L'opinione

La Sardegna, prima vittima delle alluvioni d’autunno

I Tg di giovedì 1 ottobre – Una volta tanto le aperture di Studio Aperto e Tg4 sulle strade di Olbia divenute ancora una volta torrenti in piena, a 2 anni dall’alluvione del 2013 che fece diverse vittime, ci appaiono le più appropriate rispetto agli Tg di serata che collocano la nuova emergenza in Sardegna a centro edizione. Il paradosso del ponte reso pericolante dalla precedente alluvione, immediatamente ricostruito e, oggi, abbattuto dalla Protezione Civile perché di ostacolo alla piena di queste ore, e meglio illustrato da Tg2, e si annovera tra gli esempi massimi di una gestione incauta del territorio e del dopo-calamità. 

Con il passaggio ad ampia maggioranza (172 voti favorevoli) dell’Art.1 della riforma costituzionale, il percorso al Senato sembra avviarsi su binari sicuri. I Tg di serata tentano di proporre ancora un’atmosfera triller per le prossime giornate, ma è facile prevedere che Renzi porterà in porto il “suo” progetto. L’approvazione dell’emendamento “canguro”, a firma del senatore PD Cociancich, fa gridare le opposizioni che accusano di autoritarismo tanto Grasso che il governo, come correttamente riportato da tutte le testate. Palazzo Madama appare comunque sempre di più un palcoscenico da comiche finali, comunque la si pensi nel merito del provvedimento. Non la pensa così l’apertura del Tg5 che rivendica il “corretto ostruzionismo”, condendo il servizio con un’intervista a Marco Boato, attuale “recordman” del più lungo intervento ostruzionistico della storia parlamentare italiana. Tg4 questa sera ci sorprende proponendo a suo modo un servizio di “inchiesta” che enumera i molti ex boyscout tra i politici del Pd, tra cui lo stesso Cociancich, lasciando immaginare l’esistenza una fantomatica “lobby del fazzolettone” . 

La querelle tra il Pontefice ed il Sindaco della città che ospiterà il Giubileo prosegue con l’odierna ribattuta di Marino. Tg4 e Tg5 scudisciano il sindaco per essersi permesso di suggerire a Papa Francesco come rispondere (o meno) alle domande dei giornalisti. Il Tg diretto da Clemente Mimun nom si ferma qui, e si augura che i cittadini romani vadano presto alle urne per “difendere la Capitale e la sua immagine, e quindi l’Italia”. Anche gli altri Tg seguono la polemica, mentre Mentana “si porta avanti”, e sceglie invece di dare la notizia dell’avviso di chiusura delle indagini riguardanti l’ex sindaco Alemanno. Nessun altro Tg ne parla, tantomeno quelli Mediaset.

I Dati Istat che certificano una piccola crescita del reddito reale delle famiglie e la riduzione del rapporto deficit-pil, li troviamo nei titoli su i Tg Rai e all’interno di TgLa7, mentre risultano non pervenuti per Mediaset. I numeri italiani dello scandalo Volkswagen – oltre 650.000 veicoli truccati che dovranno essere richiamati e modificati – figurano a metà edizione su tutte le testate.

Nei giorni scorsi avevamo lamentato come il dramma dell’emigrazione fosse seguito ormai solo da Mediaset in chiave polemica e securitaria. Oggi i Tg Rai in parte recuperano con due buoni servizi di Tg3 e Tg1 che analizzano e criticano i complicati processi di identificazione e registrazione dei migranti, e le inadeguate strategie per combattere i trafficanti.

Chiudiamo con un buon servizio del Tg5 che, prendendo spunto dagli ultimi casi di femminicidi e di femminicidi-suicidi, si occupa del destino delle oltre 1.500 vittime che amplificano i numeri di queste tragedie, ossia i minori rimasti senza genitori per i quali non esistono norme giuridiche specifiche né, tantomeno, sono previsti sussidi economici.

