Notice: Undefined offset: 1 in /home/awfdywmb/public_html/wp-content/themes/Newspaper-child/loop-single.php on line 27

Notice: Trying to get property 'cat_name' of non-object in /home/awfdywmb/public_html/wp-content/themes/Newspaper-child/loop-single.php on line 27
Osservatorio TG

I “numeri” delle primarie

I Tg di mercoledì 9 marzo – Le polemiche sulle irregolarità alle primarie napoletane (e romane) del Pd, nel giorno del rigetto del ricorso chiesto dal candidato Bassolino, si propagano nei palazzi romani ottenendo primo titolo su Tg2, Tg3 e Tg5. Se ieri avevamo osservato un atteggiamento relativamente “blando” da parte delle testate del servizio pubblico, stasera i Tg Rai dedicano ampio spazio alle reazioni ed alle divisioni interne al partito di Renzi. Coperture ancora più taglienti sulle testate Mediaset, con Tg5 che confeziona il servizi più lungo, riprendendo anche gli esponenti dell’opposizione. Al di là dei concreti fatti (sui quali Cinque Stelle chiede l’intervento della Magistratura), Mentana evidenzia come “è bastata un scintilla per fare aprire gli occhi sulle divisioni e le fragilità interne al Pd”. Sempre Tg La7 ci dà alcuni numeri: quelli delle schede bianche che avrebbero gonfiato le primarie Pd nella Capitale (circa 550 rispetto alle 2.500 ventilate, cifra ripresa anche dal Tg2) e su di un altro fronte quelli dei votanti on line alle primarie M5S a Napoli, sotto i 600 votanti.

L’arresto di un richiedente asilo, un imam somalo 22enne ospite di una struttura in provincia di Campobasso, per gli inquirenti in procinto di compiere un attentato nella Capitale, è primo titolo per il Tg1, Tg4 e Studio Aperto, mentre compare a metà edizioni per le altre testate. Le testate minori Mediaset rilanciano gli allarmi legati ai profughi; Rai e La7 precisano che al giovane era stata negata la richiesta di asilo.

Le dichiarazioni in Aula del ministro Gentiloni che ha negato il pagamento di un riscatto per i nostri tecnici in Libia, le ipotesi di un intervento unilaterale nel Paese, che non si getterà “in avventure pericolose e sconsiderate”, sono nei titoli di tutte le testate. Ancora maggiore spazio è l’oltraggio che denunciano i familiari dei due tecnici uccisi per gli ulteriori ritardi nella consegna delle loro salme. Tg1, Tg2 e le testate Mediaset danno ampio spazio alla protesta della moglie di Failla, con Tg4 che in un editoriale furente letto da Angelo Macchiavello si ricollega alla vicenda di Giulio Regeni accusando di incapacità il ministro Gentiloni. Sempre sulla vicenda Regeni, Tg1 e Tg3 titolano sulle rivelazioni de La Repubblica che evidenzierebbero ulteriori depistaggi condotti dal governo egiziano.

La blindatura della rotta balcanica completata nelle ultime ore, che la diplomazia Ue cerca di far passare come “accordo raggiunto” durante il vertice europeo, viene letta con scetticismo, e Tg La7 fin dai titoli parla di “soluzioni in ordine sparso” messe in atto dai paesi interessati. Proseguono sui Tg Rai le coperture dal campo profughi di Idomeni, dove la tensione sta crescendo.

I dati Istat che prevedono una crescita troppo esile per poter rasserenare qualcuno, sono stasera appannaggio di Tg3 (servizi bassi sugli altri Rai). Tg La7 è il solo a titolare, mettendolo in apertura, sui rischi che attenderebbero l’Italia al prossimo incontro di aprile con l’Eurogruppo, segnalando però che dal Ministero dell’Economia non emana alcuna preoccupazione.

La cronaca nera, tradizionale core business delle testate minori Mediaset, continua ad abbondare con titoli e servizi, con Tg4 che prosegue la sua campagna securitaria che stasera inquadra uno dei “protagonisti” dell’autodifesa, dedicando titolo e servizio allo sparatore-eroe per questo perseguitato, guarda caso ospite proprio stasera di un programma della rete.

L’approfondimento del Tg5 tende a smontare le promesse di Renzi sulla chiusura definitiva dei cantieri della Salerno-Reggio Calabria per fine anno.

