Notice: Undefined offset: 1 in /home/awfdywmb/public_html/wp-content/themes/Newspaper-child/loop-single.php on line 27

Notice: Trying to get property 'cat_name' of non-object in /home/awfdywmb/public_html/wp-content/themes/Newspaper-child/loop-single.php on line 27
Osservatorio TG

Lo spartiacque dell’Italicum

I Tg di martedì 28 aprile – Di fronte allo scontro andato in onda alla Camera per l’apposizione della fiducia da parte del governo sull’Italicum, i Tg manifestano atteggiamenti diversi: le parole dure e le contrapposizioni in Aula alla notizia della fiducia sono in apertura per Tg1, Tg3, TgLa7, Studio Aperto e Tg4, mentre su Tg5 ha preminenza il dramma in Nepal e su Tg2 l’ Italicum arriva addirittura dopo il sisma e 14 minuti di edizione, occupando per altro solo 6 minuti. Nel caso delle testate minori Mediaset l’occasione di mostrare il premier sotto attacco, accusato di essere un “miserabile” (insieme alla maggioranza del Pd) dai Cinque Stelle, un “fascista” da Brunetta e col contesto floreale dei crisantemi lanciati da Sel, è troppo ghiotta per non essere colta. Le testate Rai e La7 seguono il cliché consueto, che vede la politica in primo piano, tanto più in una giornata in cui lo è veramente. Tg5 e Tg2, invece, in qualche misura sono più british e soprattutto il Tg della seconda rete pubblica “sterilizza” il can can che si è generato e che proseguirà chissà quanto a lungo. A proposito di Tg5, segnaliamo che il servizio che riporta gli interventi in Aula quando affronta quello assai veemente di Brunetta (“bivacco di manipoli renziani”, “fascismo di Renzi”, ecc.) fa una gaffe clamorosa, affermando che il discorso mussoliniano del bivacco fu pronunciato dopo il delitto Matteotti, mentre invece contrassegnò l’intervento del capo del fascismo il 16 novembre 1922, subito dopo la marcia su Roma. Renzi compare in una lunga intervista su Tg1, mentre Maria Elena Boschi ribadisce “parola per parola” le posizioni del premier su Tg5.
Alcuni nostri lettori – che ringraziamo e apprezziamo per il tempo che dedicano quotidianamente alla lettura dell’Osservatorio – avrebbero scoperto una vena “renziana” che trapelerebbe dalle nostre analisi dei Tg. In una giornata in cui Renzi è al centro del dibattito come mai prima per la sua dura decisione – forse avventata – di porre la fiducia, cogliamo l’occasione per confessare che per noi il giornalista non si caratterizza per essere di destra, di sinistra, renziano o vicino alla minoranza Pd. Quello che si pensa come cittadini è importante e non va messo sotto il tappeto, ma non dovrebbe rappresentare la ragion d’essere del lavoro quotidiano del giornalista. Sappiamo che quasi mai è così, ma ugualmente e minoritariamente tentiamo di seguire l’unica rotta che riteniamo professionalmente corretta e che, nel caso delle diatribe sul governo e su Renzi, ci porta a dire “semplicemente” che non crediamo alle anime belle, né nel governo, né nelle opposizioni, né nella minoranza Pd. Quello che sta dietro l’Italicum è principalmente uno durissimo scontro politico interno al Pd, cui le altre forze politiche assistono prendendovi parte per tirare, a loro volta, acqua al proprio mulino. Tutto, qua, e non è poco. Ognuno si faccia la propria idea e, se vuole, parteggi per l’una o l’altra fazione.
Velocemente torniamo alla nostra fatica quotidiana segnalando i tanti servizi che vengono da Kathmandu, oramai raggiunta anche dai corrispondenti italiani. Buoni ed ampi quelli del Tg2 e del Tg3. Per l’economia “Mitraglietta” Mentana coglie il paradosso degli interessi sui bot che hanno raggiunto quota 0 spaccato, ma che ugualmente vengono contesi alle aste di queste settimane. Anche le previsioni di Fitch, che finalmente vede rosa per il Paese, sono valorizzate dal Tg di La7.
L’Expo è presente su tutti, a 3 giorni dall’apertura e in occasione della presentazione della Carta di Milano. Il Commissario Sala ed il Ministro Martina compaiono come funghi soprattutto sui Tg Rai. Su Tg1 e TgLa7 emergono con forza le preoccupazioni legate all’ordine pubblico in occasione dell’inaugurazione, che coincide con la celebrazione del Primo Maggio e con l’annunciato corteo degli antagonisti.
La guerriglia a Baltimora causata dalla morte di un altro giovane di colore arrestato dalla polizia, è presente su tutti, anche per il video che riprende una madre che costringe un giovane ad abbandonare le contestazioni violente. Su Tg4 Vittorio Feltri dedica addirittura un editoriale a commento del video, segnalandolo coma una rara “good news” che vale la pena riportare. Sempre Tg4 stasera continua la sua personale campagna su e contro i Rom, presentando ben tre servizi che manifesterebbero chiaramente la connaturata propensione a delinquere di Rom e Sinti.
Interessante, infine, l’approfondimento del Tg2 dedicato all’uso e all’abuso dei tablet, soprattutto quando fanno le veci della mamma, del papà o della tata e sono maneggiati da bimbi anche sotto l’anno di età.

