Rom: giornalismo “impresentabile”

I Tg di venerdì 29 maggio – Anche stasera nella nostra analisi partiamo dall’attenzione data alla vicenda dei rom assassini della periferia nord-est della Capitale. Mediaset “vira” subito sui campi nomadi dopo aver risolto il caso della lista della commissione bicamerale antimafia segnalando le polemiche nel Pd e nominando un “unico” presunto impresentabile, De Luca. I servizi a ripetizione sulla strage di ieri e le reazioni della cittadinanza esasperata ripropongono lo scherma sperimentato: tutto il potere agli istinti e alle reazioni di pancia. Intendiamoci: non si vuole qui negare i problemi che soprattutto nelle periferie la presenza dei così detti nomadi generano nella realtà e, ancor di più, nella percezione collettiva. Ma “sdoganare”, quando addirittura non li si fomenta, gli istinti più beceri strumentalizzando le angosce diffuse è un mestiere che sarebbe meglio lasciare a Salvini, piuttosto che praticarlo nelle redazioni e nelle stanze dei direttori di testata. A dimostrazione che si può fare diversamente, segnaliamo la maggior correttezza delle altre testate e in particolar modo la decisione del Tg2 di far seguire agli aggiornamenti di cronaca un ottimo servizio che racconta quanto sono (molti di più) i rom nei maggiori paesi europei, quali sono state (assai più efficaci) le politiche d’integrazione che da noi latitano del tutto.

Le aperture per tutti sono per l’assai poco affascinante vicenda della lista prodotta a 8 ore dal silenzio della campagna elettorale con i 16 “impresentabili”. I teleutenti avranno capito “solo” che nel Pd volano i coltelli tra i renziani e la Bindi; per il resto quale sia l’iter giudiziario che investe il candidato campano De Luca, di quali reati “spia” sia stato accusato, sono questioni secondarie che non meritano di essere illustrate. Sorge il sospetto che in qualche redazione abbiano “sorvolato” per non rivelare di esser disinformati.

La chiusura della campagna elettorale non offre nulla che meriti di essere segnalato, se si escludono le consuete coperte tirate verso Forza Italia dai canali Mediaset.

L’uscita ufficiale dalla recessione, con il pil in aumento dello 0,3 % e – udite, udite! –l’inflazione che torna a mostra un pur minimo segno più, è presente nei titoli dei Tg Rai, di Tg5 e di La7. Sulla Rai Padoan da Dresda non si nega a i microfoni e alle telecamere spandendo ottimismo sul secondo trimestre e qualche accenno di speranza sull’occupazione per i mesi successivi.

Di Blatter e della Fifa decimata dall’indagine Usa e dagli arresti in Svizzera si è parlato molto nei giorni scorsi, segnalandolo come un super “impresentabile” per la quinta presidenza del Gotha del pallone. Ma Blatter piace alle federazioni africane, sudamericane e asiatiche, e i soldi del calcio sono tanti e generosamente distribuiti senza imbarazzanti ricevute; ecco così che il principe giordano, speranza delle opposizioni, si ritira dopo la prima votazione nella quale Blatter sfiora i due terzi. L’arzillo settantanovenne potrà fare goal per altri 5 anni e il mondo del calcio internazionale continuerà a mostrare un profilo analogo a quello che siamo abituati in Italia.
Per la cronaca segnaliamo la presenza su Rai e Tg5 dei servizi sull’omicidio a Formia di Mario Piccolino, anziano avvocato protagonista di tante battaglie per la legalità in un territorio in cui la camorra già qualche anno fa lo aveva minacciato. Nei prossimi giorni se ne parlerà parecchio.

