Parigi – quinto giorno

I Tg di mercoledì 18 novembre – Le cronache in diretta del maxi blitz iniziato all’alba nel quartiere periferico parigino di Saint Denis e durato oltre 7 ore hanno occupato non solo tutte le edizioni ma, letteralmente, invaso buona parte della programmazione televisiva nazionale. Le edizioni straordinarie, divenute la norma, proseguono in serata con quelle di Tg4 e Studio Aperto che restano con le telecamere accese sulle vie ancora sotto parziale assedio. La domanda che più risuona è quale sia stata la sorte di Abdelhamid Abaaoud, presunta mente degli attentati di venerdì scorso. Tg3 ed i Tg delle 20 rilanciano le dichiarazioni di importanti giornali belgi e americani che lo vorrebbero morto durante l’assalto in cui sono periti altri due terroristi, tra cui la prima donna kamikaze europea. Le biografie degli attentatori sopravvissuti circolano ormai da giorni per tutte le edizioni. Molte le testimonianze degli abitanti delle case vicine che sono stati, sia venerdì che oggi, sfiorati o investiti da vere e proprie battaglie. La migliore copertura va al Tg3 con l’inviato che intervista il precedente inquilino dell’appartamento teatro dello scontro a fuoco in cui sono stati sparati oltre 5.000 colpi.
Grande l’attenzione di tutte le testate alla paura ed al clima di terrore che, dalle strade di Parigi, si è inevitabilmente sparso in tutti i paesi europei. L’annullamento del match Olanda-Germania nello stadio di Hannover, gli 8 falsi allarmi che ogni ora arrivano dalle città francesi, i bagagli fatti brillare a Fiumicino: tutto ciò confluisce nei tanti servizi, con alcune testate (Tg4 e Studio Aperto) che parlano del “giorno della paura”, evidenziando i rischi per la sicurezza nel nostro Paese. Maggiore attenzione per i Tg Rai alla tenacia e voglia di andare avanti dei cittadini francesi.
A queste legittime esigenze di sicurezza e tranquillità rispondono le invocazioni di Papa Francesco che, in una piazza San Pietro semivuota (evidenziato da molti servizi), invita comunque a non cedere al terrore, parlando di una Chiesa del Giubileo che non “blinderà le sue porte”. Le dichiarazioni sulla stessa linea del Presidente Mattarella sono messe in risalto dai soli Tg Rai e a fine edizione dal Tg5. 

La linea “soft” (così chiamata ieri da Mentana) del presidente del Consiglio Renzi, che anche oggi rifiuta ipotesi di intervento militare diretto e di modifiche costituzionali come risposta all’emergenza, non fa piacere alle destre nostrane che ribadiscono la necessità dell’uso diretto della forza contro l’Isis. L’odierna copertina/editoriale del Tg5 ricalca le stesse posizioni, parlando di “scelte coraggiose” e “necessarie”.
Da segnalare l’intervista esclusiva del Tg1 al leader siriano Bashar Al Assad che, se da un lato si dichiara pronto a lasciare “se saranno i siriani a volerlo”, ribadisce come non ci sia nessuno accordo internazionale che gli imponga di abbandonare il potere. Buona anche l’intervista di Tg5 al direttore di Slater France che ritiene che la paura non porti voti alla destra lepenista.
In generale si può affermare che alcune testate, soprattutto quelle Mediaset, più che di cronaca e interpretazioni giornalistiche risultano contenitori dei tanti video istituzionali e amatoriali che accompagnano da 5 giorni il dramma e le tensioni parigine. Tg3, Tg2 e Tg La7 propongono qualcosa di più, ad esempio l’analisi dei flussi finanziari che sostengono l’Isis.
Chiudiamo segnalando 2 servizi che stasera hanno entrambi per oggetto i bambini, ma con atteggiamenti assai diversi: l’approfondimento del Tg2 sulla condizione dei minori poveri nel nostro Paese, e la copertura di Tg4 che titola sulle parziali ammissioni della madre di Loris Stival, adombrando una reazione violenta e omicida per le critiche del bambino all’eccessivo trucco di cui faceva uso.

