Notice: Undefined offset: 1 in /home/awfdywmb/public_html/wp-content/themes/Newspaper-child/loop-single.php on line 27

Notice: Trying to get property 'cat_name' of non-object in /home/awfdywmb/public_html/wp-content/themes/Newspaper-child/loop-single.php on line 27
Osservatorio TG

La marcia sulle Prefetture

prefetture

I Tg di lunedì 8 giugno – L’immigrazione e i profughi del Mediterraneo continuano a imporsi su stampa e Tv per una serie di incastri che intersecano i postumi della campagna elettorale (Salvini & C.), il braccio di ferro con l’Europa, l’apertura delle cronache giudiziarie con Mafia Capitale ( ..un euro al giorno a migrante..), e da ultimo lo scontro istituzionale con il governo “mimato” dai presidenti di Lombardia, Veneto e Liguria che rifiutano di accogliere quota parte dei profughi, anche se non hanno alcuna competenza in merito e nessun ruolo operativo. Quasi tutte le testate aprono su Salvini che minaccia di occupare le prefetture del nord se arriveranno nuovi migranti. Il capo della Lega ha dimenticato la sua proiezione nazionale e torna a parlare del “nord”. Maroni ribadisce che i comuni che accetteranno di ospitare profughi saranno penalizzati nei trasferimenti della regione. I Tg Rai riportano il video in cui nel 2011 da Ministro dell’interno criticava le resistenze verso l’accoglienza dei migranti. Le risposte di Renzi (dalla Germania) e di Alfano da Roma segnalano che nei prossimi giorni lo scontro continuerà. Prevedibile che le minacce da burletta dei leghisti dell’ultim’ora svaporeranno, ma intanto il dividendo politico nutrito di egoismo sarà stato incassato. Tg4, ovviamente, è quello più “entusiasta” del clima da marcia sulle prefetture, e si lascia sfuggire una frase sintomatica: “la guerra è guerra”. Anche il “moderato” Toti risulta arruolato nella brigata leghista, a conferma che il Presidente della Liguria è il realtà succube di chi l’ha fatto vincere. Enrico Mentana in un editoriale a braccio segnala che l’Italia rischia di esser lasciata sola dall’Europa e che le fratture interne indeboliscono la sua posizione a Bruxelles come all’Onu.
Tg2 è l’unica testata che apre sul vertice del G7 in Baviera, segnalando le decisioni sul clima, interessanti “a parole”, ma assai poco impegnative. Gli altri Tg riprendono i toni durissimo (Obama), semi duri (Merkel) e in parte concilianti (Renzi) che hanno caratterizzato la posizione dei 7 grandi nei confronti di Putin. Sempre per gli esteri presente su Rai, La7 e Tg5 la notizia della festa tra la popolazione curda della Turchia per il grande successo del partito che per la prima volta entra in Parlamento, e che ha comportato inoltre lo stop ad Erdogan, privato dopo 13 anni della maggioranza assoluta.
L’intervento di Mattarella al Csm sembra essere un’esclusiva della Rai, come se in problemi della riforma e del funzionamento della giustizia fossero andati nel dimenticatoio.
L’attesa per la direzione dl Pd sul dopo elezioni non è spasmodica come nelle occasioni precedenti, segno che forse Renzi potrà trovare una composizione con una parte della sua minoranza.
Concludiamo con l’approfondimento del Tg2, dedicato questa sera ad un fenomeno senza tempo: il caporalato nelle regioni meridionali. In un lungo servizio scopriamo quello che si sa ma che si dimentica: oggi soprattutto le donne sono oggetto dello sfruttamento nei lavori in campagna: l’organizzazione per gli spostamenti che iniziano all’alba è assai rodata. I salari? Solo un pugno di euro.

