Parigi – quinto giorno

I Tg di mercoledì 18 novembre – Le cronache in diretta del maxi blitz iniziato all’alba nel quartiere periferico parigino di Saint Denis e durato oltre 7 ore hanno occupato non solo tutte le edizioni ma, letteralmente, invaso buona parte della programmazione televisiva nazionale. Le edizioni straordinarie, divenute la norma, proseguono in serata con quelle di Tg4 e Studio Aperto che restano con le telecamere accese sulle vie ancora sotto parziale assedio. La domanda che più risuona è quale sia stata la sorte di Abdelhamid Abaaoud, presunta mente degli attentati di venerdì scorso. Tg3 ed i Tg delle 20 rilanciano le dichiarazioni di importanti giornali belgi e americani che lo vorrebbero morto durante l’assalto in cui sono periti altri due terroristi, tra cui la prima donna kamikaze europea. Le biografie degli attentatori sopravvissuti circolano ormai da giorni per tutte le edizioni. Molte le testimonianze degli abitanti delle case vicine che sono stati, sia venerdì che oggi, sfiorati o investiti da vere e proprie battaglie. La migliore copertura va al Tg3 con l’inviato che intervista il precedente inquilino dell’appartamento teatro dello scontro a fuoco in cui sono stati sparati oltre 5.000 colpi.
Grande l’attenzione di tutte le testate alla paura ed al clima di terrore che, dalle strade di Parigi, si è inevitabilmente sparso in tutti i paesi europei. L’annullamento del match Olanda-Germania nello stadio di Hannover, gli 8 falsi allarmi che ogni ora arrivano dalle città francesi, i bagagli fatti brillare a Fiumicino: tutto ciò confluisce nei tanti servizi, con alcune testate (Tg4 e Studio Aperto) che parlano del “giorno della paura”, evidenziando i rischi per la sicurezza nel nostro Paese. Maggiore attenzione per i Tg Rai alla tenacia e voglia di andare avanti dei cittadini francesi.
A queste legittime esigenze di sicurezza e tranquillità rispondono le invocazioni di Papa Francesco che, in una piazza San Pietro semivuota (evidenziato da molti servizi), invita comunque a non cedere al terrore, parlando di una Chiesa del Giubileo che non “blinderà le sue porte”. Le dichiarazioni sulla stessa linea del Presidente Mattarella sono messe in risalto dai soli Tg Rai e a fine edizione dal Tg5. 

La linea “soft” (così chiamata ieri da Mentana) del presidente del Consiglio Renzi, che anche oggi rifiuta ipotesi di intervento militare diretto e di modifiche costituzionali come risposta all’emergenza, non fa piacere alle destre nostrane che ribadiscono la necessità dell’uso diretto della forza contro l’Isis. L’odierna copertina/editoriale del Tg5 ricalca le stesse posizioni, parlando di “scelte coraggiose” e “necessarie”.
Da segnalare l’intervista esclusiva del Tg1 al leader siriano Bashar Al Assad che, se da un lato si dichiara pronto a lasciare “se saranno i siriani a volerlo”, ribadisce come non ci sia nessuno accordo internazionale che gli imponga di abbandonare il potere. Buona anche l’intervista di Tg5 al direttore di Slater France che ritiene che la paura non porti voti alla destra lepenista.
In generale si può affermare che alcune testate, soprattutto quelle Mediaset, più che di cronaca e interpretazioni giornalistiche risultano contenitori dei tanti video istituzionali e amatoriali che accompagnano da 5 giorni il dramma e le tensioni parigine. Tg3, Tg2 e Tg La7 propongono qualcosa di più, ad esempio l’analisi dei flussi finanziari che sostengono l’Isis.
Chiudiamo segnalando 2 servizi che stasera hanno entrambi per oggetto i bambini, ma con atteggiamenti assai diversi: l’approfondimento del Tg2 sulla condizione dei minori poveri nel nostro Paese, e la copertura di Tg4 che titola sulle parziali ammissioni della madre di Loris Stival, adombrando una reazione violenta e omicida per le critiche del bambino all’eccessivo trucco di cui faceva uso.

