L'opinione

Minaccia quotidiana

23

I Tg di mercoledì 16 marzo – La paura che torna non solo a Bruxelles ma anche a Parigi, con l’arresto di quattro terroristi islamisti pronti a colpire, si impone sulle aperture di tutti eccetto Tg1 e Tg5. Grande attenzione nei servizi, che offrono tuttavia coperture assai scarne, anche per la mancanza di video o testimonianze “forti”. L’impressione che si ha, e che si ritrova anche nel servizio di Tg La7, è che la “minaccia terroristica” venga ormai inquadrata, a livello mediatico, come una realtà riconosciuta, “quotidiana” e pertanto non eclatante. 

Alla vigilia dell’ennesimo vertice europeo in cui si decide il futuro di Shengen e il destino delle migliaia di profughi accampati sul confine greco, tutte le testate riprendono le parole del Premier Renzi: “L’Europa va su Marte ma si blocca ad Idomeni”; continuano le buone coperture sul Tg Rai (approfondimento del Tg2) dal confine greco. Il muro contro muro tra Bruxelles ed Ankara e la situazione geopolitica turca vengono illustrate con efficacia nei servizio di Tg2, Tg3 e Tg La7. All’odierno appello del Papa sia aggiunge nei servizi dei Tg Rai e Tg5 quello del Presidente della Repubblica Mattarella in visita in un campo profughi in Etiopia. Dopo averlo annunciato ieri, Tg La7 ha ufficialmente lanciano una sua campagna di solidarietà assieme a Medici Senza Frontiere in sostegno alle agenzie operanti nel campo di Idomeni. 

L’entrata ufficiale di Giorgia Meloni nella corsa per il Campidoglio domina la pagina politica, ed ottiene le aperture dei principali Tg. Se le testate minori Mediaset si limitano a prendere atto di una rottura, lasciando qualunque giudizio alle durissime parole di Berlusconi, per gli altri Tg i fatti di Roma sono un campanello d’allarme dello sfaldamento “irreparabile” (Tg La7) del centrodestra a livello nazionale, con il ritiro a Torino dell’appoggio al candidato Fi da parte di Salvini e la nascita di “un nuovo polo di destra di ispirazione lepenista” (Tg3). L’ammiraglia Rai stasera offre la copertura più completa, intervistando sia la Meloni che il portavoce di Fi Romani.
Le primarie Usa, con lo stagliarsi definitivo di Clinton e Trump per il duello finale e le schermaglie tra il candidato repubblicano e l’establishment del suo stesso partito, ottengono ampio spazio su tutte le estate. Da segnalare l’ampia copertura di Tg5 (secondo titolo e due servizi), che sembra, vista la malaparata della destra italiana, voler “battere dove il dente non duole”.
Le dichiarazioni del premier egiziano Al Sisi, rilasciate a Repubblica, con le quali ha annunciato la “piena collaborazione dell’Egitto” nelle indagini sulla morte di Giulio Regeni, sono accolte con un certo scetticismo.Tg3, Tg1 e Tg La7 gli riservano comunque ampio spazio.
Le notizie d’economia sono creature misteriose, e spesso difficili da inquadrare. Quella di una potenziale fusione tra le borse di Milano, Londra e Francoforte, i cui andamenti hanno negli anni passati angosciato ed esaltato milioni di italiani, oggi mancava completamente anche sulle testate più avvezze alla materia (Tg3 e Tg La7). Ci chiediamo perché senza darci risposta …
In chiusura ci uniamo ai complimenti allo sciatore altoatesino Peter Fill per la sua storica vittoria nella coppa del mondo di discesa libera, primo italiano ad aggiudicarsela in 50 anni. Servizi per tutti i Tg.

Altre opinioni dell'Autore
Società

Casucci (Lega): «Educazione civica sia materia vera, con tanto di voto»

Educazione civica nelle scuole: il dibattito prosegue con l'opinione di Marco Casucci, promotore di una mozione approvata dalla Regione Toscana. "L'educazione civica diventi materia curriculare con tanto di voti".
di Valentina Renzopaoli
Immigrazione

Migrazione, Vacca: “Chiudere i porti non frenerà la Shoah”

Immigrazione: "Chiudere i porti non frenerà la Shoah". Roberto Vacca: Non possiamo pretendere di essere civilizzati, se discutiamo di illegalità e ignoriamo «i diritti inalienabili alla vita, alla libertà e alla ricerca della felicità».
di Roberto Vacca
Intervista

Il Presidente della Camera Penale: “Una follia le armi ai cittadini”

La maggioranza degli italiani, secondo Eurispes, sparerebbe a chi gli entra di notte in casa. «Ma c’è ben più del 40 per cento che non userebbe la pistola. E fa bene: diffondere le armi nel Paese è una pazzia assoluta».
di Corrado Giustiniani
Approfondimenti

Legittima difesa, la Lega pronta a rafforzare la misura. Il dibattito

Il 56,6% degli italiani sparerebbe se sorprendesse di notte intrusi nella propria abitazione: il 38,5% lo farebbe con probabilità, il 17,7% sicuramente. la rivista L'Eurispes.it vuole aprire un dibatto sul tema con interviste e riflessioni che verranno pubblicate nelle prossime settimane.
di redazione
Immigrazione

Accoglienza e mala burocrazia: solo un bando su sei è ben fatto

Migrazione: solo un bando di gara su sei, di quelli relativi alla gestione della prima accoglienza dei migranti, raggiunge la sufficienza. Lo rivela un'indagine realizzata dalla cooperativa In Migrazione. Non mancano però esempi virtuosi
di Marco Omizzolo
Informazione

Michele Mezza: “Automi e algoritmi minacciano il giornalismo”

Giornalismo "automatizzato": i "bot" stanno seriamente mettendo a rischio il mestiere. Il 52% dei contenuti che circolano nell’infosfera già ora non hanno un’origine umana e il 66% dei tweet non proviene da una mente individuale
di Massimiliano Cannata
Ambiente

Sicilia, fai la raccolta differenziata? Avrai sconti al supermercato

Rifiuti, sconti ai supermercati per i cittadini che si impegnano nella raccolta differenziata. La proposta arriva in un disegno di legge, firmato dal Presidente della Regione, Musumeci e dall’assessore ai Rifiuti e all’Energia, Pierobon.
di Alfonso Lo Sardo
Innovazione

La tecnologia divide i giovani: (auto)esclusi ed eredi del merito

Negli ultimi anni il dibattito sul lavoro futuro si è fatto molto intenso. I toni sono divenuti sempre più cupi, di pari...
di Alberto Mattiacci
Osservatori

Osservatorio Giochi, Legalità e Patologia di Eurispes: “Allo Stop alla pubblicità segua un’attenzione agli approfondimenti tecnici”

L’orientamento del Governo che indica un blocco della comunicazione pubblicitaria nell’area del gioco contenuto nel “Decreto Dignità” sta suscitando clamore. Il provvedimento riporta...
di redazione
Intervista

Educazione civica. Rusconi: “Manca una cabina di regia”

"L'educazione civica spesso non viene insegnata, qualche insegnante lo fa per propria buona volontà. Viene sottovalutato l’apprendimento delle norme e dell’ordinamento dello Stato, fatto soprattutto di comportamenti di rispetto".
di Valentina Renzopaoli