Renzi e l’amico Americano

renzi

I Tg di venerdì 17 aprile – Che il clima intorno al premier non sia più quello di alcuni mesi fa già ieri lo manifestava la scarsa attenzione al viaggio di Renzi a Washington. L’incontro odierno e la successiva, lunga conferenza stampa congiunta, strappano l’apertura solo sulle testate Rai, mentre su La7 e Mediaset prevale il “Renzi nazionale”, ovvero quello delle presunte aperture alla minoranza interna ipotizzate nella conversazione riportata oggi da La Repubblica. Peccato, perché gli scambi tra i 2 Presidenti davanti ai giornalisti sono stati interessanti. Niente di clamoroso, ma la vicinanza anche emotiva di cui negli anni recenti si parlava nel caso di Bush e Berlusconi (o di Berlusconi e Putin) di cui si parlava a iosa, in questo caso ci è apparsa più reale e sostanziale. Su tutto, comunque, da segnalare la correttezza ed il buon livello degli scambi con la stampa.
Come si accennava l’attenzione alla politica interna al Pd, e ai suoi riflessi sul fronte delle riforme, è alta e diffusa, ma con ogni probabilità non affascina la massa dei teleutenti, anche perché utilizza più tecniche “citofoniche” che mediatiche: si dedicano i minuti giusti per non essere attaccati, alcune testate lo fanno rispettando le posizioni di tutti mentre altre agiscono in logica di “produzione esecutiva”, ma tutti si parlano addosso e appaiono membri del circolo del dopo lavoro della politica. Nessuno “spicca” per volontà di interpretare quello che è successo nelle ultime ore e che noi, umilmente riassumeremmo così: dopo la rottura in Direzione, i renziani hanno qualche timore e, sull’altro fronte, le opposizioni interne sono alla ricerca di un pur minimo alibi per far ritorno a tempo pieno nel Pdr, Partito di Renzi.
Per rimanere all’analisi politica e scovare qualche traccia di giornalismo dobbiamo rivolgerci a Mentana che fin dai titoli identifica la dinamica fondamentale di questa fase: tutto si gioca su immigrazione, sicurezza e rom. L’economia? Il jobs act? La riforma del Senato? Ma mi faccia il piacere! Nel giorno in cui Grillo torno a parlare di facile buonismo in relazione all’accoglienza degli disperati del mare, e l’immancabile Salvini (sempre più sponsorizzato da Tg4) rincara la dose ammaliato dai sondaggi, TgLa7 propone la riflessione più seria. Anche Tg2 rivela comunque più di qualche traccia di giornalismo, chiamando a commentare il dramma nel dramma, ovvero la rissa assassina sul gommone, i presidente delle comunità islamiche in Italia. Tg5 dedica la copertina all’insensibilità dell’Europa verso lo sforzo italiano nel Mediterraneo, facendo sue le critiche odierne della Cei (riprese da tutti).
La crisi inattesa della ex Indesit decretata dalla proprietà americana della Whirlpool scandalizza sindacati, governo e anche i Tg. A proposito di sindacati, le divaricazioni di giudizio tra Cils e UIl da una parte e Cgil-Fiom dall’altra sulla proposta di Marchionne di legare premi e aumenti alla produttività degli impianti, sono ampiamente presenti.
Primo titolo per TgLa7, e secondo per tutte le altre maggiori testate, l’avvitarsi della crisi greca e i riflessi immediati su borse e spread del ritorno al probabile default riattivano l’attenzione generale, dopo che il braccio di ferro tra Atene e Bruxelles era andato per quasi tutti in soffitta.

Dati auditel dei Tg di giovedì 16 aprile 2015
Tg1 – ore 13:30 3.512.000, 22,00% ore 20:00 5.988.000, 25,55%.
Tg2 – ore 13:00 2.363.000, 15,90% ore 20:30 2.077.000, 7,99%.
Tg3 – ore 14:30 1.592.000, 10,81% ore 19:00 1.636.000, 10,84%.
Tg5 – ore 13:00 2.978.000, 19,82% ore 20:00 4.249.000, 18,18%.
Studio Aperto – ore 12:25 1.827.000, 15,64% ore 18:30 703.000, 6,07%.
Tg4 – ore 11.30 400.000, 7,20% ore 18:55 732.000, 5,07%.
Tg La7 – ore 13:30 563.000, 3,51% ore 20:00 1.188.000, 5,01%.

