Quando la realtà supera gli slogan

slogan

I Tg di lunedì 20 aprile – I più di 900 morti del barcone affondato sabato notte monopolizzano da ieri l’informazione anche televisiva. Questa sera almeno due terzi di tutte le edizioni sono occupati dalle immagini delle diverse sciagure delle ultime ore, compresa quella a pochi metri dall’isola di Rodi. Ma se questo e per certi versi scontato, meno scontato è il cambiamento di toni di una parte dei settori politici e, conseguentemente, anche di alcuni TG. I numeri della più grave sciagura dei disperati del mare, come e più dei morti dell’isola dei Conigli a Lampedusa hanno creato una cesura che, forse, con la riunione straordinaria dei governi Ue di giovedì porterà a qualche cosa di concreto, ma che in ogni caso immiserisce i consueti giochetti politici di casa nostra e mette lo stesso Salvini in un angolo, pur sempre affollato da chi è stato cresciuto dall’incultura dell’odio e del razzismo. Può darsi che questo piccolo spazio appena accennato per un percorso di verità e di serietà sia destinato a repentina chiusura. Ma a noi spetta di segnalare che anche Mediaset questa sera ha abbandonato la rotta consueta. Studio Aperto propone servizi più che accettabili, popolati da disgraziati e vittime della fame e delle persecuzioni ma non dai consueti “clandestini che ci invadono”. La pietas, insomma, sembra provvisoriamente aver preso il sopravvento. In questo shift c’è anche lo zampino delle dichiarazioni di ieri di Berlusconi che andavano nel senso dell’emergenza e dell’unità nazionale, senza steccati polemici. Il Capo ha parlato, ma Toti (forse) non ha ascoltato, costringendo Tg5 ad affermare che “solo” Salvini continua a richiedere il blocco navale, mentre poi dà la parola al Consigliere di Berlusconi che lo ripropone. Tg4 arriva addirittura a demolire l’ipotesi delle navi schierate davanti alle coste libiche. Insomma, una confusione alquanto salvifica che si genera quando la realtà si impone e supera gli slogan. Sulle testate Rai e su La7 l’attenzione è a quello che può avvenire concretamente nello scenario europeo, e alle richieste esplicite di Renzi nella conferenza stampa congiunta con il leader maltese. A prevalere è, comunque, lo scetticismo.
Per la politica “ di casa” tutta l’attenzione è al redde rationem nel Pd, alla vigilia dei primi voti in Commissione sull’Italicum. La scelta di sostituire tutti i deputati della minoranza ha generato proteste e contestazioni anche nelle altre opposizioni, e la minaccia dell’Aventino. Da qui a 10/15 giorni Renzi gioca molte delle sue carte, e lo stesso vale per opposizione interna. Quando si voterà in aula i voti segreti riserveranno sorprese, e anche gli specialisti del pallottoliere avranno difficoltà a battezzare consensi e dissensi.
Nella nostra analisi uno spazio “a parte” merita la scomparsa del centenario Rabino Elio Toaff, che è stato ricordato con buoni servizi dai Tg Rai, da La7 e da Tg5. Ottimo quello proposto da Mentana che è riuscito a condensare in pochi minuti lo spessore di una vita splendida per impegno, coerenza e apertura.

Dati auditel dei Tg di domenica 19 aprile 2015
Tg1 – ore 13:30 4.966.000, 26.04% ore 20:00 5.961.000, 25.85%.
Tg2 – ore 13:00 3.011.000, 16.40% ore 20:30 1.819.000, 7.13%.
Tg3 – ore 14:30 1.397.000, 7.81% ore 19:00 1.695.000, 9.45%.
Tg5 – ore 13:00 3.298.000, 17.90% ore 20:00 3.641000, 15.50%.
Studio Aperto – ore 12:25 1.318.000, 8.83% ore 18:30 940.000, 5.82%.
Tg4 – ore 11:30 585.000, 5.53% ore 18:55 996.000, 5.59%.
Tg La7 – ore 13:30 472.000, 2.48% ore 20:00 948.000, 4.07%.

