Notice: Undefined offset: 1 in /home/awfdywmb/public_html/wp-content/themes/Newspaper-child/loop-single.php on line 27

Notice: Trying to get property 'cat_name' of non-object in /home/awfdywmb/public_html/wp-content/themes/Newspaper-child/loop-single.php on line 27
Osservatorio TG

Parole vane

I Tg di giovedì 28 gennaio – Le tragedie in mare e le espulsioni annunciate dal governi svedese, olandese e finlandese, si impongono su tutte le testate. La cosiddetta “linea dura” della Svezia, che si prepara nei prossimi anni a espellere tra i 60 e gli 80 mila profughi per i quali non è stato riconosciuto il diritto d’asilo, crea disorientamento. Sono Tg3 e Tg4 a proporre, da diverse angolazioni, le interpretazioni più divergenti. Per il Tg di Rete 4 l’esempio svedese è un “atto di forza” apprezzabile (ed avallato dall’Europa stessa) da cui l’Italia dovrebbe far tesoro, mentre Tg3 rimarca le gravi difficoltà che hanno spinto la Svezia, paese con una grande tradizione di accoglienza, ad adottare questi provvedimenti. Il tema profughi ritorna con il quotidiano bilancio di vittime nell’Egeo (apertura per Tg1,Tg2,Tg5). Durissimo il giudizio del direttore di Tg La7 Mentana che, di fronte all’ennesima tragedia di bambini affogati (se ne contano 18), bolla l’intero dibattito europeo sul destino di Schengen come “parole vane fintanto che della gente continuerà a morire ai nostri confini”. Anche nel dibattito interno l’immigrazione è centrale, con le parole del Primo Presidente della Corte di Cassazione Canzio, che all’apertura dell’anno giudiziario ha definito il reato di clandestinità “inutile e dannoso”. In ultimo a Milano è andato in onda il caldo abbraccio dell’estrema destra europea ospite di Salvini. Per il segretario della Lega Nord “Schengen è morto, e con esso l’Europa di Bruxelles”, ma malgrado i toni esaltati Ottiene, nel complesso, poca attenzione (nei titoli solo per Tg2, servizi per i Tg delle venti a metà edizione), e giusto venti secondi di gloria su Tg4 che fino a qualche mese fa faceva massimo portavoce delle sue istanze anti europee. Panta rei.

Il nuovo “giovedì nero” delle banche è apertura per Tg La7 e titolo per i Tg Rai e Tg5. A poche ore dall’accordo sulle sofferenze bancarie strappato da Padoan a Bruxelles, ci si sarebbe potuto attendere dai Tg qualche serio approfondimento, ma così non e’ stato. Solo Tg La7 e Tg2 si fanno domande su ciò che appare ormai una vera e propria “partita di Risiko”. Sempre in sordina è arrivato in Cdm il ddl antipovertà (titolo solo per Tg1 e Tg La7).
Quella delle statue classiche coperte ai Musei Capitolini durante la visita del presidente iraniano Rouhani e’ una “storiaccia” di successo. Tg4 parla di “figuraccia mondiale” ed “olimpiade dello scaricabarile”, ma le altre testate non sono meno dure.
L’allarme diramato”in diretta” dai Tg delle 19 sul musulmano 28enne armato fermato in un hotel nei pressi di EuroDisneyland, si sgonfia già per quelli delle 20, con I Tg Rai che precisano che a indagare non è’ l’antiterrorismo francese.

L’allarme lanciano dalla OMS sui pericoli di un’epidemia globale del virus zika, ceppo sudamericano diffuso dalle zanzare e che potrebbe contagiare oltre 4 milioni di persone, incontra su tutte le testate un forte interesse. Ampio spazio sui Tg Mediaset, ma anche su Tg1, con esperti e servizi che ne illustrano i sintomi, i rischi e le misure di prevenzione.
Chiudiamo stasera sulle preoccupazioni degli abitanti delle isole Tremiti dopo che una compagnia irlandese ha ottenuto, a basso prezzo, il permesso di trivellare i fondali in cerca di idrocarburi a meno di 13 km dall’arcipelago. Una vicenda che aveva fatto parlare molto finendo presto in sordina, ma che con un servizio Tg3 ci permette di ricordare.

