I corvi e le cornacchie del Vaticano

I Tg di lunedì 2 novembre – I clamorosi arresti – una volta tanto l’abusato aggettivo ci può stare – che svelano Il nuovo scandalo in Vaticano, già battezzato dai media “Vatileaks 2”, sono l’apertura stasera per i Tg Rai e Tg4. La fuga di notizie riguardo dossier riservati e le stesse conversazioni del Papa, di cui sarebbero “beneficiari” due giornalisti autori di due libri in uscita, è seguita con la massima attenzione da tutte le testate. Tg3 e Tg La7 offrono le migliori e più chiare ricostruzioni, tentando di illustrare la personalità dei due soggetti finiti sotto i rigori della Giustizia d’Oltretevere: un alto prelato dell’Opus Dei e una giovane Pr cui qualcuno ha dato accesso alle stanze più segrete del Vaticano. Scontati i riferimenti ai tradizionali corvi e rapaci vari: un po’ poco per una vicenda che paradossalmente mostra le sfumature tipiche del malcostume e della corruzione italiana, sullo sfondo di una lotta di potere tutt’altro che celeste.

Lo scontro tra la Conferenza delle Regioni ed il Governo sulla Legge di Stabilità trova ampio spazio sui Tg delle 20 con la replica piccata del Premier Renzi che ha convocato un incontro lampo con in Governatori per questo mercoledì, promettendo che “ci sarà da divertirsi”. Tra i Tg più schierati, quelli Mediaset accostano alle proteste di Chiamparino e Toti le dichiarazioni del presidente Inps Tito Boeri, criticato oggi da tutto il mondo politico per una proposta di tagli su pensioni e vitalizi; Tg4 ci confeziona attorno il solito servizietto indignato che non a caso mette alla berlina solo i politici di centrosinistra rei di percepire sostanziosi vitalizi. Mentana, riferite le posizioni delle Regioni, sposa comunque la linea di Renzi sui tagli agli sprechi degli enti locali e della sanità.

Alla ripresa del processo contro Bossi e c., che farebbero scorgere un coinvolgimento degli attuali vertici della Lega nell’utilizzo dei fondi elettorali ottenuti fraudolentemente, sono dedicati un titolo da Tg La7 e servizi per Tg1 e Tg3. Lo scontro è ora tra il “vecchio” (Bossi-Belsito) e il nuovo (Maroni-Salvini). La notizia evidentemente non incontra l’interesse di Mediaset, che puntualmente la ignora.

La rivolta degli imprenditori di Bagheria – feudo della cosca di Provenzano – contro il pizzo e la conseguente ondata di arresti, ottiene diversi titoli. Molto alto il servizio di Tg2. Presentando il servizio, Mentana segnala con amarezza che i racconti dei commercianti iniziano parlando di “lire” per poi proseguire con gli euro: una grande continuità la cui rottura acquista maggior valore.

Il maltempo e le devastazioni che hanno colpito la Sicilia e la Calabria sono presenti in tutte le scalette, ma in taglio basso. Sono i Tg Mediaset, come di consueto, ad offrirci le coperture più efficaci.

Il trionfo alle elezioni in Turchia del partito di Erdogan che, a dispetto delle previsioni, ha di nuovo ottenuto la maggioranza assoluta dei seggi, è titolo per Tg3 e Tg La7. Le molte ipotesi sull’aereo precipitato in Sinai, con i sospetti crescenti che possa essersi trattato di un attentato, sono invece apertura per Studio Aperto e Titolo per Tg1, Tg3, Tg4 e Tg5. In controtendenza con le scorse giornate, che avevano visto le tematiche dell’immigrazione godere di una maggiore attenzione, stasera solamente Tg2 dedica uno spazio ai viaggi dei disperati facendo raccontare in prima persona ad un profugo ospite in un Cara il proprio viaggio infernale, utilizzando non le parole ma il disegno che ne rievoca i momenti più drammatici.

Il quarantesimo anniversario dall’omicidio di Pier Paolo Pasolini, ancora avvolto da un insopportabile mistero, è celebrato dalle testate Rai e Tg5 con numerose testimonianze; Tg3 dedica al poeta e regista l’omaggio forse più appropriato, parlando di un’icona ancora viva nella memoria della società, ma che va rivisitata attraverso il rapporto diretto con le sue opere, piuttosto che relegata ad aneddoti e alla nostalgia.

