L'opinione

Tanto peggio, tanto meglio

88

I Tg di venerdì 11 novembre – L’apertura di Tg4 dedicata al nuovo video dello Stato Islamico che annuncia l’inizio della conquista di Roma, per una ventina di secondi ci ha seriamente preoccupato, per gli stessi secondi che sono stati dedicati dal tg di Mario Giordano a commentare un prodotto anche tecnologicamente alquanto scialbo che, non a caso, non compare negli altri Tg se non per una millimetrica citazione da parte di Tg1; l’attenzione delle altre testate si posa sull’avanzata (o meglio la ritirata) delle forze dello stato islamico dalla Siria verso regioni costiere libiche, nelle stesse giornate in cui nel frattempo quell’area sembra andare incontro ad un processo di pacificazione. Urge qui una considerazione generale: è evidente che alcuni settori dell’informazione, in particolare nella tv, “godono” nell’atterrire il proprio pubblico. E’ sempre più il caso del Tg di Rete 4 che, evidentemente, risponde ad una linea politica con una linea editoriale assolutamente coincidente. Noi dell’Osservatorio nello scorso aprile avevano ipotizzato una “lottizzazione” all’interno di Mediaset con la concessione di una rete alle istanze della destra più estrema. Siamo sempre più convinti che “l’editore di riferimento” di Rete 4 sia oramai diventato Matteo Salvini, per il quale vale il vecchio adagio “tanto peggio! tanto meglio”. A conferma di ciò va segnalato l’atteggiamento in genere più “morigerato” di Tg5 ed anche dello stesso Studio Aperto.

Per tutte le altre testate aperture fotocopia sulla vicenda salvabanche e risparmiatori e investitori gabbati. Trasuda da tutti i Tg la solidarietà con chi ha perso i propri risparmi, ma non si può dire che nel complesso si aiuti a fare chiarezza sulle responsabilità. Ci prova un poco il Tg1, mentre TgLa7 coglie fin dai titoli “la politica” che “cavalca il caso”. Berlusconi, ripreso da tutti, ci informa che il governo è abusivo e che i risparmiatori vanno tutti salvaguardati. L’intervento di Renzi sulla necessità della organica riforma del credito e l’attesa per quanto di lì a poco comunicherà Padoan, stretto tra i vincoli europei e gli equilibri del Tesoro da una parte, dalla disperazione di chi è stato frodato dall’altra. Mediaset per i commenti ricorre alla famiglia Doris (padre su Tg5 e figlio su Studio Aperto e Tg4); alla guida di Mediolanum – la banca con Berlusconi socio rilevantissimo – i 2 banchieri intervengono proferendo parole un po’ scontate, ma comunque sagge.

I buoni dati su occupazione e produzione industriale sono appannaggio dei Tg Rai e di Tg5, mentre le testate minori Mediaset la vedono e la dipingono nera.

La Francia vota per i ballottaggi tra poche ore, e dopo l’orgia di informazione sull’exploit del Fronte Nazionale (che a nostro giudizio e’ stata, come tutte le orge, eccessiva) dalle maggiori testate si “scopre” che le 2 Le Pen sarebbero destinate alla sconfitta per la confluenza “repubblicana” degli elettori socialisti verso i candidati di Sarkozy. Vals paventa il rischio di guerra civile e, ci scommettiamo,ancora una volta l’ingombrante presenza della destra estrema sarà in qualche modo attutita.

Per la politica interna, oltre al già curato intervento di Berlusconi, stasera vanno in onda le prime avvisaglie della ineluttabile “leopoldeide” che ci accompagnerà per tutto il weekend.

L’attesa per la sentenza della Cassazione per il processo di Garlasco è presente su tutti, ma vero e proprio corte business per Tg4. L’ex braccio destro di Bersani, Filippo Penati, assolto dopo 4 anni di inchieste e udienze processuali, è a lungo ospitato da Tg5 con il suo sfogo anche contro il Pd che lo avrebbe abbandonato gufandogli contro mentre era sotto accusa.

