Grecia: tormentone finito?

I Tg di lunedì 22 giugno – Il nostro titolo è copiato da quello con cui TgLa7 introduce le ore febbrili che a Bruxelles vedono impegnati i leader dell’eurozona sul caso greco. Non è ancora detta l’ultima parola sul caso Grecia , ma il barometro volge al bello, come riportano in apertura praticamente tutte le testate. Tg5 dedica la copertina ad Atene, in attesa spasmodica delle notizie dalla Ue. I Tg Rai riportano con evidenza le dichiarazioni di Renzi che chiede all’Europa di guardare ai conti ma anche di affrontare le crisi con spirito di solidarietà. Le borse brindano e, forse, il tormentone è davvero finito. Sicuramente è durato troppo. Il che fortifica il sospetto che la “politica spettacolo” sia un genere diffuso anche oltre le Alpi. Buona l’intuizione di Mentana che si collega in diretta con Piazza Syntagma che, invasa da una folla oceanica, testimonia come ci sia una relazione diretta tra i “conti” e le legittime aspirazioni dei cittadine europei – perché questo sono i greci – che attendono di sapere di che vita vivere o di che morte morire.
Ma se Grexit è prossima all’archiviazione, un altro nodo sta per venire al pettine sempre a Bruxelles con l’incontro “decisivo” di giovedì prossimo sul tema profughi e quote. Qui l’Italia può puntare , se non alla vittoria, ad un pareggio in trasferta, il che non sarebbe poco. Intanto i Tg illustrano le manovre preparatorie della strategia Ue su Libia e barconi, nel giorno in cui anche i libici (non è precisato “quali”) mitragliano un barcone di disperati e fanno un morto. L’impressione (che i Tg non esplicitano) è che gli aggiustamenti di tiro francesi (dopo l’incontro Renzi-Hollande) e i movimenti di unità britanniche nel Mediterraneo e a Taranto, stiano a indicare che i “grandi”, pur attenti alle rispettive opinioni pubbliche interne, non vogliano esser messi dietro la lavagna perché non preparati in materia di solidarietà e condivisione europea.

Marino continua ad essere inquadrato da tutti, tanto più nel giorno in cui ha invitato i fascisti romani ex inquilini del Campidoglio a “tornare nelle fogne” (ampio spazio su Tg3), ma anche perché “pezzi” del Pd renziano, leggi l’assessore Improta, lo stanno mollando. Tg5 continua a suonare la carica e si prepara, a nome e per contro del centrodestra, ad una campagna elettorale anticipata nella Capitale.

Papa Francesco, che a Torino chiede scusa ai Valdesi per il trattamento inumano loro riservato nei secoli dalla Chiesa cattolica, è notizia e servizio per i maggiori Tg.

Non è colpa nostra se è quasi sempre Mentana quello che “dà il senso” alla giornata politica. Stasera in un titolo afferma (prendendosi forse qualche rischio) che Renzi ha deciso, e che sulla scuola è pronto alla fiducia.

Studio Aperto e Tg4 ci deliziano con la clamorosa notizia del cliente di un taxi romano costretto a versare 50 euro al conduttore che lo accusava di avergli fatto bucare una ruota perché obeso. Segue la notizia del premio per il “cane eroe” vinto da un gatto coraggioso. Questo, sì, che è giornalismo!

Tutti i Tg fin dai titoli riportano la notizia della morte solitaria di Laura Antonelli. Tg4 e Studio Aperto ci aprono, dedicando parte consistente dell’edizione alla scomparsa dell’attrice che ha incarnato il mito erotico degli italiani negli anni ’70. Ci vergogniamo di aver riportato questa definizione che, per altro, abbiano trovato in tutti i Tg. Laura Antonelli, con la sua disperazione, la sua fragilità e la sua solitudine, ha dimostrato di rappresentare ben altro che la panacea per i guardoni e più in generale per i maschietti arrapati dell’Italietta degli anni del divorzio. Bello il brano a lei dedicato da Simone Cristicchi, con un testo tutt’altro che retorico e forse, troppo duro per essere capito da pubblico televisivo. Tg5 Lo manda in onda in integrale a fine edizione.

