L'opinione

Il governo “ a patti” con i sindacati ?

106

I Tg di martedì 24 maggio – Lo scontro con “i toni che si alzano”, a 5 mesi dal referendum è in apertura per Tg 5 e TgLa7, secondo e terzo titolo sulle testate Rai. Sull’asse Renzi-Di Maio transitano le accuse di sudditanza alla Casaleggio Associati e alle lobby petrolifere e bancarie. Tg3 dà spazio all’appello della minoranza Pd che invita a spersonalizzare il dibattito sulle riforme e ad abbassare i toni, mentre le destre si appellano – nemesi storica! – con più di qualche ragione alla par condicio.

Le aperture di Renzi sulle pensioni e il positivo incontro tra Poletti e i sindacati sono in apertura per i Tg Rai. Questo passaggio importante che potrebbe rappresentare una svolta, dopo lunghissimi mesi di assenza di confronto, non è comunque adeguatamente spiegato nelle sue evidenti “relazioni” con l’esigenza di allargare l’area del consenso – o ridurre quella del dissenso – da parte del governo.

Il dopo elezioni in Austria, con la conferma da parte del governo di Vienna del rafforzamento dei controlli al Brennero, riapre la querelle con l’Italia e con Bruxelles (titolo per Tg1), mentre lo sgombero dei profughi a Idomeni – che procede senza particolari tensioni – ottiene spazio su tutte le testate. A proposito di Grecia, TgLa7 parla di una “attesa da partita di mondiali” per l’esito (notturno) del summit dell’eurogruppo sugli aiuti ad Atene e sul possibile taglio del debito che, però, non potrà avvenire prima delle prossime elezioni tedesche.

Alti su Tg3, Tg5 e TgLa7 i riflessi delle tensioni in Francia contro i provvedimenti del governo che riformano il mercato del lavoro. La penuria di carburanti per il blocco delle raffinerie e la prospettiva di uno sciopero a oltranza nei trasporti, segnalano un passaggio assai duro per la presidenza Hollande, al minimo storico nel gradimento dei cittadini francesi.

Sulle contraddittorie informazioni delle autorità egiziane sulla sciagura del volo Egyptair (“novità controverse” per TgLa7 e “raffica di versioni” per Tg2), apre Studio Aperto.

Il discorso del Presidente Mattarella alla commemorazione ad Asiago del 24 maggio 1915 viene ripreso Tg Rai e Tg5, mentre i dati Eurostat sulle falle della sanità europea ottengono una buona copertura su Tg4.

L’ulteriore caso di violenza su anziani e disabili in una casa riposo a Nuoro, è “alto” sulle testata Mediaset (titoli e collegamenti con analoghe vicende del recente passato).

Tg2 continua a prestare attenzione al traffico di profughi sulla rotta egiziana e alle forti difficoltà dell’accoglienza. Infine una “buona notizia” per i patiti del web: Tg1 annuncia che il limite dei 140 caratteri per i tweet è stato superato.

Altre opinioni dell'Autore
Società

A proposito del lockdown

«L’inglese ha ormai invaso la nostra vita quotidiana, e il suo utilizzo segna la separazione tra le diverse Italie. Tuttavia, le Istituzioni...
di Gian Maria Fara
Innovazione

Fase 2, le mappe ESRI per prevenire nuovi contagi

Le mappe ESRI sono quelle, ormai famose, "nere con i puntini rossi”, strumenti indispensabili per chi sta combattendo il virus in tutto il mondo. I dati provengono dall’OMS elaborati secondo gli algoritmi scelti dagli studiosi della Università americana Johns Hopkins, e girano sulle piattaforme di geografia digitale ESRI Inc.
di Emilio Albertario
Innovazione

Utilizzo previsto delle risorse ospedaliere a supporto dei pazienti Covid-19 Italia nei paesi SEE e USA

L’IHME ha prodotto previsioni che mostrano l’utilizzo dei letti d’ospedale, la necessità di letti in terapia intensiva e l’utilizzo dei ventilatori durante la pandemia, basandosi sul numero di decessi previsti per gli Stati Uniti – a livello nazionale e subnazionale – e dei paesi dello Spazio economico europeo (SEE).
di Maria Cristina Guarini
Approfondimenti

Stiamo combattendo il Coronavirus ma ci siamo dimenticati l’emergenza ambientale

Potremmo riassumere nella parola “vulnerabilità” quanto avvenuto in questi mesi nel mondo con l’emergenza causata dalla pandemia da Covid-19. Non era mai...
di Angelo Bonelli
Europa

Dove va l’Europa. Dacia Maraini: “L’Unione va difesa a tutti i costi”

Di fronte alla pandemia, l’Europa si sta dimostrando incerta e sbandata. A 75 anni dalla fine della guerra, nemmeno di fronte ad un dramma sanitario come il Coronavirus, l’Unione, meglio alcuni paesi, sono in grado di indicare e di “giustificare” la “ragione” dello stare insieme. L'intervista a Dacia Maraini.
di Carmelo Cedrone
Criminalità e contrasto

Mafie e droga in Belgio ed Olanda

Criminalità organizzata, traffico internazionale di sostanze stupefacenti e organizzazioni mafiose in Belgio e in Olanda. Dopo avere trattato il fenomeno del riciclaggio di denaro sporco in Germania, Vincenzo Macrì spiega che anche in questi paesi esistono queste realtà.
di Vincenzo Macrì
Attualità

Nel post Covid-19, torneremo a respirare senza paura

Con la ripresa della vita sociale, torniamo ad assaporare la vita, ma lentamente. Perché sentiamo incombente la minaccia del Covid-19. Ci vorranno tempo e fatica per sconfiggere il virus, uno sforzo ancora maggiore per vincere timori e angosce.
di Angelo Perrone
Attualità

50 anni dallo Statuto dei lavoratori

Il 20 maggio di 50 anni fa nasceva lo Statuto dei Lavoratori. La crisi che stiamo vivendo porta con sé il rischio di un impatto enorme sul nostro sistema industriale; la vertigine delle trasformazioni sta modificando i canoni del capitalismo.
di Massimiliano Cannata
Società

Un superiore in grado

«Il Sistema è prigioniero di se stesso, della iperproduzione di regole e di norme così numerose e spesso in contrasto tra di...
di Gian Maria Fara
Attualità

Coronavirus, i “taxi della bontà” consegnano buoni spesa alle famiglie in difficoltà

A Firenze, i “taxi della bontà” con a bordo 10 volontari si sono dati appuntamento a piazza della Signoria per attraversare la città e consegnare venticinque buoni spesa ad altrettanti nuclei familiari, individuati dai servizi sociali del Comune.
di Massimiliano Cannata