Marino. La corda spezzata

I Tg di giovedì 8 ottobre – Alla fine il logorio ha spezzato la corda: in apertura sui Tg delle 20 le dimissioni annunciate dal Sindaco di Roma Ignazio Marino, al termine di una lunga giornata passata in trincea contro tutto e tutti. Il sindaco “tenace”, riuscito a sopravvivere ai colpi di bazooka di una politica e di una informazione che lo ha, a ragione o a torto, assediato per tutta la durata della sua carica, cade sulla buccia di banana delle presunte cene private spacciate per eventi istituzionali e pagate con la carta di credito del Comune. I Tg, ovviamente, non possono che dedicare gran parte delle scalette ad una sorta di telecronaca diretta, con Studio Aperto e Tg4 che vi dedicano più di metà edizione (ben 9 i servizi per Tg4, con editoriale di Paolo Liguori e contorno di interludi satirici). E’ il Tg3 il fortunato di giornata che riesce a fine edizione a dare in diretta l’agenzia delle dimissioni. Tg1 dedica un titolo alla parabola della “Marineide”, dal viaggio in America ai conti delle trattorie romane; Tg5 ci offre un primo editoriale fuoricampo, seguito, a fine edizione, da un altro molto più ironico e fustigatore delle defaiances del politico, accostate ai difetti dell’amministrazione capitolina. Mentana legge invece da studio la “Lettera ai Romani” del sindaco, molto dura anche nei confronti del Pd, commentando “come nessun esponente dei molti e frastagliati movimenti politici italiani abbia finora speso una parola di sostegno per il sindaco dimissionario.” Le cronache più puntuali le troviamo su Tg2 e TgLa7.

Marino è stato un politico “alieno” sotto tutti i punti di vista, e questo lo ha immediatamente reso un corpo estraneo sia nel tessuto politico istituzionale che per le dinamiche del mondo della comunicazione, che si è sentita per questo legittimata ad indagarne (più spesso a condannarne) vizi e limiti reali o presunti. Anche il Papa ha contribuito, e nessuno ancora ha spiegato i motivi reconditi. Poi è arrivata la “buccia di banana” su cui da pochissime ore indaga la Procura di Roma. Ma questa è già un’altra storia.

Nei residuali tempi contingentati, niente di nuovo sul fronte della riforma costituzionale, che procede senza intoppi e con il Pd “forzato” all’accordo interno e le opposizioni sfaldate.

Le frizioni tra Russia e Nato restano sui titoli dei Tg delle 20, ma godono di spazi stavolta molto più ristretti. Aumenta, invece, l’attenzione per l’ennesima escalation di violenza in Medioriente: “l’Intifada dei Coltelli” è titolo per Tg5 e Tg La7 e servizio per Tg2 e Tg3.

L’inchiesta sui rapporti tra mafia e potere finanziario che vede tra gli altri coinvolto il vicepresidente di Unicredit Palenzona gode di ampio spazio su Tg la7 e Tg3, mentre è assente sulle altre testate.
Le immagini impietose di un Duilio Poggiolini, che, da ricco e potente magnate corrotto della sanità italiana, viene ritrovato povero e abbandonato ospite di una casa di riposo abusiva scoperta oggi a Roma, sono riprese da Studio Aperto, Tg4 e Tg1.

Nei giorni scorsi le assegnazioni dei Nobel avevano goduto di poco spazio e scarsa attenzione su gran parte dell’informazione di serata. L’assegnazione di quello per la letteratura alla scrittrice biellorussa Svetlana Aleksievic, saggista nota per le sue posizioni anti- Putin, campeggia sui titoli ed è servizio per i Tg Rai e Tg La7.

Dati auditel dei Tg di giovedì 8 ottobre 2015

TG1 ore 13:30 3.759.000, 22,89%; ore 20:00 6.004.000, 24,96%.
TG2 ore 13:00 2.703.000, 17,92%; ore 20:30 2.052.000, 7,81%.
TG3 ore 14:30 1.609.000, 10,87%; ore 19:00 1.867.000, 11,05%.
TG5 ore 13:00 3.371.000, 22,09%; ore 20:00 4.677.000, 19,18%.
STUDIO APERTO ore 12:25 1.626.000, 13,69%; ore 18:30 810.000, 6,28% (PP) e 712.000, 4,48% (SP).
TG4 ore 11.30 455.000,7,05 %; ore 18:55 736.000, 4,59%.
TG LA7 ore 13:30 571.000, 3,48%; ore 20:00 1.303.000, 5,39%.