 

Dati auditel dei Tg di mercoledì 30 settembre 2015
TG1 ore 13:30 3.448.000, 21,42%; ore 20:00 5.725.000, 24,20%.
TG2 ore 13:00 2.622.000, 17,82%; ore 20:30 1.923.000, 7,53%.
TG3 ore 14:30 1.451.000, 9,80%; ore 19:00 1.689.000, 9,91%.
TG5 ore 13:00 3.016.000, 20,30%; ore 20:00 4.193.000, 17,57%.
Studio Aperto ore 12:25 1.698.000, 14,66%; ore 18:30 769.000, 5,83% (PP) e 672.000, 4,15%
TG4 ore 11.30 415.000, 6,65%; ore 18:55 725.000, 4,43%.
TG LA7 ore 13:30 485.000, 3,01%; ore 20:00 1.264.000, 5,31%.
Fonte:www.tvblog.it

Altre opinioni dell'Autore
Diritti umani

Mandato di arresto europeo ed estradizione: la prima banca dati è emiliana

La recente indagine condotta dall’Osservatorio Europa della Camera Penale di Bologna “Franco Bricola”, Fondazione Forense Bolognese ed Eurispes, parte dall’esame dell’orientamento processuale distrettuale...
di redazione
Politica

La democrazia rende insoddisfatti?

Il malcontento verso la classe politica cresce nelle emergenze come il Covid, si diffonde la percezione che non vi siano risposte adeguate ed efficaci. La disaffezione verso la democrazia è tuttavia pericolosa e minaccia di spingerci in direzioni errate o avventurose. Il problema rimane la qualità della partecipazione pubblica e la consapevolezza di contribuire tutti al benessere collettivo.
di Angelo Perrone*
Criminalità e contrasto

Geopolitica, criminalità organizzata e terrorismo: riconoscere le nuove minacce

La comprensione dei fenomeni sociali rappresenta la base iniziale per poter operare poi nella gestione degli stessi. Il fenomeno mafioso è antico ma...
di Pasquale Preziosa*
Attualità

Fuga… da mezzanotte

Non è certo il coprifuoco di Parigi e dintorni, ma allo scoccare della mezzanotte dobbiamo immediatamente uscire dal nostro amato ristorante, con il conto pagato, e senza aver preso dolce o caffè.
di Emilio Albertario
Informazione

Sui Tg si torna ai “bollettini” dei contagi

L’aumento vertiginoso dei contagi impone la pandemia come tema dominante. Aperture obbligate per tutti, ad eccezione di Tg4 che – come la...
di Eurispes e Coris Sapienza
Economia

RELEASE G-20: per la riduzione del debito e per lo sviluppo sostenibile

Dopo la sospensione temporanea del debito nel 2020, RELEASE G-20 è un'iniziativa che auspicabilmente sarà lanciata dalla Presidenza italiana, per una conversione flessibile, totale o parziale, del debito pubblico e privato garantito dai governi, verso la creazione di fondi per gli obiettivi dello sviluppo sostenibile.
di Roberto Ridolfi*
Metafore per l'Italia

Impegni inderogabili. Alla natura si comanda ubbidendole

Nella rubrica “Metafore per l’Italia”, pubblichiamo un’altra riflessione del Presidente dell’Eurispes, Gian Maria Fara, estratta dal libro La Repubblica delle Api. «Nell’attuale scenario...
di Gian Maria Fara
Ambiente

Rigenerazione urbana, le città si (ri)fanno belle

Con l’arrivo del bando per i progetti di rigenerazione urbana e di recupero delle periferie, il “restyling” delle città torna ad essere al centro dell’attenzione. Il recupero delle aree degradate passa sempre più attraverso l’impegno degli stessi cittadini, che danno vita ad un crescente fenomeno di “associazionismo urbano” per la riqualificazione degli spazi pubblici.
di Ilaria Tirelli
Attualità

2020, la teoria della cospirazione

    Una notizia postata sui social che parla di cospirazione, locale o planetaria, viene letta sei volte di più di qualsiasi altra, con...
di Emilio Albertario
Intervista

Il Presidente Luca Zaia all’Eurispes: “Il Covid insegna: più autonomia ai territori”

    A più di mille giorni dal referendum sull’autonomia del Veneto e della Lombardia, il Presidente della Regione Veneto, Luca Zaia, guarda al...
di redazione