Ultime notizie
economia africana
Mondo

Come va l’economia africana? La realtà del Continente al di là dei macro-dati

L’economia del Continente africano crescerà tra il 3,8% e il 4% nel 2024 e sarà la seconda economia a livello mondiale dopo quella asiatica, ma i dati reali, non meramente legati a fattori economici, descrivono una realtà più incerta e mutevole, determinata dai conflitti, dall’instabilità politica e da disastri naturali ed eventi climatici, come la siccità.
di Emanuele ODDI*
economia africana
rimesse economiche
Immigrazione

L’importanza sociale delle rimesse economiche dei migranti

Le rimesse economiche dei migranti rappresentano una risorsa per il paese d’origine che le riceve, oltre a un diritto e un mezzo di emancipazione di molte famiglie dalla povertà. Ma allo stesso tempo, queste possono creare squilibri nel tessuto sociale: una ricchezza, dunque, che andrebbe guidata da progetti di investimento strutturati.
di Marco Omizzolo*
rimesse economiche
Intervista

Neuroscienze della narrazione, lo storytelling nell’era dell’Intelligenza artificiale

“Neuroscienze della narrazione” è il saggio di Marco La Rosa, pubblicato da Hoepli, che analizza presente e futuro dello storytelling nell’era dell’IA. Oltre al rischio di un eccessivo appiattimento dei contenuti, come già accade per le immagini generate da IA, La Rosa allerta sulla condizione dell’“uomo di vetro”, ovvero privato della sua riservatezza.
di Massimiliano Cannata
migrazione e asilo
Europa

Nuovo Patto europeo su migrazione e asilo, manca un vero equilibrio tra responsabilità e solidarietà

Il nuovo Patto europeo su migrazione e asilo ha generato notevoli perplessità sul fronte dei diritti umani e della solidarietà tra Stati Ue, in particolare sul trattamento dei minori e sulla possibilità data agli Stati membri di rifiutarsi di ospitare i richiedenti asilo in cambio di un contributo finanziario alla gestione dei processi di rimpatrio.
di Ugo Melchionda*
migrazione e asilo
violenza di genere
Società

Giovani e violenza di genere. I dati della Direzione Centrale della Polizia Criminale

Violenza di genere, un report del Servizio Analisi Criminale delle Forze di Polizia analizza il fenomeno in una ottica generazionale. I delitti in àmbito affettivo e familiare sono in calo, ma troppo spesso riguardano vittime e autori con meno di 34 anni, con prevalenza di giovani adulti. Il 76% delle donne vittime di violenze sessuali ha meno di 34 anni.
di redazione
violenza di genere
competenze digitali
Lavoro

Competenze digitali e nuove priorità nel mondo del lavoro, l’appuntamento Adnkronos Q&A

Attrarre nuovi talenti, valorizzare la formazione specifica e investire sulle persone: questi i temi al centro del nuovo appuntamento Adnkronos Q&A, con focus su parità e gender gap
di redazione
competenze digitali
Rapporto Italia
Rapporto Italia

Rapporto Italia, presentati i dati dell’Eurispes per il 2024

Rapporto Italia 2024, nelle parole del Presidente dell’Eurispes Gian Maria Fara un Paese al bivio, che ha bisogno di coraggio nelle scelte. Ma bisogna innanzitutto superare il “presentismo” che ha contraddistinto gli ultimi anni per scegliere con consapevolezza tra conservazione o futuro.
di redazione
Rapporto Italia
concessioni balneari
Diritto

Giurisprudenza amministrativa su concessioni balneari

Sulle concessioni balneari c’è bisogno di meno proroghe e più regole certe, ragionevoli e trasparenti, in quanto non è più possibile affidarsi solo agli esiti della giurisprudenza. I provvedimenti dovranno tenere in conto l’esperienza professionale e il know-how delle imprese, nonché tutelare gli eventuali investimenti già effettuati.
di giovambattista palumbo*
concessioni balneari
baby gang
Sicurezza

Baby gang tra realtà e percezione. Intervista a Stefano Delfini, Direttore Servizio Analisi Criminale della Direzione Centrale della Polizia Criminale

Il 36% degli italiani denuncia la presenza di baby gang nel proprio territorio, come emerge dal Rapporto Italia 2024. Ma non bisogna confondere realtà e percezione, afferma Stefano Delfini, Direttore del Servizio Analisi Criminale, che nel corso dell’intervista traccia un quadro del fenomeno criminale minorile nel nostro Paese.
di Susanna Fara
baby gang
d-day
Storia

80 anni fa il D-Day che segnò la fine del nazismo

D-Day, il giorno che segnò la fine del nazismo con lo sbarco in Normandia: il 6 giugno ricorrono gli 80 anni dall’operazione che decise un nuovo corso per la storia. Ma la memoria storica è a rischio, senza la trasmissione generazionale della memoria e con la riduzione a fiction del nostro passato, come spesso avviene nelle serie tv.
di Giuseppe Pulina*
d-day