Fonte:www.tvblog.it

Ultime notizie
Italia

Reti europee di trasporto TEN-T: l’Italia penalizzata dalle nuove strategie adottate

Una premessa. Era il lontano 2004 quando l’Unione europea, per impulso di Romano Prodi Presidente della Commissione, immaginò di rafforzare il processo...
di Gianpaolo Basoli, Luca Danese, Marco Ricceri
violenza contro le donne
Donne

Violenza contro le donne, meno vittime ma attenzione ai reati spia

Violenza contro le donne, nel report della Direzione centrale della Polizia criminale allerta sui reati spia e sulle vittime con disabilità. Diminuiscono i casi di femminicidio, -9% rispetto al 2021, ma aumentano le violazioni di allontanamento e i reati di violenza sessuale.
di redazione
violenza contro le donne
stalking
Criminalità e contrasto

Stalking, vittime degli atti persecutori continuano ad essere soprattutto le donne

Lo stalking, ossia gli atti persecutori, è considerato uno dei reati spia, quei delitti che sono indicatori di una violenza di genere. È possibile leggere il fenomeno attraverso gli ultimi dati messi a disposizione dalla Direzione Centrale della Polizia Criminale e le indagini realizzate dall'Eurispes.
di Susanna Fara
stalking
intelligenza artificiale
Tecnologia

Intelligenza artificiale, costi e benefici ambientali della rivoluzione digitale

Intelligenza artificiale e sostenibilità: migliorare l’efficienza energetica dei sistemi è utile al bilancio ambientale, ma non bisogna trascurare gli impatti diretti delle operazioni di calcolo e delle infrastrutture tecnologiche, in termini di consumo energetico e di materie prime.
di Roberta Rega
intelligenza artificiale
scuola
Scuola

La crisi della scuola come laboratorio di eccellenza e inclusione raccontata dal Presidente Roberto Ricci attraverso i dati INVALSI

La scuola italiana descritta dalle prove INVALSI è un sistema affetto da divario territoriale e scarsa attenzione alla crescita degli alunni: un alunno su dieci è in una situazione di fragilità al termine del ciclo di scuola secondaria, con punte vicine al 20% nelle regioni del Mezzogiorno.
di Roberto Ricci*
scuola
sud e coesione
Italia Domani

Sud e coesione territoriale: a che punto siamo?

Sud e coesione territoriale sono tra i punti fondamentali del PNRR. Quasi 20 miliardi di euro sono destinati a politiche di inclusione e coesione, volte a colmare il divario territoriale presente in Italia. Dopo il lavoro svolto dal Ministero del Sud, le modifiche di competenze dei Ministeri volute dal nuovo governo introducono nuovi scenari organizzativi.
di Claudia Bugno*
sud e coesione
Van Gogh
Cultura

Vincent Van Gogh, i colori che hanno influenzato il mondo. La mostra a Roma

La pittura di Vincent Van Gogh è entrata nell’immaginario collettivo, diventando oggetto di venerazione e culto. Una mostra al Palazzo Bonaparte di Roma, in occasione dei 170 anni dalla nascita, esplora il mistero di una fascinazione per il colore che ha conquistato intere generazioni.
di Angelo Perrone
Van Gogh
welfare
Intervista

Le nuove emergenze impongono un ripensamento del welfare e del ruolo dei sindacati. Intervista al Presidente Tiziano Treu

Le nuove emergenze globali impongono un ripensamento di welfare e ruolo dei sindacati per far fronte ad emergenze sociali legate a inflazione e povertà. Il PNRR e l’agenda Draghi hanno segnato una svolta verso coesione e sostenibilità, ma bisogna puntare sull’innovazione. A colloquio con Tiziano Treu Presidente del CNEL.
di Massimiliano Cannata
welfare
questione meridionale
Mezzogiorno

Questione meridionale ancora aperta. Superare il divario tra Nord e Sud centrale per ritrovare unità nazionale

La questione meridionale è stata messa da parte con la Seconda Repubblica, lasciando la centralità alla narrazione politica di un Paese disunito e con opposte rivendicazioni. Ma il Sud resta al centro dello sviluppo del Paese e della sua unità nazionale, e il PNRR deve rappresentare una occasione per colmare il divario.
di Luca Bianchi*
questione meridionale
agroscienze
Agricoltura

L’ascesa dell’agricoltura sostenibile e la crescita del mercato delle agroscienze

Alla ricerca della sostenibilità in agricoltura Il settore agricolo si sta ormai orientando su scala globale verso pratiche sostenibili volte a preservare e...
di Cecilia Fracassa
agroscienze