Notice: Undefined offset: 1 in /home/awfdywmb/public_html/wp-content/themes/Newspaper-child/loop-single.php on line 27

Notice: Trying to get property 'cat_name' of non-object in /home/awfdywmb/public_html/wp-content/themes/Newspaper-child/loop-single.php on line 27
Osservatorio TG

Renzi e l’amico Americano

renzi

I Tg di venerdì 17 aprile – Che il clima intorno al premier non sia più quello di alcuni mesi fa già ieri lo manifestava la scarsa attenzione al viaggio di Renzi a Washington. L’incontro odierno e la successiva, lunga conferenza stampa congiunta, strappano l’apertura solo sulle testate Rai, mentre su La7 e Mediaset prevale il “Renzi nazionale”, ovvero quello delle presunte aperture alla minoranza interna ipotizzate nella conversazione riportata oggi da La Repubblica. Peccato, perché gli scambi tra i 2 Presidenti davanti ai giornalisti sono stati interessanti. Niente di clamoroso, ma la vicinanza anche emotiva di cui negli anni recenti si parlava nel caso di Bush e Berlusconi (o di Berlusconi e Putin) di cui si parlava a iosa, in questo caso ci è apparsa più reale e sostanziale. Su tutto, comunque, da segnalare la correttezza ed il buon livello degli scambi con la stampa.
Come si accennava l’attenzione alla politica interna al Pd, e ai suoi riflessi sul fronte delle riforme, è alta e diffusa, ma con ogni probabilità non affascina la massa dei teleutenti, anche perché utilizza più tecniche “citofoniche” che mediatiche: si dedicano i minuti giusti per non essere attaccati, alcune testate lo fanno rispettando le posizioni di tutti mentre altre agiscono in logica di “produzione esecutiva”, ma tutti si parlano addosso e appaiono membri del circolo del dopo lavoro della politica. Nessuno “spicca” per volontà di interpretare quello che è successo nelle ultime ore e che noi, umilmente riassumeremmo così: dopo la rottura in Direzione, i renziani hanno qualche timore e, sull’altro fronte, le opposizioni interne sono alla ricerca di un pur minimo alibi per far ritorno a tempo pieno nel Pdr, Partito di Renzi.
Per rimanere all’analisi politica e scovare qualche traccia di giornalismo dobbiamo rivolgerci a Mentana che fin dai titoli identifica la dinamica fondamentale di questa fase: tutto si gioca su immigrazione, sicurezza e rom. L’economia? Il jobs act? La riforma del Senato? Ma mi faccia il piacere! Nel giorno in cui Grillo torno a parlare di facile buonismo in relazione all’accoglienza degli disperati del mare, e l’immancabile Salvini (sempre più sponsorizzato da Tg4) rincara la dose ammaliato dai sondaggi, TgLa7 propone la riflessione più seria. Anche Tg2 rivela comunque più di qualche traccia di giornalismo, chiamando a commentare il dramma nel dramma, ovvero la rissa assassina sul gommone, i presidente delle comunità islamiche in Italia. Tg5 dedica la copertina all’insensibilità dell’Europa verso lo sforzo italiano nel Mediterraneo, facendo sue le critiche odierne della Cei (riprese da tutti).
La crisi inattesa della ex Indesit decretata dalla proprietà americana della Whirlpool scandalizza sindacati, governo e anche i Tg. A proposito di sindacati, le divaricazioni di giudizio tra Cils e UIl da una parte e Cgil-Fiom dall’altra sulla proposta di Marchionne di legare premi e aumenti alla produttività degli impianti, sono ampiamente presenti.
Primo titolo per TgLa7, e secondo per tutte le altre maggiori testate, l’avvitarsi della crisi greca e i riflessi immediati su borse e spread del ritorno al probabile default riattivano l’attenzione generale, dopo che il braccio di ferro tra Atene e Bruxelles era andato per quasi tutti in soffitta.

Dati auditel dei Tg di giovedì 16 aprile 2015
Tg1 – ore 13:30 3.512.000, 22,00% ore 20:00 5.988.000, 25,55%.
Tg2 – ore 13:00 2.363.000, 15,90% ore 20:30 2.077.000, 7,99%.
Tg3 – ore 14:30 1.592.000, 10,81% ore 19:00 1.636.000, 10,84%.
Tg5 – ore 13:00 2.978.000, 19,82% ore 20:00 4.249.000, 18,18%.
Studio Aperto – ore 12:25 1.827.000, 15,64% ore 18:30 703.000, 6,07%.
Tg4 – ore 11.30 400.000, 7,20% ore 18:55 732.000, 5,07%.
Tg La7 – ore 13:30 563.000, 3,51% ore 20:00 1.188.000, 5,01%.

