Pensioni: tanto peggio, tanto meglio

pensioni

I Tg di lunedì 18 maggio – Il modo di dire riportato nel titolo ha perso di specificità. Coniato in area trotskista per la Quarta Internazionale, e fatto proprio in Italia dai bordighisti (osteggiati da Gramsci) alla fine degli anni ’20, oggi è lo slogan base dei vari Brunetta e Salvini, con contaminazioni a Cinque Stelle e in area della sinistra, oltre che del sindacato. Stiamo parlando del paradosso delle opposizioni unificate dall’attacco al governo per la decisione di erogare attraverso l’Inps “solo” il così detto bonus Poletti ai pensionati sotto i 3.200 euro di assegno lordo, in risposta alla sentenza della Corte che ha bocciato la mancata perequazione all’inflazione decisa da Monti nel dicembre 2011. Quasi tutti (l’86% dei deputati e senatori) l’avevano allora votata, Brunetta tra i primi. Solo i Grillini non hanno responsabilità dirette, perché non sedevano in parlamento. La Lega si schierò contro, insieme a l’Italia dei Valori, nel frattempo scomparsa. I Tg Mediaset si fanno alfieri delle posizioni della destra, che chiede di pagare “tutti e subito” i 17 miliardi “buco”, come ha tuonato un Berlusconi ripreso da tutti, ma assecondato dagli occasionali “compagni di campagna” che si agitano a sinistra. I Tg Rai si accontentano di riportare le posizioni dei vari settori politici e di esemplificare i vari livelli di erogazione del bonus che sarà versato, secondo criteri di progressività, ad agosto. C’è un unico Tg che mette “i piedi sul piatto”, e gliene va dato merito: è TgLa7, che dedica ampi servizi a ricordare chi quel provvedimento Monti- Fornero l’ha votato, e oggi ne disconosce la paternità, compresa la leader di Fratelli d’Italia Meloni. Che il Tesoro debba tenere sotto i controllo i conti, nella logica del “tanto peggio, tanto meglio”, non interessa per nulla ai “grandi statisti” che popolano l’opposizione (ma anche la maggioranza). Mentana segnala, poi, che dalla minoranza Pd non giungono “dichiarazioni”, nella logica “I nemici ( Berlusconi, Salvini e &) del mio nemico sono miei amici”. Pagina invereconda.
Efficace la campagna dei siti dei quotidiani di centrodestra contro i vitalizzi, doppi, tripli e comunque esosi, che omaggiano tanti protagonisti della prima e seconda Repubblica. Studio Aperto e Tg4 ne fanno il piatto di portata riprendendo quanto pubblicato anche oggi da Libero. Segnaliamo che tra i tanti nomi importanti “segnalati” quasi nessuno appartiene al centrodestra, e che le comunicazioni del Quirinale sul mancato cumulo di pensioni e vitalizi per Mattarella e il suo staff, non sono riportate dai corretti giornalisti che popolano le redazioni Mediaset.
Il giudizio positivo dell’Fmi e i dati – controversi ma comunque di segno positivo – sulla cassa integrazione, sono presenti sulle maggiori testate. Tg2 propone diversi servizi interessanti sulle aziende che sembrano rialzare la testa guardando ad una ripresa che sembra possibile. Buono anche quello che fa la storia dei così detti “suicidi economici”, in aumento negli ultimi anni ma divenuti un vero must per l’informazione dei Tg nel 2012, quando in realtà erano più contenuti rispetto al triennio precedente. Ne parlò – allora senza ancoraggio con la realtà – anche il Papa. Ma, si sa: anche in Vaticano guardano i Tg, e anche lì si può essere indotti in errore.

Dati auditel dei Tg di domenica 17 maggio 2015

Schermata 2015-05-18 alle 22.48.20

Fonte:www.tvblog.it

Ultime notizie
economia africana
Mondo

Come va l’economia africana? La realtà del Continente al di là dei macro-dati

L’economia del Continente africano crescerà tra il 3,8% e il 4% nel 2024 e sarà la seconda economia a livello mondiale dopo quella asiatica, ma i dati reali, non meramente legati a fattori economici, descrivono una realtà più incerta e mutevole, determinata dai conflitti, dall’instabilità politica e da disastri naturali ed eventi climatici, come la siccità.
di Emanuele ODDI*
economia africana
rimesse economiche
Immigrazione

