Draghi – Francoforte vs Berlino

I Tg di giovedì 10 marzo – Scalette in pratica obbligate e, quindi, in fotocopia per i Tg di serata. Le aperture sono tutte, con l’eccezione di Studio Aperto, per le decisioni della Bce che rilanciano il bazooka di Draghi e azzerano i tassi per stimolare inflazione e ripresa in un’Europa che sull’economia si muove con la velocità di un bradipo. “Sorprendente” è l’aggettivo più utilizzato per accompagnare la scelta di aumentare il quantitative easing del 30% (da 60 a 80 miliardi al mese) e di “premiare” le banche che prelevano denaro da Francoforte nel caso in cui lo mettano a diposizione di famiglie e imprese. Ma sotto i titoli gridati c’è ben poco di ciò che sarebbe necessario per comprendere la ratio e i possibili effetti concreti della manovra di Draghi. Chi prova a farlo, e in parte vi riesce, è TgLa7 che spiega che il governatore Bce va avanti come un treno, senza preoccuparsi dei massi lanciati sui binari dalla Bundesbank e da quasi tutte le autorità finanziarie e bancarie tedesche. Sempre La7, seguita da Tg2, spiega che la votazione a Francoforte è stata “quasi” unanime, anche perché per le regole interne che prevedono che il board si esprima a rotazione, oggi la Germania non votava.

Dicevamo delle scalette obbligate, viste le ulteriori drammatiche notizie relative all’autopsia sui corpi dei due tecnici italiani finalmente giunti in Italia, e le novità sulla auspicata (quanto tardiva) collaborazione della magistratura egiziana con gli inquirenti italiani per l’uccisione di Giulio Regeni. Sulla prima vicenda tutti i Tg riportano le dichiarazioni e le posizioni legittimamente indignate dei familiari, ma le testate minori Mediaset le espongono come un’icona delle presunte responsabilità, tutte “in negativo” del governo.

Voltando pagina, i dati della diminuzione della disoccupazione nel 2015 sono ampiamente riportati, e va sottolineato che il senso di pur minimo sollievo è epresso non solo dai Tg Rai, ma anche da Tg5 e TgLa7. Per Tg1 l’occupazione in aumento è secondo titolo. Anche in questo caso il servizio più preciso è quello di La7.

Renzi che presenzia all’abbattimento dell’ultimo diaframma a Normanno in una galleria della Salerno-Reggio Calabria, anche in questo caso è “titolo” per Tg1, il che ci risulta alquanto eccessivo. Visto che si parla di imminente scontato cambio ai vertici dellle testate del Servizio Pubblico, questa “aderenza” alla uscite del premier, più che agli attuali direttori può essere riferibile ad un clima diffuso che si respira a Saxa Rubra. Sempre per la politica, è quasi inutile confermare che il caos a destra sul candidato per Roma Capitale non è presente su Mediaset, che invece abbonda di riprese e citazioni dell’intrevista odierna di Berlusconi a Il Messaggero che contiene il vaticinio della vittoria di Bertolaso al primo turno (!?!). Sulle altre testate l’ulteriore “no” di Salvini al candidato di Forza Italia emerge con evidenza. Passando all’altro schieramento, Bassolino è invece presente trasversalmente sia in Rai, sia a Mediaset che su La7 nel giorno in cui si profila una sua lista civica “contro” il Pd della Valente.

Cambiando aria, attraversiamo l’Atlantico per i “sassolini dalle scarpe” che per TgLa7 Obama si sta togliendo, approfittando dei pochi mesi di mandato che gli rimangono. Il capo della Casa Bianca ammette che nel 2011 gli Usa sbagliarono a dar retta Cameron e Sarkozy sulla campagna di bombardamenti in Libia in logica anti Gheddafi. Ammissione tardiva ma, comunque, apprezzabile.

Un altro elemento che è presente sui titoli e/o nel servizi di tutte le testate è rappresentato dalle proteste degli agricoltori italiani per l’ok all’iportazione senza dazi di ulteriori 35.000 tonnellate di olio tunisino. Mentana dice che “l’Italia ha perso” al tavolo di Bruxelles. Per Tg4 si tratta di un’altra manifestazione anti italiana della matrigna Bruxelles. Da segnalare che nelle votazioni a Strasburgo anche il gruppo Pd si è diviso a metà. A dimostrazione che il problema c’è, ed è serio.

