L'opinione

Routine

124

I Tg di venerdì 1 aprile – Anche senza averli visti, sarebbe stato possibile recensire i Tg di serata. Facile previsione, tutte le aperture sono per il day after delle dimissioni della ministra Guidi, e ci può stare. Ci possono stare anche la rassegna delle inevitabili richieste di dimissioni del governo, la ripresa della difesa di Renzi che da Washington difende Tempa Rossa e “saluta” la ministra, liquidata (e questa è una novità) in sole 4 ore. Sulla sfiducia al governo una volta tanto Alfano ha la battuta buona (ripresa da Tg2), e parla del modulo delle opposizioni precompilato, cui si aggiunge di volta in volta il nome del ministro sottoposto a sfiducia individuale, o quello di Renzi per l’intero governo. Scontata anche la difesa di tutte le forze della maggioranza, così come l’attacco di Cinque Stelle e la posizione della sinistra Pd che rifiuta la logica della sfiducia ma, al contempo, afferma che nel governo più di qualcosa non va. La routine della politica si sposa con quella dell’informazione, mentre latita l’approfondimento sui contenuti dell’emendamento che gli italiani non sanno se conteneva fregature, o se invece Tempa Rossa è stato frutto di una scelta di politica-economica avveduta. Una cosa è certa: il compagno della ex ministra Guidi che si è avvalso delle sue informazioni da insider, popolerà l’immaginario collettivo e le trasmissioni di satira per diverse settimane.
Archiviato il piatto del giorno di difficile digeribilità, le buone notizie giungono da Tripoli, dove quasi inaspettatamente il governo Saraj sembra conquistare posizioni. Titoli per Tg4, Tg3 e Tg1 sulle speranze di relativa stabilizzazione del paese, propedeutica alla lotta all’Isis.
Il caso Regeni, alla vigilia dell’arrivo del dossier dall’Egitto che rivelerebbe che Giulio era spiato dai servizi fin dal suo arrivo nel paese, è nei titoli per Tg3, Tg2 e TgLa7. Gli allarmi di diverse ong e di Amnesty International a poche ore dalla prima operatività dell’accordo Ue-Turchia per i rischi di negazione di diritti dei profughi, è nei titoli di Tg3, che si occupa anche in un servizio del persistere della situazione di emergenza in Grecia.
L’autodifesa di Bertone per la vicenda dell’attico in Vaticano è ripresa nei titoli da Tg4, Tg3 e Tg1.
I dati altalenanti sull’occupazione compaiono nei servizi di tutte le testate. In conclusione segnaliamo il lungo approfondimento di Tg2 sull’ennesimo caso di “omaggio” alla famiglia del boss locale da parte della processione del Venerdì Santo, questa volta a San Michele, in Sicilia. Diversi servizi e come esplicita il commento, la constatazione che l’omertà e il rispetto verso chi controlla il territorio attraverso l’illegalità, sono duri a morire. Anche l’intervista al capo dei vescovi Galantino fa capire che spesso la Chiesa non si mostra in grado di reagire alle nefandezze della criminalità organizzata.

Altre opinioni dell'Autore
Recensioni

Libri, disponibile in Open access “Il Segretario, lo Statista. Aldo Moro dal centro-sinistra alla solidarietà nazionale”

È disponibile da oggi in Open access il volume collettivo dal titolo "Il Segretario, lo Statista. Aldo Moro dal centro-sinistra alla solidarietà nazionale", curato da Alessandro Sansoni, Pierluigi Totaro e Paolo Varvaro.
di redazione
Società

A proposito del lockdown

«L’inglese ha ormai invaso la nostra vita quotidiana, e il suo utilizzo segna la separazione tra le diverse Italie. Tuttavia, le Istituzioni...
di Gian Maria Fara
Innovazione

Fase 2, le mappe ESRI per prevenire nuovi contagi

Le mappe ESRI sono quelle, ormai famose, "nere con i puntini rossi”, strumenti indispensabili per chi sta combattendo il virus in tutto il mondo. I dati provengono dall’OMS elaborati secondo gli algoritmi scelti dagli studiosi della Università americana Johns Hopkins, e girano sulle piattaforme di geografia digitale ESRI Inc.
di Emilio Albertario
Innovazione

Utilizzo previsto delle risorse ospedaliere a supporto dei pazienti Covid-19 Italia nei paesi SEE e USA

L’IHME ha prodotto previsioni che mostrano l’utilizzo dei letti d’ospedale, la necessità di letti in terapia intensiva e l’utilizzo dei ventilatori durante la pandemia, basandosi sul numero di decessi previsti per gli Stati Uniti – a livello nazionale e subnazionale – e dei paesi dello Spazio economico europeo (SEE).
di Maria Cristina Guarini
Approfondimenti

Stiamo combattendo il Coronavirus ma ci siamo dimenticati l’emergenza ambientale

Potremmo riassumere nella parola “vulnerabilità” quanto avvenuto in questi mesi nel mondo con l’emergenza causata dalla pandemia da Covid-19. Non era mai...
di Angelo Bonelli
Europa

Dove va l’Europa. Dacia Maraini: “L’Unione va difesa a tutti i costi”

Di fronte alla pandemia, l’Europa si sta dimostrando incerta e sbandata. A 75 anni dalla fine della guerra, nemmeno di fronte ad un dramma sanitario come il Coronavirus, l’Unione, meglio alcuni paesi, sono in grado di indicare e di “giustificare” la “ragione” dello stare insieme. L'intervista a Dacia Maraini.
di Carmelo Cedrone
Criminalità e contrasto

Mafie e droga in Belgio ed Olanda

Criminalità organizzata, traffico internazionale di sostanze stupefacenti e organizzazioni mafiose in Belgio e in Olanda. Dopo avere trattato il fenomeno del riciclaggio di denaro sporco in Germania, Vincenzo Macrì spiega che anche in questi paesi esistono queste realtà.
di Vincenzo Macrì
Attualità

Nel post Covid-19, torneremo a respirare senza paura

Con la ripresa della vita sociale, torniamo ad assaporare la vita, ma lentamente. Perché sentiamo incombente la minaccia del Covid-19. Ci vorranno tempo e fatica per sconfiggere il virus, uno sforzo ancora maggiore per vincere timori e angosce.
di Angelo Perrone
Attualità

50 anni dallo Statuto dei lavoratori

Il 20 maggio di 50 anni fa nasceva lo Statuto dei Lavoratori. La crisi che stiamo vivendo porta con sé il rischio di un impatto enorme sul nostro sistema industriale; la vertigine delle trasformazioni sta modificando i canoni del capitalismo.
di Massimiliano Cannata
Società

Un superiore in grado

«Il Sistema è prigioniero di se stesso, della iperproduzione di regole e di norme così numerose e spesso in contrasto tra di...
di Gian Maria Fara