Chiudiamo con 2 segnalazioni che ci hanno fatto piacere: il grande spazio dato da TgLa7 alle alle nuove rivelazioni sul caso Cucchi (presenti anche in un servizio del Tg1 e da studio per Tg5), e la notizia di giornata ripresa da Tg1 dell’aumento in legge di stabilità delle imposte sul gioco d’azzardo, con limitazione della pubblicità per le reti televisive generaliste. Finalmente qualcosina si muove.

Altre opinioni dell'Autore
International

Forum Cina Africa: investimenti e cancellazione del debito

Si è tenuto a Pechino ad inizio settembre il “Forum of China Africa Cooperation” (FOCAC) con la partecipazione di 53 capi di stato e di governo di tutti i Paesi africani e della dirigenza cinese.
di Paolo Raimondi
Salute

La bellezza è una scienza. I segreti della neuroestetica

Bellezza, arte, pelle e scienza. Il 21 e 22 settembre a Roma la decima edizione di DermArt, convegno internazionale che mette a confronto la clinica delle malattie della pelle con l’arte visuale e le scienze dell’osservazione
di Massimiliano Cannata
Società

Allarme scuola: le donne straniere adesso fanno meno figli

Gli studenti figli di immigrati sono costantemente cresciuti negli ultimi decenni. Ma l’equilibrio si sta infrangendo, i tassi di natalità delle donne immigrate sono in calo, e si può dire che gli alunni stranieri non bilancino più la perdita in atto
di Corrado Giustiniani
Europa

Tensione con l’Europa, Agea: “Lega e M5S non sono la stessa cosa”

Italia al braccio di ferro con l’Europa, Salvini sfida i partner tradizionali, Orban più vicino. Ma “Lega e M5S non sono la stessa cosa e sovrapporli è un errore madornale”. L'intervista all’europarlamentare M5S Laura Agea
di Valentina Renzopaoli
Società

Papa Bergoglio commuove la Sicilia. “La mafia è una bestemmia”

«Non si può credere in Dio ed essere mafiosi. Convertitevi». Così Papa Francesco in Sicilia nel ricordo di Padre Pino Puglisi, ucciso dalla mafia, interprete di una Chiesa di territorio e vicina agli ultimi.
di Alfonso Lo Sardo
Europa

Europa, l’inutile minaccia dell’Italia sul “bilancio”

L’Italia minaccia di tagliare il contributo dell’Italia al bilancio dell’Unione europea e il Commissario Ue agli Affari Economici, Pierre Moscovici, risponde chiedendo...
di Carmelo Cedrone
Il punto

Fallendo s’impara. La lezione della Lehman Brothers

Disfatta Lehman Brothers dieci anni dopo. La crisi che ha inaugurato ha avuto, per così dire, un "merito" speciale.
di Alberto Mattiacci
Recensioni

“C’è del marcio nel piatto”. Il cibo svelato da Caselli e Masini

L’agroalimentare è un “pilastro” dell’economia nazionale che genera business, ma anche “appetiti”, esercitati da organizzazioni criminali senza scrupoli. Il saggio, C’è del marcio nel piatto! svela gli aspetti drammatici di un fenomeno che interessa tutti
di Massimiliano Cannata
Economia

Harakiri Sicilia: quei 700 milioni che la Ue sta per riprendersi

La spesa comunitaria in Sicilia fa registrare una nuova battuta d’arresto. A tre mesi dalla scadenza annuale, il rischio oggi è che oltre 700 milioni di risorse europee possano ritornare alla casa madre.
di Alfonso Lo Sardo
Intervista

Legittima difesa, Urraro: “Tra Lega e M5S nessuna distanza”

“Nessuna distanza tra Lega e M5S sulla volontà di riformare la legittima difesa”. Il senatore pentastellato Francesco Urraro, membro della Commissione Giustizia spiega quali sono le “zone d'ombra” da chiarire per arrivare ad un momento di sintesi che contemperi le diverse esigenze.
di Valentina Renzopaoli