L’importanza sociale delle rimesse economiche dei migranti

Le rimesse economiche dei migranti rappresentano una risorsa per il paese d’origine che le riceve, oltre a un diritto e un mezzo di emancipazione di molte famiglie dalla povertà. Ma allo stesso tempo, queste possono creare squilibri nel tessuto sociale: una ricchezza, dunque, che andrebbe guidata da progetti di investimento strutturati.
di Marco Omizzolo*
rimesse economiche
Intervista

Neuroscienze della narrazione, lo storytelling nell’era dell’Intelligenza artificiale

“Neuroscienze della narrazione” è il saggio di Marco La Rosa, pubblicato da Hoepli, che analizza presente e futuro dello storytelling nell’era dell’IA. Oltre al rischio di un eccessivo appiattimento dei contenuti, come già accade per le immagini generate da IA, La Rosa allerta sulla condizione dell’“uomo di vetro”, ovvero privato della sua riservatezza.
di Massimiliano Cannata
migrazione e asilo
Europa

Nuovo Patto europeo su migrazione e asilo, manca un vero equilibrio tra responsabilità e solidarietà

Il nuovo Patto europeo su migrazione e asilo ha generato notevoli perplessità sul fronte dei diritti umani e della solidarietà tra Stati Ue, in particolare sul trattamento dei minori e sulla possibilità data agli Stati membri di rifiutarsi di ospitare i richiedenti asilo in cambio di un contributo finanziario alla gestione dei processi di rimpatrio.
di Ugo Melchionda*
migrazione e asilo
violenza di genere
Società

Giovani e violenza di genere. I dati della Direzione Centrale della Polizia Criminale

Violenza di genere, un report del Servizio Analisi Criminale delle Forze di Polizia analizza il fenomeno in una ottica generazionale. I delitti in àmbito affettivo e familiare sono in calo, ma troppo spesso riguardano vittime e autori con meno di 34 anni, con prevalenza di giovani adulti. Il 76% delle donne vittime di violenze sessuali ha meno di 34 anni.
di redazione
violenza di genere
competenze digitali
Lavoro

Competenze digitali e nuove priorità nel mondo del lavoro, l’appuntamento Adnkronos Q&A

Attrarre nuovi talenti, valorizzare la formazione specifica e investire sulle persone: questi i temi al centro del nuovo appuntamento Adnkronos Q&A, con focus su parità e gender gap
di redazione
competenze digitali
Rapporto Italia
Rapporto Italia

Rapporto Italia, presentati i dati dell’Eurispes per il 2024

Rapporto Italia 2024, nelle parole del Presidente dell’Eurispes Gian Maria Fara un Paese al bivio, che ha bisogno di coraggio nelle scelte. Ma bisogna innanzitutto superare il “presentismo” che ha contraddistinto gli ultimi anni per scegliere con consapevolezza tra conservazione o futuro.
di redazione
Rapporto Italia
concessioni balneari
Diritto

Giurisprudenza amministrativa su concessioni balneari

Sulle concessioni balneari c’è bisogno di meno proroghe e più regole certe, ragionevoli e trasparenti, in quanto non è più possibile affidarsi solo agli esiti della giurisprudenza. I provvedimenti dovranno tenere in conto l’esperienza professionale e il know-how delle imprese, nonché tutelare gli eventuali investimenti già effettuati.
di giovambattista palumbo*
concessioni balneari
baby gang
Sicurezza

Baby gang tra realtà e percezione. Intervista a Stefano Delfini, Direttore Servizio Analisi Criminale della Direzione Centrale della Polizia Criminale

Il 36% degli italiani denuncia la presenza di baby gang nel proprio territorio, come emerge dal Rapporto Italia 2024. Ma non bisogna confondere realtà e percezione, afferma Stefano Delfini, Direttore del Servizio Analisi Criminale, che nel corso dell’intervista traccia un quadro del fenomeno criminale minorile nel nostro Paese.
di Susanna Fara
baby gang
d-day
Storia

80 anni fa il D-Day che segnò la fine del nazismo

D-Day, il giorno che segnò la fine del nazismo con lo sbarco in Normandia: il 6 giugno ricorrono gli 80 anni dall’operazione che decise un nuovo corso per la storia. Ma la memoria storica è a rischio, senza la trasmissione generazionale della memoria e con la riduzione a fiction del nostro passato, come spesso avviene nelle serie tv.
di Giuseppe Pulina*
d-day