Isis: l’internazionale nera

isis

I Tg di venerdì 26 giugno – Due terzi di tutte le edizioni sono inevitabilmente occupati dalla cronaca e i riflessi dei 3 attentati jiadisti che hanno colpito Lione, la Tunisia e Kuwait City. Quello francese non sembra avere le caratteristiche tipiche dell’azione dell’Isis, se si esclude il dettaglio macabro della testa mozzata. Ma la tentazione di titolare sul venerdì nero dell’attacco terroristico e’ troppo forte, anche in mancanza di rivendicazioni. Hollande chiama subito alla mobilitazione nazionale, memore forse della ripresa dei suoi sondaggi dopo l’attacco a Charlie Hebdo (ma questa banale riflessione non la fa nessuno). Buona l’approfondimento del Tg3 sullo sforzo democratico in atto nell’unica primavera araba che non è stata annichilita dall’integralismo e dalle lotte intestine. Le reazioni italiane sono quelle di Renzi (nulla da segnalare di particolare) e di Mattarella, che però è presente solo sulla Rai. Molto istituzionale la reazione di Gasparri che in un tweet si augura che i terroristi vengano sterminati. Tg4 intravede il piatto ricco e, smentendo ciò che la Farnesina comunica in tempo reale, nei titoli parla di 4 vittime italiane tra le 37 vittime della spiaggia tunisina, che per fortuna al momento non sono confermate. Sempre Tg4 presenta ben 2 editoriali, il primo del direttore Giordano, il secondo di Vittorio Feltri, ed entrambi incentrati sull’assunto secondo il quale “da noi non si ha ancora abbastanza paura”.

Tg3 oltre al terrorismo ha spazio solo per l’inchiesta sulla regionopoli calabra (che ripropone il consueto quadro deprimente condito dal l’altrettanto consueto coinvolgimento dei uomini dell’Udc e anche del Pd) e per la bella notizia che fine dalla Corte Suprema statunitense che ha imposto anche agli stati riluttanti di riconosce i matrimoni gay. Obama commenta trionfante, e la notizia è addirittura nei titoli per TgLa7.

La valutazione degli esiti del summit di Bruxelles sulla vivanda profughi è compresa dalle evidenti esigenze di scaletta. TgLa7 parla nei titoli di un sostanziale fallimento per le posizioni dell’Italia, mentre i Tg Rai sono più ambivalenti nel giudizio. Il tormento della Grecia si tinge dei buoni numeri odierni delle borse e il consueto traffico di dichiarazioni “l’un contro l’altra armata’.

Le edizioni delle 20 fanno in tempo a dare ampio spazio al cambio di scenario nella vicenda dei maro’, con la decisione italiana di ricorrere all’arbitrato internazionale, vista l’insipienza e delle varie autorità’ giudiziarie indiane.

Dati Auditel dei Tg di giovedì 25 giugno 2015

Schermata 2015-06-26 alle 23.16.47

Fonte:www.tvblog.it

Ultime notizie
Istruzione

La conoscenza è il più grande fattore moltiplicatore di sviluppo e di salvaguardia della democrazia. La riflessione di Antonio Uricchio, Presidente dell’Anvur

Il sistema educativo deve interpretare i cambiamenti e dare risposte Molto spesso vengono individuati gli asset i driver dello sviluppo e si tende...
di Antonio Uricchio
zes unica
Infrastrutture

La Zes Unica ha senso solo con una rete infrastrutturale a supporto. L’intervento di Marco Rettighieri, Presidente di Webuild Italia

Parlare di Zes Unica del Mediterraneo ha senso solo se si affronta il discorso delle reti infrastrutturali italiane, ad oggi carenti nello smerciare i container in arrivo nei porti, che tardano anche 15 giorni prima di arrivare a destinazione. La riflessione di Marco Rettighieri.
di MARCO RETTIGHIERI*
zes unica
mediterraneo
Italia

Zes Unica del Mediterraneo, rivalutare il potere del mare

Con la Zes Unica del Mediterraneo l’Italia deve aspirare al recupero di un maggior peso e centralità nell’area, che da troppo tempo è fuori dall’agenda politica nazionale. Il Mediterraneo deve diventare un obiettivo principale, in grado di superare anche la questione del Mezzogiorno.
di Salvatore Napolitano*
mediterraneo
dop
Made in Italy

DOP Economy 4.0, la tecnologia al servizio della tracciabilità

Il mercato delle IG vale in Europa 74,8 miliardi di euro, e un prodotto IG su quattro è italiano. Per valorizzare questa ricchezza bisogna puntare su un futuro tecnologico per i marchi DOP e IG, prodotti di punta del Made in Italy, e a una Agricoltura 4.0 basata su trasparenza e tracciabilità.
di chiara bartoli
dop
caselli
Recensioni

La storia d’Italia in dieci date nel libro-memoir di Gian Carlo Caselli

Gian Carlo Caselli, uno dei Pm più in vista della storia recente d’Italia, racconta il nostro Paese nel libro-memoire “Giorni memorabili che hanno cambiato l'Italia” attraverso le inchieste che lo hanno visto coinvolto da protagonista, dieci date per dieci snodi giudiziari che hanno segnato gli eventi degli ultimi decenni.
di cecilia sgherza
caselli
zes unica
Mezzogiorno

Zes Unica del Mediterraneo, una sfida per sviluppo e sicurezza dell’area

La Zes Unica del Mediterraneo è stata al centro del dibattito organizzato dall’Istituto Eurispes, che ne ha analizzato i fattori socio-economici, logistici e geopolitici. La Zes Unica diviene strategica in un contesto geopolitico di grandi cambiamenti e incertezze, come strumento utile a garantire sicurezza e sviluppo.
di redazione
zes unica
scuola italiana
Intervista

La Scuola sia baluardo di conoscenza, tolleranza e spirito critico: intervista a Paolo Pagliaro

L’istruzione in Italia è una roccaforte di valori come la conoscenza, il senso critico, la tolleranza, eppure rischia un declino simile a quello della Sanità pubblica. Sfide e opportunità per il futuro della Scuola italiana, nell’intervista a Paolo Pagliaro, Direttore agenzia giornalistica 9Colonne e autore televisivo.
di redazione
scuola italiana
isole
Osservatori

Nascita geologica e nascita giuridica delle isole: intervista a Niki Aloupi

La nascita geologica di un’isola non corrisponde necessariamente alla sua nascita giuridica: lo chiarisce ampiamente Niki Aloupi, docente di Diritto internazionale pubblico all’Università di Parigi- Panthéon-Assas, esperta di Diritto del mare, che offre una panoramica sulla situazione giuridica internazionale delle isole.
di redazione
isole
social
Società

È guerra totale contro la “trappola dei Social”

Le autorità statunitensi hanno cominciato a porsi domande sulla tutela dei minori rispetto all’utilizzo dei Social network. Un uso che, secondo una serie di studi condotti, è relazionato al peggioramento della salute mentale di adolescenti e ragazzi.
di cecilia sgherza
social
apprendimento
Istruzione

La vera inclusione scolastica è garantire buoni livelli di apprendimento per tutti

La Scuola italiana ha bisogno di una riflessione pedagogica e strutturale, e di formulare un’offerta formativa equa basata sull’apprendimento di livello per tutti. Intervista a Roberto Ricci, presidente Invalsi, che commenta i dati emersi dal Secondo Rapporto dell’Eurispes su Scuola e Università.
di Roberto Ricci*
apprendimento