. Umberto Triulzi, economista, e docente di Politica economica europea, intervistato rispetto ai temi di discussione: Istituzioni europee, integrazione in ambito internazionale, Europa sociale.
di Silvia Muscas
Laboratorio Europa
complottismo
Attualità

Il dubbio e il burattinaio. Complottismo all’italiana

Cronaca e intrigo: anche per l’arresto di Matteo Messina Denaro, non sono mancati sospetti, dubbi, perplessità oltre l’accertamento dei fatti, con il risultato di offuscare il senso di una vittoria importante dello Stato contro la mafia. Il dovere di dubitare è una pratica essenziale nella società democratica, tuttavia bisogna contrastare il rischio dello scetticismo aprioristico e distruttivo.
di Angelo Perrone*
complottismo
editoria
Cultura

Editoria italiana: ricavi, geografia e nuove prospettive

L’editoria italiana ha registrato un calo del 2,8% nel 2022, ma i dati restano favorevoli rispetto al 2019. Crescono lettori e case editrici al Sud, pur restando al di sotto della media nazionale: lettori e case editrici si concentrano al Nord e al Centro, in Lazio e Lombardia ha sede il 38% delle case editrici italiane.
di Roberta Rega
editoria
bilancio energetico
Italia

Bilancio Energetico Nazionale, differenze regionali e potenzialità inespresse

Bilancio energetico nazionale, l’Italia ha un grande potenziale confermato da una quota del 20% di energie rinnovabili sul totale registrato nel 2020. A frenare la transizione ecologica però ci sono burocrazia e regionalismi che rischiano di allungare i tempi di decarbonizzazione dell’economia.
di Ludovico Semerari
bilancio energetico
prezzi della benzina
Fisco

Possibili profili speculativi sull’aumento dei prezzi della benzina e la marginalità delle cause fiscali

L’aumento del prezzo della benzina, di cui si parla molto ultimamente, è determinato da una serie di fattori che non limitano il dibattito alle semplici accise. A incidere è soprattutto la quotazione Platts, che viene decisa dalle compagnie in base al valore effettivo dei prodotti raffinati in un determinato momento.
di Giovambattista Palumbo*
prezzi della benzina
città
Futuro

La città nell’orizzonte della rivoluzione digitale

Le città raccontano chi siamo e che futuro vogliamo costruire: la rigenerazione urbana può essere la chiave per riconquistare gli spazi sottratti dalla pandemia, e costruire un universale urbano aperto al libero attraversamento di popoli ed etnie per una società sempre più fatta di migrazioni.
di Massimiliano Cannata
città
RAEE
Tecnologia

RAEE, rifiuti elettronici: un tesoro nascosto

I RAEE, i Rifiuti di apparecchiature elettriche ed elettroniche, vanno trattati in maniera del tutto speciale e secondo determinate modalità presso le isole ecologiche. Otto italiani su dieci dichiarano di possederne almeno uno, ma dal loro corretto smaltimenti si trarrebbe un significativo beneficio economico.
di Ilaria Tirelli
RAEE
imprese e sviluppo sostenibile
Futuro

Imprese e Sviluppo sostenibile, sempre più complesso il quadro delle nuove regole europee

Il 28 novembre 2022 il Consiglio Europeo ha approvato in via definitiva il testo della nuova direttiva sulla comunicazione delle imprese in...
di Fabrizio Zucca*
imprese e sviluppo sostenibile
Comunità Energetiche Rinnovabili
Italia Domani

Comunità energetiche rinnovabili: dal Pnrr nuovi modelli di crescita

Il doppio filo che lega Agenda 2030 e il PNRR si sta ulteriormente rafforzando attraverso la messa a punto di strumenti che...
di Claudia Bugno*
Comunità Energetiche Rinnovabili