Roma, tra Washington e Bruxelles

I Tg di venerdì 24 aprile – Molte testate aprono sugli arresti in Sardegna, Lombardia, Marche e Puglia che hanno scoperchiato una sorta di mini cupola terroristica che (sembra) abbia avuto intenzione di organizzare attentati anche in Vaticano, oltre che servire da base ad attentatori in medio oriente. Su Tg5 e Tg1 il ministro Alfano brinda all’efficacia dei nostri servizi e delle forze dell’ordine, e tutti riportano le biografie di alcune delle persone arrestate, compreso l’Imam di Bergamo. Tg1, in verità, mostra anche lo scetticismo di parenti e conoscenti di alcuni degli arrestati. Tg3 e TgLa7, a differenza degli altri, mettono la notizia e i servizi a mezza edizione e non sembrano considerarla centrale. Enrico Mentana , dopo aver mandato in onda schede e servizi, si prende la responsabilità di dubitare, se non dell’impianto, quanto meno della fondatezza dei pericoli segnalati un po’ da tutti, con particolare riferimento alle minacce “d’annata” (2010) al Vaticano. Bene le indagini e gli arresti, ma attenzione ai polveroni. La magistratura inquirente ha già tenuto una lunga conferenza stampa, ma attenzione: al rischio assai reale rappresentato dal terrorismo, non si risponda con la confusione.
Altro tema centrale nell’informazione di serata è la “tempistica” dell’annuncio di Obama sulla morte dei 2 cooperatori nel bombardamento dei droni Usa al confine tra Pakistan e Afghanistan. Le polemiche sono veementi, e “inquadrano” anche Renzi e il ministro Gentiloni, con i Cinque Stelle che invitano a vergognarsi e alle dimissioni di tutto il governo. Le affermazioni del New York Times secondo cui Obama “sapeva” ma non ha avvertito immediatamente Renzi, appaiono a chi scrive legate a dinamiche di politica interna americana, con al centro la riflessione sull’utilizzo dei droni contro il terrorismo. La politica e la stampa nostrana ne hanno fatto un “caso” diventato tutto “italiano”.
Sul tema immigrazione prevalgono, soprattutto su TgLa7, i toni scettici riguardo ai risultati concreti del vertice di Bruxelles. Sull’ipotesi di neutralizzare i barconi degli schiavisti, gli entusiasmi per le azioni militari vengono “freddati” dalle prese di posizione della Cei e della Fondazione Migrantes; i Tg Rai riportano ampiamente. Anche in questo caso si capisce che Roma può poco, se no conquista posizioni a Bruxelles.
Sull’Italicum i Tg delle 20 riportano le anticipazioni sull’intervista a Renzi della Gruber: o si vota la riforma elettorale, o “tutti a casa”: da martedì alla Camera si balla.
Le proteste del mondo della scuola sono riprese soprattutto dai Tg Rai. Passando agli esteri, molto alta per tutti la più volte annunciata resa dei conti tra Atene e Bruxelles, con esplicite critiche al governo greco che giungono anche da Draghi.
Su Tg1 compare un serafico Commissario sala che,in diretta, tranquillizza tutti sulla fatidica apertura dell’Expo, per la quale non ci dovrebbero essere problemi. Le immagini riprese da un aereo sembrerebbero dargli ragione. Speriamo sia così.
Infine i 70 anni dalla Liberazione sono ampiamente presenti soprattutto sui Tg Rai, con buoni servizi che creano un’atmosfera surreale, se confrontata a quello che, oggi,passa il convento.

Dati auditel dei Tg di giovedì 23 aprile 2015
Tg1 – ore 13:30 3.449.000, 21,52% ore 20:00 5.578.000, 24,34%.
Tg2 – ore 13:00 2.516.000, 16,77% ore 20:30 2.127.000, 8,26%.
Tg3 – ore 14:30 1.492.000, 9,81% ore 19:00 1.624.000, 10,35%.
Tg5 – ore 13:00 3.122.000, 20,68% ore 20:00 4.721.000, 20,20%.
Studio Aperto – ore 12:25 1.901.000, 15,90% ore 18:30 983.000, 7,95%.
Tg4 – ore 11.30 399.000, 6,74% ore 18:55 643.000, 4,28%.
Tg La7 – ore 13:30 602.000, 3,75% ore 20:00 1.046.000, 4,53%.