Dati auditel dei tg di domenica 7 giugno 2015
Schermata 2015-06-09 alle 00.05.23

Fonte:www.tvblog.it

Ultime notizie
ecuador
Diritti umani

La crisi penitenziaria in Ecuador e la risposta internazionale

Il governo ecuadoriano ha chiesto assistenza tecnica internazionale per fronteggiare un sistema carcerario e penale al collasso. La risposta Ue è arrivata attraverso il programma EL PAcCTO, che fornisce assistenza tecnica allo scopo di rafforzare il sistema penitenziario in Ecuador.
di Giovanni Tartaglia Polcini
ecuador
falcone e borsellino
Criminalità e contrasto

Falcone e Borsellino, l’eredità dei giusti

Nel trentennale delle stragi, lo sguardo è rivolto al futuro non meno che al passato. I tempi complicati che viviamo, per la forte disillusione sulla giustizia, ci interrogano nel profondo: qual è la forza attuale del mito? Quell’esempio di rigore morale e correttezza giuridica riscatta l’istituzione dalle sue mancanze e indica la strada da seguire.
di Angelo Perrone
falcone e borsellino
riassetto dei poteri
Diritto

Il riassetto dei poteri

Il tema del riassetto dei poteri è al centro dell’attuale dibattito ed è strettamente collegato con le prospettive di una riforma della giustizia. L'ex magistrato Vincenzo Macrì fa alcune considerazioni partendo da un articolo a firma di Luciano Violante.
di Vincenzo Macrì
riassetto dei poteri
Economia

Fondi per il PNRR, erogata la prima rata: il punto della situazione

Un importante traguardo è stato raggiunto lo scorso 13 aprile, quando è stata erogata la prima tranche di pagamenti per il PNRR. Sono stati versati 21 miliardi di euro che si aggiungono al pre-finanziamento ottenuto lo scorso anno.
di Claudia Bugno*
precarietà
Attualità

Che cosa significa, oggi, vivere la dimensione della precarietà

La precarietà si afferma come la base esistenziale del vivere contemporaneo. Precarietà in termini lavorativi, come conseguenza delle crisi economiche; precarietà delle relazioni, accentuate dagli effetti della pandemia sulla salute mentale e sui legami di comunità; precarietà geopolitica e ambientale di un mondo minacciato da guerre e disastri ambientali.
di Giuseppe Pulina
precarietà
Rebibbia carcere
Attualità

Rebibbia, storie di vita dal carcere per affermare la funzione rieducativa della pena

A Rebibbia le storie di vita dal carcere femminile nel report del Servizio Analisi Criminale centrale: oltre alle analisi sui fenomeni criminali, viene ribadita la funzione rieducativa della pena tra sicurezza e trattamento.
di redazione
Rebibbia carcere
ricerca e sviluppo
Economia

Ricerca e Sviluppo (R&S) nell’area OCSE: la risposta alla crisi pandemica

La spesa in Ricerca e Sviluppo (R&S) nell’area OCSE è cresciuta dell’1,8% nel 2020. Nonostante il forte calo dell’attività economica determinata dalla pandemia da Covid-19, le economie dell’OCSE hanno quindi continuato ad investire in ricerca e sviluppo nel 2020.
di Cecilia Fracassa
ricerca e sviluppo
legal design
Economia

Il legal design: una nuova prospettiva di accessibilità e democratizzazione del linguaggio giuridico

La finalità antropocentrica del legal design I principali linguisti italiani evidenziano da anni che il linguaggio utilizzato dalle Istituzioni è distante anni luce...
di Andrea Strata e Alessandro Colella
legal design
react-eu
Italia Domani

REACT-EU: potenziate le risorse per il Mezzogiorno

Il REACT-EU, tra gli strumenti finanziati dal Next Generation EU, costituisce la seconda componente di origine europea all’interno del PNRR con cui...
di Claudia Bugno*
react-eu
guerra
Internazionale

Le guerre dimenticate, non meno feroci di quella in Ucraina

Come mai guerre atroci e lunghissime come quelle nel Tigrai, nello Yemen, in Siria, in Mali, non hanno ascolto nella politica italiana ed europea e trovano pochi spazi nei media? Perché non sconvolgono la sensibilità delle persone come invece sta accadendo per il conflitto in Ucraina? Lo stesso vale, del resto, per altre crisi estreme che provocano migliaia di morti e schiere enormi di profughi.
di di Emilio Drudi e Marco Omizzolo
guerra