Notice: Undefined offset: 1 in /home/awfdywmb/public_html/wp-content/themes/Newspaper-child/loop-single.php on line 27

Notice: Trying to get property 'cat_name' of non-object in /home/awfdywmb/public_html/wp-content/themes/Newspaper-child/loop-single.php on line 27
Osservatorio TG

Not in My Name

I Tg di venerdì 20 novembre – Alla vigilia dalla manifestazione che vedrà le comunità musulmane nelle principali città italiane esprimere il proprio dissenso verso gli attentati terroristici degli ultimi giorni, solo Tg4 continua pervicacemente sulla linea delle “prese di posizioni ambigue”. Posizioni che, guardando gli approfondimenti di Tg3 e Tg2, paiono invece abbastanza chiare: totale rifiuto ed estraneità verso azioni condotte da gente che di “islamico” hanno solo il “nome”. Tra i 7 Tg, soltanto Tg2 rilancia inoltre la manifestazione sul web “Not in My Name ” con cui gli islamici da tutto il mondo prendono le distanze dagli “islamisti”.

L’assedio in Mali all’hotel Raddison Blu di Bamako, in cui 140 tra clienti stranieri e personale sono rimasti in ostaggio di una cellula jihadista, durato 11 ore, sottrae le ricerche del terrorista Salah in Belgio dall’apertura di tutte le testate. 21 le vittime finora accertate, 19 ostaggi e 2 terroristi. Le immagini e le testimonianze arrivate nel corso della lunga azione militare abbondano nei servizi, ma solo Tg1, Tg3 e Tg La7 forniscono le necessarie ricostruzioni per dare un’idea della situazioni in Mali, da tre anni diviso in due Aree, una controllata dal governo legittimo, l’altra da tre diversi gruppi islamici. L’appello del presidente Hollande, “Un attacco al Mali è un attacco alla Francia”, viene lanciato alto dal Tg1 e dal Tg2.

Inevitabilmente, l’evolversi delle indagini ed i retroscena sul blitz di mercoledì occupano buona parte delle edizioni di tutti i Tg. La ricerca dell’ottavo terrorista, Salah, le nuove immagini della fiammata della detonazione durante il blitz di Saint Denis ed i dubbi sulla cugina di Abaaoud, presentata come la prima kamikaze europea, che potrebbe non essersi fatta esplodere. Alcune testate Mediaset dedicano inoltre servizi alla “settimana del terrore”, ripercorrendo gli eventi che dalla notte di venerdì scorso hanno fatto precipitare l’Europa nel vortice della paura. Una tensione che si traduce in maggiori controlli sulla circolazione, decisi oggi dal Consiglio D’Europa, per i paesi dell’area Schengen (titoli per i Tg Rai, Tg5 e Tg La7), che in alcuni paesi, tra cui il nostro, sembra dar luogo a fenomeni di isteria. A parlare di psicosi terrorismo, in relazione ai molti falsi allarmi nella capitale, sono Tg2 e tutti i Tg delle 20, con Tg1 che dedica un servizio agli effetti che questo clima di tensione sta avendo sulle abitudini degli abitanti in aree metropolitane. Sempre i Tg delle 20, Tg3 e Tg2 riportano della falsa segnalazione fatta circolare tramite il social WhatsApp che ventilava pericolo di attentati stasera nella zona di Ponte Milvio a Roma e che ha visto lo stesso presidente del Consiglio Renzi servirsi del medesimo social per smentirla e tranquillizzare la popolazione capitolina.
Per il resto, la legge di stabilità passata al Senato con la fiducia compare a fine edizione un po’ per tutti. Tg1, Tg5 e Tg La7 dedicano un titolo alla scoperta, a seguito di un arresto di esponenti dei clan corleonesi, di un possibile attentato contro il ministro degli Interni Alfano, colpevole di “aver tradito per aver aggravato il 41 bis”, che da Bruxelles risponde: “Liberare la Sicilia da questi maledetti vale più della mia vita”. La Corte di Cassazione che assolve in via definitiva 6 scienziati della Commissione Grandi Rischi dell’Aquila, trova spazio solamente su Tg2 e Tg La7

Presenti ovunque le immagini della “confessione” (così viene fatta passare) davanti ai carabinieri della madre di Loris Mazzetti, cui alcuni Tg Mediaset dedicano dai due ai quattro servizi.