Fonte:www.tvblog.it

Ultime notizie
pace
Attualità

Tempo di uccidere

Nella nostra cara, felice e ricca Europa, nessuno ci credeva. Ma, insomma, si chiedeva la gran massa delle persone, questi si vogliono davvero...
di Luciano Maria Teodori
pace
Laboratorio Europa
Intervista

Laboratorio Europa, alimentare il confronto su Istituzioni europee e sulla necessità di un’Europa sociale. Intervista al Prof. Umberto Triulzi

Laboratorio Europa dell’Eurispes, gli esperti si riuniscono per il primo incontro del 2023, attualmente coordinato dal Prof. Umberto Triulzi, economista, e docente di Politica economica europea, intervistato rispetto ai temi di discussione: Istituzioni europee, integrazione in ambito internazionale, Europa sociale.
di Silvia Muscas
Laboratorio Europa
complottismo
Attualità

Il dubbio e il burattinaio. Complottismo all’italiana

Cronaca e intrigo: anche per l’arresto di Matteo Messina Denaro, non sono mancati sospetti, dubbi, perplessità oltre l’accertamento dei fatti, con il risultato di offuscare il senso di una vittoria importante dello Stato contro la mafia. Il dovere di dubitare è una pratica essenziale nella società democratica, tuttavia bisogna contrastare il rischio dello scetticismo aprioristico e distruttivo.
di Angelo Perrone*
complottismo
editoria
Cultura

Editoria italiana: ricavi, geografia e nuove prospettive

L’editoria italiana ha registrato un calo del 2,8% nel 2022, ma i dati restano favorevoli rispetto al 2019. Crescono lettori e case editrici al Sud, pur restando al di sotto della media nazionale: lettori e case editrici si concentrano al Nord e al Centro, in Lazio e Lombardia ha sede il 38% delle case editrici italiane.
di Roberta Rega
editoria
bilancio energetico
Italia

Bilancio Energetico Nazionale, differenze regionali e potenzialità inespresse

Bilancio energetico nazionale, l’Italia ha un grande potenziale confermato da una quota del 20% di energie rinnovabili sul totale registrato nel 2020. A frenare la transizione ecologica però ci sono burocrazia e regionalismi che rischiano di allungare i tempi di decarbonizzazione dell’economia.
di Ludovico Semerari
bilancio energetico
prezzi della benzina
Fisco

Possibili profili speculativi sull’aumento dei prezzi della benzina e la marginalità delle cause fiscali

L’aumento del prezzo della benzina, di cui si parla molto ultimamente, è determinato da una serie di fattori che non limitano il dibattito alle semplici accise. A incidere è soprattutto la quotazione Platts, che viene decisa dalle compagnie in base al valore effettivo dei prodotti raffinati in un determinato momento.
di Giovambattista Palumbo*
prezzi della benzina
città
Futuro

La città nell’orizzonte della rivoluzione digitale

Le città raccontano chi siamo e che futuro vogliamo costruire: la rigenerazione urbana può essere la chiave per riconquistare gli spazi sottratti dalla pandemia, e costruire un universale urbano aperto al libero attraversamento di popoli ed etnie per una società sempre più fatta di migrazioni.
di Massimiliano Cannata
città
RAEE
Tecnologia

RAEE, rifiuti elettronici: un tesoro nascosto

I RAEE, i Rifiuti di apparecchiature elettriche ed elettroniche, vanno trattati in maniera del tutto speciale e secondo determinate modalità presso le isole ecologiche. Otto italiani su dieci dichiarano di possederne almeno uno, ma dal loro corretto smaltimenti si trarrebbe un significativo beneficio economico.
di Ilaria Tirelli
RAEE
imprese e sviluppo sostenibile
Futuro

Imprese e Sviluppo sostenibile, sempre più complesso il quadro delle nuove regole europee

Il 28 novembre 2022 il Consiglio Europeo ha approvato in via definitiva il testo della nuova direttiva sulla comunicazione delle imprese in...
di Fabrizio Zucca*
imprese e sviluppo sostenibile
Comunità Energetiche Rinnovabili
Italia Domani

Comunità energetiche rinnovabili: dal Pnrr nuovi modelli di crescita

Il doppio filo che lega Agenda 2030 e il PNRR si sta ulteriormente rafforzando attraverso la messa a punto di strumenti che...
di Claudia Bugno*
Comunità Energetiche Rinnovabili