Fonte:www.tvblog.it

Ultime notizie
pace
Attualità

Tempo di uccidere

Nella nostra cara, felice e ricca Europa, nessuno ci credeva. Ma, insomma, si chiedeva la gran massa delle persone, questi si vogliono davvero...
di Luciano Maria Teodori
pace
Laboratorio Europa
Intervista

Laboratorio Europa, alimentare il confronto su Istituzioni europee e sulla necessità di un’Europa sociale. Intervista al Prof. Umberto Triulzi

Laboratorio Europa dell’Eurispes, gli esperti si riuniscono per il primo incontro del 2023, attualmente coordinato dal Prof. Umberto Triulzi, economista, e docente di Politica economica europea, intervistato rispetto ai temi di discussione: Istituzioni europee, integrazione in ambito internazionale, Europa sociale.
di Silvia Muscas
Laboratorio Europa
complottismo
Attualità

Il dubbio e il burattinaio. Complottismo all’italiana

Cronaca e intrigo: anche per l’arresto di Matteo Messina Denaro, non sono mancati sospetti, dubbi, perplessità oltre l’accertamento dei fatti, con il risultato di offuscare il senso di una vittoria importante dello Stato contro la mafia. Il dovere di dubitare è una pratica essenziale nella società democratica, tuttavia bisogna contrastare il rischio dello scetticismo aprioristico e distruttivo.
di Angelo Perrone*
complottismo
editoria
Cultura

Editoria italiana: ricavi, geografia e nuove prospettive

L’editoria italiana ha registrato un calo del 2,8% nel 2022, ma i dati restano favorevoli rispetto al 2019. Crescono lettori e case editrici al Sud, pur restando al di sotto della media nazionale: lettori e case editrici si concentrano al Nord e al Centro, in Lazio e Lombardia ha sede il 38% delle case editrici italiane.
di Roberta Rega
editoria
bilancio energetico
Italia

Bilancio Energetico Nazionale, differenze regionali e potenzialità inespresse

Bilancio energetico nazionale, l’Italia ha un grande potenziale confermato da una quota del 20% di energie rinnovabili sul totale registrato nel 2020. A frenare la transizione ecologica però ci sono burocrazia e regionalismi che rischiano di allungare i tempi di decarbonizzazione dell’economia.
di Ludovico Semerari
bilancio energetico
prezzi della benzina
Fisco

Possibili profili speculativi sull’aumento dei prezzi della benzina e la marginalità delle cause fiscali

L’aumento del prezzo della benzina, di cui si parla molto ultimamente, è determinato da una serie di fattori che non limitano il dibattito alle semplici accise. A incidere è soprattutto la quotazione Platts, che viene decisa dalle compagnie in base al valore effettivo dei prodotti raffinati in un determinato momento.
di Giovambattista Palumbo*
prezzi della benzina
città
Futuro

La città nell’orizzonte della rivoluzione digitale

Le città raccontano chi siamo e che futuro vogliamo costruire: la rigenerazione urbana può essere la chiave per riconquistare gli spazi sottratti dalla pandemia, e costruire un universale urbano aperto al libero attraversamento di popoli ed etnie per una società sempre più fatta di migrazioni.
di Massimiliano Cannata
città
RAEE
Tecnologia

RAEE, rifiuti elettronici: un tesoro nascosto

I RAEE, i Rifiuti di apparecchiature elettriche ed elettroniche, vanno trattati in maniera del tutto speciale e secondo determinate modalità presso le isole ecologiche. Otto italiani su dieci dichiarano di possederne almeno uno, ma dal loro corretto smaltimenti si trarrebbe un significativo beneficio economico.
di Ilaria Tirelli
RAEE
imprese e sviluppo sostenibile
Futuro

Imprese e Sviluppo sostenibile, sempre più complesso il quadro delle nuove regole europee

Il 28 novembre 2022 il Consiglio Europeo ha approvato in via definitiva il testo della nuova direttiva sulla comunicazione delle imprese in...
di Fabrizio Zucca*
imprese e sviluppo sostenibile
Comunità Energetiche Rinnovabili
Italia Domani

Comunità energetiche rinnovabili: dal Pnrr nuovi modelli di crescita

Il doppio filo che lega Agenda 2030 e il PNRR si sta ulteriormente rafforzando attraverso la messa a punto di strumenti che...
di Claudia Bugno*
Comunità Energetiche Rinnovabili