Fonte:www.tvblog.it

Ultime notizie
pace
Attualità

Tempo di uccidere

Nella nostra cara, felice e ricca Europa, nessuno ci credeva. Ma, insomma, si chiedeva la gran massa delle persone, questi si vogliono davvero...
di Luciano Maria Teodori
pace
Laboratorio Europa
Intervista

Laboratorio Europa, alimentare il confronto su Istituzioni europee e sulla necessità di un’Europa sociale. Intervista al Prof. Umberto Triulzi

Laboratorio Europa dell’Eurispes, gli esperti si riuniscono per il primo incontro del 2023, attualmente coordinato dal Prof. Umberto Triulzi, economista, e docente di Politica economica europea, intervistato rispetto ai temi di discussione: Istituzioni europee, integrazione in ambito internazionale, Europa sociale.
di Silvia Muscas
Laboratorio Europa
complottismo
Attualità

Il dubbio e il burattinaio. Complottismo all’italiana

Cronaca e intrigo: anche per l’arresto di Matteo Messina Denaro, non sono mancati sospetti, dubbi, perplessità oltre l’accertamento dei fatti, con il risultato di offuscare il senso di una vittoria importante dello Stato contro la mafia. Il dovere di dubitare è una pratica essenziale nella società democratica, tuttavia bisogna contrastare il rischio dello scetticismo aprioristico e distruttivo.
di Angelo Perrone*
complottismo
editoria
Cultura

Editoria italiana: ricavi, geografia e nuove prospettive

L’editoria italiana ha registrato un calo del 2,8% nel 2022, ma i dati restano favorevoli rispetto al 2019. Crescono lettori e case editrici al Sud, pur restando al di sotto della media nazionale: lettori e case editrici si concentrano al Nord e al Centro, in Lazio e Lombardia ha sede il 38% delle case editrici italiane.
di Roberta Rega
editoria
bilancio energetico
Italia

Bilancio Energetico Nazionale, differenze regionali e potenzialità inespresse

Bilancio energetico nazionale, l’Italia ha un grande potenziale confermato da una quota del 20% di energie rinnovabili sul totale registrato nel 2020. A frenare la transizione ecologica però ci sono burocrazia e regionalismi che rischiano di allungare i tempi di decarbonizzazione dell’economia.
di Ludovico Semerari
bilancio energetico
prezzi della benzina
Fisco

Possibili profili speculativi sull’aumento dei prezzi della benzina e la marginalità delle cause fiscali

L’aumento del prezzo della benzina, di cui si parla molto ultimamente, è determinato da una serie di fattori che non limitano il dibattito alle semplici accise. A incidere è soprattutto la quotazione Platts, che viene decisa dalle compagnie in base al valore effettivo dei prodotti raffinati in un determinato momento.
di Giovambattista Palumbo*
prezzi della benzina
città
Futuro

La città nell’orizzonte della rivoluzione digitale

Le città raccontano chi siamo e che futuro vogliamo costruire: la rigenerazione urbana può essere la chiave per riconquistare gli spazi sottratti dalla pandemia, e costruire un universale urbano aperto al libero attraversamento di popoli ed etnie per una società sempre più fatta di migrazioni.
di Massimiliano Cannata
città
RAEE
Tecnologia

RAEE, rifiuti elettronici: un tesoro nascosto

I RAEE, i Rifiuti di apparecchiature elettriche ed elettroniche, vanno trattati in maniera del tutto speciale e secondo determinate modalità presso le isole ecologiche. Otto italiani su dieci dichiarano di possederne almeno uno, ma dal loro corretto smaltimenti si trarrebbe un significativo beneficio economico.
di Ilaria Tirelli
RAEE
imprese e sviluppo sostenibile
Futuro

Imprese e Sviluppo sostenibile, sempre più complesso il quadro delle nuove regole europee

Il 28 novembre 2022 il Consiglio Europeo ha approvato in via definitiva il testo della nuova direttiva sulla comunicazione delle imprese in...
di Fabrizio Zucca*
imprese e sviluppo sostenibile
Comunità Energetiche Rinnovabili
Italia Domani

Comunità energetiche rinnovabili: dal Pnrr nuovi modelli di crescita

Il doppio filo che lega Agenda 2030 e il PNRR si sta ulteriormente rafforzando attraverso la messa a punto di strumenti che...
di Claudia Bugno*
Comunità Energetiche Rinnovabili