Il governo “ a patti” con i sindacati ?

I Tg di martedì 24 maggio – Lo scontro con “i toni che si alzano”, a 5 mesi dal referendum è in apertura per Tg 5 e TgLa7, secondo e terzo titolo sulle testate Rai. Sull’asse Renzi-Di Maio transitano le accuse di sudditanza alla Casaleggio Associati e alle lobby petrolifere e bancarie. Tg3 dà spazio all’appello della minoranza Pd che invita a spersonalizzare il dibattito sulle riforme e ad abbassare i toni, mentre le destre si appellano – nemesi storica! – con più di qualche ragione alla par condicio.

Le aperture di Renzi sulle pensioni e il positivo incontro tra Poletti e i sindacati sono in apertura per i Tg Rai. Questo passaggio importante che potrebbe rappresentare una svolta, dopo lunghissimi mesi di assenza di confronto, non è comunque adeguatamente spiegato nelle sue evidenti “relazioni” con l’esigenza di allargare l’area del consenso – o ridurre quella del dissenso – da parte del governo.

Il dopo elezioni in Austria, con la conferma da parte del governo di Vienna del rafforzamento dei controlli al Brennero, riapre la querelle con l’Italia e con Bruxelles (titolo per Tg1), mentre lo sgombero dei profughi a Idomeni – che procede senza particolari tensioni – ottiene spazio su tutte le testate. A proposito di Grecia, TgLa7 parla di una “attesa da partita di mondiali” per l’esito (notturno) del summit dell’eurogruppo sugli aiuti ad Atene e sul possibile taglio del debito che, però, non potrà avvenire prima delle prossime elezioni tedesche.

Alti su Tg3, Tg5 e TgLa7 i riflessi delle tensioni in Francia contro i provvedimenti del governo che riformano il mercato del lavoro. La penuria di carburanti per il blocco delle raffinerie e la prospettiva di uno sciopero a oltranza nei trasporti, segnalano un passaggio assai duro per la presidenza Hollande, al minimo storico nel gradimento dei cittadini francesi.

Sulle contraddittorie informazioni delle autorità egiziane sulla sciagura del volo Egyptair (“novità controverse” per TgLa7 e “raffica di versioni” per Tg2), apre Studio Aperto.

Il discorso del Presidente Mattarella alla commemorazione ad Asiago del 24 maggio 1915 viene ripreso Tg Rai e Tg5, mentre i dati Eurostat sulle falle della sanità europea ottengono una buona copertura su Tg4.

L’ulteriore caso di violenza su anziani e disabili in una casa riposo a Nuoro, è “alto” sulle testata Mediaset (titoli e collegamenti con analoghe vicende del recente passato).

Tg2 continua a prestare attenzione al traffico di profughi sulla rotta egiziana e alle forti difficoltà dell’accoglienza. Infine una “buona notizia” per i patiti del web: Tg1 annuncia che il limite dei 140 caratteri per i tweet è stato superato.

Ultime notizie
Italia

Reti europee di trasporto TEN-T: l’Italia penalizzata dalle nuove strategie adottate

Una premessa. Era il lontano 2004 quando l’Unione europea, per impulso di Romano Prodi Presidente della Commissione, immaginò di rafforzare il processo...
di Gianpaolo Basoli, Luca Danese, Marco Ricceri
violenza contro le donne
Donne

Violenza contro le donne, meno vittime ma attenzione ai reati spia

Violenza contro le donne, nel report della Direzione centrale della Polizia criminale allerta sui reati spia e sulle vittime con disabilità. Diminuiscono i casi di femminicidio, -9% rispetto al 2021, ma aumentano le violazioni di allontanamento e i reati di violenza sessuale.
di redazione
violenza contro le donne
stalking
Criminalità e contrasto

Stalking, vittime degli atti persecutori continuano ad essere soprattutto le donne

Lo stalking, ossia gli atti persecutori, è considerato uno dei reati spia, quei delitti che sono indicatori di una violenza di genere. È possibile leggere il fenomeno attraverso gli ultimi dati messi a disposizione dalla Direzione Centrale della Polizia Criminale e le indagini realizzate dall'Eurispes.
di Susanna Fara
stalking
intelligenza artificiale
Tecnologia

Intelligenza artificiale, costi e benefici ambientali della rivoluzione digitale

Intelligenza artificiale e sostenibilità: migliorare l’efficienza energetica dei sistemi è utile al bilancio ambientale, ma non bisogna trascurare gli impatti diretti delle operazioni di calcolo e delle infrastrutture tecnologiche, in termini di consumo energetico e di materie prime.
di Roberta Rega
intelligenza artificiale
scuola
Scuola

La crisi della scuola come laboratorio di eccellenza e inclusione raccontata dal Presidente Roberto Ricci attraverso i dati INVALSI

La scuola italiana descritta dalle prove INVALSI è un sistema affetto da divario territoriale e scarsa attenzione alla crescita degli alunni: un alunno su dieci è in una situazione di fragilità al termine del ciclo di scuola secondaria, con punte vicine al 20% nelle regioni del Mezzogiorno.
di Roberto Ricci*
scuola
sud e coesione
Italia Domani

Sud e coesione territoriale: a che punto siamo?

Sud e coesione territoriale sono tra i punti fondamentali del PNRR. Quasi 20 miliardi di euro sono destinati a politiche di inclusione e coesione, volte a colmare il divario territoriale presente in Italia. Dopo il lavoro svolto dal Ministero del Sud, le modifiche di competenze dei Ministeri volute dal nuovo governo introducono nuovi scenari organizzativi.
di Claudia Bugno*
sud e coesione
Van Gogh
Cultura

Vincent Van Gogh, i colori che hanno influenzato il mondo. La mostra a Roma

La pittura di Vincent Van Gogh è entrata nell’immaginario collettivo, diventando oggetto di venerazione e culto. Una mostra al Palazzo Bonaparte di Roma, in occasione dei 170 anni dalla nascita, esplora il mistero di una fascinazione per il colore che ha conquistato intere generazioni.
di Angelo Perrone
Van Gogh
welfare
Intervista

Le nuove emergenze impongono un ripensamento del welfare e del ruolo dei sindacati. Intervista al Presidente Tiziano Treu

Le nuove emergenze globali impongono un ripensamento di welfare e ruolo dei sindacati per far fronte ad emergenze sociali legate a inflazione e povertà. Il PNRR e l’agenda Draghi hanno segnato una svolta verso coesione e sostenibilità, ma bisogna puntare sull’innovazione. A colloquio con Tiziano Treu Presidente del CNEL.
di Massimiliano Cannata
welfare
questione meridionale
Mezzogiorno

Questione meridionale ancora aperta. Superare il divario tra Nord e Sud centrale per ritrovare unità nazionale

La questione meridionale è stata messa da parte con la Seconda Repubblica, lasciando la centralità alla narrazione politica di un Paese disunito e con opposte rivendicazioni. Ma il Sud resta al centro dello sviluppo del Paese e della sua unità nazionale, e il PNRR deve rappresentare una occasione per colmare il divario.
di Luca Bianchi*
questione meridionale
agroscienze
Agricoltura

L’ascesa dell’agricoltura sostenibile e la crescita del mercato delle agroscienze

Alla ricerca della sostenibilità in agricoltura Il settore agricolo si sta ormai orientando su scala globale verso pratiche sostenibili volte a preservare e...
di Cecilia Fracassa
agroscienze