L’integralismo dei disperati e quello degli “integrati”

I Tg di giovedì 16 aprile – Lo spirito dei tempi conquista un altro palcoscenico. Quasi tutti i Tg aprono sulle notizie agghiaccianti della rissa omicida a bordo di uno dei barconi che dimostrano quanto Isis, ma più in generale la logica degli istinti più brutali ammantati o meno di venature religiose, segnino il momento drammatico che stiamo vivendo. Ovviamente l’informazione s’inalbera quando 12 disperati di religione cristiana vengono gettati in mare e uccisi da disperati centroafricani di fede islamica: ci mancherebbe altro! Aperture per tutti, tanti servizi, commenti espliciti. Ma lo stesso non avviene per le tante “uscite” dei campioni della politica nostrana che mostrano notevoli assonanze nella violenza (al momento solo verbale) che le caratterizza. Salvini oggi critica il capo della Polizia Pansa per la sospensione del poliziotto che ha rivendicato “10,100, 1.000 Diaz”, così come nei giorni scorsi aveva parlato dell’introduzione del reato di tortura come di “un regalo ai ladri”, o invocato la ruspa contro i rom. In questi casi l’informazione non si schiera: riprende “asetticamente” le posizioni sottoculturali e violente, quando addirittura non le esalta. La “campagna contro i rom”, insieme a quella contro gli immigrati, sono diventate il core business di testate come Tg4, che stasera parla di “Jihad nei barconi”, e di “rom miliardari/falsi nullatementi” che vivono nei campi. E che la scelta sia consapevole e non occasionale è dimostrato dal fatto che i “cugini” in casa Mediaset mostrano minore vicinanza alle posizioni leghiste; in ogni caso l’integralismo degli altri è aborrito, quello degli “integrati” che salgono nei sondaggi e appaiono decisivi nei meccanismi della politica, è presentato con rispetto nei Tg e “corteggiato” nei talkshow.
Paradossalmente la serata dell’informazione ci offre un regalo che più che un fiore primaverile spunta come un inatteso bucaneve. Si tratta della commemorazione alla Camera dei 70 anni dalla liberazione, condita dalla presenza tra i banchi di numerosi anzianissimi ma arzilli partigiani, ma soprattutto dalla spontanea intonazione di Bella Ciao lanciata dai ragazzi sui palchi e ritmata da parte consistente dei deputati. Va dato atto al Presidente Mattarella di aver ben “indirizzato” la giornata con il suo messaggio contro l’equiparazione tra chi ha lottato per la democrazia e chi si è trovato dalla parte sbagliata.
La nostra analisi questa sera – come si è visto – è più orientata a cogliere cosa si muove (o si rimuove) nel backstage dell’informazione, che a seguire le diverse sfumature che hanno accompagnato le notizie di giornata. In sintesi segnaliamo un’attenzione forte e trasversale ai singulti in casa Pd, dopo la rottura sull’Italicum nella direzione di ieri sera. Sull’altro fronte, si assiste alla consueta distrazione delle testate Mediaset, mentre su Rai e La7 non si lesinano parole e servizi per illustrare l’approfondirsi delle distanze tra berlusconiani e fittiani. L’inchiesta che investe la candidata Pd alla presidenza della Liguria è ampiamente riportata, nelle ore in cui la dirigenza del partito le rinnova la fiducia.
Per l’economia prosegue il balletto delle cifre su assunzioni e occupati; da segnalare un certo ottimismo manifestato soprattutto da Tg5. Forte attenzione, soprattutto su La7, all’annuncio di Marchionne sui premi di produzione alle maestranze FCA, legate all’aumento dei volumi di produzione e vendita. Tra le brutte notizie di giornata, i Tg riprendono quella dell’annunciata chiusura di diversi impianti della ex Indesit, con 1.350 “esuberi” che la proprietà americana della Whirlpool intende realizzare a meno di un anno dall’acquisto dello storico brand italiano degli elettrodomestici. Mentana, in (quasi) splendida solitudine, continua a segnalare che la Grecia rappresenta un problema apertissimo, per se stessa come per la tenuta degli equilibri finanziari e borsistici del Vecchio Continente.
Segnaliamo infine un interessante approfondimento di Tg2 su come, parzialmente, comincia a funzionare l’integrazione a Prato, dove la forte e storica presenza di cittadini di origine cinesi non origina solo “problemi”: si può fare!

Dati auditel dei Tg di mercoledì 15 aprile 2015
Tg1 – ore 13:30 3.448.000, 21.18% ore 20:00 5.605.000, 24.30%.
Tg2 – ore 13:00 2.276.000, 15.42% ore 20:30 2.313.000, 8.93%.
Tg3 – ore 14:30 1.747.000, 11.68% ore 19:00 1.473.000, 9.64%.
Tg5 – ore 13:00 3.288.000, 21.97% ore 20:00 4.511.000, 19.85%.
Studio Aperto – ore 12:25 1.637.000, 14.22% ore 18:30 671.000, 5.72%.
Tg4 – ore 11:30 425.000, 7.01% ore 18:55 756.000, 5.19%.
Tg La7 – ore 13:30 596.000, 3.65% ore 20:00 1.205.000, 5.18%.

