Regeni – Dignità e indignazione

I Tg di martedì 29 marzo – Aperture per quasi tutti con titoli multipli per la conferenza al Senato dei genitori di Giulio Regeni. Le dichiarazioni della madre, quell’aver riconosciuto il volto del figlio torturato solo dalla punta del naso, catturano l’attenzione di tutte le testate. La dignità e la fermezza dimostrate non hanno bisogno di commenti. I Tg Rai e La7 riprendono il paragone tra le torture subite dal ragazzo e quelle cui venivano sottoposti i partigiani dai nazisti e dai fascisti. Quelli Mediaset abbinano la vicenda Regeni a quella dei marò (copertina per Tg5), e al centro delle critiche oltre al governo egiziano finisce quello italiano. Sulla vicenda indiana sempre Tg5 ricorda che siamo alla vigilia di una decisione del tribunale dell’Aja.

Il dirottamento del volo egiziano a Cipro che fa tremare per alcune ore tutta Europa, e che si risolve con la constatazione che non di un terrorista si trattava, ma di un “idiota”, conquista la seconda posizione in tutte le scalette. A proposito di “vero terrorismo”, le tante falle della sicurezza belga sono in apertura per TgLa7 ed ampiamente presenti nei servizi di Tg1, Tg3 e Tg5. Il paradosso dello jihadista che utilizzava il nome di un ex calciatore dell’Inter, compare nei servizi di Tg1 e Tg3. Tg4 forza la polemica securitaria parlando di strutture senza controllo a Roma, e dell’Italia come “crocevia”dei jihadisti.

TgLa7 e Tg3 si diffondono sui possibili cambiamenti al decreto per i rimborsi agli obbligazionisti truffati dalle 4 banche in default, che triplicherebbero il fondo nella fervida speranza che Bruxelles non abbia da ridire sul tema “aiuti di stato”.

Renzi negli Usa è titolo per Tg1 e servizio Tg5 e TgLa7, che sottolinea come il plauso all’Italia “regina” delle energie alternative vada letto in riferimento alle polemiche che accompagnano le ultime settimane di campagna referendaria sul no-triv e che squassano il Pd.

TgLa7 ci informa che Dilma Roussef sarebbe alla fine del suo percorso politico, con la sua maggioranza che si sfarina dopo le polemiche e le proteste per la vicenda giudiziaria dell’ex presidente Lula. Sempre per gli esteri Tg2 si porta avanti con il lavoro andando a sondare gli umori in Gran Bretagna alla vigilia del referendum sull’Unione Europea.

Ultime notizie
Italia

Reti europee di trasporto TEN-T: l’Italia penalizzata dalle nuove strategie adottate

Una premessa. Era il lontano 2004 quando l’Unione europea, per impulso di Romano Prodi Presidente della Commissione, immaginò di rafforzare il processo...
di Gianpaolo Basoli, Luca Danese, Marco Ricceri
violenza contro le donne
Donne

Violenza contro le donne, meno vittime ma attenzione ai reati spia

Violenza contro le donne, nel report della Direzione centrale della Polizia criminale allerta sui reati spia e sulle vittime con disabilità. Diminuiscono i casi di femminicidio, -9% rispetto al 2021, ma aumentano le violazioni di allontanamento e i reati di violenza sessuale.
di redazione
violenza contro le donne
stalking
Criminalità e contrasto

Stalking, vittime degli atti persecutori continuano ad essere soprattutto le donne

Lo stalking, ossia gli atti persecutori, è considerato uno dei reati spia, quei delitti che sono indicatori di una violenza di genere. È possibile leggere il fenomeno attraverso gli ultimi dati messi a disposizione dalla Direzione Centrale della Polizia Criminale e le indagini realizzate dall'Eurispes.
di Susanna Fara
stalking
intelligenza artificiale
Tecnologia

Intelligenza artificiale, costi e benefici ambientali della rivoluzione digitale

Intelligenza artificiale e sostenibilità: migliorare l’efficienza energetica dei sistemi è utile al bilancio ambientale, ma non bisogna trascurare gli impatti diretti delle operazioni di calcolo e delle infrastrutture tecnologiche, in termini di consumo energetico e di materie prime.
di Roberta Rega
intelligenza artificiale
scuola
Scuola

La crisi della scuola come laboratorio di eccellenza e inclusione raccontata dal Presidente Roberto Ricci attraverso i dati INVALSI

La scuola italiana descritta dalle prove INVALSI è un sistema affetto da divario territoriale e scarsa attenzione alla crescita degli alunni: un alunno su dieci è in una situazione di fragilità al termine del ciclo di scuola secondaria, con punte vicine al 20% nelle regioni del Mezzogiorno.
di Roberto Ricci*
scuola
reati informatici
Senza categoria

Reati informatici e non solo, i rischi di stare in Rete

Sempre più diffusi i reati informatici, a rischio una buona parte della popolazione che naviga su internet e usa le nuove tecnologie. Nel 2022, quasi 3 italiani su 10 sono rimasti vittime di truffe informatiche (27,2%).
di Susanna Fara
reati informatici
sud e coesione
Italia Domani

Sud e coesione territoriale: a che punto siamo?

Sud e coesione territoriale sono tra i punti fondamentali del PNRR. Quasi 20 miliardi di euro sono destinati a politiche di inclusione e coesione, volte a colmare il divario territoriale presente in Italia. Dopo il lavoro svolto dal Ministero del Sud, le modifiche di competenze dei Ministeri volute dal nuovo governo introducono nuovi scenari organizzativi.
di Claudia Bugno*
sud e coesione
Van Gogh
Cultura

Vincent Van Gogh, i colori che hanno influenzato il mondo. La mostra a Roma

La pittura di Vincent Van Gogh è entrata nell’immaginario collettivo, diventando oggetto di venerazione e culto. Una mostra al Palazzo Bonaparte di Roma, in occasione dei 170 anni dalla nascita, esplora il mistero di una fascinazione per il colore che ha conquistato intere generazioni.
di Angelo Perrone
Van Gogh
welfare
Intervista

Le nuove emergenze impongono un ripensamento del welfare e del ruolo dei sindacati. Intervista al Presidente Tiziano Treu

Le nuove emergenze globali impongono un ripensamento di welfare e ruolo dei sindacati per far fronte ad emergenze sociali legate a inflazione e povertà. Il PNRR e l’agenda Draghi hanno segnato una svolta verso coesione e sostenibilità, ma bisogna puntare sull’innovazione. A colloquio con Tiziano Treu Presidente del CNEL.
di Massimiliano Cannata
welfare
questione meridionale
Mezzogiorno

Questione meridionale ancora aperta. Superare il divario tra Nord e Sud centrale per ritrovare unità nazionale

La questione meridionale è stata messa da parte con la Seconda Repubblica, lasciando la centralità alla narrazione politica di un Paese disunito e con opposte rivendicazioni. Ma il Sud resta al centro dello sviluppo del Paese e della sua unità nazionale, e il PNRR deve rappresentare una occasione per colmare il divario.
di Luca Bianchi*
questione meridionale