Fonte:www.tvblog.it

Ultime notizie
riassetto dei poteri
Diritto

Il riassetto dei poteri

Il tema del riassetto dei poteri è al centro dell’attuale dibattito ed è strettamente collegato con le prospettive di una riforma della giustizia. L'ex magistrato Vincenzo Macrì fa alcune considerazioni partendo da un articolo a firma di Luciano Violante.
di Vincenzo Macrì
riassetto dei poteri
Economia

Fondi per il PNRR, erogata la prima rata: il punto della situazione

Un importante traguardo è stato raggiunto lo scorso 13 aprile, quando è stata erogata la prima tranche di pagamenti per il PNRR. Sono stati versati 21 miliardi di euro che si aggiungono al pre-finanziamento ottenuto lo scorso anno.
di Claudia Bugno*
precarietà
Attualità

Che cosa significa, oggi, vivere la dimensione della precarietà

La precarietà si afferma come la base esistenziale del vivere contemporaneo. Precarietà in termini lavorativi, come conseguenza delle crisi economiche; precarietà delle relazioni, accentuate dagli effetti della pandemia sulla salute mentale e sui legami di comunità; precarietà geopolitica e ambientale di un mondo minacciato da guerre e disastri ambientali.
di Giuseppe Pulina
precarietà
Rebibbia carcere
Attualità

Rebibbia, storie di vita dal carcere per affermare la funzione rieducativa della pena

A Rebibbia le storie di vita dal carcere femminile nel report del Servizio Analisi Criminale centrale: oltre alle analisi sui fenomeni criminali, viene ribadita la funzione rieducativa della pena tra sicurezza e trattamento.
di redazione
Rebibbia carcere
ricerca e sviluppo
Economia

Ricerca e Sviluppo (R&S) nell’area OCSE: la risposta alla crisi pandemica

La spesa in Ricerca e Sviluppo (R&S) nell’area OCSE è cresciuta dell’1,8% nel 2020. Nonostante il forte calo dell’attività economica determinata dalla pandemia da Covid-19, le economie dell’OCSE hanno quindi continuato ad investire in ricerca e sviluppo nel 2020.
di Cecilia Fracassa
ricerca e sviluppo
legal design
Economia

Il legal design: una nuova prospettiva di accessibilità e democratizzazione del linguaggio giuridico

La finalità antropocentrica del legal design I principali linguisti italiani evidenziano da anni che il linguaggio utilizzato dalle Istituzioni è distante anni luce...
di Andrea Strata e Alessandro Colella
legal design
react-eu
Italia Domani

REACT-EU: potenziate le risorse per il Mezzogiorno

Il REACT-EU, tra gli strumenti finanziati dal Next Generation EU, costituisce la seconda componente di origine europea all’interno del PNRR con cui...
di Claudia Bugno*
react-eu
guerra
Internazionale

Le guerre dimenticate, non meno feroci di quella in Ucraina

Come mai guerre atroci e lunghissime come quelle nel Tigrai, nello Yemen, in Siria, in Mali, non hanno ascolto nella politica italiana ed europea e trovano pochi spazi nei media? Perché non sconvolgono la sensibilità delle persone come invece sta accadendo per il conflitto in Ucraina? Lo stesso vale, del resto, per altre crisi estreme che provocano migliaia di morti e schiere enormi di profughi.
di di Emilio Drudi e Marco Omizzolo
guerra
25 aprile 2022
Società

25 aprile 2022, il ritorno della paura

La memoria della riconquista della libertà, avvenuta con la liberazione del 1945, si sovrappone alle immagini della tragedia ucraina che, a distanza di 77 anni, si consuma per le stesse ragioni di allora, i soprusi delle dittature. La “resistenza” in ogni epoca trae forza dal coraggio di vincere le paure.
di Angelo Perrone
25 aprile 2022
dispersione scolastica
Scuola

Dipersione scolastica e Dad: il fenomeno nelle scuole della Sardegna

Dispersione scolastica e DaD, quanto sono collegati questi due aspetti nel sistema scolastico costretto a modificare la propria organizzazione a causa della...
di redazione
dispersione scolastica