Osservatorio TG

Pensioni: tanto peggio, tanto meglio

pensioni

I Tg di lunedì 18 maggio – Il modo di dire riportato nel titolo ha perso di specificità. Coniato in area trotskista per la Quarta Internazionale, e fatto proprio in Italia dai bordighisti (osteggiati da Gramsci) alla fine degli anni ’20, oggi è lo slogan base dei vari Brunetta e Salvini, con contaminazioni a Cinque Stelle e in area della sinistra, oltre che del sindacato. Stiamo parlando del paradosso delle opposizioni unificate dall’attacco al governo per la decisione di erogare attraverso l’Inps “solo” il così detto bonus Poletti ai pensionati sotto i 3.200 euro di assegno lordo, in risposta alla sentenza della Corte che ha bocciato la mancata perequazione all’inflazione decisa da Monti nel dicembre 2011. Quasi tutti (l’86% dei deputati e senatori) l’avevano allora votata, Brunetta tra i primi. Solo i Grillini non hanno responsabilità dirette, perché non sedevano in parlamento. La Lega si schierò contro, insieme a l’Italia dei Valori, nel frattempo scomparsa. I Tg Mediaset si fanno alfieri delle posizioni della destra, che chiede di pagare “tutti e subito” i 17 miliardi “buco”, come ha tuonato un Berlusconi ripreso da tutti, ma assecondato dagli occasionali “compagni di campagna” che si agitano a sinistra. I Tg Rai si accontentano di riportare le posizioni dei vari settori politici e di esemplificare i vari livelli di erogazione del bonus che sarà versato, secondo criteri di progressività, ad agosto. C’è un unico Tg che mette “i piedi sul piatto”, e gliene va dato merito: è TgLa7, che dedica ampi servizi a ricordare chi quel provvedimento Monti- Fornero l’ha votato, e oggi ne disconosce la paternità, compresa la leader di Fratelli d’Italia Meloni. Che il Tesoro debba tenere sotto i controllo i conti, nella logica del “tanto peggio, tanto meglio”, non interessa per nulla ai “grandi statisti” che popolano l’opposizione (ma anche la maggioranza). Mentana segnala, poi, che dalla minoranza Pd non giungono “dichiarazioni”, nella logica “I nemici ( Berlusconi, Salvini e &) del mio nemico sono miei amici”. Pagina invereconda.
Efficace la campagna dei siti dei quotidiani di centrodestra contro i vitalizzi, doppi, tripli e comunque esosi, che omaggiano tanti protagonisti della prima e seconda Repubblica. Studio Aperto e Tg4 ne fanno il piatto di portata riprendendo quanto pubblicato anche oggi da Libero. Segnaliamo che tra i tanti nomi importanti “segnalati” quasi nessuno appartiene al centrodestra, e che le comunicazioni del Quirinale sul mancato cumulo di pensioni e vitalizi per Mattarella e il suo staff, non sono riportate dai corretti giornalisti che popolano le redazioni Mediaset.
Il giudizio positivo dell’Fmi e i dati – controversi ma comunque di segno positivo – sulla cassa integrazione, sono presenti sulle maggiori testate. Tg2 propone diversi servizi interessanti sulle aziende che sembrano rialzare la testa guardando ad una ripresa che sembra possibile. Buono anche quello che fa la storia dei così detti “suicidi economici”, in aumento negli ultimi anni ma divenuti un vero must per l’informazione dei Tg nel 2012, quando in realtà erano più contenuti rispetto al triennio precedente. Ne parlò – allora senza ancoraggio con la realtà – anche il Papa. Ma, si sa: anche in Vaticano guardano i Tg, e anche lì si può essere indotti in errore.

Dati auditel dei Tg di domenica 17 maggio 2015

Schermata 2015-05-18 alle 22.48.20

Fonte:www.tvblog.it

Ultime notizie
Economia

Terzo settore, al via il Master per formare i nuovi manager del Welfare

Partiranno a febbraio i colloqui di selezione per il Master di II Livello “Terzo Settore, Innovazione Sociale e Governance dei Sistemi Locali di...
di redazione
mauro ceruti
Cultura

Nel mondo interconnesso la fraternità può rifondare la geopolitica: a colloquio con Mauro Ceruti

A colloquio con Mauro Ceruti, professore ordinario di Logica e Filosofia della Scienza e direttore della PhD School for Communication Studies Università IULM di Milano.
di Massimiliano Cannata
mauro ceruti
Economia

Cantieri di legalità. PNRR, un banco di prova

Il 2021 si è concluso con un primo successo nell’ambito dell’ambizioso Piano Nazionale per la Ripresa e Resilienza (PNRR), con il raggiungimento...
di Roberto De Vita* e Marco Della Bruna
PNRR borghi
Futuro

Aree marginali nel PNRR: il rilancio parte dai borghi

Il PNRR presenta investimenti e riforme puntuali in aree marginali ben definite, come il Piano Nazionale per la valorizzazione dei borghi. L’investimento si origina dalla considerazione che tanti piccoli centri storici italiani rappresentano un enorme potenziale per un turismo sostenibile alternativo.
di Claudia Bugno*
PNRR borghi
third sector
Internazionale

Third sector: the new pillar to start again

Change is a natural consequence of crises, especially when they are global in scope. The Covid-19 pandemic hit people hard in all...
di Ida Nicotera*
third sector
urne elezioni libia
Briefing

Dalle urne ai proiettili. Libia, tutto da rifare

Dalle urne elettorali alle urne funerarie in Libia il passo è breve. Sfumano le speranze di una transizione democratica indolore. A decretare...
di Francesco Bechis
urne elezioni libia
terzo settore
Internazionale

Terzo settore: il nuovo pilastro da cui ripartire

Il Terzo settore ha fornito un contributo essenziale e si è posto come “faro” nella gestione dell’emergenza. Esperti e studiosi di Russia e Italia hanno affrontato, in un recente incontro, il tema della collaborazione tra i due paesi riguardo al Terzo settore e alla sostenibilità.
di Ida Nicotera*
terzo settore
PNRR
Economia

L’attuazione del PNRR e la prevenzione delle attività illecite

Garantire un’efficiente ed efficace attuazione del PNRR significa anche agire al fine di prevenire possibili infiltrazioni criminali e frodi, corruzioni e attività illecite nell’utilizzo delle risorse.
di Claudia Bugno*
PNRR
metaverso
Economia

Le regole giuridiche del metaverso e la tassazione degli NFT

Gli ordinamenti giuridici dovrebbero regolamentare le imprese attive nel metaverso, in particolare nella gestione fiscale di NTF, trovando nuove soluzioni normative in termini di privacy, diritti di proprietà intellettuale ed industriale, ed anche di fisco.
di Giovambattista Palumbo*
metaverso
europa
Immigrazione

In Europa troppi immigrati? Il 40% dei cittadini è favorevole a innalzare muri

L’Europa alza i suoi muri verso il mondo esterno, non solo per la pandemia: il 40% dei cittadini europei è favorevole alla costruzione di muri alle frontiere, mentre 6 su 10 pensano che in Europa ci siano troppi immigrati.
di Roberta Rega
europa