Il fumo saliva lento …

I Tg di mercoledì 27 gennaio – Il 71esimo anniversario della liberazione del campo di sterminio di Aushwitz Birkenau, Giornata della Memoria per le vittime dell’olocausto nazista, viene celebrato da tutte le testate. Primo titolo e copertina per Tg2, Tg4, Tg5 e Studio Aperto. Come ogni anno molte le testimonianze (Tg La7 rimanda la vecchia intervista al compianto Enzo Camerino), i ricordi e le atroci immagini volutamente riprese in quei giorni come monito alla posterità (servizio del Tg3). Testimonianze forse ripetute, ma che non per questo perdono della loro drammatica verità; una realtà, quella della persecuzione etnica e religiosa, che Tg5 più di altri trasferisce nel presente accompagnando al ricordo le dichiarazioni del premier israeliano Netanyahu, le immagini dai campi profughi in Macedonia e le minacce dell’Isis. Sempre Tg5 torna a riferire della campagna in favore della cultura ebraica condotta dal quotidiano Il Foglio, mentre Tg2 evidenzia nel suo approfondimento come e quanto questa giornata abbia valore per le tante “minoranze” (rom, zingari, omosessuali, disabili) perseguitate ed uccise nei campi di sterminio.
La bocciatura del doppio voto di sfiducia al Senato contro il Governo per la gestione dello scandalo Banca Etruria, che in dicembre aveva scosso il mondo politico e riempito per giorni prime pagine e scalette, oggi non ha entusiasmato più di tanto nessuno. Apertura solo per il Tg1, titoli un po’ per tutti, ma servizi da metà edizione in giù. Alcune testate si sono soffermate (Tg3, Tg La7) sul ruolo determinante nella votazione del senatori verdianiani e tosiani, mentre quelle Mediaset enfatizzano l’odierno intervento di Brunetta. Minore attenzione, forse per la complessità della vicenda – difficile da trattare in un minuto di servizio -, ha avuto la “vittoria ai punti” del ministro Padoan nelle trattative con Bruxelles sull’istituzione della “Bad Bank”: titolo solo per Tg La7, servizio per Tg3, Tg1 e Tg5. Intanto su tutte le testate le tensioni sulle unioni civili, la cui votazione slitta ai primi di febbraio, appaiono placarsi.
Ma il piatto forte della giornata è, senza dubbio, lo “scarica barile” tra Palazzo Chigi e Sovrintendenza ai Beni Culturali sulla responsabilità dell’ “operazione di copertura” di alcune statue classiche nei Musei Capitolini durante la visita del presidente iraniano Rouhani. Una vicenda, anche grazie alla stampa estera, gonfiatasi in un baleno e che rischia di finire fagocitata nell’agone della politica. Tante le accuse di un’inappropriata deferenza. Alcuni commenti sono più taglianti, con Tg4 e Tg5 che ripropongono quello di Vittorio Sgarbi (furente verso l’ignoranza nostrano palesata da tali misure) ed un Tg La7 che nega in toto lo “scontro tra civiltà” a cui altri media hanno fatto riferimento mostrandoci come nei musei pubblici di Teheran trovino posto opere d’arte occidentali alquanto più “discinte” delle statue greche.
Dopo tante polemiche gli odierni richiami della Commissione Europea alla Grecia con la minaccia di sospendere per la penisola gli accordi di Schengen ottengono nel complesso scarso interesse ad eccezione del Tg3 (titolo), che ripropone due servizi sulla situazione dei profughi lungo la rotta balcanica; buona copertura anche dall’inviato del Tg5 in un accampamento di fortuna in Macedonia.
L’esito delle proteste degli operai dell’Ilva di Genova, che al terzo giorno di piazza hanno conquistato un tavolo di confronto con il governo e l’azienda, sono titolo per Tg La7 e Tg3. Tutte le testate riportano nei servizi il gesto di solidarietà compiuto da una poliziotta verso i manifestanti (l’ufficiale è stata intervistata dal Tg1). Tg La7 affianca fin dai titoli a questo bell’esempio l’opposta vicenda del carabiniere ucciso per vendetta nel cagliaritano (titoli per Mediaset, servizi per tutti).
I nuovi dati Istat sulla fiducia dei consumatori, ai massimi dal 1995, trovano spazio solo in un servizio del Tg1. Più attenzione ottengono invece le classifiche internazionali sulla corruzione nelle pubbliche amministrazioni che vedono l’Italia ancora al penultimo posto in Europa (titolo Tg1, servizi per Tg5 e Tg3).
Segnaliamo in chiusura un servizio del Tg3 che, nel promuovere un film autobiografico sull’inventrice italoamericana del mocho, trova lo spunto per una riflessione non banale sulle molte donne inventrici, negli ultimi decenni, di elettrodomestici o strumenti che hanno fortemente migliorato la qualità della vita familiare.

