Osservatorio TG

I quattro “statisti”

I Tg di venerdì 16 giugno – Chissà se è “per caso”, o se per una più o meno consapevole intuizione, che TgLa7 questa sera ci ha offerto nella prima parte della sua edizione una carrellata di quattro uomini “di stato” che incarnano il passato, il presente e, temiamo, il futuro prossimo della politica tra Europa, America e Medio Oriente. Mentana è partito con gli ulteriori guai di Trump che – udite,udite! – dovrebbe rappresentare la nuova leadership mondiale per il prossimi 3 anni e mezzo, e forse per i successivi 4. Forse l’impeachment allontanerà da noi questo amaro calice. Tgla7 è poi passato a Al Bagdadi, l’uomo che solo 4 anni fa à proclamato la rinascita del Califfato, ovvero dello stato degli eredi di Maometto, e che forse è rimasto ucciso vicino Raqqa da un bombardamento russo. Il terzo politico, l’unico “vero” è Koll, scomparso a 87 anni dopo aver riunificato la Germania e dato slancio al progetto europeo. L’ultimo politico inquadrato è Teresa May, nuova anch’essa ma come il suo predecessore Cameron vero emblema di una politica inconsistente, pericolosa e autolesionista, che anche oggi è stata vivamente contestata dal popolo londinese che ha protestato sotto il grattacielo andato a fuoco. Non rischiamo di vederla a lungo a Downing Street.
In questa interessante carrellata si tocca con mano quanto flebile e/o drammaticamente pericolosa sia la classe politica che governa oggi l’Occidente, e quella che tenta di ricacciare con un progetto criminale e integralista il mondo islamico in un nuovo Medio Evo. La consolazione è che nella storia rimarrà solo uno dei 4, l’anziano Koll, mentre gli altri 3 finiranno (o sono forse finiti) in un immondezzaio che della storia non ha nemmeno una lontana dignità. Bene ha fatto Tg2 a aprire e presentare lunghi servizi proprio su Koll, il dominatore di un ventennio europeo – l’ultimo del ‘900 – durante il quale non è stato amato (all’estero e, poi, dopo la riunificazione, neanche all’interno), un ventennio in cui la politica ha ancora contato.
Passare da Koll alla diatribe della politica italiana, a Grillo, Alfano, Salvini e Renzi, è assai arduo. Comunque i Tg di serata ci segnalano più o meno trasversalmente che Salvini dopo i ballottaggi i 5 Stelle li vuole incontrare, mentre questi negano l’evidenza del riavvicinamento sul tema immigrazione e ius soli e, quindi, la possibilità di convergenze.
Rimanendo alla politica, i Tg Mediaset danno ampio spazio a Berlusconi (presente anche sulla Rai). Tg5 propone una riflessione affidata a Sansonetti (Direttore del Dubbio) apparentemente filo renziana ma, sostanzialmente anti salviniana. Il concetto è il seguente: i quarantenni che promettevano rottamazioni e nuovi scenari politici, stanno tutti fallendo, con l’eccezione del “dignitoso” Renzi.
L’attenzione al meteo e al “caldo di stagione” travalica i consueti confini dei minori Mediaset, e sub specie allarme per la siccità e danni in agricoltura è molto presente sulla Rai.

Ultime notizie
Territorio

Calabria: a new narrative and strategic thinking are needed. Interview with President of the Rubbettino publishing house

Guest of the column "Il punto a Mezzogiorno", Florindo Rubbettino, President of the publishing group of the same name founded in 1972...
di redazione
Il punto a Mezzogiorno

Calabria: servono una nuova narrazione e un pensiero strategico. Intervista al Presidente del gruppo editoriale Rubbettino

Intervista a Florindo Rubbettino, Presidente dell’omonimo gruppo editoriale fondato nel 1972 da suo padre in Calabria.
di Maurizio Lovecchio
capodanno estivo
Società

Questo Capodanno estivo segnerà il primo anno del “new normal”