Ultime notizie
Istruzione

La conoscenza è il più grande fattore moltiplicatore di sviluppo e di salvaguardia della democrazia. La riflessione di Antonio Uricchio, Presidente dell’Anvur

Il sistema educativo deve interpretare i cambiamenti e dare risposte Molto spesso vengono individuati gli asset i driver dello sviluppo e si tende...
di Antonio Uricchio
zes unica
Infrastrutture

La Zes Unica ha senso solo con una rete infrastrutturale a supporto. L’intervento di Marco Rettighieri, Presidente di Webuild Italia

Parlare di Zes Unica del Mediterraneo ha senso solo se si affronta il discorso delle reti infrastrutturali italiane, ad oggi carenti nello smerciare i container in arrivo nei porti, che tardano anche 15 giorni prima di arrivare a destinazione. La riflessione di Marco Rettighieri.
di MARCO RETTIGHIERI*
zes unica
mediterraneo
Italia

Zes Unica del Mediterraneo, rivalutare il potere del mare

Con la Zes Unica del Mediterraneo l’Italia deve aspirare al recupero di un maggior peso e centralità nell’area, che da troppo tempo è fuori dall’agenda politica nazionale. Il Mediterraneo deve diventare un obiettivo principale, in grado di superare anche la questione del Mezzogiorno.
di Salvatore Napolitano*
mediterraneo
dop
Made in Italy

DOP Economy 4.0, la tecnologia al servizio della tracciabilità

Il mercato delle IG vale in Europa 74,8 miliardi di euro, e un prodotto IG su quattro è italiano. Per valorizzare questa ricchezza bisogna puntare su un futuro tecnologico per i marchi DOP e IG, prodotti di punta del Made in Italy, e a una Agricoltura 4.0 basata su trasparenza e tracciabilità.
di chiara bartoli
dop
caselli
Recensioni

La storia d’Italia in dieci date nel libro-memoir di Gian Carlo Caselli

Gian Carlo Caselli, uno dei Pm più in vista della storia recente d’Italia, racconta il nostro Paese nel libro-memoire “Giorni memorabili che hanno cambiato l'Italia” attraverso le inchieste che lo hanno visto coinvolto da protagonista, dieci date per dieci snodi giudiziari che hanno segnato gli eventi degli ultimi decenni.
di cecilia sgherza
caselli
zes unica
Mezzogiorno

Zes Unica del Mediterraneo, una sfida per sviluppo e sicurezza dell’area

La Zes Unica del Mediterraneo è stata al centro del dibattito organizzato dall’Istituto Eurispes, che ne ha analizzato i fattori socio-economici, logistici e geopolitici. La Zes Unica diviene strategica in un contesto geopolitico di grandi cambiamenti e incertezze, come strumento utile a garantire sicurezza e sviluppo.
di redazione
zes unica
scuola italiana
Intervista

La Scuola sia baluardo di conoscenza, tolleranza e spirito critico: intervista a Paolo Pagliaro

L’istruzione in Italia è una roccaforte di valori come la conoscenza, il senso critico, la tolleranza, eppure rischia un declino simile a quello della Sanità pubblica. Sfide e opportunità per il futuro della Scuola italiana, nell’intervista a Paolo Pagliaro, Direttore agenzia giornalistica 9Colonne e autore televisivo.
di redazione
scuola italiana
isole
Osservatori

Nascita geologica e nascita giuridica delle isole: intervista a Niki Aloupi

La nascita geologica di un’isola non corrisponde necessariamente alla sua nascita giuridica: lo chiarisce ampiamente Niki Aloupi, docente di Diritto internazionale pubblico all’Università di Parigi- Panthéon-Assas, esperta di Diritto del mare, che offre una panoramica sulla situazione giuridica internazionale delle isole.
di redazione
isole
social
Società

È guerra totale contro la “trappola dei Social”

Le autorità statunitensi hanno cominciato a porsi domande sulla tutela dei minori rispetto all’utilizzo dei Social network. Un uso che, secondo una serie di studi condotti, è relazionato al peggioramento della salute mentale di adolescenti e ragazzi.
di cecilia sgherza
social
apprendimento
Istruzione

La vera inclusione scolastica è garantire buoni livelli di apprendimento per tutti

La Scuola italiana ha bisogno di una riflessione pedagogica e strutturale, e di formulare un’offerta formativa equa basata sull’apprendimento di livello per tutti. Intervista a Roberto Ricci, presidente Invalsi, che commenta i dati emersi dal Secondo Rapporto dell’Eurispes su Scuola e Università.
di Roberto Ricci*
apprendimento