Ultime notizie
Relazione DIA
Criminalità e contrasto

Relazione Semestrale DIA, la mafia si insinua anche grazie ai traffici di droga e di armi

La Relazione DIA relativa al primo semestre 2023 è stata resa nota questa mattina. Le mafie emergono come fenomeni sempre più mutevoli che cambiano forme e modalità di azione, adattandosi ai contesti socio-economici. Il traffico di droga resta la fonte maggiore di profitto per i clan, mentre si rileva la presenza di un traffico di armi, anche da guerra.
di redazione
Relazione DIA
economia africana
Mondo

Come va l’economia africana? La realtà del Continente al di là dei macro-dati

L’economia del Continente africano crescerà tra il 3,8% e il 4% nel 2024 e sarà la seconda economia a livello mondiale dopo quella asiatica, ma i dati reali, non meramente legati a fattori economici, descrivono una realtà più incerta e mutevole, determinata dai conflitti, dall’instabilità politica e da disastri naturali ed eventi climatici, come la siccità.
di Emanuele ODDI*
economia africana
rimesse economiche
Immigrazione

L’importanza sociale delle rimesse economiche dei migranti

Le rimesse economiche dei migranti rappresentano una risorsa per il paese d’origine che le riceve, oltre a un diritto e un mezzo di emancipazione di molte famiglie dalla povertà. Ma allo stesso tempo, queste possono creare squilibri nel tessuto sociale: una ricchezza, dunque, che andrebbe guidata da progetti di investimento strutturati.
di Marco Omizzolo*
rimesse economiche
Intervista

Neuroscienze della narrazione, lo storytelling nell’era dell’Intelligenza artificiale

“Neuroscienze della narrazione” è il saggio di Marco La Rosa, pubblicato da Hoepli, che analizza presente e futuro dello storytelling nell’era dell’IA. Oltre al rischio di un eccessivo appiattimento dei contenuti, come già accade per le immagini generate da IA, La Rosa allerta sulla condizione dell’“uomo di vetro”, ovvero privato della sua riservatezza.
di Massimiliano Cannata
migrazione e asilo
Europa

Nuovo Patto europeo su migrazione e asilo, manca un vero equilibrio tra responsabilità e solidarietà

Il nuovo Patto europeo su migrazione e asilo ha generato notevoli perplessità sul fronte dei diritti umani e della solidarietà tra Stati Ue, in particolare sul trattamento dei minori e sulla possibilità data agli Stati membri di rifiutarsi di ospitare i richiedenti asilo in cambio di un contributo finanziario alla gestione dei processi di rimpatrio.
di Ugo Melchionda*
migrazione e asilo
violenza di genere
Società

Giovani e violenza di genere. I dati della Direzione Centrale della Polizia Criminale

Violenza di genere, un report del Servizio Analisi Criminale delle Forze di Polizia analizza il fenomeno in una ottica generazionale. I delitti in àmbito affettivo e familiare sono in calo, ma troppo spesso riguardano vittime e autori con meno di 34 anni, con prevalenza di giovani adulti. Il 76% delle donne vittime di violenze sessuali ha meno di 34 anni.
di redazione
violenza di genere
competenze digitali
Lavoro

Competenze digitali e nuove priorità nel mondo del lavoro, l’appuntamento Adnkronos Q&A

Attrarre nuovi talenti, valorizzare la formazione specifica e investire sulle persone: questi i temi al centro del nuovo appuntamento Adnkronos Q&A, con focus su parità e gender gap
di redazione
competenze digitali
Rapporto Italia
Rapporto Italia

Rapporto Italia, presentati i dati dell’Eurispes per il 2024

Rapporto Italia 2024, nelle parole del Presidente dell’Eurispes Gian Maria Fara un Paese al bivio, che ha bisogno di coraggio nelle scelte. Ma bisogna innanzitutto superare il “presentismo” che ha contraddistinto gli ultimi anni per scegliere con consapevolezza tra conservazione o futuro.
di redazione
Rapporto Italia
concessioni balneari
Diritto

Giurisprudenza amministrativa su concessioni balneari

Sulle concessioni balneari c’è bisogno di meno proroghe e più regole certe, ragionevoli e trasparenti, in quanto non è più possibile affidarsi solo agli esiti della giurisprudenza. I provvedimenti dovranno tenere in conto l’esperienza professionale e il know-how delle imprese, nonché tutelare gli eventuali investimenti già effettuati.
di giovambattista palumbo*
concessioni balneari
baby gang
Sicurezza

Baby gang tra realtà e percezione. Intervista a Stefano Delfini, Direttore Servizio Analisi Criminale della Direzione Centrale della Polizia Criminale

Il 36% degli italiani denuncia la presenza di baby gang nel proprio territorio, come emerge dal Rapporto Italia 2024. Ma non bisogna confondere realtà e percezione, afferma Stefano Delfini, Direttore del Servizio Analisi Criminale, che nel corso dell’intervista traccia un quadro del fenomeno criminale minorile nel nostro Paese.
di Susanna Fara
baby gang