Osservatorio TG

Grecia: tormentone finito?

I Tg di lunedì 22 giugno – Il nostro titolo è copiato da quello con cui TgLa7 introduce le ore febbrili che a Bruxelles vedono impegnati i leader dell’eurozona sul caso greco. Non è ancora detta l’ultima parola sul caso Grecia , ma il barometro volge al bello, come riportano in apertura praticamente tutte le testate. Tg5 dedica la copertina ad Atene, in attesa spasmodica delle notizie dalla Ue. I Tg Rai riportano con evidenza le dichiarazioni di Renzi che chiede all’Europa di guardare ai conti ma anche di affrontare le crisi con spirito di solidarietà. Le borse brindano e, forse, il tormentone è davvero finito. Sicuramente è durato troppo. Il che fortifica il sospetto che la “politica spettacolo” sia un genere diffuso anche oltre le Alpi. Buona l’intuizione di Mentana che si collega in diretta con Piazza Syntagma che, invasa da una folla oceanica, testimonia come ci sia una relazione diretta tra i “conti” e le legittime aspirazioni dei cittadine europei – perché questo sono i greci – che attendono di sapere di che vita vivere o di che morte morire.
Ma se Grexit è prossima all’archiviazione, un altro nodo sta per venire al pettine sempre a Bruxelles con l’incontro “decisivo” di giovedì prossimo sul tema profughi e quote. Qui l’Italia può puntare , se non alla vittoria, ad un pareggio in trasferta, il che non sarebbe poco. Intanto i Tg illustrano le manovre preparatorie della strategia Ue su Libia e barconi, nel giorno in cui anche i libici (non è precisato “quali”) mitragliano un barcone di disperati e fanno un morto. L’impressione (che i Tg non esplicitano) è che gli aggiustamenti di tiro francesi (dopo l’incontro Renzi-Hollande) e i movimenti di unità britanniche nel Mediterraneo e a Taranto, stiano a indicare che i “grandi”, pur attenti alle rispettive opinioni pubbliche interne, non vogliano esser messi dietro la lavagna perché non preparati in materia di solidarietà e condivisione europea.

Marino continua ad essere inquadrato da tutti, tanto più nel giorno in cui ha invitato i fascisti romani ex inquilini del Campidoglio a “tornare nelle fogne” (ampio spazio su Tg3), ma anche perché “pezzi” del Pd renziano, leggi l’assessore Improta, lo stanno mollando. Tg5 continua a suonare la carica e si prepara, a nome e per contro del centrodestra, ad una campagna elettorale anticipata nella Capitale.

Papa Francesco, che a Torino chiede scusa ai Valdesi per il trattamento inumano loro riservato nei secoli dalla Chiesa cattolica, è notizia e servizio per i maggiori Tg.

Non è colpa nostra se è quasi sempre Mentana quello che “dà il senso” alla giornata politica. Stasera in un titolo afferma (prendendosi forse qualche rischio) che Renzi ha deciso, e che sulla scuola è pronto alla fiducia.

Studio Aperto e Tg4 ci deliziano con la clamorosa notizia del cliente di un taxi romano costretto a versare 50 euro al conduttore che lo accusava di avergli fatto bucare una ruota perché obeso. Segue la notizia del premio per il “cane eroe” vinto da un gatto coraggioso. Questo, sì, che è giornalismo!

Tutti i Tg fin dai titoli riportano la notizia della morte solitaria di Laura Antonelli. Tg4 e Studio Aperto ci aprono, dedicando parte consistente dell’edizione alla scomparsa dell’attrice che ha incarnato il mito erotico degli italiani negli anni ’70. Ci vergogniamo di aver riportato questa definizione che, per altro, abbiano trovato in tutti i Tg. Laura Antonelli, con la sua disperazione, la sua fragilità e la sua solitudine, ha dimostrato di rappresentare ben altro che la panacea per i guardoni e più in generale per i maschietti arrapati dell’Italietta degli anni del divorzio. Bello il brano a lei dedicato da Simone Cristicchi, con un testo tutt’altro che retorico e forse, troppo duro per essere capito da pubblico televisivo. Tg5 Lo manda in onda in integrale a fine edizione.

