Popeye

I Tg di lunedì 7 novembre – Il “braccio di ferro” tra Renzi e Juncker, abbinato alle tensionim interne al Pd conquista le edizioni (aperture sul primo per i Tg Rai, Tg4 e Tg5, secondo posto per l’altro tema su Tg1, Tg4 e Tg5). Le tensioni ci sono e si fanno sentire sia in campo europeo che nell’alveo dei democratici, con Tg4 parla di “schiaffo dell’Europa” ed anche Tg La7 registra “parole fin qui mai sentite”; la fascinazione verso gli scambi duri, che si propongono facilmente, rischia però di oscurare il quadro completo, e così su tutte le testate il “me ne frego” di Juncker verso le accuse dell’Italia all’Europa sovrasta i richiami dello stesso ad un dialogo costruttivo come il più moderato confronto Moscovici – Padoan. Ma all’informazione serale lo scontro “piace”, e così anche gli scambi interni al Pd sono dominati dal coro dei “fuori” e dalla reazione piccata di Bersani, sebbene i Tg Rai riprendano nei servizi (a differenza di Tg4 e Tg5) le parole di un Renzi castigatore ma anche conciliatore. Tg La7 fa di più, e nel servizio identificata il “provocatore” dietro ai cori contro la minoranza Pd.

Per il resto, la politica prosegue nei servizi con le (altre) proteste di M5S e delle destre unite che avviano parallelamente le loro campagne per il no. Schiacciate dagli scontri le notizie d’economia che fotografano previsioni alternanti sulla legge di stabilità tra Istat (positive) e Corte dei conti (negative), queste ultime riprese espressamente nei titoli da Tg4 per poi trattarne per 20 secondi da studio.

Al day before del voto americano vanno le restanti aperture (Tg La7 e Studio Aperto), che certificano il vantaggio della candidata democratica sul rivale repubblicano. Com’è inevitabile alle notizie si mischiano le note di colore, così Studio Aperto ci informa a metà servizio come a Trump sarebbe stato negato di usare twitter dal suo staff per evitare reazioni esacerbate, mentre anche Mentana considera come si tratta dello scontro tra i candidati “più impopolari di sempre”.

La cronaca locale si riempie dei disagi causati dal violente nubifragio che ha investito il Centro Italia. L’attenzione nei servizi si sposta anche alle zone coinvolte dal sisma ed ora minacciate, oltre che dal maltempo, dall’irrigidirsi delle temperature. Sui Tg Rai compare l’appello in Parlamento del sindaco di Amatrice, che chiede che le comunità colpite dal sisma del 24 agosto non vengano “abbandonate”.

Per gli esteri, l’avanzata della coalizione arabo curda su Mosul e Raqqa è nei titoli per Tg3, Tg2 e Tg la7, che parla di un possibile “scacco matto all’Isis”. Le tensioni con la Turchia le cui truppe sono state estromesse dalle operazioni contro le roccaforti del Daesh sono riprese adeguatamente nei servizi.

L’attenzione al fenomeno migratorio prosegue stasera solamente sul Tg4 che riprende gli ulteriori 1100 arrivi giornalieri. Sfortunatamente, la testata di Mario Giordano propone stasera i toni della guerra fra poveri portandoci a Tarquinia dove “ci sono case solo per migranti”.

Tg2 propone stasera un’intervista al magistrato Nino di Matteo, sotto scorta dal 93’ perché minacciato dalla mafia e che resta comunque a Palermo. Grande attenzione in casa Mediaset per la finale dell’edizione “Grande Fratello Vip” che ottiene titolo e lancio da parte del Tg5.

