L'opinione

In nome della madre

I Tg di martedì 8 novembre – Nei titoli dei Tg Rai e Tg5 la notizia della sentenza della Consulta che in pratica apre alla possibilità di trasmettere ai figli il cognome (anche) della madre. Ancora una volta è la Suprema Corte che indica al Paese la strada da seguire, in questo caso per colmare un gap nell’area dei diritti e dei rapporti uomo-donna per cui la Corte Europea ha già censurato l’Italia. Ora il Parlamento sarà costretto a “recuperare”, e speriamo che non impieghi troppo tempo.

Siamo partiti da questo tema, riconoscendo un’adeguata sensibilità alle testate che se ne sono occupate, anche perché in queste ore al di là dell’Atlantico una candidata si gioca le carte della prima Presidenza degli Stati Uniti al femminile. E da qui sono ovviamente partiti tutti i Tg in edizioni che in alcuni casi (TgLa7, Tg2) hanno dedicato all’Election Day buona parte dell’edizione. Titoli su titoli che sembrano accompagnare Hillary Clinton nell’insediamento alla Casa Bianca, al termine di una “campagna velenosa” (TgLa7, Tg1).

Ancora attenzione ai fatti internazionali soprattutto su TgLa7 per la sconfitta del progetto di Orban di “blindare”anche costituzionalmente l’Ungheria contro la suddivisione dei profughi decise in ambito Ue. Tg3 si occupa di un ulteriore muro, quello con cui a Monaco si è inteso dividere un quartiere residenziale da un area che vede l’insediamento di richiedenti asilo. Anche Tg4 si occupa di profughi, questa volta in Italia e con la consueta dose di allarmismo.

A metà tra giardino di casa e scenario internazionale, la prosecuzione del confronto tra Renzi e Juncker è ripreso da tutti fin dai titoli, con l’eccezione di Studio Aperto. Il premier italiano continua ad incassare un istintivo apprezzamento trasversale quando mostra la faccia dura con Bruxelles, e questo vale non solo per i settori politici (vedi M5S), ma anche per il mondo dell’informazione.

La pagina di politica interna legata, ovviamente, al referendum è occupata dagli strascichi della lotta interna la Pd, ma anche all’attivazione del fronte del No che con Salvini prepara la manifestazione di sabato prossimo. L’invito leghista a manifestazioni comuni viene rifiutato da Di Maio che – presente su tutte le maggiori testate – lo rifiuta. TgLa7 dedica molto spazio alle contraddizioni dello schieramento del no che talvolta, come è successo a Latina, vede nelle stesse piazze e contestualmente soggetti opposti come Anpi e Forza Nuova. Mentana con grande correttezza segnala che questa contraddizione è comunque indice del fatto che il fronte del Si ha un perimetro di riferimento limitato. Sempre sulla manifestazione di Latina le dichiarazioni del Presidente locale dell’Anpi, “Renzi è peggio di Mussolini”, dimostrano che la madre dei cretini è sempre gravida. Con altre parole anche Mentana lo segnala.

Chiudiamo con Tg5 che dedica spazio ai dati Istat 2015 che sulla drammatica situazione dei minori che vivono in situazioni di povertà assoluta.

Altre opinioni dell'Autore
Opinioni e commenti

La stortura dei processi a distanza: la giustizia penale in tempo di pandemia

È sotto gli occhi di tutti la estrema gravità dei problemi di ordine sociale, economico, creatasi a causa dell’esplosione, per larga parte...
di Nicola De Fuoco
Società

Pirateria editoriale: Telegram fuori controllo, la stretta delle Forze dell’ordine

La pirateria editoriale costa al mondo dell’editoria circa 670mila euro al giorno, vale a dire 250 milioni ogni anno. L’ultima frontiera delle frodi informatiche si è realizzata attraverso Telegram, con la creazione di canali sui quali scaricare quotidiani, riviste, musica e film.
di Ilaria Tirelli
Attualità

La lunga marcia verso le politiche

La lunga marcia verso le elezioni politiche del 2023, ha tagliato il primo traguardo del referendum costituzionale e delle regionali. Farà tappa a Roma nel giugno 2021, per assegnare la maglia di Primo cittadino della Capitale e dopo meno di un anno per scoprire il vincitore della corsa al Quirinale.
di Emilio Albertario
Attualità

Scuola, disabilità senza sostegno

Se la didattica a distanza è stata deleteria per molti studenti, ancora di più lo è stata per i ragazzi con disabilità....
di Ilaria Tirelli
Approfondimenti

Sharenting: cari genitori, prima di postare, pensate

Sharenting e troppe informazioni condivise sul web, quali sono i rischi di postare continuamente foto dei propri #figli? Siamo tutti potenzialmente degli over-sharer?
di Susanna Fara
Criminalità e contrasto

Giochi e Banche, tra etica e pubblica sicurezza

Alcune imprese del settore dei giochi lamentano un trattamento discriminatorio attuato dali Istituti di credito per quanto riguarda l’accesso ai finanziamenti con garanzie agevolate previsti dai decreti varati dal Governo.
di Chiara Sambaldi e Andrea Strata*
Economia

La sfida per ospitare il Tribunale Unificato dei Brevetti è aperta

Milano ci riprova. Dopo aver vinto la sfida nazionale, è ufficialmente la candidata italiana ad accogliere il Tribunale Unificato dei Brevetti (TUB). I motivi per sostenere la canditatura sono molti.
di Giorgio Fedeli
Lavoro

Lavoro, infortuni e lockdown: in aumento le morti bianche

Gli infortuni, a volte gravi e nella peggiore dei casi anche mortali, costituiscono una delle evidenze più drammatiche dello stato di diffusa...
di Marco Omizzolo
Il punto a Mezzogiorno

Turismo in Calabria, una buona notizia

Il “tutti a casa” aveva fatto temere per il turismo in Calabria, che in questo territorio genera il 25% del Pil. Contro ogni previsione, la stagione, che sembrava compromessa e drammatica, non è stata negativa, anche se i dati parlano di presenze ben lontane dai numeri degli anni precedenti.
di Maurizio Lovecchio*
Attualità

Italia e Spagna: come si sceglie di raccontare una pandemia

Dalla fine del lockdown, in Spagna i media si sono occupati sempre meno dei bollettini quotidiani sulla progressione della pandemia. In Italia, invece, nonostante un numero inferiore di casi, l’attenzione mediatica è rimasta altissima. Il confronto tra due delle testate più importanti, El Paìs e Corriere della Sera, una nostrana e una spagnola, è indicativo di una narrazione diversa della pandemia.
di Roberta Rega