Le unioni civili e i giochetti della politica

I Tg di martedì 16 febbraio – L’apertura per (quasi) tutte le testate è sulle divisioni sulle unioni civili. Le testate Mediaset minori gongolano, parlando di “caos in parlamento” e “tutti contro tutti”. I Tg Rai spiegano che il mancato appoggio di M5S all’emendamento “supercanguro” toglie i numeri alla maggioranza filo-unioni (di cui paradossalmente Cinque Stelle fa parte), e Mentana parla di “frenata evidente” addebitabile a giochi di una politica tutt’altro che apprezzabile: “Una brutta pagina. Si ricomincia dal via, con una parte del Paese che aspetta la legge mentre tutti hanno giocato per i propri interessi … forse bisognava prima risolvere i punti di contrasto, che poi è uno solo: la stepchild adoption. Stralciarla a questo punto non sarebbe cosa dissennata”. Sintomatica la scelta di Tg4 che già nel titolo “accompagna” la cronaca del confuso pomeriggio parlamentare segnalando che Nichi Vendola starebbe sul punto di andare a “comprare” un bambino.

Sui 21 arresti per tangenti nella sanità in Lombardia che coinvolgono anche il braccio destro di Maroni, i Tg Mediaset minori rilanciano la presa di distanza del presidente della Lombardia Maroni, mentre quelli Rai entrano maggiormente nel dettaglio di questa nuova brutta pagina di corruzione. Anche qui Mentana si espone, osservando che Maroni dovrebbe fare una riflessione che contempli anche le dimissioni, visto che corruzione e sanità sembrano nella sua regione sempre più un binomio indissolubile.

5 testate su 7 (le minori Mediaset glissano) hanno nei titoli i dati economici inps sui 750.000 rapporti a tempo indeterminato in più nel 2015, effetto degli incentivi. Tutti i Tg delle 20 riprendendo gli interventi l’entusiasmo di Renzi dall’Argentina.

L’Austria che realizza la minaccia di militarizzare il Brennero fa dire Mentana” Schengen addio?” Sempre Tg la7 titola sulla Siria parlando di risiko, mentre tg5 ci dedica la copertina evidenziano come l’unica cosa seria su quel fronte è la sofferenza della popolazione civile.

Abbiamo citato tante volte Enrico Mentana, ma se non lo avessimo fatto sarebbe stato solo per autocensura, visto che ancora una volta il suo Tg è quello che orienta i suoi teleutenti verso un tentativo realistico di comprendere quello che, nei vari scenari, sta accadendo.

In conclusione segnaliamo l’interessante approfondimento del Tg2 sull’Ilva e Taranto: un’ottica interessante proprio perché tenta di uscire dall’obbligo di ipotizzare il futuro di una importante e bella città non obbligatoriamente legato a quello di una grande industria che inquina e uccide.

Ultime notizie
europa
Europa

Europa: cinque grandi temi per un’Unione solidale, sociale e democratica

Una comunità aperta, solidale, sociale, incentrata sul benessere dei cittadini. Questa è l'Unione del futuro immaginata dal Laboratorio Europa dell'Eurispes.
di Gianluca Tornini
europa
equità di genere
Donne

Equità di genere e impresa, più donne ma non ai vertici

Gender equality, più donne nelle imprese ma ancora poche al vertice. E se il 2022 ha segnato la chiusura di 6000 imprese al femminile in Italia, si registra una significativa crescita delle imprese basate su innovazione e tecnologia a conduzione femminile.
di redazione
equità di genere
violenza di genere
Donne

8 Marzo, la violenza è una piaga che ostacola l’uguaglianza di genere

L’8 marzo, giornata internazionale della donna, è una data simbolica, che da un lato assume valenza per illuminare il percorso che ha...
di redazione
violenza di genere
padri separati
Società

Nuove povertà: una casa per i padri separati

I padri separati: a richio povertà Nonostante la legge obblighi entrambi i genitori a provvedere al sostentamento economico dei figli nati da una...
di redazione
padri separati
Italia Domani

REACT-EU e fondi europei: il rischio di definanziamento delle risorse

Il pacchetto REACT-EU (Recovery Assistance for Cohesion and the Territories of Europe), ricompreso nell’ambito dell’iniziativa Next Generation EU prevede un'integrazione di quasi 51 miliardi di euro a favore dei programmi della politica di coesione di tutti gli Stati membri rispetto alla precedente programmazione 2014-2020. Il rischio oggi è di definanziamento a causa della mancata spesa dei fondi disponibili.
di Claudia Bugno*
proteine vegetali
Food

Proteine vegetali, la nuova frontiera dei consumi alimentari

Le proteine vegetali non sono solo una moda passeggera: gli alimenti plant based sono acquistati abitualmente dal 54% dei consumatori, per un giro di affari che nel 2030 sarà, secondo le stime, di 25 miliardi di dollari.
di redazione
proteine vegetali
diversity&inclusion
Lavoro

Accoglienza alle diversità e inclusione partono anche dal luogo di lavoro

Diversity&Inclusion, il nuovo libro di Claudio Barnini racconta come un gruppo di aziende ha interpretato il tema della diversità e dell’inclusione sul posto di lavoro.
di redazione
diversity&inclusion
Friuli Venezia Giulia
Lavoro

Modello Friuli Venezia Giulia per un sistema di lavoro efficiente: superati gli obiettivi del PNRR

La Regione Friuli Venezia Giulia ha già raggiunto gli obiettivi nazionali ed europei del PNRR in materia di lavoro. Si può parlare di un vero e proprio “modello Friuli Venezia Giulia” che mette in primo piano la funzione dei Centri per l’Impiego e la sinergia tra pubblico e privato, tra lavoro, formazione e famiglia.
di Marco Ricceri*
Friuli Venezia Giulia
sabino cassese
Intervista

L’Italia disunita ha urgente bisogno di riforme: a colloquio con Sabino Cassese

Il Prof. Sabino Cassese, giurista ed ex ministro del Governo Ciampi, in occasione del suo ultimo saggio “Amministrare la nazione” analizza in un’intervista i temi delle riforme in Italia, della coesione territoriale e politica, della Pubblica amministrazione e della scarsa partecipazione alla politica attiva.
di Massimiliano Cannata
sabino cassese
Zimbabwe
Internazionale

La perdurante crisi dello Zimbabwe

Nel 2022, il tasso d'inflazione nello Zimbabwe ha raggiunto e superato il 200% segnando uno dei momenti di maggiore gravità della recente crisi economica e sociale che caratterizza il Paese. Pur essendo distanti dai livelli raggiunti negli anni dell'iperinflazione (2007-2008 con tassi di inflazione superiori al 100.000%), la perdurante precarietà finanziaria rappresenta un elemento in grado di alimentare l'instabilità politica e sociale nell'anno delle elezioni Presidenziali.
di Emanuele Oddi*
Zimbabwe