Nella giornata Mondiale dei diritti per l’infanzia solo su Tg2 compaiono i dati Caritas sulle decine di milioni di bambini a rischio nelle zone di guerra, mentre l’appello all’accoglienza lanciato dalla Commissione Bicamerale per l’infanzia e l’adolescenza per l’accoglienza dei bambini senza genitori arrivati in Italia viene fatto sentire solo su Tg2 e, in 20 secondi, da Tg4.

Ultime notizie
riassetto dei poteri
Diritto

Il riassetto dei poteri

Il tema del riassetto dei poteri è al centro dell’attuale dibattito ed è strettamente collegato con le prospettive di una riforma della giustizia. L'ex magistrato Vincenzo Macrì fa alcune considerazioni partendo da un articolo a firma di Luciano Violante.
di Vincenzo Macrì
riassetto dei poteri
Economia

Fondi per il PNRR, erogata la prima rata: il punto della situazione

Un importante traguardo è stato raggiunto lo scorso 13 aprile, quando è stata erogata la prima tranche di pagamenti per il PNRR. Sono stati versati 21 miliardi di euro che si aggiungono al pre-finanziamento ottenuto lo scorso anno.
di Claudia Bugno*
precarietà
Attualità

Che cosa significa, oggi, vivere la dimensione della precarietà

La precarietà si afferma come la base esistenziale del vivere contemporaneo. Precarietà in termini lavorativi, come conseguenza delle crisi economiche; precarietà delle relazioni, accentuate dagli effetti della pandemia sulla salute mentale e sui legami di comunità; precarietà geopolitica e ambientale di un mondo minacciato da guerre e disastri ambientali.
di Giuseppe Pulina
precarietà
Rebibbia carcere
Attualità

Rebibbia, storie di vita dal carcere per affermare la funzione rieducativa della pena

A Rebibbia le storie di vita dal carcere femminile nel report del Servizio Analisi Criminale centrale: oltre alle analisi sui fenomeni criminali, viene ribadita la funzione rieducativa della pena tra sicurezza e trattamento.
di redazione
Rebibbia carcere
ricerca e sviluppo
Economia

Ricerca e Sviluppo (R&S) nell’area OCSE: la risposta alla crisi pandemica

La spesa in Ricerca e Sviluppo (R&S) nell’area OCSE è cresciuta dell’1,8% nel 2020. Nonostante il forte calo dell’attività economica determinata dalla pandemia da Covid-19, le economie dell’OCSE hanno quindi continuato ad investire in ricerca e sviluppo nel 2020.
di Cecilia Fracassa
ricerca e sviluppo
legal design
Economia

Il legal design: una nuova prospettiva di accessibilità e democratizzazione del linguaggio giuridico

La finalità antropocentrica del legal design I principali linguisti italiani evidenziano da anni che il linguaggio utilizzato dalle Istituzioni è distante anni luce...
di Andrea Strata e Alessandro Colella
legal design
react-eu
Italia Domani

REACT-EU: potenziate le risorse per il Mezzogiorno

Il REACT-EU, tra gli strumenti finanziati dal Next Generation EU, costituisce la seconda componente di origine europea all’interno del PNRR con cui...
di Claudia Bugno*
react-eu
guerra
Internazionale

Le guerre dimenticate, non meno feroci di quella in Ucraina

Come mai guerre atroci e lunghissime come quelle nel Tigrai, nello Yemen, in Siria, in Mali, non hanno ascolto nella politica italiana ed europea e trovano pochi spazi nei media? Perché non sconvolgono la sensibilità delle persone come invece sta accadendo per il conflitto in Ucraina? Lo stesso vale, del resto, per altre crisi estreme che provocano migliaia di morti e schiere enormi di profughi.
di di Emilio Drudi e Marco Omizzolo
guerra
25 aprile 2022
Società

25 aprile 2022, il ritorno della paura

La memoria della riconquista della libertà, avvenuta con la liberazione del 1945, si sovrappone alle immagini della tragedia ucraina che, a distanza di 77 anni, si consuma per le stesse ragioni di allora, i soprusi delle dittature. La “resistenza” in ogni epoca trae forza dal coraggio di vincere le paure.
di Angelo Perrone
25 aprile 2022
dispersione scolastica
Scuola

Dipersione scolastica e Dad: il fenomeno nelle scuole della Sardegna

Dispersione scolastica e DaD, quanto sono collegati questi due aspetti nel sistema scolastico costretto a modificare la propria organizzazione a causa della...
di redazione
dispersione scolastica