Dati auditel dei TG di lunedì 27 aprile 2015
Tg1 – ore 13:30 3.808.000, 21,36% ore 20:00 5.964.000, 24,00%.
Tg2 – ore 13:00 2.660.000, 15,98% ore 20:30 2.553.000, 9,39%.
Tg3 – ore 14:30 1.779.000, 10,59% ore 19:00 1.893.000, 10,41%.
Tg5 – ore 13:00 3.608.000, 21,49% ore 20:00 4.838.000, 19,18%.
Studio Aperto – ore 12:25 2.122.000, 15,59% ore 18:30 872.000, 5,80%.
Tg4 – ore 11:30 576.000, 7,37% ore 18:55 799.000, 4,55%.
Tg La7 – ore 13:30 681.000, 3,81% ore 20:00 1.402.000, 5,57%.

Fonte:www.tvblog.it

Ultime notizie
nft
Diritto

NFT: le opere d’arte e il diritto. Il ruolo dei musei

L’opera d’arte nell’epoca degli NFT Walter Benjamin nel saggio del 1936 “L’opera d’arte nell’epoca della sua riproducibilità tecnica” affronta, tra i primi, la criticità della...
di Alessio Briguglio*
nft
upskilling
Economia

Upskilling nella Pubblica amministrazione tra esigenze, opportunità e rischi

L’upskilling, ovvero il miglioramento del profilo professionale, nella PA può tradursi in un investimento per la crescita dell’intero settore pubblico, in un’ottica di maggiore fluidità e intercambiabilità di ruoli e mansioni. Importante è far corrispondere alla crescita delle competenze anche progressioni di carriera.
di Simone Cannaroli
upskilling
continete africano
Mondo

Social media e movimenti di protesta nel continente africano

Il continente africano sta registrando negli ultimi anni un incremento delle proteste giovanili, dovute non solo alla marginalizzazione dei giovani dalla vita politica ed economica: una maggiore accessibilità ad Internet data dalle reti mobili e la diffusione dei social network hanno facilitato le organizzazioni e il dibattito pubblico.
di EMANUELE ODDI
continete africano
anac
Criminalità e contrasto

Anac presenta oggi la sua Relazione annuale alla Camera dei Deputati

Anac presenta oggi la Relazione sulle attività svolte e traccia un bilancio della corruzione in Italia nel 2021. Il nostro Paese migliora di 10 posizioni nell’Indice della percezione della corruzione, ma il Presidente di Anac Busìa pone l’accento sulla importanza di prevenire la corruzione.
di redazione
anac
sughero
Ambiente

Foreste di sughera, una risorsa da difendere per la rinascita dei territori rurali

In Sardegna si concentra circa l’85% delle foreste italiane di sughera, e nel Nord Est è presente la gran parte del patrimonio regionale. Il Report presentato oggi da Eurispes documenta la crisi del settore del sughero nei territori coinvolti e ne valorizza potenzialità e risorse, in primis quelle ambientali e turistiche.
di Carlo Marcetti*
sughero
guardia di finanza
Criminalità e contrasto

Guardia di Finanza, azione costante a tutela di spesa pubblica e cittadini

Per il 248esimo anniversario della sua fondazione, la Guardia di Finanza pubblica un bilancio operativo relativo agli interventi del 2021 e dei primi 5 mesi del 2022. Nel periodo di riferimento, la Guardia di Finanza ha eseguito più di un milione di interventi ispettivi che hanno dato origine a circa 74 mila indagini a contrasto di illeciti in campo finanziario ed economico e delle infiltrazioni criminali.
di redazione
guardia di finanza
Economia

Politiche per la coesione, una sinergia con il Pnrr per la crescita

Il 10 giugno scorso l’Italia ha trasmesso il testo finale dell’Accordo di Partenariato 2021-2027. Il documento, presentato in una sua prima versione...
di Claudia Bugno*
Africa criptovalute
Economia

Africa 2022: il ruolo delle criptovalute

In Africa le criptovalute crescono in maniera costante, tanto che la Repubblica Centrafricana ha adottato la criptovaluta bitcoin come moneta nazionale. Ma se da un lato la criptovaluta incentiva il movimento di denaro per imprese e rimesse provenienti dall’estero, dall’altro pesano le carenze in infrastrutture energetiche e regolamentazione.
di Emanuele Oddi
Africa criptovalute
infrastrutture
Infrastrutture

Infrastrutture, migliorare la comunicazione tra Stato e Regioni per ottimizzare gli interventi. Intervista al Sen.Mauro Coltorti

Le infrastrutture italiane registrano ancora un divario importante tra Nord e Sud secondo il Sen. Mauro Coltorti, divario che forse nemmeno il Recovery riuscirà del tutto a sanare. Gli strumenti per intervenire sono in primis una maggiore comunicazione tra Stato e Regioni, innovazioni e legalità.
di Salvatore Di Rienzo
infrastrutture
nextgenerationeu
Europa

NextGenerationEU, innovativo anche nelle strategie di finanziamento

NextGenerationEU è un piano innovativo, che guarda al futuro anche nelle forme di finanziamento: si utilizzeranno i proventi delle autorizzazioni alle emissioni di gas serra, della tariffa sul carbonio dei prodotti importati altamente inquinanti, nonché i profitti residui delle multinazionali.
di Claudia Bugno*
nextgenerationeu