In nome della madre

I Tg di martedì 8 novembre – Nei titoli dei Tg Rai e Tg5 la notizia della sentenza della Consulta che in pratica apre alla possibilità di trasmettere ai figli il cognome (anche) della madre. Ancora una volta è la Suprema Corte che indica al Paese la strada da seguire, in questo caso per colmare un gap nell’area dei diritti e dei rapporti uomo-donna per cui la Corte Europea ha già censurato l’Italia. Ora il Parlamento sarà costretto a “recuperare”, e speriamo che non impieghi troppo tempo.

Siamo partiti da questo tema, riconoscendo un’adeguata sensibilità alle testate che se ne sono occupate, anche perché in queste ore al di là dell’Atlantico una candidata si gioca le carte della prima Presidenza degli Stati Uniti al femminile. E da qui sono ovviamente partiti tutti i Tg in edizioni che in alcuni casi (TgLa7, Tg2) hanno dedicato all’Election Day buona parte dell’edizione. Titoli su titoli che sembrano accompagnare Hillary Clinton nell’insediamento alla Casa Bianca, al termine di una “campagna velenosa” (TgLa7, Tg1).

Ancora attenzione ai fatti internazionali soprattutto su TgLa7 per la sconfitta del progetto di Orban di “blindare”anche costituzionalmente l’Ungheria contro la suddivisione dei profughi decise in ambito Ue. Tg3 si occupa di un ulteriore muro, quello con cui a Monaco si è inteso dividere un quartiere residenziale da un area che vede l’insediamento di richiedenti asilo. Anche Tg4 si occupa di profughi, questa volta in Italia e con la consueta dose di allarmismo.

A metà tra giardino di casa e scenario internazionale, la prosecuzione del confronto tra Renzi e Juncker è ripreso da tutti fin dai titoli, con l’eccezione di Studio Aperto. Il premier italiano continua ad incassare un istintivo apprezzamento trasversale quando mostra la faccia dura con Bruxelles, e questo vale non solo per i settori politici (vedi M5S), ma anche per il mondo dell’informazione.

La pagina di politica interna legata, ovviamente, al referendum è occupata dagli strascichi della lotta interna la Pd, ma anche all’attivazione del fronte del No che con Salvini prepara la manifestazione di sabato prossimo. L’invito leghista a manifestazioni comuni viene rifiutato da Di Maio che – presente su tutte le maggiori testate – lo rifiuta. TgLa7 dedica molto spazio alle contraddizioni dello schieramento del no che talvolta, come è successo a Latina, vede nelle stesse piazze e contestualmente soggetti opposti come Anpi e Forza Nuova. Mentana con grande correttezza segnala che questa contraddizione è comunque indice del fatto che il fronte del Si ha un perimetro di riferimento limitato. Sempre sulla manifestazione di Latina le dichiarazioni del Presidente locale dell’Anpi, “Renzi è peggio di Mussolini”, dimostrano che la madre dei cretini è sempre gravida. Con altre parole anche Mentana lo segnala.

Chiudiamo con Tg5 che dedica spazio ai dati Istat 2015 che sulla drammatica situazione dei minori che vivono in situazioni di povertà assoluta.

Ultime notizie
Criminalità e contrasto

Criminalità minorile e gang giovanili. I dati

Il Report “Criminalità minorile e gang giovanili”, il report realizzato dal Servizio analisi criminale è stato presentato questa mattina a Roma, presso la...
di redazione
Lavoro

La “mobilità circolare” dei giovani nell’area mediterranea

I giovani protagonisti del cambiamento Lo spazio Mediterraneo è un bene comune (“common good”) che appartiene a tutti gli Stati della UE ed...
di Avv. Angelo Caliendo*
Osservatorio sulla PA

Equo compenso o tariffazione?

Se solo il Codice dei Contratti fosse stato promulgato il 1° luglio 2023 (data della sua entrata in vigore) oggi non dovremmo affrontare questa spinosa questione, circa la portata e le modalità applicative della legge n. 49 del 21 aprile 2023 che ha introdotto “l’equo compenso” per i professionisti. Disposizione che di fatto modifica i criteri di aggiudicazione previsti nel Codice degli Appalti, vincolando il prezzo dei servizi professionali, o almeno così sembrerebbe.
di redazione
Intervista

Insularità, PNRR, fondi europei: il caso Sicilia

A più di un anno dall’introduzione nella nostra Costituzioni del principio di Insularità sono corrisposte politiche di sostegno e finanziamento delle attività necessarie a realizzare tale principio? Qual è l’incidenza dei fondi europei sulle attuali politiche di rigenerazione urbana e di sviluppo delle isole? Ne abbiamo parlato con chi ogni giorno deve confrontarsi con la gestione di una realtà complessa come quella della città di Catania: l’ingegner Biagio Bisignani, Direttore URB@MET.
di redazione
corse
Intervista

L’insularità possibile: il caso Corsica. Intervista a Marie-Antoinette Maupertuis, Presidente dell’Assemblea corsa

La Corsica è uno dei modelli europei in merito all’insularità e alle iniziative intraprese per favorire la coesione territoriale e l’autonomia fiscale necessaria per l’economia corsa, dinamica ma gravata da una “crescita depauperante”. Ne parliamo con l’Onorevole Marie-Antoinette Maupertuis, economista e Presidente dell’Assemblea della Corsica.
di Daniela Pappadà
corse
corse
Osservatori

Insularité possible: le cas de la Corse. Entretien avec Marie-Antoinette Maupertuis, Présidente de l’Assemblée de Corse

Insularité possible: entretien avec l’Honorable Marie-Antoniette Maupertuis, Presidente de l’Assemblee de Corse.
di Daniela Pappadà
corse
intelligenza
Intervista

Intelligenza artificiale e regole: serve un impegno dell’Unione sui diritti sostanziali

Intelligenza artificiale e diritto, ne parliamo con Giusella Finocchiaro, Professoressa ordinaria di diritto privato e diritto di Internet all’Università di Bologna. Per non cadere in un rischioso processo di “burocratizzazione digitale” bisogna partire da elementi culturali prima che giuridici, senza perdere di vista i princìpi.
di Massimiliano Cannata
intelligenza
Sicurezza

Tecnologia, sicurezza e istruzione: intervista a Nunzia Ciardi, Vice Direttore Generale dell’Agenzia per la Cybersicurezza Nazionale

La tecnologia è entrata di forza nella scuola grazie alla DAD, che in pandemia ha permesso a milioni di studenti di seguire le lezioni da casa. Bisogna continuare su questa strada e sfruttare le potenzialità offerte dalla tecnologia in àmbito scolastico e formativo secondo la dott.ssa Nunzia Ciardi, Vice Direttore Generale dell’Agenzia per la Cybersicurezza Nazionale.
di Massimiliano Cannata
scuole italiane
Immigrazione

Scuola e cittadini italiani di domani

La questione della presenza degli stranieri nelle scuole implica un’ambivalenza di obiettivi: migliorare la qualità dell’istruzione a prescindere dalla discendenza, oppure comprimere il diritto costituzionale all’apprendimento. La scuola deve avere una funzione di istruzione e integrazione sociale.
di Angelo Perrone*
scuole italiane
insularità
Intervista

Insularità e perifericità: costi e correttivi nell’intervista al Prof. Francesco Pigliaru

L’insularità si lega spesso all’idea di una compensazione economica, ma bisogna distinguere tra condizioni di prima e seconda natura legate all’insularità, come spiega il Prof. Francesco Pigliaru nell’intervista dedicata al tema delle isole e della continuità territoriale.
di redazione
insularità