Dati auditel dei Tg di giovedì 28 maggio 2015

Schermata 2015-05-30 alle 00.32.00

Fonte:www.tvblog.it

Ultime notizie
pace
Attualità

Tempo di uccidere

Nella nostra cara, felice e ricca Europa, nessuno ci credeva. Ma, insomma, si chiedeva la gran massa delle persone, questi si vogliono davvero...
di Luciano Maria Teodori
pace
Laboratorio Europa
Intervista

Laboratorio Europa, alimentare il confronto su Istituzioni europee e sulla necessità di un’Europa sociale. Intervista al Prof. Umberto Triulzi

Laboratorio Europa dell’Eurispes, gli esperti si riuniscono per il primo incontro del 2023, attualmente coordinato dal Prof. Umberto Triulzi, economista, e docente di Politica economica europea, intervistato rispetto ai temi di discussione: Istituzioni europee, integrazione in ambito internazionale, Europa sociale.
di Silvia Muscas
Laboratorio Europa
complottismo
Attualità

Il dubbio e il burattinaio. Complottismo all’italiana

Cronaca e intrigo: anche per l’arresto di Matteo Messina Denaro, non sono mancati sospetti, dubbi, perplessità oltre l’accertamento dei fatti, con il risultato di offuscare il senso di una vittoria importante dello Stato contro la mafia. Il dovere di dubitare è una pratica essenziale nella società democratica, tuttavia bisogna contrastare il rischio dello scetticismo aprioristico e distruttivo.
di Angelo Perrone*
complottismo
editoria
Cultura

Editoria italiana: ricavi, geografia e nuove prospettive

L’editoria italiana ha registrato un calo del 2,8% nel 2022, ma i dati restano favorevoli rispetto al 2019. Crescono lettori e case editrici al Sud, pur restando al di sotto della media nazionale: lettori e case editrici si concentrano al Nord e al Centro, in Lazio e Lombardia ha sede il 38% delle case editrici italiane.
di Roberta Rega
editoria
bilancio energetico
Italia

Bilancio Energetico Nazionale, differenze regionali e potenzialità inespresse

Bilancio energetico nazionale, l’Italia ha un grande potenziale confermato da una quota del 20% di energie rinnovabili sul totale registrato nel 2020. A frenare la transizione ecologica però ci sono burocrazia e regionalismi che rischiano di allungare i tempi di decarbonizzazione dell’economia.
di Ludovico Semerari
bilancio energetico
prezzi della benzina
Fisco

Possibili profili speculativi sull’aumento dei prezzi della benzina e la marginalità delle cause fiscali

L’aumento del prezzo della benzina, di cui si parla molto ultimamente, è determinato da una serie di fattori che non limitano il dibattito alle semplici accise. A incidere è soprattutto la quotazione Platts, che viene decisa dalle compagnie in base al valore effettivo dei prodotti raffinati in un determinato momento.
di Giovambattista Palumbo*
prezzi della benzina
città
Futuro

La città nell’orizzonte della rivoluzione digitale

Le città raccontano chi siamo e che futuro vogliamo costruire: la rigenerazione urbana può essere la chiave per riconquistare gli spazi sottratti dalla pandemia, e costruire un universale urbano aperto al libero attraversamento di popoli ed etnie per una società sempre più fatta di migrazioni.
di Massimiliano Cannata
città
RAEE
Tecnologia

RAEE, rifiuti elettronici: un tesoro nascosto

I RAEE, i Rifiuti di apparecchiature elettriche ed elettroniche, vanno trattati in maniera del tutto speciale e secondo determinate modalità presso le isole ecologiche. Otto italiani su dieci dichiarano di possederne almeno uno, ma dal loro corretto smaltimenti si trarrebbe un significativo beneficio economico.
di Ilaria Tirelli
RAEE
imprese e sviluppo sostenibile
Futuro

Imprese e Sviluppo sostenibile, sempre più complesso il quadro delle nuove regole europee

Il 28 novembre 2022 il Consiglio Europeo ha approvato in via definitiva il testo della nuova direttiva sulla comunicazione delle imprese in...
di Fabrizio Zucca*
imprese e sviluppo sostenibile
Comunità Energetiche Rinnovabili
Italia Domani

Comunità energetiche rinnovabili: dal Pnrr nuovi modelli di crescita

Il doppio filo che lega Agenda 2030 e il PNRR si sta ulteriormente rafforzando attraverso la messa a punto di strumenti che...
di Claudia Bugno*
Comunità Energetiche Rinnovabili