L'opinione

Popeye

85

I Tg di lunedì 7 novembre – Il “braccio di ferro” tra Renzi e Juncker, abbinato alle tensionim interne al Pd conquista le edizioni (aperture sul primo per i Tg Rai, Tg4 e Tg5, secondo posto per l’altro tema su Tg1, Tg4 e Tg5). Le tensioni ci sono e si fanno sentire sia in campo europeo che nell’alveo dei democratici, con Tg4 parla di “schiaffo dell’Europa” ed anche Tg La7 registra “parole fin qui mai sentite”; la fascinazione verso gli scambi duri, che si propongono facilmente, rischia però di oscurare il quadro completo, e così su tutte le testate il “me ne frego” di Juncker verso le accuse dell’Italia all’Europa sovrasta i richiami dello stesso ad un dialogo costruttivo come il più moderato confronto Moscovici – Padoan. Ma all’informazione serale lo scontro “piace”, e così anche gli scambi interni al Pd sono dominati dal coro dei “fuori” e dalla reazione piccata di Bersani, sebbene i Tg Rai riprendano nei servizi (a differenza di Tg4 e Tg5) le parole di un Renzi castigatore ma anche conciliatore. Tg La7 fa di più, e nel servizio identificata il “provocatore” dietro ai cori contro la minoranza Pd.

Per il resto, la politica prosegue nei servizi con le (altre) proteste di M5S e delle destre unite che avviano parallelamente le loro campagne per il no. Schiacciate dagli scontri le notizie d’economia che fotografano previsioni alternanti sulla legge di stabilità tra Istat (positive) e Corte dei conti (negative), queste ultime riprese espressamente nei titoli da Tg4 per poi trattarne per 20 secondi da studio.

Al day before del voto americano vanno le restanti aperture (Tg La7 e Studio Aperto), che certificano il vantaggio della candidata democratica sul rivale repubblicano. Com’è inevitabile alle notizie si mischiano le note di colore, così Studio Aperto ci informa a metà servizio come a Trump sarebbe stato negato di usare twitter dal suo staff per evitare reazioni esacerbate, mentre anche Mentana considera come si tratta dello scontro tra i candidati “più impopolari di sempre”.

La cronaca locale si riempie dei disagi causati dal violente nubifragio che ha investito il Centro Italia. L’attenzione nei servizi si sposta anche alle zone coinvolte dal sisma ed ora minacciate, oltre che dal maltempo, dall’irrigidirsi delle temperature. Sui Tg Rai compare l’appello in Parlamento del sindaco di Amatrice, che chiede che le comunità colpite dal sisma del 24 agosto non vengano “abbandonate”.

Per gli esteri, l’avanzata della coalizione arabo curda su Mosul e Raqqa è nei titoli per Tg3, Tg2 e Tg la7, che parla di un possibile “scacco matto all’Isis”. Le tensioni con la Turchia le cui truppe sono state estromesse dalle operazioni contro le roccaforti del Daesh sono riprese adeguatamente nei servizi.

L’attenzione al fenomeno migratorio prosegue stasera solamente sul Tg4 che riprende gli ulteriori 1100 arrivi giornalieri. Sfortunatamente, la testata di Mario Giordano propone stasera i toni della guerra fra poveri portandoci a Tarquinia dove “ci sono case solo per migranti”.

Tg2 propone stasera un’intervista al magistrato Nino di Matteo, sotto scorta dal 93’ perché minacciato dalla mafia e che resta comunque a Palermo. Grande attenzione in casa Mediaset per la finale dell’edizione “Grande Fratello Vip” che ottiene titolo e lancio da parte del Tg5.

Altre opinioni dell'Autore
Economia

Eurispes, Fara: “Lo Stato torni proprietario e gestore delle grandi infrastrutture del paese”

"Autostrade, telecomunicazioni, energia, porti e grande logistica: dopo gli anni delle privatizzazioni per fare cassa, il Paese deve tornare proprietario e gestore delle grandi infrastrutture e dire basta allo shopping delle multinazionali straniere"
di redazione
Il punto

Per rimettere in corsa l’Italia, veloci pit stop, non megariforme

È la mancanza di infrastrutture il primo freno alla crescita del Paese. Lo Stato spende meno di 20 miliardi di euro l’anno,...
di Corrado Giustiniani
International

Così la “Fortezza Europa” avalla i respingimenti in mare

Negli ultimi anni l’Unione europea è stata protagonista di una gestione sempre più securitaria dei flussi migratori che hanno investito il proprio territorio. La tesi viene spiegat in un saggio di Marco Omizzolo e Pina Sodano, presentato a Wocmes 2018, Congresso mondiale di studi mediorientali.
di Marco Omizzolo
International

Proposta shock: “Il voto ‘ignorante’ valga meno di quello informato”

Il suffragio universale? Sopravvalutato. Il voto ‘ignorante’ valga meno di quello ‘informato’. Il voto ponderato é la proposta di Dambisa Moyo, una importante economista americana, originaria dello Zambia, autrice del libro Edge of chaos
di Alfonso Lo Sardo
Sondaggi & Ricerche

Con un animale in casa, niente viaggio per la metà dei padroni

Nell’ultimo anno oltre 2 italiani su 10 hanno confessato di aver speso di più per viaggi e vacanze, nonostante la crisi non sia ancora del tutto superata. Ma l'amore per i propri animali e la paura del terrorismo frenano la voglia di viaggi.
di redazione
Salute

Il Piano Sanità del ministro Grillo: più fondi e meno liste d’attesa

Sanità e salute: il neo ministro Giulia Grillo ha illustrato le linne programmatiche del suo mandato. Vaccini, risorse per la sanità, liste d’attesa da ridurre e aumento della trasparenza.
di redazione
Ambiente

Porto Hub di Palermo. “Piano ecosostenibile da 435.000 posti”

Un nuovo porto Hub a Palermo: è il progetto dell’Eurispes, presentato a palazzo d’Orleans, sede della presidenza della Regione. Tutti i dettagli
di Alfonso Lo Sardo
Intervista

Educazione civica nelle scuole, Bruno Assumma: “Magistra vitae”

"L'educazione civica la personalità deve servire a stimolare una visione della vita e un "modus operandi" nella società", sostiene il professor Assumma.
di Valentina Renzopaoli
Intervista

Stefano Molina: «Educazione civica mirata allo sviluppo sostenibile»

Educazione civica nelle scuole: "Sì all'insegnamento dell'educazione civica, no al voto. La cittadinanza globale non è istruzione, ma educazione", sostiene Stefano Molina della Fondazione Agnelli
di Corrado Giustiniani
Intervista

Romeo (Lega): «La difesa deve essere legittima sempre»

Legittima difesa: "Se una persona sa che svaligiando una casa la farà sempre franca, non avrà nessun incentivo a smettere di delinquere". Il dibattito prosegue con l'opinione di Massimiliano Romeo, capogruppo della Lega al Senato.
di Corrado Giustiniani