Ultime notizie
d-day
Center-news

80 anni fa il D-Day che segnò la fine del nazismo

D-Day, il giorno che segnò la fine del nazismo con lo sbarco in Normandia: il 6 giugno ricorrono gli 80 anni dall’operazione che decise un nuovo corso per la storia. Ma la memoria storica è a rischio, senza la trasmissione generazionale della memoria e con la riduzione a fiction del nostro passato, come spesso avviene nelle serie tv.
di Giuseppe Pulina*
d-day
Criminalità e contrasto

Criminalità minorile e gang giovanili. I dati

Il Report “Criminalità minorile e gang giovanili”, il report realizzato dal Servizio analisi criminale è stato presentato questa mattina a Roma, presso la...
di redazione
Lavoro

La “mobilità circolare” dei giovani nell’area mediterranea

I giovani protagonisti del cambiamento Lo spazio Mediterraneo è un bene comune (“common good”) che appartiene a tutti gli Stati della UE ed...
di Avv. Angelo Caliendo*
Osservatorio sulla PA

Equo compenso o tariffazione?

Se solo il Codice dei Contratti fosse stato promulgato il 1° luglio 2023 (data della sua entrata in vigore) oggi non dovremmo affrontare questa spinosa questione, circa la portata e le modalità applicative della legge n. 49 del 21 aprile 2023 che ha introdotto “l’equo compenso” per i professionisti. Disposizione che di fatto modifica i criteri di aggiudicazione previsti nel Codice degli Appalti, vincolando il prezzo dei servizi professionali, o almeno così sembrerebbe.
di redazione
Intervista

Insularità, PNRR, fondi europei: il caso Sicilia

A più di un anno dall’introduzione nella nostra Costituzioni del principio di Insularità sono corrisposte politiche di sostegno e finanziamento delle attività necessarie a realizzare tale principio? Qual è l’incidenza dei fondi europei sulle attuali politiche di rigenerazione urbana e di sviluppo delle isole? Ne abbiamo parlato con chi ogni giorno deve confrontarsi con la gestione di una realtà complessa come quella della città di Catania: l’ingegner Biagio Bisignani, Direttore URB@MET.
di redazione
corse
Intervista

L’insularità possibile: il caso Corsica. Intervista a Marie-Antoinette Maupertuis, Presidente dell’Assemblea corsa

La Corsica è uno dei modelli europei in merito all’insularità e alle iniziative intraprese per favorire la coesione territoriale e l’autonomia fiscale necessaria per l’economia corsa, dinamica ma gravata da una “crescita depauperante”. Ne parliamo con l’Onorevole Marie-Antoinette Maupertuis, economista e Presidente dell’Assemblea della Corsica.
di Daniela Pappadà
corse
corse
Osservatori

Insularité possible: le cas de la Corse. Entretien avec Marie-Antoinette Maupertuis, Présidente de l’Assemblée de Corse

Insularité possible: entretien avec l’Honorable Marie-Antoniette Maupertuis, Presidente de l’Assemblee de Corse.
di Daniela Pappadà
corse
intelligenza
Intervista

Intelligenza artificiale e regole: serve un impegno dell’Unione sui diritti sostanziali

Intelligenza artificiale e diritto, ne parliamo con Giusella Finocchiaro, Professoressa ordinaria di diritto privato e diritto di Internet all’Università di Bologna. Per non cadere in un rischioso processo di “burocratizzazione digitale” bisogna partire da elementi culturali prima che giuridici, senza perdere di vista i princìpi.
di Massimiliano Cannata
intelligenza
Sicurezza

Tecnologia, sicurezza e istruzione: intervista a Nunzia Ciardi, Vice Direttore Generale dell’Agenzia per la Cybersicurezza Nazionale

La tecnologia è entrata di forza nella scuola grazie alla DAD, che in pandemia ha permesso a milioni di studenti di seguire le lezioni da casa. Bisogna continuare su questa strada e sfruttare le potenzialità offerte dalla tecnologia in àmbito scolastico e formativo secondo la dott.ssa Nunzia Ciardi, Vice Direttore Generale dell’Agenzia per la Cybersicurezza Nazionale.
di Massimiliano Cannata
scuole italiane
Immigrazione

Scuola e cittadini italiani di domani

La questione della presenza degli stranieri nelle scuole implica un’ambivalenza di obiettivi: migliorare la qualità dell’istruzione a prescindere dalla discendenza, oppure comprimere il diritto costituzionale all’apprendimento. La scuola deve avere una funzione di istruzione e integrazione sociale.
di Angelo Perrone*
scuole italiane