Ultime notizie
scuola italiana
Intervista

La Scuola sia baluardo di conoscenza, tolleranza e spirito critico: intervista a Paolo Pagliaro

L’istruzione in Italia è una roccaforte di valori come la conoscenza, il senso critico, la tolleranza, eppure rischia un declino simile a quello della Sanità pubblica. Sfide e opportunità per il futuro della Scuola italiana, nell’intervista a Paolo Pagliaro, Direttore agenzia giornalistica 9Colonne e autore televisivo.
di redazione
scuola italiana
isole
Osservatori

Nascita geologica e nascita giuridica delle isole: intervista a Niki Aloupi

La nascita geologica di un’isola non corrisponde necessariamente alla sua nascita giuridica: lo chiarisce ampiamente Niki Aloupi, docente di Diritto internazionale pubblico all’Università di Parigi- Panthéon-Assas, esperta di Diritto del mare, che offre una panoramica sulla situazione giuridica internazionale delle isole.
di redazione
isole
social
Società

È guerra totale contro la “trappola dei Social”

Le autorità statunitensi hanno cominciato a porsi domande sulla tutela dei minori rispetto all’utilizzo dei Social network. Un uso che, secondo una serie di studi condotti, è relazionato al peggioramento della salute mentale di adolescenti e ragazzi.
di cecilia sgherza
social
apprendimento
Istruzione

La vera inclusione scolastica è garantire buoni livelli di apprendimento per tutti

La Scuola italiana ha bisogno di una riflessione pedagogica e strutturale, e di formulare un’offerta formativa equa basata sull’apprendimento di livello per tutti. Intervista a Roberto Ricci, presidente Invalsi, che commenta i dati emersi dal Secondo Rapporto dell’Eurispes su Scuola e Università.
di Roberto Ricci*
apprendimento
educazione
Istruzione

Perché l’educazione è la causa delle cause. Per una pedagogia della Nazione

Il tema dell’educazione non è uno tra i tanti. Nella società della conoscenza rappresenta il settore decisivo del progresso e dell’innovazione. Eppure, assistiamo a una metamorfosi antropologica e ad una ibridazione tra virtuale e reale che necessitano di una base culturale fondata su un sistema educativo solido.
di Mario Caligiuri*
educazione
isole
Intervista

La condizione sociale e culturale nelle isole, intervista al Prof. Orazio Licciardello

Le isole come luogo geografico, sociale, economico nell’intervista al prof. Orazio Licciardello, Ordinario di Psicologia Sociale presso l’Università di Catania. Il principio di insularità è preceduto da quello di isolanità, una condizione a sé, un dato di fatto che presuppone da sempre un altrove.
di redazione
isole
scuola
Istruzione

La Scuola è una priorità che va oltre la politica

La Scuola italiana è stata oggetto di riforme di ogni governo avvicendatosi negli ultimi anni, senza riuscire a dare una vera impronta rispetto alla Riforma Gentile. Ma il ruolo della Scuola e della ricerca nel futuro del Paese è cruciale, e deve andare oltre i trend politici del momento.
di Gian Maria Fara*
scuola
nomadi digitali
Lavoro

Nomadi digitali, evoluzione in grado di generare opportunità di crescita

I nomadi digitali non rappresentano solo un cambio nella concezione del lavoro, bensì una opportunità di sviluppo delle zone rurali. Se il lavoro da remoto riguarda già il 36% dei lavoratori autonomi in tutta Europa, l’Italia può diventare méta per smart workers nelle molte aree interne e rurali a rischio spopolamento.
di redazione
nomadi digitali
scuola e università
Sondaggi & Ricerche

Scuola e Università, presentato il Secondo Rapporto dell’Eurispes

Il Secondo Rapporto Eurispes dedicato a Scuola e Università è stato presentato questa mattina. L’indagine evidenzia l’attualità di vecchie questioni irrisolte del nostro sistema scolastico, e individua sfide e obiettivi per il futuro secondo i docenti di scuola primaria, secondaria e delle università.
di redazione
scuola e università
web
Tecnologia

Una Costituzione per Internet per un web sicuro e inclusivo

Bisogna creare le condizioni per redigere una Costituzione per Internet, definendo un contratto sociale a difesa dei diritti dell’uomo nella società digitale. A tal proposito, la tecnologia non può farsi regolamentazione plasmando le nostre vite, sopravanzando la sfera del diritto.
di Massimiliano Cannata
web