Ultime notizie
Last 20
Diritti umani

Last 20*: sono gli ultimi l’altra faccia del nostro Pianeta

“Last 20, gli Ultimi della Terra”, sono i 20 paesi più poveri al mondo, in contrapposizione a quelli del G20. La distanza tra questi due blocchi è abissale, e cresce di anno in anno, alimentata da crisi internazionali e guerre. Ai Last 20 è dedicato un Comitato e un ciclo di incontri.
di Tonino Perna** e Ugo Melchionda***
Last 20
idrogeno
Italia Domani

Idrogeno verde, alleato della decarbonizzazione dei processi industriali in Ue

In Europa e in Italia, i progetti legati all’idrogeno stanno crescendo in ogni ambito e rappresentano una soluzione per decarbonizzare i processi industriali e i comparti economici in cui la riduzione delle emissioni di carbonio è urgente e allo stesso tempo difficile.
di Claudia Bugno*
idrogeno
scuola paritaria
Scuola

Il contributo della scuola paritaria al sistema nazionale di istruzione: numeri, problemi, possibilità

La scuola paritaria in Italia accoglie 817.413 studenti in 12.096 scuole ogni anno, contribuendo al sistema nazionale di istruzione. Eppure, le scuole paritarie sono ancora escluse da sostanziosi finanziamenti e progetti del Ministero, anche quelli previsti dal PNRR.
di Elena Ugolini
scuola paritaria
pace
Attualità

Tempo di uccidere

Nella nostra cara, felice e ricca Europa, nessuno ci credeva. Ma, insomma, si chiedeva la gran massa delle persone, questi si vogliono davvero...
di Luciano Maria Teodori
pace
Laboratorio Europa
Intervista

Laboratorio Europa, alimentare il confronto su Istituzioni europee e sulla necessità di un’Europa sociale. Intervista al Prof. Umberto Triulzi

Laboratorio Europa dell’Eurispes, gli esperti si riuniscono per il primo incontro del 2023, attualmente coordinato dal Prof. Umberto Triulzi, economista, e docente di Politica economica europea, intervistato rispetto ai temi di discussione: Istituzioni europee, integrazione in ambito internazionale, Europa sociale.
di Silvia Muscas
Laboratorio Europa
complottismo
Attualità

Il dubbio e il burattinaio. Complottismo all’italiana

Cronaca e intrigo: anche per l’arresto di Matteo Messina Denaro, non sono mancati sospetti, dubbi, perplessità oltre l’accertamento dei fatti, con il risultato di offuscare il senso di una vittoria importante dello Stato contro la mafia. Il dovere di dubitare è una pratica essenziale nella società democratica, tuttavia bisogna contrastare il rischio dello scetticismo aprioristico e distruttivo.
di Angelo Perrone*
complottismo
editoria
Cultura

Editoria italiana: ricavi, geografia e nuove prospettive

L’editoria italiana ha registrato un calo del 2,8% nel 2022, ma i dati restano favorevoli rispetto al 2019. Crescono lettori e case editrici al Sud, pur restando al di sotto della media nazionale: lettori e case editrici si concentrano al Nord e al Centro, in Lazio e Lombardia ha sede il 38% delle case editrici italiane.
di Roberta Rega
editoria
bilancio energetico
Italia

Bilancio Energetico Nazionale, differenze regionali e potenzialità inespresse

Bilancio energetico nazionale, l’Italia ha un grande potenziale confermato da una quota del 20% di energie rinnovabili sul totale registrato nel 2020. A frenare la transizione ecologica però ci sono burocrazia e regionalismi che rischiano di allungare i tempi di decarbonizzazione dell’economia.
di Ludovico Semerari
bilancio energetico
prezzi della benzina
Fisco

Possibili profili speculativi sull’aumento dei prezzi della benzina e la marginalità delle cause fiscali

L’aumento del prezzo della benzina, di cui si parla molto ultimamente, è determinato da una serie di fattori che non limitano il dibattito alle semplici accise. A incidere è soprattutto la quotazione Platts, che viene decisa dalle compagnie in base al valore effettivo dei prodotti raffinati in un determinato momento.
di Giovambattista Palumbo*
prezzi della benzina
città
Futuro

La città nell’orizzonte della rivoluzione digitale

Le città raccontano chi siamo e che futuro vogliamo costruire: la rigenerazione urbana può essere la chiave per riconquistare gli spazi sottratti dalla pandemia, e costruire un universale urbano aperto al libero attraversamento di popoli ed etnie per una società sempre più fatta di migrazioni.
di Massimiliano Cannata
città