L'opinione

In nome della madre

41

I Tg di martedì 8 novembre – Nei titoli dei Tg Rai e Tg5 la notizia della sentenza della Consulta che in pratica apre alla possibilità di trasmettere ai figli il cognome (anche) della madre. Ancora una volta è la Suprema Corte che indica al Paese la strada da seguire, in questo caso per colmare un gap nell’area dei diritti e dei rapporti uomo-donna per cui la Corte Europea ha già censurato l’Italia. Ora il Parlamento sarà costretto a “recuperare”, e speriamo che non impieghi troppo tempo.

Siamo partiti da questo tema, riconoscendo un’adeguata sensibilità alle testate che se ne sono occupate, anche perché in queste ore al di là dell’Atlantico una candidata si gioca le carte della prima Presidenza degli Stati Uniti al femminile. E da qui sono ovviamente partiti tutti i Tg in edizioni che in alcuni casi (TgLa7, Tg2) hanno dedicato all’Election Day buona parte dell’edizione. Titoli su titoli che sembrano accompagnare Hillary Clinton nell’insediamento alla Casa Bianca, al termine di una “campagna velenosa” (TgLa7, Tg1).

Ancora attenzione ai fatti internazionali soprattutto su TgLa7 per la sconfitta del progetto di Orban di “blindare”anche costituzionalmente l’Ungheria contro la suddivisione dei profughi decise in ambito Ue. Tg3 si occupa di un ulteriore muro, quello con cui a Monaco si è inteso dividere un quartiere residenziale da un area che vede l’insediamento di richiedenti asilo. Anche Tg4 si occupa di profughi, questa volta in Italia e con la consueta dose di allarmismo.

A metà tra giardino di casa e scenario internazionale, la prosecuzione del confronto tra Renzi e Juncker è ripreso da tutti fin dai titoli, con l’eccezione di Studio Aperto. Il premier italiano continua ad incassare un istintivo apprezzamento trasversale quando mostra la faccia dura con Bruxelles, e questo vale non solo per i settori politici (vedi M5S), ma anche per il mondo dell’informazione.

La pagina di politica interna legata, ovviamente, al referendum è occupata dagli strascichi della lotta interna la Pd, ma anche all’attivazione del fronte del No che con Salvini prepara la manifestazione di sabato prossimo. L’invito leghista a manifestazioni comuni viene rifiutato da Di Maio che – presente su tutte le maggiori testate – lo rifiuta. TgLa7 dedica molto spazio alle contraddizioni dello schieramento del no che talvolta, come è successo a Latina, vede nelle stesse piazze e contestualmente soggetti opposti come Anpi e Forza Nuova. Mentana con grande correttezza segnala che questa contraddizione è comunque indice del fatto che il fronte del Si ha un perimetro di riferimento limitato. Sempre sulla manifestazione di Latina le dichiarazioni del Presidente locale dell’Anpi, “Renzi è peggio di Mussolini”, dimostrano che la madre dei cretini è sempre gravida. Con altre parole anche Mentana lo segnala.

Chiudiamo con Tg5 che dedica spazio ai dati Istat 2015 che sulla drammatica situazione dei minori che vivono in situazioni di povertà assoluta.

Altre opinioni dell'Autore
Sicurezza

Il senatore Romeo (Lega): «La difesa deve essere legittima sempre»

Legittima difesa: "Se una persona sa che svaligiando una casa la farà sempre franca, non avrà nessun incentivo a smettere di delinquere". Il nostro dibattito sul tema prosegue con l'opinione di Massimiliano Romeo, capogruppo della Lega al Senato.
di Corrado Giustiniani
Intervista

Casucci (Lega): «Educazione civica sia materia vera, con tanto di voto»

Educazione civica nelle scuole: il dibattito prosegue con l'opinione di Marco Casucci, promotore di una mozione approvata dalla Regione Toscana. "L'educazione civica diventi materia curriculare con tanto di voti".
di Valentina Renzopaoli
Immigrazione

Migrazione, Vacca: “Chiudere i porti non frenerà la Shoah”

Immigrazione: "Chiudere i porti non frenerà la Shoah". Roberto Vacca: Non possiamo pretendere di essere civilizzati, se discutiamo di illegalità e ignoriamo «i diritti inalienabili alla vita, alla libertà e alla ricerca della felicità».
di Roberto Vacca
Intervista

Il Presidente della Camera Penale: “Una follia le armi ai cittadini”

La maggioranza degli italiani, secondo Eurispes, sparerebbe a chi gli entra di notte in casa. «Ma c’è ben più del 40 per cento che non userebbe la pistola. E fa bene: diffondere le armi nel Paese è una pazzia assoluta».
di Corrado Giustiniani
Approfondimenti

Legittima difesa, la Lega pronta a rafforzare la misura. Il dibattito

Il 56,6% degli italiani sparerebbe se sorprendesse di notte intrusi nella propria abitazione: il 38,5% lo farebbe con probabilità, il 17,7% sicuramente. la rivista L'Eurispes.it vuole aprire un dibatto sul tema con interviste e riflessioni che verranno pubblicate nelle prossime settimane.
di redazione
Immigrazione

Accoglienza e mala burocrazia: solo un bando su sei è ben fatto

Migrazione: solo un bando di gara su sei, di quelli relativi alla gestione della prima accoglienza dei migranti, raggiunge la sufficienza. Lo rivela un'indagine realizzata dalla cooperativa In Migrazione. Non mancano però esempi virtuosi
di Marco Omizzolo
Informazione

Michele Mezza: “Automi e algoritmi minacciano il giornalismo”

Giornalismo "automatizzato": i "bot" stanno seriamente mettendo a rischio il mestiere. Il 52% dei contenuti che circolano nell’infosfera già ora non hanno un’origine umana e il 66% dei tweet non proviene da una mente individuale
di Massimiliano Cannata
Ambiente

Sicilia, fai la raccolta differenziata? Avrai sconti al supermercato

Rifiuti, sconti ai supermercati per i cittadini che si impegnano nella raccolta differenziata. La proposta arriva in un disegno di legge, firmato dal Presidente della Regione, Musumeci e dall’assessore ai Rifiuti e all’Energia, Pierobon.
di Alfonso Lo Sardo
Innovazione

La tecnologia divide i giovani: (auto)esclusi ed eredi del merito

Negli ultimi anni il dibattito sul lavoro futuro si è fatto molto intenso. I toni sono divenuti sempre più cupi, di pari...
di Alberto Mattiacci
Osservatori

Osservatorio Giochi, Legalità e Patologia di Eurispes: “Allo Stop alla pubblicità segua un’attenzione agli approfondimenti tecnici”

L’orientamento del Governo che indica un blocco della comunicazione pubblicitaria nell’area del gioco contenuto nel “Decreto Dignità” sta suscitando clamore. Il provvedimento riporta...
di redazione