Osservatorio TG

Minaccia quotidiana

I Tg di mercoledì 16 marzo – La paura che torna non solo a Bruxelles ma anche a Parigi, con l’arresto di quattro terroristi islamisti pronti a colpire, si impone sulle aperture di tutti eccetto Tg1 e Tg5. Grande attenzione nei servizi, che offrono tuttavia coperture assai scarne, anche per la mancanza di video o testimonianze “forti”. L’impressione che si ha, e che si ritrova anche nel servizio di Tg La7, è che la “minaccia terroristica” venga ormai inquadrata, a livello mediatico, come una realtà riconosciuta, “quotidiana” e pertanto non eclatante. 

Alla vigilia dell’ennesimo vertice europeo in cui si decide il futuro di Shengen e il destino delle migliaia di profughi accampati sul confine greco, tutte le testate riprendono le parole del Premier Renzi: “L’Europa va su Marte ma si blocca ad Idomeni”; continuano le buone coperture sul Tg Rai (approfondimento del Tg2) dal confine greco. Il muro contro muro tra Bruxelles ed Ankara e la situazione geopolitica turca vengono illustrate con efficacia nei servizio di Tg2, Tg3 e Tg La7. All’odierno appello del Papa sia aggiunge nei servizi dei Tg Rai e Tg5 quello del Presidente della Repubblica Mattarella in visita in un campo profughi in Etiopia. Dopo averlo annunciato ieri, Tg La7 ha ufficialmente lanciano una sua campagna di solidarietà assieme a Medici Senza Frontiere in sostegno alle agenzie operanti nel campo di Idomeni. 

L’entrata ufficiale di Giorgia Meloni nella corsa per il Campidoglio domina la pagina politica, ed ottiene le aperture dei principali Tg. Se le testate minori Mediaset si limitano a prendere atto di una rottura, lasciando qualunque giudizio alle durissime parole di Berlusconi, per gli altri Tg i fatti di Roma sono un campanello d’allarme dello sfaldamento “irreparabile” (Tg La7) del centrodestra a livello nazionale, con il ritiro a Torino dell’appoggio al candidato Fi da parte di Salvini e la nascita di “un nuovo polo di destra di ispirazione lepenista” (Tg3). L’ammiraglia Rai stasera offre la copertura più completa, intervistando sia la Meloni che il portavoce di Fi Romani.
Le primarie Usa, con lo stagliarsi definitivo di Clinton e Trump per il duello finale e le schermaglie tra il candidato repubblicano e l’establishment del suo stesso partito, ottengono ampio spazio su tutte le estate. Da segnalare l’ampia copertura di Tg5 (secondo titolo e due servizi), che sembra, vista la malaparata della destra italiana, voler “battere dove il dente non duole”.
Le dichiarazioni del premier egiziano Al Sisi, rilasciate a Repubblica, con le quali ha annunciato la “piena collaborazione dell’Egitto” nelle indagini sulla morte di Giulio Regeni, sono accolte con un certo scetticismo.Tg3, Tg1 e Tg La7 gli riservano comunque ampio spazio.
Le notizie d’economia sono creature misteriose, e spesso difficili da inquadrare. Quella di una potenziale fusione tra le borse di Milano, Londra e Francoforte, i cui andamenti hanno negli anni passati angosciato ed esaltato milioni di italiani, oggi mancava completamente anche sulle testate più avvezze alla materia (Tg3 e Tg La7). Ci chiediamo perché senza darci risposta …
In chiusura ci uniamo ai complimenti allo sciatore altoatesino Peter Fill per la sua storica vittoria nella coppa del mondo di discesa libera, primo italiano ad aggiudicarsela in 50 anni. Servizi per tutti i Tg.

Ultime notizie
Economia

Sindacato e cambiamenti globali: quale preparazione hanno i sindacalisti?

I sindacalisti di oggi hanno la preparazione e le competenze adeguate per rappresentare al meglio le esigenze dei lavoratori in questa fase...
di Marco Ricceri*
Internazionale

The task of politics is to be “regulating rooms” between the interests of finance and the society

The belief that the so-called European welfare state was an obstacle to the development of the modern market and that it was...
di Gian Maria Fara*
STATO
Metafore per l'Italia

La politica sia “stanza di regolazione” tra interessi di mercato e corpo sociale

Le esperienze recenti dimostrano che senza il suo sistema di welfare l’Europa non avrebbe retto all’urto delle crisi. Lo Stato e le Istituzioni hanno il compito di regolare ed equilibrare gli interessi del mercato e le esigenze del corpo sociale, non limitarsi all’esercizio di un ruolo esterno di vigili del mercato. Riaffermare tale posizione significa ripartire dalla crisi esistenziale generata dall’incertezza e riequilibrare i divari economici e di genere.
di Gian Maria Fara*
STATO
medicina
Recensioni

Da Ippocrate a Bill Gates, come la tecnologia ha cambiato la medicina

Il futuro della medicina è adesso. Fa il punto sullo stato dell’arte della tecnologia il nuovo libro del giornalista Claudio Barnini: Da Ippocrate a Bill Gates. Come la tecnologia ha cambiato la medicina. 
di redazione
medicina
Ue
Economia

La nuova proposta Ue di direttiva sul bilancio di sostenibilità “Corporate Sustainability Reporting Directive”

All’interno dell’Unione europea il dibattito sulle tematiche della trasparenza è senza dubbio ormai maturo ed esistono già regolamentazioni sulla rendicontazione non finanziaria che le aziende sono tenute ad applicare per essere in regola con gli obiettivi generali di sostenibilità
di Fabrizio Zucca*
Ue
Internazionale

Corruzione e nuove forme di infiltrazione nella Pa e nell’economia

A margine del 30° Forum Economico dell’Europa Centrale e dell’Est (Karpacz, Polonia - 7 al 9 settembre), nel panel dedicato alle prospettive...
di redazione
Gioia Tauro porto
Crescita

Porto di Gioia Tauro, una eccellenza italiana da promuovere

Il porto di Gioia Tauro è una eccellenza che si scontra con un territorio povero di infrastrutture e iniziative che dovrebbero invece contribuire alla creazione di una catena del valore nel territorio, generando ricadute positive sia a livello locale che nazionale.
di Antonio Testi*
Gioia Tauro porto
filosofia
Scuola

Tutti pazzi per la filosofia? La scuola si interroga sull’insegnamento negli istituti tecnici

Da Letizia Moratti all'attuale Bianchi, molti ministri dell'Istruzione si sono interrogati sul ruolo della filosofia e sul suo insegnamento nelle scuole, in particolare degli istituti tecnici. Del resto, nella riforma Gentile del 1929 essa già figurava come spartiacque e fondamento del sapere.
di Giuseppe Pulina
filosofia
Briefing

In Tunisia si gioca una partita ben più ampia

L’importanza della Tunisia La Tunisia in apparenza potrebbe sembrare un paese poco rilevante, ma è quello dove, nell’arco di un decennio, è iniziata,...
di Marco Carnelos*
legalità
Il punto a Mezzogiorno

Non può esistere legalità senza condivisione. Intervista al giudice Antonio Salvati

La legalità non può essere la risposta al timore della sanzione, bensì la condivisione di un precetto secondo Antonio Salvati, giudice del lavoro presso il Tribunale di Reggio Calabria e autore del romanzo Pentcho pubblicato da Castelvecchi editore.
di Maurizio Lovecchio
legalità