L'opinione

Sull’ Europa il vento del sud e dell’est

30
europa

I Tg di lunedì 25 maggio – Tg di serata quasi inevitabilmente costretti a saltare di palo in frasca, dalle coltellate, prima, e gli scontri al termine del derby romano (apertura per Tg4 e servizi per le testate delle ore 20), ai nuovi dati sull’occupazione (apertura per TgLa7 e Tg1), ai venti anti-euro che spirano dalla Spagna con la vittoria della sinistra di Podemos, e dalla Polonia, dove si è imposto il partito nazionalista di destra (primo titolo per Tg3 e Tg5). Ampiamente presenti sulle maggiori testate gli andamenti negativi delle borse in relazione all’impossibilità del governo greco di rispettare gli impegni di restituzione con il Fondo Monetario Internazionale. Gli obblighi di legge con l’avvicinarsi della scadenza delle regionali si fanno più pressanti, e portano un po’ tutti a proporre più o meno equilibrati “trenini” con i diversi candidati a confronto: uno spettacolo tutt’altro che emozionante. Sempre per la politica primo piano per Berlusconi, – non solo su Mediaset – mentre pronostica un 4 a 3 nella partita delle 7 regioni. Renzi, invece, viene ripreso mentre si occupa di un’ Europa che deve cambiare e attrezzarsi per non essere abbattuta dalle folate che tempestano Bruxelles da sud ma anche da est. Lo show di Grillo a favore di telecamere contro gli amministratori delle ferrovie milanesi e sulle regioni “da conquistare” ad opera di Cinque Stelle per essere poi immediatamente chiuse, è troppo accattivate per non essere ripreso in pratica da tutti.

Sui dati del ministero di Poletti si rischia ulteriore confusione, come è giù avvenuto due volte nei confronti dell’andamento dell’occupazione tra Inps, Istat e governo. Tg1li commenta riferendoli ad un “effetto jobs act”, mentre Mentana mette le mani avanti e addirittura nel titolo parla dell’esigenza di “attendere un momentino” prima di lanciarsi in interpretazioni definitive e gioire per l’eventuale aumento dei posti di lavoro.

L’attenzione alla cronaca nera conquista sempre maggiori spazi. Abbiamo già notato come oltre a Mediaset anche Tg1 risulti più “attento” ai diversi casi, più o meno criminali. Ultimamente anche a TgLa7 non tengono più gli argini, e così stasera la vicenda della morte dello studente padovano precipitato da una finestra di un albergo milanese è presente praticamente su tutti, anche se nelle indagini l’unica novità di giornata è che i magistrati hanno sequestrato i cellulari dei suoi compagni di stanza.

Da segnalare da Tg3, Tg4 e Tg5 titoli ed ampi servizi sulle inchieste sorte attorno le
 truffe condotte da alcune onlus e cooperative, soprattutto campane, consistenti nella distrazione di fondi comunitari stanziati per l’emergenza immigrati, e che nelle ultime ore hanno visto l’intervento del commissario Cantone. Sempre Tg3 ci offre lo scorcio di un altro traffico di esseri umani, quello sulle coste del Myanmar ai danni della minoranza religiosa Rohingya.

Dati auditel dei Tg di domenica 24 maggio 2015

Schermata 2015-05-25 alle 23.30.58

Fonte:www.tvblog.it

Altre opinioni dell'Autore
Sicurezza

Il senatore Romeo (Lega): «La difesa deve essere legittima sempre»

Legittima difesa: "Se una persona sa che svaligiando una casa la farà sempre franca, non avrà nessun incentivo a smettere di delinquere". Il nostro dibattito sul tema prosegue con l'opinione di Massimiliano Romeo, capogruppo della Lega al Senato.
di Corrado Giustiniani
Intervista

Casucci (Lega): «Educazione civica sia materia vera, con tanto di voto»

Educazione civica nelle scuole: il dibattito prosegue con l'opinione di Marco Casucci, promotore di una mozione approvata dalla Regione Toscana. "L'educazione civica diventi materia curriculare con tanto di voti".
di Valentina Renzopaoli
Immigrazione

Migrazione, Vacca: “Chiudere i porti non frenerà la Shoah”

Immigrazione: "Chiudere i porti non frenerà la Shoah". Roberto Vacca: Non possiamo pretendere di essere civilizzati, se discutiamo di illegalità e ignoriamo «i diritti inalienabili alla vita, alla libertà e alla ricerca della felicità».
di Roberto Vacca
Intervista

Il Presidente della Camera Penale: “Una follia le armi ai cittadini”

La maggioranza degli italiani, secondo Eurispes, sparerebbe a chi gli entra di notte in casa. «Ma c’è ben più del 40 per cento che non userebbe la pistola. E fa bene: diffondere le armi nel Paese è una pazzia assoluta».
di Corrado Giustiniani
Approfondimenti

Legittima difesa, la Lega pronta a rafforzare la misura. Il dibattito

Il 56,6% degli italiani sparerebbe se sorprendesse di notte intrusi nella propria abitazione: il 38,5% lo farebbe con probabilità, il 17,7% sicuramente. la rivista L'Eurispes.it vuole aprire un dibatto sul tema con interviste e riflessioni che verranno pubblicate nelle prossime settimane.
di redazione
Immigrazione

Accoglienza e mala burocrazia: solo un bando su sei è ben fatto

Migrazione: solo un bando di gara su sei, di quelli relativi alla gestione della prima accoglienza dei migranti, raggiunge la sufficienza. Lo rivela un'indagine realizzata dalla cooperativa In Migrazione. Non mancano però esempi virtuosi
di Marco Omizzolo
Informazione

Michele Mezza: “Automi e algoritmi minacciano il giornalismo”

Giornalismo "automatizzato": i "bot" stanno seriamente mettendo a rischio il mestiere. Il 52% dei contenuti che circolano nell’infosfera già ora non hanno un’origine umana e il 66% dei tweet non proviene da una mente individuale
di Massimiliano Cannata
Ambiente

Sicilia, fai la raccolta differenziata? Avrai sconti al supermercato

Rifiuti, sconti ai supermercati per i cittadini che si impegnano nella raccolta differenziata. La proposta arriva in un disegno di legge, firmato dal Presidente della Regione, Musumeci e dall’assessore ai Rifiuti e all’Energia, Pierobon.
di Alfonso Lo Sardo
Innovazione

La tecnologia divide i giovani: (auto)esclusi ed eredi del merito

Negli ultimi anni il dibattito sul lavoro futuro si è fatto molto intenso. I toni sono divenuti sempre più cupi, di pari...
di Alberto Mattiacci
Osservatori

Osservatorio Giochi, Legalità e Patologia di Eurispes: “Allo Stop alla pubblicità segua un’attenzione agli approfondimenti tecnici”

L’orientamento del Governo che indica un blocco della comunicazione pubblicitaria nell’area del gioco contenuto nel “Decreto Dignità” sta suscitando clamore. Il provvedimento riporta...
di redazione