Osservatorio TG

Il fumo saliva lento …

I Tg di mercoledì 27 gennaio – Il 71esimo anniversario della liberazione del campo di sterminio di Aushwitz Birkenau, Giornata della Memoria per le vittime dell’olocausto nazista, viene celebrato da tutte le testate. Primo titolo e copertina per Tg2, Tg4, Tg5 e Studio Aperto. Come ogni anno molte le testimonianze (Tg La7 rimanda la vecchia intervista al compianto Enzo Camerino), i ricordi e le atroci immagini volutamente riprese in quei giorni come monito alla posterità (servizio del Tg3). Testimonianze forse ripetute, ma che non per questo perdono della loro drammatica verità; una realtà, quella della persecuzione etnica e religiosa, che Tg5 più di altri trasferisce nel presente accompagnando al ricordo le dichiarazioni del premier israeliano Netanyahu, le immagini dai campi profughi in Macedonia e le minacce dell’Isis. Sempre Tg5 torna a riferire della campagna in favore della cultura ebraica condotta dal quotidiano Il Foglio, mentre Tg2 evidenzia nel suo approfondimento come e quanto questa giornata abbia valore per le tante “minoranze” (rom, zingari, omosessuali, disabili) perseguitate ed uccise nei campi di sterminio.
La bocciatura del doppio voto di sfiducia al Senato contro il Governo per la gestione dello scandalo Banca Etruria, che in dicembre aveva scosso il mondo politico e riempito per giorni prime pagine e scalette, oggi non ha entusiasmato più di tanto nessuno. Apertura solo per il Tg1, titoli un po’ per tutti, ma servizi da metà edizione in giù. Alcune testate si sono soffermate (Tg3, Tg La7) sul ruolo determinante nella votazione del senatori verdianiani e tosiani, mentre quelle Mediaset enfatizzano l’odierno intervento di Brunetta. Minore attenzione, forse per la complessità della vicenda – difficile da trattare in un minuto di servizio -, ha avuto la “vittoria ai punti” del ministro Padoan nelle trattative con Bruxelles sull’istituzione della “Bad Bank”: titolo solo per Tg La7, servizio per Tg3, Tg1 e Tg5. Intanto su tutte le testate le tensioni sulle unioni civili, la cui votazione slitta ai primi di febbraio, appaiono placarsi.
Ma il piatto forte della giornata è, senza dubbio, lo “scarica barile” tra Palazzo Chigi e Sovrintendenza ai Beni Culturali sulla responsabilità dell’ “operazione di copertura” di alcune statue classiche nei Musei Capitolini durante la visita del presidente iraniano Rouhani. Una vicenda, anche grazie alla stampa estera, gonfiatasi in un baleno e che rischia di finire fagocitata nell’agone della politica. Tante le accuse di un’inappropriata deferenza. Alcuni commenti sono più taglianti, con Tg4 e Tg5 che ripropongono quello di Vittorio Sgarbi (furente verso l’ignoranza nostrano palesata da tali misure) ed un Tg La7 che nega in toto lo “scontro tra civiltà” a cui altri media hanno fatto riferimento mostrandoci come nei musei pubblici di Teheran trovino posto opere d’arte occidentali alquanto più “discinte” delle statue greche.
Dopo tante polemiche gli odierni richiami della Commissione Europea alla Grecia con la minaccia di sospendere per la penisola gli accordi di Schengen ottengono nel complesso scarso interesse ad eccezione del Tg3 (titolo), che ripropone due servizi sulla situazione dei profughi lungo la rotta balcanica; buona copertura anche dall’inviato del Tg5 in un accampamento di fortuna in Macedonia.
L’esito delle proteste degli operai dell’Ilva di Genova, che al terzo giorno di piazza hanno conquistato un tavolo di confronto con il governo e l’azienda, sono titolo per Tg La7 e Tg3. Tutte le testate riportano nei servizi il gesto di solidarietà compiuto da una poliziotta verso i manifestanti (l’ufficiale è stata intervistata dal Tg1). Tg La7 affianca fin dai titoli a questo bell’esempio l’opposta vicenda del carabiniere ucciso per vendetta nel cagliaritano (titoli per Mediaset, servizi per tutti).
I nuovi dati Istat sulla fiducia dei consumatori, ai massimi dal 1995, trovano spazio solo in un servizio del Tg1. Più attenzione ottengono invece le classifiche internazionali sulla corruzione nelle pubbliche amministrazioni che vedono l’Italia ancora al penultimo posto in Europa (titolo Tg1, servizi per Tg5 e Tg3).
Segnaliamo in chiusura un servizio del Tg3 che, nel promuovere un film autobiografico sull’inventrice italoamericana del mocho, trova lo spunto per una riflessione non banale sulle molte donne inventrici, negli ultimi decenni, di elettrodomestici o strumenti che hanno fortemente migliorato la qualità della vita familiare.