Viviamo un Capodanno estivo in cui ci iniziamo a preparare all’incontro, al riallacciare, con il nuovo anno, quella consuetudine quotidiana dell’altro, non mediata dallo schermo come in pandemia, entro la quale ci immergeremo diversi da come ne siamo usciti.
di Alberto Mattiacci*
capodanno estivo
mezzogiorno
Infrastrutture

I collegamenti tra le regioni del Sud e del Nord, punto chiave nel rilancio del Mezzogiorno

La vera prospettiva di crescita del Mezzogiorno è condizionata dagli investimenti in opere infrastrutturali che sono strategiche per lo sviluppo economico. L’adeguamento dei porti italiani alle grandi navi portacontainers, e la creazione di hub nel Mediterraneo, in particolare a Gioia Tauro e in Sicilia, sono condizioni in grado di trainare lo sviluppo anche dei territori interni oltre che delle realtà portuali coinvolte.
di Giampaolo Basoli*
mezzogiorno
nuraghi sardegna
Cultura

Nuraghi di Sardegna, una risorsa non solo culturale

I nuraghi, che con la loro massiccia diffusione puntellano la Sardegna, sono identificativi del luogo al quale appartengono, hanno una lunga e misteriosa storia alle spalle e sono l’espressione di un passato che silenziosamente sembra voler interloquire con il mito. I nuraghi hanno i requisiti per essere a buon diritto patrimonio dell'Unesco.
di Giuseppe Pulina
nuraghi sardegna
moda fashion
Economia

L’industria della moda tra fast fashion e moda etica

Nei primi nove mesi del 2020 le maggiori aziende del fashion hanno subìto una significativa contrazione. Le stime indicano che la ripresa inizierà nel corso del 2021, ma l’assestamento del volume d’affari sulle cifre precedenti alla crisi si avrà soltanto nel 2023. Intanto, l’industria della moda è in bilico tra il fast fashion usa-e-getta e nuovi modelli produttivi ecosostenibili.
di redazione
moda fashion
oceani plastica
Ambiente

Riuso e riciclo possono salvare gli oceani dalla plastica

È possibile prevenire quasi la metà della plastica presente negli oceani in un anno riutilizzando il 10% dei nostri rifiuti in plastica. Questo, e molto altro, è presente nel report "The Future of Reusable Consumption Models" del World Economic Forum in collaborazione con Kearney.
di redazione
oceani plastica
trasporto ferroviario
Europa

Green Deal, fondamentale una strategia comune sul trasporto ferroviario

Il trasporto ferroviario è un punto fondamentale per la transizione ecologica e il raggiungimento degli obiettivi del Green deal europeo. Basti pensare che il settore trasporti genera un quarto delle emissioni di gas serra nell'Ue. Per questo il 2021 è l'Anno Europeo delle Ferrovie, e l'Italia ha destinato all'ammodernamento della rete ferroviaria 28,30 miliardi euro di risorse del PNRR.
di Giampaolo Basoli*
trasporto ferroviario
libro
Cultura

Città del libro, anche in editoria la filiera deve essere etica e sostenibile

I recenti scioperi di Stradella, la "città del libro", sono il sintomo di una distribuzione editoriale centralizzata e inserita in logiche che non favoriscono i lavoratori della logistica. C'è bisogno, come in agricoltura, di una filiera etica e sostenibile anche per i libri, oltre a una discussione seria sui diritti dei lavoratori della logistica.
di Roberta Rega
libro
salute mentale
Salute

Salute mentale e pandemia nel mercato della psiche

In Italia si consumano circa 12 milioni di confezioni di antipsicotici l’anno. Dal Rapporto Italia 2021 emerge che Il 20% degli italiani ha sperimentato i sintomi della depressione nel corso della pandemia e il 27% si è rivolto a uno psicologo. Eppure, la salute mentale è ancora un tabù anche per il Sistema sanitario nazionale.
di redazione
salute mentale