Fonte:www.tvblog.it

Ultime notizie
pace
Attualità

Tempo di uccidere

Nella nostra cara, felice e ricca Europa, nessuno ci credeva. Ma, insomma, si chiedeva la gran massa delle persone, questi si vogliono davvero...
di Luciano Maria Teodori
pace
Laboratorio Europa
Intervista

Laboratorio Europa, alimentare il confronto su Istituzioni europee e sulla necessità di un’Europa sociale. Intervista al Prof. Umberto Triulzi

Laboratorio Europa dell’Eurispes, gli esperti si riuniscono per il primo incontro del 2023, attualmente coordinato dal Prof. Umberto Triulzi, economista, e docente di Politica economica europea, intervistato rispetto ai temi di discussione: Istituzioni europee, integrazione in ambito internazionale, Europa sociale.
di Silvia Muscas
Laboratorio Europa
complottismo
Attualità

Il dubbio e il burattinaio. Complottismo all’italiana

Cronaca e intrigo: anche per l’arresto di Matteo Messina Denaro, non sono mancati sospetti, dubbi, perplessità oltre l’accertamento dei fatti, con il risultato di offuscare il senso di una vittoria importante dello Stato contro la mafia. Il dovere di dubitare è una pratica essenziale nella società democratica, tuttavia bisogna contrastare il rischio dello scetticismo aprioristico e distruttivo.
di Angelo Perrone*
complottismo
editoria
Cultura

Editoria italiana: ricavi, geografia e nuove prospettive

L’editoria italiana ha registrato un calo del 2,8% nel 2022, ma i dati restano favorevoli rispetto al 2019. Crescono lettori e case editrici al Sud, pur restando al di sotto della media nazionale: lettori e case editrici si concentrano al Nord e al Centro, in Lazio e Lombardia ha sede il 38% delle case editrici italiane.
di Roberta Rega
editoria
bilancio energetico
Italia

Bilancio Energetico Nazionale, differenze regionali e potenzialità inespresse

Bilancio energetico nazionale, l’Italia ha un grande potenziale confermato da una quota del 20% di energie rinnovabili sul totale registrato nel 2020. A frenare la transizione ecologica però ci sono burocrazia e regionalismi che rischiano di allungare i tempi di decarbonizzazione dell’economia.
di Ludovico Semerari
bilancio energetico
prezzi della benzina
Fisco

Possibili profili speculativi sull’aumento dei prezzi della benzina e la marginalità delle cause fiscali

L’aumento del prezzo della benzina, di cui si parla molto ultimamente, è determinato da una serie di fattori che non limitano il dibattito alle semplici accise. A incidere è soprattutto la quotazione Platts, che viene decisa dalle compagnie in base al valore effettivo dei prodotti raffinati in un determinato momento.
di Giovambattista Palumbo*
prezzi della benzina
città
Futuro

La città nell’orizzonte della rivoluzione digitale

Le città raccontano chi siamo e che futuro vogliamo costruire: la rigenerazione urbana può essere la chiave per riconquistare gli spazi sottratti dalla pandemia, e costruire un universale urbano aperto al libero attraversamento di popoli ed etnie per una società sempre più fatta di migrazioni.
di Massimiliano Cannata
città
RAEE
Tecnologia

RAEE, rifiuti elettronici: un tesoro nascosto

I RAEE, i Rifiuti di apparecchiature elettriche ed elettroniche, vanno trattati in maniera del tutto speciale e secondo determinate modalità presso le isole ecologiche. Otto italiani su dieci dichiarano di possederne almeno uno, ma dal loro corretto smaltimenti si trarrebbe un significativo beneficio economico.
di Ilaria Tirelli
RAEE
imprese e sviluppo sostenibile
Futuro

Imprese e Sviluppo sostenibile, sempre più complesso il quadro delle nuove regole europee

Il 28 novembre 2022 il Consiglio Europeo ha approvato in via definitiva il testo della nuova direttiva sulla comunicazione delle imprese in...
di Fabrizio Zucca*
imprese e sviluppo sostenibile
Comunità Energetiche Rinnovabili
Italia Domani

Comunità energetiche rinnovabili: dal Pnrr nuovi modelli di crescita

Il doppio filo che lega Agenda 2030 e il PNRR si sta ulteriormente rafforzando attraverso la messa a punto di strumenti che...
di Claudia Bugno*
Comunità Energetiche Rinnovabili