Ultime notizie
dia
Criminalità e contrasto

Dia: pubblicata la relazione semestrale

Presentata la relazione al Parlamento della Dia, Direzione investigativa antimafia, relativa al semestre luglio-dicembre 2020. Il settore imprenditoriale è sorvegliato speciale, in quanto la crisi finanziaria potrebbe favorire la penetrazione mafiosa nel tessuto economico.
di redazione
dia
monopattini
Sostenibilità

Monopattini, boom nelle vendite ma poche regole e tanta confusione

I monopattini sono un fenomeno nuovo, che suscitano da un lato l’entusiasmo e dall’altro le problematiche di tutte le novità che ancora non si sono imparate a gestire. Due i punti da gestire subito, per motivi di sicurezza: obbligatorietà del casco e regole unificate.
di Alfonso Lo Sardo
monopattini
randagismo
Animali

Randagismo, un fenomeno consistente di umana disaffezione

Alla base del randagismo ci sono gli abbandoni estivi degli animali da compagnia, fenomeno ancora troppo diffuso e con leggi poco dissuasive. Se i numeri del randagismo sono in calo, ciò vale solo per le regioni centrosettentrionali, mentre sono ancora troppo consistenti le presenze nei canili del Mezzogiorno.
di Giuseppe Pulina
randagismo
Afghanistan
Briefing

La sveglia Afghanistan per Usa, Ue e Italia

È passato un mese da quando i Talebani hanno preso il controllo di Kabul, ripiombando l’Afghanistan indietro di venti anni e diffondendo disorientamento fra gli alleati Nato per il tempismo e la strategia con cui gli Stati Uniti hanno gestito il ritiro delle truppe e aperto le porte al ritorno dei miliziani islamisti. Questo potrebbe cambiare gli equilibri politici tra Usa e Ue.
di Francesco Bechis*
Afghanistan
lavoratori dello spettacolo
Cultura

Lavoratori dello spettacolo, si cambia rotta in materia di Welfare

Le misure adottate in pandemia hanno gravemente danneggiato i lavoratori dello spettacolo, che ancora oggi non ritrovano una normalità. Ma l’emergenza ha dato anche luogo a una necessità di riformarne il Welfare con misure di tutela fino ad oggi inesistenti, come l’assicurazione per la disoccupazione involontaria.
di Roberta Rega
lavoratori dello spettacolo
loot box
Gioco

Loot box, gioco d’azzardo e tassazione: servono più regole

Le loot box sono rapidamente diventate una delle principali fonti di reddito nell’industria dei videogiochi. Nell’universo del gaming online sono oggetti virtuali che contengono premi non monetari, con i quali il giocatore può migliorare la propria esperienza di gioco o avanzare di livello. Ad oggi, non sono sottoposte ad alcuna regolamentazione fiscale o classificate come gioco d’azzardo nei casi previsti.
di Giovambattista Palumbo
loot box
libro blu
Eventi

Presentato il Libro Blu, report annuale dell’Adm

Presentato oggi il Libro Blu 2020 dell’Agenzia delle Accise, Dogane e Monopoli. Si tratta del report annuale contenente i risultati operativi che l’Agenzia ha conseguito e le azioni messe in campo negli ambiti di competenza.
di redazione
libro blu
baby influencer
Società

Baby influencer, le piccole star del Web sono i nuovi fenomeni

I baby influencer, le piccole star del Web, aprono nuovi scenari del marketing digitale ma destano preoccupazioni legate allo sfruttamento dell’immagine dei bambini. Intanto, milioni di nativi digitali vengono sempre più influenzati dai coetanei per l’acquisto di giocattoli, prodotti alimentari e vestiario.
di redazione
baby influencer
pesca illegale
Ambiente

Pesca illegale e abusi, in Ghana la sostenibilità è una priorità

Un report di EJF porta alla luce la pratica diffusa di pesca illegale in Ghana, che distrugge l'ecosistema marino mettendo a rischio l'approvvigionamento alimentare di milioni di persone. I lavoratori denunciano inoltre condizioni di lavoro disumane e abusi a bordo dei pescherecci industriali.
di redazione
pesca illegale
G20
Briefing

G20, pandemia come cartina tornasole dell’imprescindibilità del multilateralismo

People, Planet e Prosperity sono i tre pilastri della Presidenza italiana del G20, ai quali se ne aggiunge un altro dettato dalle necessità legate alla pandemia: la salute globale. La crisi sanitaria ha reso evidente la necessità del multilateralismo, ovvero della cooperazione e condivisione delle strategie di contrasto.
di Alessandro Modiano*
G20