Dati auditel dei Tg di domenica 21 giugno 2015

Schermata 2015-06-22 alle 23.34.54

Fonte:www.tvblog.it

Ultime notizie
Gioco

Gioco pubblico: il riordino deve riguardare contemporaneamente quello fisco e l’online

Gioco pubblico, un riordino necessario Nella imminente discussione sull’attuazione dell’art. 15 della legge delega sul riordino del gioco pubblico l'auspicio è che il...
di redazione
tempo libero
Sondaggi & Ricerche

Tempo libero, un lusso eroso da lavoro, Social e inflazione

Il tempo libero sta diventando un lusso nelle società contemporanee, tra produttività esasperata e tempo passato sui Social. E non solo: in Italia il 39,2% dei lavoratori lamenta la mancanza di tempo da dedicare a sé stessi, e il 57,2% degli italiani ha ridotto le spese per il tempo libero per risparmiare.
di redazione
tempo libero
pakistan
Mondo

Pakistan tra fughe per la vita di migliaia di persone e repressione militare: una crisi esplosiva

Il Pakistan affronta una grave crisi economica, pur essendo il quinto paese al mondo per popolazione e unica potenza nucleare di un paese governato da musulmani. Il contesto sociale è una polveriera, mentre è al governo un regime caratterizzato da estremismo islamico e intolleranza religiosa.
di Marco Omizzolo*
pakistan
futuro demografico
Futuro

Raccontare la denatalità: cambiare narrazione e aprirsi al cambiamento delle nostre società

La denatalità in Italia getta ombre preoccupanti sul futuro, ma per dare risposte concrete al problema è necessario abbandonare le narrazioni odierne e accettare le soluzioni proposte dalle politiche di accoglienza. Una riflessione del Presidente Gian Maria Fara sul presente e sul futuro demografico italiano.
di Gian Maria Fara*
futuro demografico
Economia

L’eolico in Sardegna: minaccia o premessa di nuovo sviluppo?

Negli ultimi mesi sono state presentate alla Regione Sardegna da parte di soggetti diversi centinaia di domande per l’installazione di nuove torri eoliche. Se venissero tutte accolte, l’isola si trasformerebbe in una piattaforma di totem metallici che ne puntellerebbero l’intero territorio. E non sarebbe risparmiato neanche il mare.
di Giuseppe Pulina
pnc
Italia

Piano Nazionale Complementare, uno strumento di sinergia col Pnrr

Il Pnc, ovvero il Piano Nazionale Complementare, è uno strumento di sinergia col Pnrr, varato nel 2021 per il valore di 31 miliardi di euro. Anche in questo caso si segnalano ritardi nella realizzazione dei progetti e la necessità di maggiore trasparenza sulla destinazione delle risorse impiegate.
di Claudia Bugno*
pnc
denatalità
Società

E se fare figli rendesse più ricchi?

I dati italiani sulla natalità parlano di 393.000 nuovi nati nel 2022, con tendenza al ribasso e un futuro da inverno demografico. Ma un primo passo per contrastare la denatalità in Italia può essere quello di smettere di rappresentare i figli solo come un impoverimento, e rifiutarne una narrazione prettamente economica.
di Alberto Mattiacci*
denatalità
Mar Nero
Mondo

Per una nuova sinergia tra Mar Mediterraneo e Mar Nero

Mar Mediterraneo e Mar Nero, due mari connessi e interdipendenti dal punti di vista ambientale, per i quali è necessaria una sinergia: è quanto emerso dalle indicazioni del 13° Simposio del Centro Studi sul Mar Nero ICBSS. La blue economy rappresenta un obiettivo comune di cooperazione tra le due aree.
di Marco Ricceri*
Mar Nero
longevity society
Società

Da aging society a longevity society: un approccio multigenerazionale

Il concetto di longevity society verte sull’allungamento dell’età anagrafica dei cittadini rispetto a epoche precedenti, con conseguenti impatti sociali, economici, sanitari e culturali. Ma l’approccio giusto per affrontare l’invecchiamento demografico è multigenerazionale e attento alle esigenze di tutte le generazioni.
di Claudia Bugno*
longevity society
Roma ricorda Kennedy
Storia

Roma ricorda Kennedy, un evento ripercorre i giorni di JFK nella Capitale

Roma ricorda Kennedy, l’evento che ripercorre le giornate trascorse nella Capitale dal Presidente statunitense nel luglio del 1963. L’incontro avrà luogo nella Capitale mercoledì 29 novembre dalle ore 10:00 alle 13:30. Il programma prevede la proiezione di immagini della visita a Roma di J.F. Kennedy, avvenuta l’1 e 2 luglio del 1963.
di redazione
Roma ricorda Kennedy