Dati auditel dei Tg di domenica 21 giugno 2015

Schermata 2015-06-22 alle 23.34.54

Fonte:www.tvblog.it

Ultime notizie
Economia

Sindacato e cambiamenti globali: quale preparazione hanno i sindacalisti?

I sindacalisti di oggi hanno la preparazione e le competenze adeguate per rappresentare al meglio le esigenze dei lavoratori in questa fase...
di Marco Ricceri*
Internazionale

The task of politics is to be “regulating rooms” between the interests of finance and the society

The belief that the so-called European welfare state was an obstacle to the development of the modern market and that it was...
di Gian Maria Fara*
STATO
Metafore per l'Italia

La politica sia “stanza di regolazione” tra interessi di mercato e corpo sociale

Le esperienze recenti dimostrano che senza il suo sistema di welfare l’Europa non avrebbe retto all’urto delle crisi. Lo Stato e le Istituzioni hanno il compito di regolare ed equilibrare gli interessi del mercato e le esigenze del corpo sociale, non limitarsi all’esercizio di un ruolo esterno di vigili del mercato. Riaffermare tale posizione significa ripartire dalla crisi esistenziale generata dall’incertezza e riequilibrare i divari economici e di genere.
di Gian Maria Fara*
STATO
medicina
Recensioni

Da Ippocrate a Bill Gates, come la tecnologia ha cambiato la medicina

Il futuro della medicina è adesso. Fa il punto sullo stato dell’arte della tecnologia il nuovo libro del giornalista Claudio Barnini: Da Ippocrate a Bill Gates. Come la tecnologia ha cambiato la medicina. 
di redazione
medicina
Ue
Economia

La nuova proposta Ue di direttiva sul bilancio di sostenibilità “Corporate Sustainability Reporting Directive”

All’interno dell’Unione europea il dibattito sulle tematiche della trasparenza è senza dubbio ormai maturo ed esistono già regolamentazioni sulla rendicontazione non finanziaria che le aziende sono tenute ad applicare per essere in regola con gli obiettivi generali di sostenibilità
di Fabrizio Zucca*
Ue
Internazionale

Corruzione e nuove forme di infiltrazione nella Pa e nell’economia

A margine del 30° Forum Economico dell’Europa Centrale e dell’Est (Karpacz, Polonia - 7 al 9 settembre), nel panel dedicato alle prospettive...
di redazione
Gioia Tauro porto
Crescita

Porto di Gioia Tauro, una eccellenza italiana da promuovere

Il porto di Gioia Tauro è una eccellenza che si scontra con un territorio povero di infrastrutture e iniziative che dovrebbero invece contribuire alla creazione di una catena del valore nel territorio, generando ricadute positive sia a livello locale che nazionale.
di Antonio Testi*
Gioia Tauro porto
filosofia
Scuola

Tutti pazzi per la filosofia? La scuola si interroga sull’insegnamento negli istituti tecnici

Da Letizia Moratti all'attuale Bianchi, molti ministri dell'Istruzione si sono interrogati sul ruolo della filosofia e sul suo insegnamento nelle scuole, in particolare degli istituti tecnici. Del resto, nella riforma Gentile del 1929 essa già figurava come spartiacque e fondamento del sapere.
di Giuseppe Pulina
filosofia
Briefing

In Tunisia si gioca una partita ben più ampia

L’importanza della Tunisia La Tunisia in apparenza potrebbe sembrare un paese poco rilevante, ma è quello dove, nell’arco di un decennio, è iniziata,...
di Marco Carnelos*
legalità
Il punto a Mezzogiorno

Non può esistere legalità senza condivisione. Intervista al giudice Antonio Salvati

La legalità non può essere la risposta al timore della sanzione, bensì la condivisione di un precetto secondo Antonio Salvati, giudice del lavoro presso il Tribunale di Reggio Calabria e autore del romanzo Pentcho pubblicato da Castelvecchi editore.
di Maurizio Lovecchio
legalità