Segnaliamo in chiusura l’approfondimento del Tg2 su un’iniziativa del tribunale di Reggio Calabria che ha previsto l’allontanamento dei minori dalle famiglie dei figli mafiose, nella speranza di poter dare a questi ragazzi un futuro diverso, o comunque lontano, dalla scuola della ‘ndrangheta.

Ultime notizie
riassetto dei poteri
Diritto

Il riassetto dei poteri

Il tema del riassetto dei poteri è al centro dell’attuale dibattito ed è strettamente collegato con le prospettive di una riforma della giustizia. L'ex magistrato Vincenzo Macrì fa alcune considerazioni partendo da un articolo a firma di Luciano Violante.
di Vincenzo Macrì
riassetto dei poteri
Economia

Fondi per il PNRR, erogata la prima rata: il punto della situazione

Un importante traguardo è stato raggiunto lo scorso 13 aprile, quando è stata erogata la prima tranche di pagamenti per il PNRR. Sono stati versati 21 miliardi di euro che si aggiungono al pre-finanziamento ottenuto lo scorso anno.
di Claudia Bugno*
precarietà
Attualità

Che cosa significa, oggi, vivere la dimensione della precarietà

La precarietà si afferma come la base esistenziale del vivere contemporaneo. Precarietà in termini lavorativi, come conseguenza delle crisi economiche; precarietà delle relazioni, accentuate dagli effetti della pandemia sulla salute mentale e sui legami di comunità; precarietà geopolitica e ambientale di un mondo minacciato da guerre e disastri ambientali.
di Giuseppe Pulina
precarietà
Rebibbia carcere
Attualità

Rebibbia, storie di vita dal carcere per affermare la funzione rieducativa della pena

A Rebibbia le storie di vita dal carcere femminile nel report del Servizio Analisi Criminale centrale: oltre alle analisi sui fenomeni criminali, viene ribadita la funzione rieducativa della pena tra sicurezza e trattamento.
di redazione
Rebibbia carcere
ricerca e sviluppo
Economia

Ricerca e Sviluppo (R&S) nell’area OCSE: la risposta alla crisi pandemica

La spesa in Ricerca e Sviluppo (R&S) nell’area OCSE è cresciuta dell’1,8% nel 2020. Nonostante il forte calo dell’attività economica determinata dalla pandemia da Covid-19, le economie dell’OCSE hanno quindi continuato ad investire in ricerca e sviluppo nel 2020.
di Cecilia Fracassa
ricerca e sviluppo
legal design
Economia

Il legal design: una nuova prospettiva di accessibilità e democratizzazione del linguaggio giuridico

La finalità antropocentrica del legal design I principali linguisti italiani evidenziano da anni che il linguaggio utilizzato dalle Istituzioni è distante anni luce...
di Andrea Strata e Alessandro Colella
legal design
react-eu
Italia Domani

REACT-EU: potenziate le risorse per il Mezzogiorno

Il REACT-EU, tra gli strumenti finanziati dal Next Generation EU, costituisce la seconda componente di origine europea all’interno del PNRR con cui...
di Claudia Bugno*
react-eu
guerra
Internazionale

Le guerre dimenticate, non meno feroci di quella in Ucraina

Come mai guerre atroci e lunghissime come quelle nel Tigrai, nello Yemen, in Siria, in Mali, non hanno ascolto nella politica italiana ed europea e trovano pochi spazi nei media? Perché non sconvolgono la sensibilità delle persone come invece sta accadendo per il conflitto in Ucraina? Lo stesso vale, del resto, per altre crisi estreme che provocano migliaia di morti e schiere enormi di profughi.
di di Emilio Drudi e Marco Omizzolo
guerra
25 aprile 2022
Società

25 aprile 2022, il ritorno della paura

La memoria della riconquista della libertà, avvenuta con la liberazione del 1945, si sovrappone alle immagini della tragedia ucraina che, a distanza di 77 anni, si consuma per le stesse ragioni di allora, i soprusi delle dittature. La “resistenza” in ogni epoca trae forza dal coraggio di vincere le paure.
di Angelo Perrone
25 aprile 2022
dispersione scolastica
Scuola

Dipersione scolastica e Dad: il fenomeno nelle scuole della Sardegna

Dispersione scolastica e DaD, quanto sono collegati questi due aspetti nel sistema scolastico costretto a modificare la propria organizzazione a causa della...
di redazione
dispersione scolastica