Ultime notizie
last20
Mondo

Oltre il G20: The Last20, il mondo visto dagli ultimi

The Last20 è l’iniziativa nata per portare in primo piano storie e testimonianze dai paesi collocati agli ultimi posti nel mondo per ricchezza e prestigio, in contrapposizione alla egemonia economica e politica dei Grandi del G20.
di Tonino Perna e Ugo Melchionda
last20
loot box
Economia

Loot box e gacha games: intrattenimento o gioco d’azzardo?

Loot box e gacha games sono due forme di intrattenimento virtuale e di profitto ancora non regolamentate in ambito fiscale. Utilizzate soprattutto dai giovanissimi nei giochi online, determinano una serie di microtransazioni il cui premio, o risultato, è sconosciuto, e dunque possono rientrare nel gioco d’azzardo.
di Giovambattista Palumbo*
loot box
giustizia riparativa
Giustizia

La giustizia che ripara. Nascono anche in Italia le prime città riparative

La giustizia riparativa mira a ricostruire lo strappo che un reato genera all’interno della collettività, mettendo in comunicazione e collaborazione vittima e autore del reato. A tale scopo sono nate anche in Italia delle città-laboratorio, come nel caso di Tempio Pausania, in Sardegna.
di Giuseppe Pulina
giustizia riparativa
ismea
Agricoltura

Proteggere i redditi agricoli da crisi ed eventi climatici: intervista a Camillo Zaccarini Bonelli, ISMEA

Camillo Zaccarini Bonelli, agronomo esperto di fondi comunitari in agricoltura e politica agricola comunitaria, descrive le soluzioni emerse recentemente per la gestione dei rischi in agricoltura, settore sempre più minacciato da eventi climatici estremi e crisi internazionali.
di Andrea Strata
ismea
gioco
Gioco

Giochi: rischio illegalità all’attenzione delle Regioni

Nei dati forniti dal Comitato per la prevenzione e la repressione del gioco illegale, nel periodo 2020-2021 sono state scoperte 250 sale illegali in pochi mesi, chiuse 100 bische e sequestrate 2 mila slot. Serve indagare le cause di un fenomeno in crescita, nonché sottrarre spazi alle attività illegali.
di Chiara Sambaldi e Andrea Strata
gioco
pnrr
Economia

Pnrr, raggiunti tutti gli obiettivi del primo semestre 2022

Pnrr, il nostro Paese ha raggiunto tutti i target del primo semestre 2022 stabiliti dalla Commissione Europea: 45 interventi, di cui 15 Riforme e 30 Investimenti. Il Mef ha poi inviato la richiesta di pagamento della relativa tranche alla Commissione per un totale di 21 miliardi di euro.
di Claudia Bugno*
pnrr
algoritmo antievasione
Fisco

Un algoritmo antievasione aiuterà l’azione di Agenzia delle Entrate e Guardia di Finanza

Si chiama VeRa l’algoritmo antievasione in grado di incrociare e confrontare i dati dei contribuenti per evidenziarne le irregolarità. Sarà un valido contributo alla lotta all’evasione fiscale per Guardia di Finanza e Agenzia delle Entrate, che avranno accesso ai database nel rispetto delle indicazioni del Garante della Privacy.
di Giovambattista Palumbo*
algoritmo antievasione
AFCTA
Economia

AfCTA un anno dopo: il continente africano guarda al modello Ue per il libero mercato

L’AfCTA è un accordo commerciale firmato e ratificato dalla maggior parte dei paesi africani che prevede tra gli Stati firmatari l’abbattimento dei dazi doganali e la semplificazione degli aspetti burocratico-amministrativi al fine di implementare la libera circolazione delle merci nel continente.
di ODDI EMANUELE
AFCTA
REPowerEU
Economia

REPowerEU, la transizione energetica nel nuovo scenario emergenziale

Il Piano REPowerEU è stato messo a punto dalla Commissione Europea per garantire la sicurezza energetica in Ue, accelerando al contempo la transizione verde delle fonti di energia. Il cambio di marcia è legato alla nuova emergenza energetica causata dal conflitto in Ucraina.
di Claudia Bugno*
REPowerEU
corporate warfare
Economia

Corporate Warfare: un fenomeno sottotraccia con riflessi importanti sulla collettività

La Corporate Warfare, ovvero la guerra aziendale compiuta con ogni mezzo e con le più moderne tecnologie, minaccia le sorti di imprese e settori economici, pubblici e privati, con riflessi sull’intera collettività.
di Alfonso M. Balotta
corporate warfare